Passa ai contenuti principali

Elezioni: con uno sbarramento al 5% significa fare fuori la sinistra alternativa al PD


Sembra evidente che salvo stravolgimenti che ad oggi sembrano essere improbabili questo autunno, tra settembre ed ottobre 2017, si andrà a votare. Si andrà a votare con una campagna elettorale che penalizzerà le forze minori, anche se molti diranno che in Italia si è in campagna elettorale permanente. Certo, è vero, ma le regole della par condicio non valgono durante la campagna elettorale non ufficiale e dunque passeranno i messaggi delle solite e note forze politiche. Significa andare a fare una campagna elettorale in estate, dunque inesistente ed uno sbarramento al 5% comporterà delle scelte pesanti. La sinistra radicale non si può permettere di continuare a rimanere fuori dalle sale di rappresentanza, perchè abbiamo ben visto cosa significa rimanere fuori da certi luoghi. Ma per rientrarvi saranno necessari compromessi ed accordi con tutta la galassia alternativa al PD? Ad esempio l'accordo con Articolo 1 sarà inevitabile? Sono ben note le problematicità, ma in questo momento storico PRC, PCI, Sinistra Italiana ed Articolo 1, Possibile, Sinistra Anticapitalista, PCL ed altre minori se messe insieme forse arrivano al 3% pare essere impossibile arrivare al 5%. Si deve essere realisti. Realisti perchè se si voterà in autunno la campagna elettorale sarà inesistente, sarà richiesto uno sforzo straordinario per raccogliere le firme. Ma il punto è se si dovesse raggiungere un simile accordo per necessità politica, ne varrebbe la pena, vista la soglia del 5%? E chi entrerebbe, eventualmente, in Parlamento? Quale compromesso? Su quale programma? Uno sbarramento al 5% è una scelta chiaramente vendicativa da parte di chi oggi è al Governo perchè ha l'occasione di spazzare via una volta per tutte i fuoriusciti dal Pd, partito sempre più destro.  Ed il problema concerne proprio l'alleanza che per necessità potrebbe essere valutata con chi prima era nel PD, con chi ha sostenuto politiche certamente non meravigliose ed ha creato un nuovo partito politico. Non si tratta di un processo alle persone, ognuno ha il suo percorso, ma come si può spiegare l'alleanza con chi ha sostenuto politiche di un certo tipo dalla NATO al lavoro a dir poco inconciliabili con quelle della sinistra comunista tradizionale? Forse per necessità ci si dovrà tappare bocca, naso ed orecchie? E dotarsi di un mega digestivo? Anche perchè pare evidente che gran parte dell'odio politico verso il PD è stato ben incarnato dal M5S che con altissima probabilità otterrà un risultato importante e forse stravolgente alle prossime ed imminenti elezioni politiche con una percentuale che gli consentirà di governare tranquillamente.

Con lo sbarramento al 5% chi pagherà il prezzo di tutto ciò sarà la galassia della sinistra radicale e comunista, che esiste e resiste, nonostante i media continuano a dare per morta l'ideologia comunista, ma non è così,  e temo che se saranno queste le condizioni con cui si andrà alle elezioni si perderanno altri pezzi per strada.
Se è vero che non ci può permettere di stare più fuori dal Parlamento è altrettanto vero che non è che si debba entrare a tutti i costi. Delle valutazioni andranno effettuate, si deve essere lungimiranti e confidare anche nelle contraddizioni del sistema. Tanto è ben evidente a tutti che in Italia non è questo il momento storico della sinistra, forse è meglio essere pazienti, continuare a crescere nei luoghi tradizionali, tra il popolo e poi,  continuare a crescere come partito di lotta, tra cinque anni presentarsi con maggior vigore e solidità, piuttosto che andare a cercare l'accordo a tutti i costi? La situazione è complicata, il che fare continua ad essere il solito dilemma esistenziale,  ed il quadro economico e sociale è pessimo, e come ben è noto a tanti, tra le altre cose, questo autunno, in Italia è attesa la tempesta economica perfetta.

Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Con i confini della giusta sconfitta di Caporetto l'Italia oggi si fermerebbe a Treviso

Dal dannunzianesimo in poi, passando per retoriche risorgimentali estremizzate, irredentismi radicali, simulati patriottismi, l'Italia decise di aggredire l'Impero Austro Ungarico, occupando terre non italiane, anche se forse si poteva pur parlare l'italiano, anche se prevalentemente si parlavano dialetti locali oltre ovviamente allo sloveno, il tedesco, il friulano. Dove vi potevano essere radici latine, risalenti anche all'Impero Romano, ma non è che ovunque l'Impero Romano mise piede era da considerarsi Italia, perchè allora dovrebbero rivendicare anche l'Azerbaigian, senza dimenticare che l'Italia si formerà come Stato unitario poi solo nel 1861. Audacia, tenacia, scippati dalla terra contadini, ragazzi, famiglie senza più i loro figli, mandati a morire nel nome del niente. Arroganza, gestione criminale del conflitto, per conquistare fazzoletti di terra che ancora oggi si sentono poco italiani, perchè l'Italia è giovane, l'Italia unita si è fat…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

A Trieste chiude la libreria indipendente IN DER TAT, Davide questa volta ha perso contro Golia

"IN DER TAT“, prendendo in prestito un concetto che il filosofo Hegel riferiva alla cultura, significa in atto, in evoluzione. E’ per questo motivo che l’abbiamo scelto come nome per la nostra libreria, proprio perché pensiamo alla cultura come qualcosa in continuo mutamento(...)". Questo è quello che leggi nel sito di questa libreria, situata nella zona Cavana di Trieste, non più un bordello ottocentesco, ma un rione oramai destinato ad essere fashion, riqualificato, perfetto, una vetrina nella vetrina di Trieste, che ha snaturato la sua storia, che forse viene ricordata dalla statua di Svevo, niente di più. Una libreria che ha segnato per anni ed anni la storia di questo rione, un punto di riferimento culturale, sociale per triestini e non, appuntamenti di gran rilievo, dibattiti e confronti su più materie, i libri prendevano forma, vita attraverso anche gli incontri, le relazioni. Una libreria relazionale. Con il vecchio libraio o vecchia libraia, non per questione ana…