Passa ai contenuti principali

Quali i rapporti economici tra Italia e Corea del Nord?


L'economia reale non conosce confini e frontiere e guerra o non guerra che sia, dittatura o non dittatura che sia, gli affari son sempre affari. I rapporti tra le aziende italiane e la Corea del Nord ci sono e sono importanti. A partire da alcune fiere, la Fiera Internazionale Commerciale di Pyongyang (multisettoriale) che si tiene due volte all'anno (maggio e ottobre). 


Importiamo diversi prodotti dalla Corea del Nord ma è interessante guardare le esportazioni. Cosa si esporta dall'Italia principalmente in Corea del Nord? Articoli di abbigliamento (anche in pelle e in pelliccia), prodotti chimici, prodotti farmaceutici di base e preparati farmaceutici, articoli in gomma e materie plastiche, articoli in pelle e simili, prodotti alimentari ed anche strumenti musicali..
(elaborazioni ICE su dati ISTAT).
Sul sito del Ministero degli Affari Esteri a proposito della Corea del Nord si scrive che
L’impegno italiano per la pacificazione e denuclearizzazione della Penisola coreana ha riscosso negli anni un crescente riconoscimento da parte dei principali attori regionali. Nel corso di numerose visite effettuate negli ultimi anni sia da parte italiana che da parte coreana, si sono raccolti importanti apprezzamenti per il ruolo da noi svolto in questi anni. Sempre alla luce dell’importante gesto di riconoscimento compiuto verso la Corea del Nord nel 2000 dall’Italia, primo Paese del G7 a stabilire le relazioni diplomatiche con Pyongyang. Ulteriori importanti iniziative sono poi state realizzate sul filo degli anni, a conferma del tradizionale, pluriennale impegno dell’Italia a sostegno del dialogo intercoreano. L’Italia ha così presentato alla Corea del Nord, quali misure di “confidence building”, un importante pacchetto di interventi di cooperazione, nel settore alimentare, ma anche in quello medico e in campo culturale.

L’Italia è poi impegnata, fin dal 2002, nell’organizzazione di seminari annuali internazionali dedicati alla Penisola coreana. Si tratta di un appuntamento che ha sempre riscosso successo ed interesse, che peraltro rappresenta oggi uno degli ultimi ”fora” attivi in Europa per il dialogo e il confronto sui processi in corso in Corea del Nord e nell’intera Penisola. La sesta edizione del seminario si è tenuta l’1 dicembre 2008, con la partecipazione dei Vice Ministri degli Esteri delle due Coree.

Mentre alla voce viaggiare sicuri si sottolinea che 

Si sono verificati limitati episodi di schermaglie tra gli eserciti nordcoreano e sudcoreano che possono avere nuovamente luogo nella zona a ridosso di confine tra le due Coree con scambi di artiglieria. (...)
In situazioni di emergenza, è possibile rivolgersi primariamente all’Ambasciata di Svezia a Pyongyang, che cura per conto dell’Italia le questioni consolari in Corea del Nord (l’Italia ha, infatti rapporti diplomatici con la Corea del Nord ma non è presente nel Paese una propria Ambasciata). (...) Sono in generale da evitare le aree militari e la zona di confine del Paese, specie quella con la Corea del Sud (province del South Hwanghae, North Hwanghae e Kangwon).

Insomma i rapporti economici ci sono e sono importanti in quella Corea del Nord che sembra diventare sempre di più terra del caffè, forse è anche per questo che sono nervosetti ultimamente, a parte ovviamente le provocazioni, solite, come poste in essere da parte di chi continua a determinare conflitti nel globo...

Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

"Qua semo a Trieste e no se parla s'ciavo, qua se parla triestin e italian"

"Qua semo a Trieste e no se parla s'ciavo, qua se parla triestin e italian". Non mi sorprende la denuncia effettuata sul Piccolo di Trieste e pubblicata come lettera del giorno. Solo che questa volta chi ha subito tale aggressione verbale razzista ha avuto il coraggio di prendere carta e penna e scrivere e denunciare pubblicamente quanto accaduto. Diverse volte per i muri di Trieste sono apparse scritte che riportavano quel concetto bestiale e puntualmente e giustamente venivano rimosse. Ma non mi sorprende, perchè ciò in linea con i tempi. Tempi dove se un reato viene compiuto da un migrante viene percepito socialmente come più deprecabile rispetto a quello compiuto da un comune cittadino italiano. Tempi dove l'omofobia è una normalità, dove un Gay pride non può passare per ragioni di opportunità innanzi ad un Duomo, tempi dove qualcuno propone processioni riparatorie per sanare il peccato della marcia dell'amore del Gay pride.  Tempi dove ritornano i pregiudiz…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

A Gorizia si vuole chiudere la Commissione Territoriale? Bene. Allora chiudiamo anche Prefettura,Questura e Tribunale

Le Commissioni Territoriali sono gli organi deputati all’esame delle domande di protezione internazionale ed ospitare una simile struttura dovrebbe essere un grande onore vista la delicatezza e l'importanza delle questioni che tende ad affrontare. Ma a Gorizia non è così. E' stata percepita come un fastidio e dunque depotenziata. E' ovvio che se una città ospita una simile struttura vedrà una maggiore concentrazione di richiedenti asilo. Non è che scelgono Gorizia perchè è come Londra, Parigi o Berlino, visto che Gorizia non è neanche l'ombra di queste capitali. Ma per necessità. Una città che non si è mai strutturata per gestire tale situazione dove l'omissione di soccorso nei confronti dei migranti è diventata la normalità, dove si è abusato del sistema del volontariato. La politica dell'accoglienza diffusa è clamorosamente fallita nell'Isontino, anche per deboli ed inconsistenti politiche provinciali in materia ed anche regionali.  Eppure quella dell…