Passa ai contenuti principali

I rami spezzati dell'essere una cosa sola, persone



Questa succinta riflessione nasce, dopo aver letto una lettera di poche righe scritte da un cittadino di Trieste, che si lamentava per la violenza che avrebbe subito una mimosa in piazza Perugino. E le artefici di tale violenza sarebbero due donne, che " commentavano con palesa cadenza meridionale( le ho sentite con le mie orecchie" lo scempio compiuto".  Perchè la necessità di dover rimarcare l'accento meridionale? Quale esigenza? Siamo persone, non esistono le razze, esistono mille identità, mille specificità, Trieste è un luogo dove convivono persone con diverse origini, meridionali, dell'Est, del centro Europa, di diverse parti di questo piccolo mondo che vive di sovraffollamento visto che siamo oltre 7 miliardi di esseri umani, poi quanto profondamente umani, questo non so ben dirlo. Siamo tutte persone, ma più di una volta, qualcuno, deve sentire la necessità di specificare la provenienza territoriale dell'individuo, soprattutto quando si verificano atti, azioni di cattivo gusto, deprecabili, e quasi sempre si tratta, quando ciò viene specificato, di non autoctoni. Può essere il meridionale, può essere il bengalese, può essere il marocchino, può essere il cinese. Queste futili puntualizzazioni, hanno lo scopo di mettere l'accento sull'origine dell'atto criminoso compiuto, perchè l'autoctono è come un robot, che non sbaglia mai? A volte viene fatto in buona fede, e voglio intendere come buona fede, che comunque non giustifico, la precisazione sull'accento meridionale. Ma è il caso di ricordare, in via generale, a tutti che il razzismo che oggi esiste verso gli immigrati non "italiani", che prima chiamavamo in modo dispregiativo extracomunitari, lo abbiamo conosciuto contro i "terroni" i "cabibi" oppure  cìf. Cìf, ovvero cifariello. Riporta all'omicidio d'onore commesso dal cantante Cifariello a Napoli. Delitto d'onore. Roba che ben avrai conosciuto nella tua Calabria o Sicilia, e nel tuo Sud, ma a quanto pare sconosciuta in questa fetta di terra per lunghi decenni. Cifariello , a quanto dicono alcuni triestini nei bar, perché è lì che imparerai molto di questa città, venne anche usato dalla polizia in un rapporto prefettizio, specialmente per evidenziare come alcuni costumi dei meridionali, che giunsero in migliaia a Trieste durante quello che venne considerato come il periodo dell'italianizzazione della città, fossero poco ben accetti dalla gente locale. Ecco, spero di non dover ritornare a sentire nuovamente cose del genere, anche se i tempi lasciano presagire non direzioni positive, concetti che spesso si perdono in modo scherzoso nella satira, nelle battute, ma in realtà quella piccola goccia di pregiudizi, che giorno dopo giorno scava nell'inconsapevolezza dell'individuo,  non è mai svanita.

Marco Barone 

Commenti

Post popolari in questo blog

Per la prima volta nella storia di Ronchi arriva l'antimafia

No, nessun effetto  cinematografico. Niente sirene spiegate, palette fuori dall'auto in corsa. Niente poliziotti con il passamontagna. Ma in una regione come il Friuli Venezia Giulia non più isola felice, ma presa di mira dalla camorra e dalla 'ndrangheta in particolar modo ,quando si realizzano cantieri ed opere di una certa rilevanza bisogna metterlo in conto. Cosa? L'accesso del gruppo interforze che ha la scopo di intervenire per prevenire infiltrazioni mafiose nei pubblici appalti. 
Il prefetto dispone accessi ed accertamenti nei cantieri delle imprese interessate all'esecuzione di lavori pubblici, avvalendosi, a tal fine, dei gruppi interforze  ed al termine degli accessi ed accertamenti disposti dal prefetto, il gruppo interforze redige, entro trenta giorni, la relazione contenente i dati e le informazioni acquisite nello svolgimento dell'attività ispettiva, trasmettendola al prefetto che ha disposto l'accesso. Il prefetto,  una volta acquisita la relaz…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

D'Annunzio e gli slavi: "il flutto della barbarie schiava giungerebbe su Trieste"

19 ottobre 1919 una lettera che ha come destinatari principali i fiumani dal titolo Italia e Vita. Una lettera dove emergono concetti ed aspetti che connoteranno quell'imperialismo italiano che porterà all'invasione del Balcani con tutte le conseguenze nefaste che la storia ci ha ben insegnato. Una lettera, con un linguaggio semplicemente incomprensibile  in molti passaggi, e con uno stile assurdo, dove si eleva bene quel senso di disprezzo verso gli slavi che verrà rimarcata dal poeta amante della guerra in diverse occasioni.  Un D'Annunzio che esalta lo spirito degli italiani che hanno difeso l'italianità di Fiume, del Carnaro, dove " voi spiegaste nel vento del Carnaro il tricolore italiano, in faccia ai Croati che dal governatore ungaro avevano ricevuto il potere civico per inizio di quella frode più tardi proseguita sopra le navi imperiali in Pola nostra."
Uno spirito dell'italianità che sarebbe stato presente in diverse località, "per le coste…