Passa ai contenuti principali

Un documento della CIA sulla nascita di "New Gorizia" Nova Gorica








Nova Gorica è una vitale e moderna cittadina nata subito dopo l'assegnazione di Gorizia all'Italia che ancora qualche realtà definisce, come fatto storico, come seconda redenzione, concetto tanto anacronistico quanto in realtà profondamente antistorico, perchè come ben è noto è stata l'Italia ad aggredire una fetta di territorio che non era mica di sua appartenenza ad un prezzo enorme, territorio poi perso e riconquistato ed ancora perso e poi restituito in virtù della pace emersa alla fine della seconda guerra mondiale che ancora oggi qualcuno in modo fuorviante tende a criticare.  Saranno 70 le candeline della Gorizia italiana e 70 le candeline per Nova Gorica in questo 2017. Due realtà che comunque si parlano poco, anche se i muri fisici son caduti da un pezzo.  La CIA, che come è noto ha attenzionato (e forse continua a farlo ancora oggi ) per lungo tempo questo territorio possiede diversi documenti, relazioni, note, studi su quanto accaduto, oltre ad aver raccolto ed effettuato una schedatura con tanto di nominativi di comunisti, anarchici ecc.
Ad esempio nel maggio del 1947 in ordine alla creazione del Governo italiano dell'Alto Commissariato per la Venezia Giulia, se da un lato rileva la CIA in un suo documento che ufficialmente lo scopo di questo organismo era quello di occuparsi del problema dei rifugiati, in modo non ufficiale in realtà il suo vero scopo, si legge, era quello di sostenere, anche economicamente, dirigere la locale attività politica italiana a sostegno dell'italianità di questi luoghi. Dunque un chiaro organo di propaganda attiva a sostegno dell'italianità della Venezia Giulia.



Sintetico ma importante è anche il documento conservato nell'archivio storico della CIA, del del 1 dicembre 1947 ove si annuncia l'intento della Jugoslavia di voler realizzare in particolar modo Nova Gorica, chiamata nel documento come New Gorizia. Dove si spiega bene che la necessità di realizzare questa nuova città è emersa dopo l'assegnazione di Gorizia all'Italia per inserirsi in una zona strategica e diventare nel lungo periodo un vivo ed importante centro culturale, commerciale e politico.


Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Un maledetto 17 agosto a Barcellona

Ci sono cose nella vita che non dimenticherai mai e quanto accaduto in un caldo ed apparentemente tranquillo agosto a Barcellona è una di quelle cose che non metabolizzerai per lungo tempo. Hai la fortuna di poterlo in parte raccontare, anche se non sai bene cosa raccontare. Sei a pochi metri dalla interminabile e costante folla della Rambla. Vedi decine e decine di persone a passo spedito venire contro la tua direzione. In un primo momento pensi che vai sempre controcorrente. Poi arriva la polizia, di corsa, chiude la via nella quale ti trovi, una laterale della Rambla. Una delle tante. Non riesci al momento a collegare. Anche se sai che nel mondo la situazione è tesa. Ma sei a Barcellona, pensi. Un luogo sicuro.
Poi l’inevitabile ti si presenta come un cazzotto devastante nello stomaco. Attentato. Terrorismo. Panico totale. Cerchi le persone a te più care, fino a quando non le trovi e non le rintracci non sei "tranquillo".
Cerchi di capire come comportarti. Cosa fare. Cosa…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Barcellona, il giorno dopo il 17 agosto