Passa ai contenuti principali

I rami spezzati dell'essere una cosa sola, persone



Questa succinta riflessione nasce, dopo aver letto una lettera di poche righe scritte da un cittadino di Trieste, che si lamentava per la violenza che avrebbe subito una mimosa in piazza Perugino. E le artefici di tale violenza sarebbero due donne, che " commentavano con palesa cadenza meridionale( le ho sentite con le mie orecchie" lo scempio compiuto".  Perchè la necessità di dover rimarcare l'accento meridionale? Quale esigenza? Siamo persone, non esistono le razze, esistono mille identità, mille specificità, Trieste è un luogo dove convivono persone con diverse origini, meridionali, dell'Est, del centro Europa, di diverse parti di questo piccolo mondo che vive di sovraffollamento visto che siamo oltre 7 miliardi di esseri umani, poi quanto profondamente umani, questo non so ben dirlo. Siamo tutte persone, ma più di una volta, qualcuno, deve sentire la necessità di specificare la provenienza territoriale dell'individuo, soprattutto quando si verificano atti, azioni di cattivo gusto, deprecabili, e quasi sempre si tratta, quando ciò viene specificato, di non autoctoni. Può essere il meridionale, può essere il bengalese, può essere il marocchino, può essere il cinese. Queste futili puntualizzazioni, hanno lo scopo di mettere l'accento sull'origine dell'atto criminoso compiuto, perchè l'autoctono è come un robot, che non sbaglia mai? A volte viene fatto in buona fede, e voglio intendere come buona fede, che comunque non giustifico, la precisazione sull'accento meridionale. Ma è il caso di ricordare, in via generale, a tutti che il razzismo che oggi esiste verso gli immigrati non "italiani", che prima chiamavamo in modo dispregiativo extracomunitari, lo abbiamo conosciuto contro i "terroni" i "cabibi" oppure  cìf. Cìf, ovvero cifariello. Riporta all'omicidio d'onore commesso dal cantante Cifariello a Napoli. Delitto d'onore. Roba che ben avrai conosciuto nella tua Calabria o Sicilia, e nel tuo Sud, ma a quanto pare sconosciuta in questa fetta di terra per lunghi decenni. Cifariello , a quanto dicono alcuni triestini nei bar, perché è lì che imparerai molto di questa città, venne anche usato dalla polizia in un rapporto prefettizio, specialmente per evidenziare come alcuni costumi dei meridionali, che giunsero in migliaia a Trieste durante quello che venne considerato come il periodo dell'italianizzazione della città, fossero poco ben accetti dalla gente locale. Ecco, spero di non dover ritornare a sentire nuovamente cose del genere, anche se i tempi lasciano presagire non direzioni positive, concetti che spesso si perdono in modo scherzoso nella satira, nelle battute, ma in realtà quella piccola goccia di pregiudizi, che giorno dopo giorno scava nell'inconsapevolezza dell'individuo,  non è mai svanita.

Marco Barone 

Commenti

Post popolari in questo blog

Passo dopo passo il Nord è conquistato da chi vuole "l'indipendenza della Padania"

Ciò che non è entrato dalla porta principale, entra, anno dopo anno, passo dopo passo, in modo sistematico, con estrema pazienza ed intelligenza politica, dalle finestre che connotano la casa del Nord. Un Nord che è uscito con le ossa fratturate dalla crisi del 2007, divenuto isola felice per le mafie, per la corruzione, ma che ha continuato ad essere rispetto al Sud sempre il locomotore dell'Italia, Paese che sta all'Europa come il Sud Italia sta al Nord Italia. Ed il Nord non ci sta più. Pensiamo al Friuli Venezia Giulia, dove cortocircuiti storici sono anche visibili. Ovunque piazze dedicate all'Unità d'Italia che qui non poteva essere festeggiata perchè quando questa raggiunta non era mica contemplata l'Italia, ma si era in gran parte in quello che veniva definito come l'Impero felice a cui è stata anche dedicata una piazza e si continuano a dedicare statue o celebrarne i fasti nobiliari. E poi sarà in prima linea su due fronti di guerra catastrofici, la …

L'Italia e l'alleanza con gli USA, una scelta di campo?

Così Gentiloni sulla questione Siria: voglio solo dire, in conclusione, che l'Italia non è un Paese neutrale, non è un Paese che sceglie di volta in volta, di fronte a questa o a quella crisi, se schierarsi con l'Alleanza atlantica o schierarsi da un'altra parte. Noi siamo coerentemente, da più di sessant'anni, partner fondamentali dell'Alleanza atlantica e alleati degli Stati Uniti. Siamo alleati dell'America, voglio dire: non è un problema di rapporti con questo o quel presidente americano. Siamo stati alleati dell'America con Kennedy e con Nixon, con Clinton e con Reagan, con Bush e con Obama e lo abbiamo fatto perché - lo dico senza infingimenti - è una scelta di campo. È una scelta di campo. È una scelta di campo che deriva certamente dal fatto che l'America, insieme agli alleati, ci ha liberato dal nazifascismo e che certamente deriva dai nostri interessi di difesa e di sicurezza del Paese, ma non è solo questo. È una scelta di campo che deriva da…

Salvare le scritte storiche sui muri delle nostre città dei tempi della guerra. Rischiano l'estinzione

Il Friuli Venezia Giulia è una polveriera storica impressionante. Anche se la storia che ovviamente si racconta di più e che ha sancito le sorti di quel presente che viviamo è quella del '900. Terra martoriata da due catastrofi mondiali e che ha rischiato, per la nota causa di Trieste, di scatenare anche la terza. Ci sono diverse testimonianze storiche di quel tempo, soprattutto della seconda guerra mondiale e delle fasi successive alla liberazione dal nazifascismo che caratterizzeranno le sorti di Trieste e dell'Isontino per diversi anni. Ad esempio si possono ancora oggi leggere in alcune località, come Monfalcone, Ronchi, delle scritte che inneggiano alla Jugoslavia, alla settima Repubblica Federativa Jugoslava. In rosso.
Sopravvissute al tempo, alla storia, alla memoria. Anche se a dire il vero ne sono rimaste solo una manciata e difficilmente leggibili. Ma anche per Trieste ci saranno testimonianze del genere come nelle località sicuramente interessate da questa contor…