Passa ai contenuti principali

No alla privatizzazione di PALAZZO CARCIOTTI


Tutte le profezie più nefaste oggi trovano affermazione.
Annullamento dei diritti dei lavoratori, svendita dei beni comuni, speculazioni edilizie e finanziarie, ricchi sempre più ricchi e poveri sempre più poveri.
Poche battute per descrivere alcuni effetti voluti della crisi, crisi ove alcuni soggetti inevitabilmente sazieranno la propria fame con la svendita dei beni comuni o la dismissione dei beni pubblici.
Trieste ultimamente soffre una grave incuria, dal Molo Audace che continua a rimanere offeso e leso, dal Canal grande che continua a rimaner sporco, dalle strade sempre più sporche . Le risposte che spesso vengono conferite sono univoche:   mancanza di fondi.
Ed ecco allora che vedrai i privati pulire Piazza Hortis ma al prezzo della diffusione di pannelli fissi pubblicitari, ciò perché non si è in grado di pensare ad altre soluzioni. Per esempio incentivare i cittadini all’autorganizzazione riconoscendo delle agevolazioni fiscali sulle tasse comunali od offrendo entrate gratis ai musei od utilizzo gratuito dei mezzi pubblici a coloro che con tanto spirito di collaborazione decidono di armarsi di scopa e paletta per pulire la piazza.
Ora però è il momento di Palazzo Carciotti. Edificio che fiancheggia il Canal Grande, si affaccia sulle rive triestine, dal 1831 divenne la prima sede delle Assicurazioni Generali, è stato poi sede della Capitaneria di porto e dell'Acegas (Azienda Comunale Elettricità Gas Acqua). Oggi è di proprietà del Comune.
Ma è un palazzo che vive una enorme sofferenza. L’ultimo inverno lo ha martoriato . Incuria forse voluta per destinarlo ai privati. Ed ecco che giunge la notizia della possibile trasformazione di tal Palazzo in albergo.
E’ mai possibile tutto ciò?
All’amministrazione comunale voglio ricordare che tra pochi giorni entrerà in vigore il Decreto Sviluppo, che ho criticato per vari aspetti, specialmente perché incentiva il mattone, e non investe nel turismo e nella cultura. Però questo Decreto prevede alcuni aspetti che potrebbero rivelarsi positivi per molte Città, poichè emerge la possibilità di inviare specifiche proposte alla costituenda cabina di regia che le selezionerà sulla base dei seguenti criteri:
   
     immediata cantierabilità degli interventi;
     capacità e modalità di coinvolgimento di soggetti e finanziamenti pubblici 
     e privati e di attivazione   di un effetto moltiplicatore del finanziamento pubblico nei confronti
    degli investimenti privati;
    riduzione di fenomeni di tensione abitativa, di marginalizzazione e degrado sociale;
    miglioramento della dotazione infrastrutturale anche con riferimento
    all'efficientamento dei sistemi del trasporto urbano;
    miglioramento della qualità urbana, del tessuto sociale ed ambientale.

La cabina di regia, sulla base degli apporti e delle risorse messe a disposizione dai vari organismi che la compongono, definisce gli investimenti attivabili nel centro urbano  che verrà selezionato  promuovendo un accordo con il comune interessato,  da cui discenderà la sottoscrizione del contratto di valorizzazione urbana.
Allora perché il Comune di Trieste non si attiva con tempestività in tal senso?
Perché non proporre un bando aperto ove selezionare progetti di riqualificazione urbana da sottoporre alla cabina di regia? Si vuole perdere anche questo treno? Piuttosto che affidare la gestione dei beni comuni e pubblici ai privati, o svendere i beni pubblici ai privati, si dovrebbero pensare altre soluzioni, questa potrebbe essere una delle tante, anche per Palazzo Carciotti.
Sulla facciata principale di questo splendido palazzo esistono delle  le statue che rappresentano,  varie divinità. Tra queste vi è la Fama ,dispensatrice di notizie buone e cattive. Per il Comune di Trieste il decreto sviluppo dovrebbe, se interpretato correttamente, essere una buona notizia.


   

Commenti

Post popolari in questo blog

Koper o Capodistria?Fiume o Rijeka?Merna o Miren?Londra o London? Trieste e Trst?

Esistono diversi processi di italianizzazione, i più noti sono quelli figli dell'abitudine, figli di quel modo di fare che hanno trasformato London in Londra, Berlin in Berlino, Barcelona in Barcellona, Marseille in Marsiglia ecc. Si dirà che è semplice traduzione. Fattore tipico di tutte le lingue. Poi vi sono luoghi che sono stati soggetti all'italianizzazione forzata tramite la nota opera nazionalfascista e di esempi ve ne sono a bizzeffe, se ne perde il conto, sia in Italia che in Slovenia che in Croazia che ovunque l'Italia abbia operato in tal modo.
Ad esempio Redipuglia  ha storpiato lo sloveno Sredipolje. In altri casi si utilizza l'italianizzazione per rispetto anche della comunità italiana che vi abita, non chiamare quei luoghi con il loro nome italiano significherebbe negare l'esistenza della comunità italiana, almeno per gli italiani autoctoni del luogo è così, pensiamo Capodistria il cui nome in sloveno è Koper, o Rijeka diventata Fiume. Italianizzazi…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Con i confini della giusta sconfitta di Caporetto l'Italia oggi si fermerebbe a Treviso

Dal dannunzianesimo in poi, passando per retoriche risorgimentali estremizzate, irredentismi radicali, simulati patriottismi, l'Italia decise di aggredire l'Impero Austro Ungarico, occupando terre non italiane, anche se forse si poteva pur parlare l'italiano, anche se prevalentemente si parlavano dialetti locali oltre ovviamente allo sloveno, il tedesco, il friulano. Dove vi potevano essere radici latine, risalenti anche all'Impero Romano, ma non è che ovunque l'Impero Romano mise piede era da considerarsi Italia, perchè allora dovrebbero rivendicare anche l'Azerbaigian, senza dimenticare che l'Italia si formerà come Stato unitario poi solo nel 1861. Audacia, tenacia, scippati dalla terra contadini, ragazzi, famiglie senza più i loro figli, mandati a morire nel nome del niente. Arroganza, gestione criminale del conflitto, per conquistare fazzoletti di terra che ancora oggi si sentono poco italiani, perchè l'Italia è giovane, l'Italia unita si è fat…