Passa ai contenuti principali

In tempo di crisi tra Gorizia e Trieste alcune note stonate.





Crisi, crisi, per quanto tempo ancora sentiremo parlare di crisi?
Il problema è che con il passare del tempo la situazione reale sembra peggiorare.
Gorizia è una cittadina che soffre particolarmente la crisi.
Una crisi visibile anche ad occhio nudo.
Sono rimasto impressionato dal fatto che nelle vie principali della Città è in itinere una fuga di molti commercianti.
Tra chi chiude definitivamente e chi semplicemente decide di trasferirsi in qualche via parallela ove i costi di locazione probabilmente sono più sopportabili.



Una moria di attività commerciali che deve fare riflettere.
Il problema è che questa problematica non è solo tipica di Gorizia ma anche di altre città come Monfalcone, ove nelle vie centrali della città si assiste periodicamente alla chiusura di varie attività.
Giunte le ore 20.00 tra i soliti suoni di campana che sembrano mai giungere alla fine, vedrai Gorizia svuotarsi e vivere quasi una situazione di copri fuoco.
Ciò mi ha lasciato con un sapore amaro.
Note stonate in una giornata di afosa crisi.

Ma se a Gorizia le cose sembrano non andare bene, a Trieste si assiste a qualcosa di particolare, ma forse tipico del sistema Italia.
Vedrai sia l'amministrazione comunale che quella regionale attivarsi per la ristrutturazione di una Chiesa, mi riferisco a quella di S.Antonio Taumaturgo  che  è chiamata popolarmente S.Antonio Nuovo, che da tempo è soggetta a vari interventi ed ora sembra che il Comune dovrà scendere nuovamente in campo per garantire il completamento della ristrutturazione della Chiesa, visto che la facciata, pronao e colonnato sul lato di piazza Sant’Antonio e la parte che dà su via delle Torri non potranno essere ristrutturate per mancanza di fondi.
Domanda più che legittima, ma la Chiesa con tutti i patrimoni e soldi di cui gode perché non provvede, specialmente in tempo di crisi, direttamente ad effettuare con i suoi soldi i lavori di ristrutturazione delle Chiese?
Perché si deve usare danaro pubblico?
Si dirà che lo prevede la legge o il buon senso.
Ma buon senso vuole che in tempo di crisi si decidano le priorità e ristrutturare una Chiesa con i soldi pubblici non è una priorità, che lo faccia la Chiesa con i suoi immensi capitali.
Ed a proposito di danaro pubblico e beni comuni, visto che per alcune cose i soldi del Comune sembrano venire meno, ecco che si sperimenta il progetto Piazza Hortis Pulita.
Nel sito del Comune triestino si legge che l'Operazione Piazza Hortis pulita” si tradurrà in una serie di puntuali e costanti lavori di pulizia da parte della Italspurghi (per inciso valutati in 12 mila Euro annuali + Iva 12%) “ricambiati” dal Comune con l’autorizzazione alla ditta a collocare tre propri cartelli di pubblico avviso in corrispondenza dei tre ingressi al Giardino recanti la frase “La pulizia di questo giardino viene offerta da Italspurghi Ecologia S.r.l.”, oltre a effettuare altre eventuali azioni di pubblicizzazione di questo servizio collegate al nome della Società esecutrice.

