Passa ai contenuti principali

Cinema e teatro di movimento, a Trieste se pol





Trieste è la Città dove Amleto muterebbe il suo dilemma essere o non essere in se pol o no se pol.
Dipende dai punti di vista.
Si polemizza su tutto, in tutto e con tutto, a volte solo per la semplice voglia di polemizzare e vivere una sorta di gossip critico sociale partecipato, altre volte per visioni non certamente concilianti della società.
Si può discutere così tanto che se una persona assetata ti chiede un bicchiere d'acqua, magari il barista potrebbe perdersi nel dilemma acqua frizzante od acqua naturale, ed intanto il povero passante assetato creperà di sete.
Ma può accadere che quando si ha sete, questa venga dissetata in modo autorganizzato, senza chiedere alcun bicchier d'acqua, il passante si recherà direttamente alla fonte, senza attendere la soluzione al dilemma esistenziale.
Ebbene questo modo di procedere è quello che è in un certo modo accaduto in Città precisamente nella serata del 18 luglio e del 15 luglio dove due appuntamenti di movimento hanno offerto alla città un gran momento di partecipazione.
Partiamo dal 15 luglio dove una rappresentazione del Living Theatre, Non in mio nome, in Piazza della Borsa a Trieste, ha catturato l'attenzione di molti passanti, di molte persone, che andando contro ogni frenesia moderna, hanno imposto un freno al normale celere scorrere del tempo per riflettere, tra balli catartici e spirituali, sulla pena di morte.
Una pena di morte che il 18 luglio ha visto colpire Yokamon Hearn un afroamericano di 34 anni, sottoposto ad iniezione letale in Texas, nonostante i comprovati disturbi mentali, nonostante un Paese, quale quello americano, che continua ad imporre la voce ed il suo modello di democrazia in tutto il mondo, anche a colpi di guerra.
Una pena di morte che certamente non è distante neanche dall'Italia, casi come quelli di Cucchi o Alina, casi richiamati durante il living, giusto per citarne alcuni, hanno visto realizzare in questo Paese una forma sostanziale di condanna a morte per mano di alcune articolazioni di uno Stato che dovrebbe battersi, nel rispetto della Costituzione, contro questo tipo di atto vile e mortale. Ma come ben abbiamo compreso la carta è una cosa, la realtà è altra cosa, due cose che formeranno due oggetti distinti e separati ma rinchiusi nella burocrazia a volte violenta di quello Stato che travolge ed avvolge ogni sentimento.
In continuità con il 15 luglio invece nella data del 18 luglio a Campo San Giacomo è stata organizzata, con il contributo del Germinal, una riappropriazione sociale di una Piazza dimenticata da tutti, ove in estate vedrai bambini giocare a pallone sino a tarda ora, anziani chiacchierare sulle panchine, ragazzi e ragazze confrontarsi sulla vita. Ebbene in tale serata, sui muri della Chiesa è stato proiettato un film commedia, che ha visto varie persone partecipare con interesse. Film che qualche ora prima è stato anticipato da un cartone animato per i bambini. Esperienza che si ripeterà nella serata del 26 luglio.

Ciò dimostra che nelle periferie, spesso abbandonate alla cura opinabile della Chiesa, l'autorganizzazione è possibile, l'autorganizzazione volta a conferir respiro a chi non ha soldi per esempio per recarsi al cinema, volta a regalare un sorriso a chi è travolto dai problemi di una crisi non voluta ma imposta dall'alto.
Cinema e Teatro di movimento ed in Movimento, a Trieste, in tempo di crisi si deve, se pol.


Marco Barone

foto del living di Bruno Carini

Commenti

Post popolari in questo blog

Per la prima volta nella storia di Ronchi arriva l'antimafia

No, nessun effetto  cinematografico. Niente sirene spiegate, palette fuori dall'auto in corsa. Niente poliziotti con il passamontagna. Ma in una regione come il Friuli Venezia Giulia non più isola felice, ma presa di mira dalla camorra e dalla 'ndrangheta in particolar modo ,quando si realizzano cantieri ed opere di una certa rilevanza bisogna metterlo in conto. Cosa? L'accesso del gruppo interforze che ha la scopo di intervenire per prevenire infiltrazioni mafiose nei pubblici appalti. 
Il prefetto dispone accessi ed accertamenti nei cantieri delle imprese interessate all'esecuzione di lavori pubblici, avvalendosi, a tal fine, dei gruppi interforze  ed al termine degli accessi ed accertamenti disposti dal prefetto, il gruppo interforze redige, entro trenta giorni, la relazione contenente i dati e le informazioni acquisite nello svolgimento dell'attività ispettiva, trasmettendola al prefetto che ha disposto l'accesso. Il prefetto,  una volta acquisita la relaz…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Koper o Capodistria?Fiume o Rijeka?Merna o Miren?Londra o London? Trieste e Trst?

Esistono diversi processi di italianizzazione, i più noti sono quelli figli dell'abitudine, figli di quel modo di fare che hanno trasformato London in Londra, Berlin in Berlino, Barcelona in Barcellona, Marseille in Marsiglia ecc. Si dirà che è semplice traduzione. Fattore tipico di tutte le lingue. Poi vi sono luoghi che sono stati soggetti all'italianizzazione forzata tramite la nota opera nazionalfascista e di esempi ve ne sono a bizzeffe, se ne perde il conto, sia in Italia che in Slovenia che in Croazia che ovunque l'Italia abbia operato in tal modo.
Ad esempio Redipuglia  ha storpiato lo sloveno Sredipolje. In altri casi si utilizza l'italianizzazione per rispetto anche della comunità italiana che vi abita, non chiamare quei luoghi con il loro nome italiano significherebbe negare l'esistenza della comunità italiana, almeno per gli italiani autoctoni del luogo è così, pensiamo Capodistria il cui nome in sloveno è Koper, o Rijeka diventata Fiume. Italianizzazi…