Passa ai contenuti principali

Quella rivalità tra Friuli e Venezia Giulia, superata dalla storia, ma ancora esistente


Ogni volta che, vuoi per un saluto sbagliato, per una frase detta a metà, o chissà cosa, i fucili identitari e le mura che dividono Friuli e Venezia Giulia spuntano fuori dalle cantine assopite in un periodo storico dove il caos è la norma ed il senso di protezione da questo caos è dato dai confini del proprio piccolo e minimale ed insignificante orticello. Di rivalità in Italia ve ne sono state e con risvolti anche violentissimi. Penso a quella che ha caratterizzato la mia terra d'origine, la Calabria. I moti di Reggio Calabria, cavalcati da forze di estrema destra, neofasciste, nel mezzo vi passò anche il deragliamento del treno del sole, a causa di una bomba, con sei morti e cinquecento feriti. Dieci mesi di assedio della città di Reggio con tanto di carri armati. Il motivo? La rivalità con Catanzaro, poi strumentalizzata per fini più oscuri. Non si è arrivati ad avere i carri armati, ma son tanti a pensare che se potessero, friulani e triestini, perchè la definizione di giuliani non la sentirai mai, poichè alla fine dei conti la Venezia Giulia attuale altro non è che quasi solo il territorio di Trieste o ciò che è appartenuto al territorio di Trieste, con parte del mandamento monfalconese, fino al 1947, si sfiderebbero a colpi di duello, un duello rusticano, per difendere il proprio onore, la propria identità. Una rivalità la cui origine è misteriosa, sentimentale più che razionale. E' bastata, questa volta, una frase a metà, vuoi per semplicismo, vuoi perchè in Italia nessuno dirà mai Friuli Venezia Giulia, ma per comodità Friuli, che addirittura sul Piccolo e sul Messaggero Veneto, pur appartenendo allo stesso gruppo editoriale, si è registrato uno scontro tra opinionisti su tale vicenda, con divergenze profonde. Ma che senso ha, oggi, "guerreggiare" per queste situazioni a dir poco ridicole?  In FVG vi sono mille identità, meritano tutte rispetto, ma si ha la sensazione che non si aspetta altro che un pretesto per scazzarsi alla grande sul nulla. Ogni pretesto è buono per far saltare in aria l'unione. Basta vedere quello che accade in Europa. La questione migranti, e sicurezza è usata come scusante, ingigantita ad hoc, per il ritorno delle frontiere, poi dei confini, che nella sostanza significano morte dell'Europa unita. Dal ritorno di cadaverici nazionalismi, che non hanno mai prodotto niente di buono e mai fatto rima con democrazia, al ritorno di particolarismi che ledono gravemente quel piccolo ed immenso puzzle che è il FVG. E dunque non stupiamoci se presto ritornerà il trattino per dividere il Friuli dalla Venezia Giulia, e poi chissà cosa ancora. Ed il tutto in una terra piccola, che non raggiunge neanche i due milioni di abitanti in un mondo ove siamo più di 7 miliardi. Ma come siamo messi?
Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Passo dopo passo il Nord è conquistato da chi vuole "l'indipendenza della Padania"

Ciò che non è entrato dalla porta principale, entra, anno dopo anno, passo dopo passo, in modo sistematico, con estrema pazienza ed intelligenza politica, dalle finestre che connotano la casa del Nord. Un Nord che è uscito con le ossa fratturate dalla crisi del 2007, divenuto isola felice per le mafie, per la corruzione, ma che ha continuato ad essere rispetto al Sud sempre il locomotore dell'Italia, Paese che sta all'Europa come il Sud Italia sta al Nord Italia. Ed il Nord non ci sta più. Pensiamo al Friuli Venezia Giulia, dove cortocircuiti storici sono anche visibili. Ovunque piazze dedicate all'Unità d'Italia che qui non poteva essere festeggiata perchè quando questa raggiunta non era mica contemplata l'Italia, ma si era in gran parte in quello che veniva definito come l'Impero felice a cui è stata anche dedicata una piazza e si continuano a dedicare statue o celebrarne i fasti nobiliari. E poi sarà in prima linea su due fronti di guerra catastrofici, la …

L'Italia e l'alleanza con gli USA, una scelta di campo?

Così Gentiloni sulla questione Siria: voglio solo dire, in conclusione, che l'Italia non è un Paese neutrale, non è un Paese che sceglie di volta in volta, di fronte a questa o a quella crisi, se schierarsi con l'Alleanza atlantica o schierarsi da un'altra parte. Noi siamo coerentemente, da più di sessant'anni, partner fondamentali dell'Alleanza atlantica e alleati degli Stati Uniti. Siamo alleati dell'America, voglio dire: non è un problema di rapporti con questo o quel presidente americano. Siamo stati alleati dell'America con Kennedy e con Nixon, con Clinton e con Reagan, con Bush e con Obama e lo abbiamo fatto perché - lo dico senza infingimenti - è una scelta di campo. È una scelta di campo. È una scelta di campo che deriva certamente dal fatto che l'America, insieme agli alleati, ci ha liberato dal nazifascismo e che certamente deriva dai nostri interessi di difesa e di sicurezza del Paese, ma non è solo questo. È una scelta di campo che deriva da…

Salvare le scritte storiche sui muri delle nostre città dei tempi della guerra. Rischiano l'estinzione

Il Friuli Venezia Giulia è una polveriera storica impressionante. Anche se la storia che ovviamente si racconta di più e che ha sancito le sorti di quel presente che viviamo è quella del '900. Terra martoriata da due catastrofi mondiali e che ha rischiato, per la nota causa di Trieste, di scatenare anche la terza. Ci sono diverse testimonianze storiche di quel tempo, soprattutto della seconda guerra mondiale e delle fasi successive alla liberazione dal nazifascismo che caratterizzeranno le sorti di Trieste e dell'Isontino per diversi anni. Ad esempio si possono ancora oggi leggere in alcune località, come Monfalcone, Ronchi, delle scritte che inneggiano alla Jugoslavia, alla settima Repubblica Federativa Jugoslava. In rosso.
Sopravvissute al tempo, alla storia, alla memoria. Anche se a dire il vero ne sono rimaste solo una manciata e difficilmente leggibili. Ma anche per Trieste ci saranno testimonianze del genere come nelle località sicuramente interessate da questa contor…