Passa ai contenuti principali

Quali i rapporti economici tra Italia e Corea del Nord?


L'economia reale non conosce confini e frontiere e guerra o non guerra che sia, dittatura o non dittatura che sia, gli affari son sempre affari. I rapporti tra le aziende italiane e la Corea del Nord ci sono e sono importanti. A partire da alcune fiere, la Fiera Internazionale Commerciale di Pyongyang (multisettoriale) che si tiene due volte all'anno (maggio e ottobre). 


Importiamo diversi prodotti dalla Corea del Nord ma è interessante guardare le esportazioni. Cosa si esporta dall'Italia principalmente in Corea del Nord? Articoli di abbigliamento (anche in pelle e in pelliccia), prodotti chimici, prodotti farmaceutici di base e preparati farmaceutici, articoli in gomma e materie plastiche, articoli in pelle e simili, prodotti alimentari ed anche strumenti musicali..
(elaborazioni ICE su dati ISTAT).
Sul sito del Ministero degli Affari Esteri a proposito della Corea del Nord si scrive che
L’impegno italiano per la pacificazione e denuclearizzazione della Penisola coreana ha riscosso negli anni un crescente riconoscimento da parte dei principali attori regionali. Nel corso di numerose visite effettuate negli ultimi anni sia da parte italiana che da parte coreana, si sono raccolti importanti apprezzamenti per il ruolo da noi svolto in questi anni. Sempre alla luce dell’importante gesto di riconoscimento compiuto verso la Corea del Nord nel 2000 dall’Italia, primo Paese del G7 a stabilire le relazioni diplomatiche con Pyongyang. Ulteriori importanti iniziative sono poi state realizzate sul filo degli anni, a conferma del tradizionale, pluriennale impegno dell’Italia a sostegno del dialogo intercoreano. L’Italia ha così presentato alla Corea del Nord, quali misure di “confidence building”, un importante pacchetto di interventi di cooperazione, nel settore alimentare, ma anche in quello medico e in campo culturale.

L’Italia è poi impegnata, fin dal 2002, nell’organizzazione di seminari annuali internazionali dedicati alla Penisola coreana. Si tratta di un appuntamento che ha sempre riscosso successo ed interesse, che peraltro rappresenta oggi uno degli ultimi ”fora” attivi in Europa per il dialogo e il confronto sui processi in corso in Corea del Nord e nell’intera Penisola. La sesta edizione del seminario si è tenuta l’1 dicembre 2008, con la partecipazione dei Vice Ministri degli Esteri delle due Coree.

Mentre alla voce viaggiare sicuri si sottolinea che 

Si sono verificati limitati episodi di schermaglie tra gli eserciti nordcoreano e sudcoreano che possono avere nuovamente luogo nella zona a ridosso di confine tra le due Coree con scambi di artiglieria. (...)
In situazioni di emergenza, è possibile rivolgersi primariamente all’Ambasciata di Svezia a Pyongyang, che cura per conto dell’Italia le questioni consolari in Corea del Nord (l’Italia ha, infatti rapporti diplomatici con la Corea del Nord ma non è presente nel Paese una propria Ambasciata). (...) Sono in generale da evitare le aree militari e la zona di confine del Paese, specie quella con la Corea del Sud (province del South Hwanghae, North Hwanghae e Kangwon).

Insomma i rapporti economici ci sono e sono importanti in quella Corea del Nord che sembra diventare sempre di più terra del caffè, forse è anche per questo che sono nervosetti ultimamente, a parte ovviamente le provocazioni, solite, come poste in essere da parte di chi continua a determinare conflitti nel globo...

Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Se Babbo Natale ha ridimensionato San Nicolò

Ma è più sentito San Nicolò o Babbo Natale?

Questo è quanto mi domandavo notando tutta la serie di prodotti realizzati, i mercatini diffusi, le fiere e quant'altro si afferma in prossimità della notte tra il 5 e 6 dicembre. Così come mi domando, ma quanti conoscono la sua storia? Quanti sanno che tipo di santo protettore sarebbe?  Scommetto che le mani alzate sarebbero una manciata.  Ed a dirla tutta non interessa, interessa quel giorno solo scambiarsi qualche regalino, girovagare per le fiere, bere e mangiare.
San Nicolò, dicono, è un santo molto venerato in tutto il mondo, addirittura avrebbe carattere universale. Sarà. Ma in Italia ci sono su più di 8 mila Comuni solo una ventina di località, e qualche Comune, ad avere questo nome e sono poche le località dove viene festeggiato, soprattutto in alcune zone del Nord Est ed in Puglia.  Vi è chi dice che Babbo Natale altro non sia che praticamente il San Nicolò in chiave pienamente consumistica, che avrebbe tratto origine da qu…

Le conclusioni della Commissione d'inchiesta sul caso Moro

Nelle considerazioni conclusive della Commissione d'inchiesta sul Caso Moro emergono spunti di riflessione importante ed anche inquietanti che dovrebbero far tremare i pilastri della nostra Repubblica. Un lavoro durato alcuni anni, con diverse audizioni, accessi a documenti, verifiche, ispezioni, un lavoro enorme e giunto a termine.    La legge istitutiva della Commissione (Legge 30 maggio 2014, n. 82) ha assegnato come mandato all'inchiesta parlamentare quello di «accertare eventuali nuovi elementi che possono integrare le conoscenze acquisite dalle precedenti Commissioni parlamentari di inchiesta sulla strage di Via Fani, sul sequestro e sull'assassinio di Aldo Moro; eventuali responsabilità sui fatti di cui alla lettera a) riconducibili ad apparati, strutture e organizzazioni comunque denominati ovvero a persone a essi appartenenti o appartenute». E' stato sottolineato che è "dalla rilettura sistematica dei cinque processi e dell'attività delle precedenti…