Probabilmente toccherà la medesima sorte al parco del  Castello di Miramare, che si trova in una situazione di degrado a dir poco scandalosa.
Ma non si può intervenire diversamente? Si devono per forza di cose coinvolgere i soggetti privati e la loro pubblicità per la gestione ordinaria del bene comune?
Perché non coinvolgere direttamente la cittadinanza anche in attività di volontariato, oppure prevedendo  sconti sulle tasse comunali o agevolazioni non necessariamente fiscali,per realizzare attività di pulizia e cura del bene comune?
Forse sarebbe il caso di consultarsi con la popolazione preventivamente e non successivamente all'adozione del provvedimento con cui è stato disposto l'accordo con la società interessata per la pulizia della Piazza Hortis, dico ciò perché sulla pagina facebook del Sindaco di Trieste, che nonostante tutto ho reputato un buon sindaco, è stato chiesto alla cittadinanza un parere in merito a tale questione e dai commenti che emergono non mi pare che i triestini siano molto contenti della soluzione adottata.
Se democrazia partecipata e diretta deve essere, che lo sia sostanzialmente e non solo formalmente ed in via di facciata, oggi non abbiamo bisogno di operazioni di facciata ma di sostanza.
Ancora si può rimediare, per esempio annullando quella delibera e valutando soluzioni alternative, come quelle che per esempio ho proposto in precedenza.
Altrimenti che senso ha chiedere alla cittadinanza se concorda o meno con la soluzione adottata?
Se vuoi, puoi.


Marco Barone

Commenti

  1. sono convinta che questi sondaggi servano per avere sì un'idea del malcontento generale, ma per attuare di conseguenza misure repressive: detta così può sembrare un'esagerazione, ma è come dare il ciuccio a un bambino per farlo smettere di piangere (piuttosto che usargli l'antica violenza delle botte), anziché dedicargli quell'attenzione che farebbe capire di quali reali esigenze il suo corpo e la sua mente hanno bisogno...
    a proposito di chiese: sui luoghi del recente terremoto in emilia-romagna, si fa perdere tempo a smontare mattone per mattone i campanili danneggiati (piuttosto che metterli in sicurezza sul posto) in modo da poterli ricostruire altrove - disposizione del ministero beni culturali - ed evitare che crollino del tutto con altre scosse!
    io mi faccio la tua stessa domanda: ma se la chiesa è un altro Stato (cosa che dimostra quando sono da condannare i preti pedofili), perché dobbiamo pagare noi le loro proprietà?

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Con i confini della giusta sconfitta di Caporetto l'Italia oggi si fermerebbe a Treviso

Dal dannunzianesimo in poi, passando per retoriche risorgimentali estremizzate, irredentismi radicali, simulati patriottismi, l'Italia decise di aggredire l'Impero Austro Ungarico, occupando terre non italiane, anche se forse si poteva pur parlare l'italiano, anche se prevalentemente si parlavano dialetti locali oltre ovviamente allo sloveno, il tedesco, il friulano. Dove vi potevano essere radici latine, risalenti anche all'Impero Romano, ma non è che ovunque l'Impero Romano mise piede era da considerarsi Italia, perchè allora dovrebbero rivendicare anche l'Azerbaigian, senza dimenticare che l'Italia si formerà come Stato unitario poi solo nel 1861. Audacia, tenacia, scippati dalla terra contadini, ragazzi, famiglie senza più i loro figli, mandati a morire nel nome del niente. Arroganza, gestione criminale del conflitto, per conquistare fazzoletti di terra che ancora oggi si sentono poco italiani, perchè l'Italia è giovane, l'Italia unita si è fat…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

A Trieste chiude la libreria indipendente IN DER TAT, Davide questa volta ha perso contro Golia

"IN DER TAT“, prendendo in prestito un concetto che il filosofo Hegel riferiva alla cultura, significa in atto, in evoluzione. E’ per questo motivo che l’abbiamo scelto come nome per la nostra libreria, proprio perché pensiamo alla cultura come qualcosa in continuo mutamento(...)". Questo è quello che leggi nel sito di questa libreria, situata nella zona Cavana di Trieste, non più un bordello ottocentesco, ma un rione oramai destinato ad essere fashion, riqualificato, perfetto, una vetrina nella vetrina di Trieste, che ha snaturato la sua storia, che forse viene ricordata dalla statua di Svevo, niente di più. Una libreria che ha segnato per anni ed anni la storia di questo rione, un punto di riferimento culturale, sociale per triestini e non, appuntamenti di gran rilievo, dibattiti e confronti su più materie, i libri prendevano forma, vita attraverso anche gli incontri, le relazioni. Una libreria relazionale. Con il vecchio libraio o vecchia libraia, non per questione ana…