Passa ai contenuti principali

Perchè è giusto che i giudici abbiano il diritto di esprimere le proprie idee


Premesso che non sono cultore  del pensiero di Evelyn Beatrice Hall quando dice "Disapprovo quello che dite, ma difenderò fino alla morte il vostro diritto di dirlo",  frase attribuita per errore  Voltaire con la più conosciuta formula “Non condivido le tue idee ma darei la vita per permetterti di esprimerle”, o banalmente difenderò il tuo diritto alla libertà del pensiero. Ma sul caso di Trieste  nato da un post sui social da parte di un noto giudice, molto critico nei confronti del governatore della Regione FVG, una riflessione deve maturare. Non voglio entrare nel merito se l'opinione del giudice sia giusta o meno, ma voglio invece riflettere sull'ante ovvero se un giudice abbia o non abbia il diritto di esprimere le proprie opinioni, di manifestare liberamente il proprio pensiero. Se qualcuno crede che un giudice sia un robot, una sorta di divinità, incontaminata dalle problematiche della vita ordinaria, probabilmente ha sbagliato pianeta. Il giudice è una persona, un semplice essere umano, un cittadino, uomo o donna che sia, con propri naturali ed ovvi convincimenti, con proprie idee, come tutti. Se un giudice osa criticare qualsiasi persona od esponente politico esso sia, finisce sul banco degli imputati e deve subire la passione della via del perdono. Se mai perdono verrà concesso. Si dice che il giudice deve essere sopra le parti, deve essere imparziale ecc. E' vero. Ma quale la differenza tra un giudice che esprime liberamente il proprio convincimento, e chi ha lo stesso convincimento, solo che non lo esprime pubblicamente? Se un giudice non deve avere diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero, se deve smettere di essere "umano" allora lo stesso concetto dovrebbe valere almeno per tutti i dipendenti pubblici, i medici, i docenti, le forze dell'ordine ecc. Se un medico dovesse esprimere una opinione dura contro un politico e poi dovesse operare quel politico, tradirebbe il giuramento di Ippocrate, per il suo convincimento politico? Per le sue idee? E lo stesso discorso potrebbe valere per tutti coloro che esercitano determinate professioni. Viviamo in una società ridicola, con regole ridicole, che andrebbero riviste, che mirano a tutelare l'apparenza, perchè non vedendo, o sentendo non vieni turbato, e l'apparenza può nuocere gravemente allo sviluppo di un mondo più dignitoso ed umano.  Non riconoscere il diritto di manifestazione del proprio pensiero ad un giudice significa uccidere il suo essere cittadino e distruggere i suoi diritti civili. Il giudice è chiamato ad interpretare le leggi, ad applicare le leggi, a cercare la via della giustizia così come il medico cerca di salvare le vite e migliorare la condizione di vita umana, garantendo il diritto alla salute. Ma nel mentre ci si scandalizza di tutto ciò, continua ad essere accettato come fatto normale che un ministro della giustizia non sia laureato in legge o che quello della sanità non sia laureato in medicina. Si dirà, sono due cose diverse. Ne siamo certi? Quando finirà il tempo dell'ipocrisia, forse allora sì che si potrà dire di vivere in una società democratica piena, perchè una democrazia forte non deve temere il diritto di parola dei propri cittadini e di chi esercita determinate funzioni, e le uniche idee che deve reprimere sono quelle reazionarie che minano le fondamenta stesse della democrazia, una democrazia forte e consapevole può uscirne solo rinforzata da queste situazioni, non reprimendo, ma garantendo la massima libertà umana, quale quella di espressione come garantita dall'articolo 21 della Costituzione, che in Italia non è uguale per tutti.

Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

"Qua semo a Trieste e no se parla s'ciavo, qua se parla triestin e italian"

"Qua semo a Trieste e no se parla s'ciavo, qua se parla triestin e italian". Non mi sorprende la denuncia effettuata sul Piccolo di Trieste e pubblicata come lettera del giorno. Solo che questa volta chi ha subito tale aggressione verbale razzista ha avuto il coraggio di prendere carta e penna e scrivere e denunciare pubblicamente quanto accaduto. Diverse volte per i muri di Trieste sono apparse scritte che riportavano quel concetto bestiale e puntualmente e giustamente venivano rimosse. Ma non mi sorprende, perchè ciò in linea con i tempi. Tempi dove se un reato viene compiuto da un migrante viene percepito socialmente come più deprecabile rispetto a quello compiuto da un comune cittadino italiano. Tempi dove l'omofobia è una normalità, dove un Gay pride non può passare per ragioni di opportunità innanzi ad un Duomo, tempi dove qualcuno propone processioni riparatorie per sanare il peccato della marcia dell'amore del Gay pride.  Tempi dove ritornano i pregiudiz…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

A Gorizia si vuole chiudere la Commissione Territoriale? Bene. Allora chiudiamo anche Prefettura,Questura e Tribunale

Le Commissioni Territoriali sono gli organi deputati all’esame delle domande di protezione internazionale ed ospitare una simile struttura dovrebbe essere un grande onore vista la delicatezza e l'importanza delle questioni che tende ad affrontare. Ma a Gorizia non è così. E' stata percepita come un fastidio e dunque depotenziata. E' ovvio che se una città ospita una simile struttura vedrà una maggiore concentrazione di richiedenti asilo. Non è che scelgono Gorizia perchè è come Londra, Parigi o Berlino, visto che Gorizia non è neanche l'ombra di queste capitali. Ma per necessità. Una città che non si è mai strutturata per gestire tale situazione dove l'omissione di soccorso nei confronti dei migranti è diventata la normalità, dove si è abusato del sistema del volontariato. La politica dell'accoglienza diffusa è clamorosamente fallita nell'Isontino, anche per deboli ed inconsistenti politiche provinciali in materia ed anche regionali.  Eppure quella dell…