Passa ai contenuti principali

No alla privatizzazione di PALAZZO CARCIOTTI


Tutte le profezie più nefaste oggi trovano affermazione.
Annullamento dei diritti dei lavoratori, svendita dei beni comuni, speculazioni edilizie e finanziarie, ricchi sempre più ricchi e poveri sempre più poveri.
Poche battute per descrivere alcuni effetti voluti della crisi, crisi ove alcuni soggetti inevitabilmente sazieranno la propria fame con la svendita dei beni comuni o la dismissione dei beni pubblici.
Trieste ultimamente soffre una grave incuria, dal Molo Audace che continua a rimanere offeso e leso, dal Canal grande che continua a rimaner sporco, dalle strade sempre più sporche . Le risposte che spesso vengono conferite sono univoche:   mancanza di fondi.
Ed ecco allora che vedrai i privati pulire Piazza Hortis ma al prezzo della diffusione di pannelli fissi pubblicitari, ciò perché non si è in grado di pensare ad altre soluzioni. Per esempio incentivare i cittadini all’autorganizzazione riconoscendo delle agevolazioni fiscali sulle tasse comunali od offrendo entrate gratis ai musei od utilizzo gratuito dei mezzi pubblici a coloro che con tanto spirito di collaborazione decidono di armarsi di scopa e paletta per pulire la piazza.
Ora però è il momento di Palazzo Carciotti. Edificio che fiancheggia il Canal Grande, si affaccia sulle rive triestine, dal 1831 divenne la prima sede delle Assicurazioni Generali, è stato poi sede della Capitaneria di porto e dell'Acegas (Azienda Comunale Elettricità Gas Acqua). Oggi è di proprietà del Comune.
Ma è un palazzo che vive una enorme sofferenza. L’ultimo inverno lo ha martoriato . Incuria forse voluta per destinarlo ai privati. Ed ecco che giunge la notizia della possibile trasformazione di tal Palazzo in albergo.
E’ mai possibile tutto ciò?
All’amministrazione comunale voglio ricordare che tra pochi giorni entrerà in vigore il Decreto Sviluppo, che ho criticato per vari aspetti, specialmente perché incentiva il mattone, e non investe nel turismo e nella cultura. Però questo Decreto prevede alcuni aspetti che potrebbero rivelarsi positivi per molte Città, poichè emerge la possibilità di inviare specifiche proposte alla costituenda cabina di regia che le selezionerà sulla base dei seguenti criteri:
   
     immediata cantierabilità degli interventi;
     capacità e modalità di coinvolgimento di soggetti e finanziamenti pubblici 
     e privati e di attivazione   di un effetto moltiplicatore del finanziamento pubblico nei confronti
    degli investimenti privati;
    riduzione di fenomeni di tensione abitativa, di marginalizzazione e degrado sociale;
    miglioramento della dotazione infrastrutturale anche con riferimento
    all'efficientamento dei sistemi del trasporto urbano;
    miglioramento della qualità urbana, del tessuto sociale ed ambientale.

La cabina di regia, sulla base degli apporti e delle risorse messe a disposizione dai vari organismi che la compongono, definisce gli investimenti attivabili nel centro urbano  che verrà selezionato  promuovendo un accordo con il comune interessato,  da cui discenderà la sottoscrizione del contratto di valorizzazione urbana.
Allora perché il Comune di Trieste non si attiva con tempestività in tal senso?
Perché non proporre un bando aperto ove selezionare progetti di riqualificazione urbana da sottoporre alla cabina di regia? Si vuole perdere anche questo treno? Piuttosto che affidare la gestione dei beni comuni e pubblici ai privati, o svendere i beni pubblici ai privati, si dovrebbero pensare altre soluzioni, questa potrebbe essere una delle tante, anche per Palazzo Carciotti.
Sulla facciata principale di questo splendido palazzo esistono delle  le statue che rappresentano,  varie divinità. Tra queste vi è la Fama ,dispensatrice di notizie buone e cattive. Per il Comune di Trieste il decreto sviluppo dovrebbe, se interpretato correttamente, essere una buona notizia.


   

Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Le conclusioni della Commissione d'inchiesta sul caso Moro

Nelle considerazioni conclusive della Commissione d'inchiesta sul Caso Moro emergono spunti di riflessione importante ed anche inquietanti che dovrebbero far tremare i pilastri della nostra Repubblica. Un lavoro durato alcuni anni, con diverse audizioni, accessi a documenti, verifiche, ispezioni, un lavoro enorme e giunto a termine.    La legge istitutiva della Commissione (Legge 30 maggio 2014, n. 82) ha assegnato come mandato all'inchiesta parlamentare quello di «accertare eventuali nuovi elementi che possono integrare le conoscenze acquisite dalle precedenti Commissioni parlamentari di inchiesta sulla strage di Via Fani, sul sequestro e sull'assassinio di Aldo Moro; eventuali responsabilità sui fatti di cui alla lettera a) riconducibili ad apparati, strutture e organizzazioni comunque denominati ovvero a persone a essi appartenenti o appartenute». E' stato sottolineato che è "dalla rilettura sistematica dei cinque processi e dell'attività delle precedenti…

Il pranzo sociale dell’ANPI di Ronchi ( foto) sotto il segno dell’antifascismo e dei ricordi

Riuscito e partecipato il pranzo sociale organizzato dall’ANPI di Ronchi presso l'accogliente agriturismo Mazzuchin di Vermegliano a pochi passi dalla suggestiva chiesetta di Santo Stefano e durato per buona parte del pomeriggio del 16 dicembre. Quasi un centinaio i partecipanti, dove sotto il segno della musica, partigiana e popolare, balli e ricordi, senza dimenticare l'immancabile lotteria curata con una passione unica dalla solita ed immancabile ed unica Angela, si è consumato un momento conviviale oramai tradizionale. Non sono mancati i momenti di confronto e di riflessione, con i messaggi e gli spunti offerti sia dal Presidente provinciale dell’ANPI di Gorizia, Pironi che dalla Presidente dell’ANPI di Ronchi, Cuzzi.

Il segretario Martinuzzi ha ricordato tutta l’attività svolta dall’ANPI di Ronchi, dai pellegrinaggi laici organizzati nei luoghi della resistenza in Slovenia, ai gemellaggi storici, agli incontri con le scuole, agli appuntamenti del 25 aprile e 2 giugno, a…