Passa ai contenuti principali

Il presunto stragista di Brindisi beneficerà del limite dei 70 anni di età?

 


 
Lo hanno cercato, lo hanno trovato.
Sin dall'inizio si seguiva la via del presunto folle, escludendo ogni matrice politica, mafiosa, ogni strategia della tensione.
Eccolo.
La foto è pubblica, come pubblica è la sua identità.
Molte cose dovranno essere chiarite, molte forse non verranno mai chiarite.
Io ero uno di quelli che riconduceva il fatto di Brindisi ad una possibile ripresa della strategia delle tensione. Tesi che ancora oggi non mi sento di escludere, almeno sino a quando non verranno chiariti alcuni perché.
Se mai troveranno chiarimento riconoscerò di essermi sbagliato.
Errore che nasce da una ferita storica che mai ha trovato giustizia e verità, da quella strategia della tensione mafiosa e fascista che ha martoriato il nostro Paese.
Nonostante tutto continuo a rimanere dubbioso, perché una bomba del genere, come è stato affermato più volte, doveva essere e non poteva che essere, realizzata da mani esperte, molto esperte.
Perché è stato fatto?
Chi è il mandante?
Lui è l'esecutore materiale o solo persona coinvolta che ora si assume le responsabilità per non compromettere magari qualche strana situazione?
A volte assumersi la responsabilità di atti violenti e maledetti come quelli accaduti può risultare,nel paradosso del sistema, la via più conveniente, per non compromettere altro, per esempio l'incolumità della famiglia.
Ipotesi legittime che forse risulteranno essere prive di fondamento o forse no.
Nel cuore di molte persone, anche se non verrà ammesso pubblicamente, vige il desiderio della condanna a morte di quella persona.
In Italia si condanna la pena di morte quando viene comminata in altri Paesi, però non si esclude ad invocarla per situazioni deprecabili che si verificano nel Paese.
E' difficile parlare dall'esterno. Non so cosa mai possano provare i genitori di Melissa o le famiglie delle studentesse ferite a vita, o le stesse studentesse.
Non lo posso sapere.
Ma il sentimento diffuso in molte persone, anche se non ammesso in via spudorata, è quello appena enunciato.
Ora scriverò una riflessione provocatoria.
Il Carcere a vita, l'ergastolo , è la soluzione al problema stragista?
Esiste l'alternativa al carcere?
Volendolo sì, ma il business che ruota intorno al carcere è enorme e lo sarà ancora di più se entreranno i privati nella gestione indiretta del sistema carcerario italiano.
Socialmente il carcere è stata sempre una sconfitta.
Eppure è facile parlare dall'esterno. Quando ti uccidono un caro, è chiaro che la prima cosa che pretendi, se non la pena di morte, sentimento emozionale impulsivo, è un regime carcerario duro, durissimo.
Poi possiamo teorizzare tutto quello che si vuole, ma in ogni caso nessuna pena riporterà in vita Melissa, nessuna pena guarirà in via permanente le ragazze ferite dalla strage, nessuna pena guarirà la città di Brindisi dal suo dolore.
In Italia esiste la possibilità, superati i 70 anni di età, di scontare la pena agli arresti domiciliari e non in carcere.
E questa possibilità sembra che sia stata invocata, indirettamente, dal presunto stragista, vista anche la sua età vicina ai 70 anni,  nel momento in cui trapelava in sede di interrogatorio la sua domanda “ quanto tempo resterò in carcere?”
Perché probabilmente qualcuno lo ha informato di questa possibilità prima dell'atto o dopo l'atto di Brindisi.
E ciò deve fare riflettere su tutto, anche sull'assunzione immediata e diretta della maturazione della sua responsabilità.
Ma è difficile, a parer mio, che quella norma possa trovare applicazione nel caso di specie.
Perché i reati contestati sono pesanti, si parla del reato di strage in concorso aggravata da finalità di terrorismo.
Basta pensare al caso di Provenzano o Tanzi, che nonostante la loro età, superiore ai 70 anni di età, sono ancora in galera.
Oppure al caso di Milano, dove il Gip in passato ha convalidato il fermo dell'anziano, che ha provocato la morte di un cittadino con il suo veicolo, per omicidio volontario aggravato dai futili motivi e ha disposto la custodia cautelare in carcere, spiegando nel suo provvedimento che l'anziano è pericoloso socialmente, perché ha dimostrato una chiara volontà di uccidere e non si è fermato dopo aver investito l'uomo.
Dunque l'eccezionale gravità del fatto e la pericolosità eccezionale dell'arrestato potrebbero essere elementi da cui discenderà la non applicazione della misura alternativa al carcere, stante l'età del presunto stragista.
Ma sarà realmente così?
E ribadisco, il carcere è la soluzione, specialmente in un Paese che rivendica l'esistenza dei diritti umani? Anche quando si compiono atti maledetti come quelli di Brindisi?

Marco Barone





Commenti

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Un maledetto 17 agosto a Barcellona

Ci sono cose nella vita che non dimenticherai mai e quanto accaduto in un caldo ed apparentemente tranquillo agosto a Barcellona è una di quelle cose che non metabolizzerai per lungo tempo. Hai la fortuna di poterlo in parte raccontare, anche se non sai bene cosa raccontare. Sei a pochi metri dalla interminabile e costante folla della Rambla. Vedi decine e decine di persone a passo spedito venire contro la tua direzione. In un primo momento pensi che vai sempre controcorrente. Poi arriva la polizia, di corsa, chiude la via nella quale ti trovi, una laterale della Rambla. Una delle tante. Non riesci al momento a collegare. Anche se sai che nel mondo la situazione è tesa. Ma sei a Barcellona, pensi. Un luogo sicuro.
Poi l’inevitabile ti si presenta come un cazzotto devastante nello stomaco. Attentato. Terrorismo. Panico totale. Cerchi le persone a te più care, fino a quando non le trovi e non le rintracci non sei "tranquillo".
Cerchi di capire come comportarti. Cosa fare. Cosa…

Per essere un Paese migliore si deve chiedere scusa,ed alcune date di Gorizia da non dimenticare

Quanto è difficile chiedere scusa, eppure chiedere scusa è il primo passo necessario non tanto per ricominciare, ma per avviare un percorso diverso, più onesto, più eticamente e moralmente corretto. Il Papa, ad esempio, qualche passo tenue nei confronti degli omosessuali lo sta facendo, Obama si è recato ad Hiroshima, gesto importante, ma non ha osato chiedere scusa per quel crimine immenso compiuto contro inermi civili. Tante barbarie nel corso della storia sono state compiute in nome e per conto dell'Italia. Dalla “piemontesizzazione del Sud”, ai massacri della prima guerra mondiale, al regime fascista, alle violenze e crimini compiuti nelle terre occupate, in Africa, Albania, Grecia, in Jugoslavia. Mai scusa si è chiesto per ciò. Eppure basterebbe poco, chiedere scusa per restituire dignità all'Italia, il cui nome è stato usurpato dalle peggiori nefandezze. Il problema è che quando pretendi ciò ti etichettano spesso come anti-italiano. A parer mio il peggior modo di essere…