Passa ai contenuti principali

Due proposte di legge per l’italianità di Bolzano e Trentino che si devono riconoscere “nelle radici giudaico-cristiane”





I deputati BIANCOFIORE, CARFAGNA, CRIMI, GARNERO SANTANCHÈ, GIAMMANCO, ALBERTO GIORGETTI, LAFFRANCO, MILANATO, OCCHIUTO, PALMIZIO, POLIDORI, RAMPELLI, SANDRA SAVINO, hanno presentato due proposte di legge, che vogliono modificare in modo profondo la situazione, che a detta loro, soprattutto a Bolzano, penalizzerebbe in modo pesante la comunità italiana a favore di quella tedesca. Si legge nel testo che 
Paradossalmente la comunità italiana della provincia autonoma di Bolzano si trova in una condizione di declino demografico per penalizzazioni di varia natura.Tutto nasce da un’interpretazione errata dello statuto d’autonomia e della gestione della provincia autonoma di Bolzano (che è stata lasciata nelle mani dei partiti di lingua tedesca ininterrottamente per più di mezzo secolo) che è diventata sempre più estensiva e pervasiva fino al punto di comportare una cristallizzazione della posizione dominante della comunità tedesca e una lenta e indiretta marginalizzazione del gruppo linguistico italiano.Si aggiungano poi le difficoltà di comunicazione:mentre gli italofoni apprendono la lingua tedesca standard, la popolazione germanofona si esprime in un colorito dialetto, molto diverso rispetto all’Hochdeutsch o dialetto alto-tedesco.Si pensi, inoltre, che l’immigrazione di italiani verso questa pro- spera regione viene ostacolata da una normativa rigidissima, che consente di votare per le elezioni provinciali e di godere di sussidi pubblici,indispensabili in un territorio dove il costo della vita è altissimo, soltanto dopo quattro anni di residenza.Per non parlare del disagio provato dagli italofoni già residenti, considerati i maggiori privilegi e un trattamento di favore riservato alla comunità tedesca.
Trento e Bolzano sono due realtà composite, particolari, ed il multiculturalismo, e le specificità che le connotano sono la forza di questa piccola fetta di terra italiana. Imporre per legge processi di italianizzazione,che sembrano riportare alla memoria periodi nefasti ben conosciuti soprattutto nel Confine Orientale, è un qualcosa di surreale, un gravissimo errore che fomenterà disastri in quel territorio. Cosa propongono i parlamentari in questione? 
Venendo incontro ai problemi della minoranza italiana in Alto Adige,la presente proposta di legge prevede un finanziamento di 50 milioni di euro annui a decorrere dall’anno 2017 per fare fronte agli svantaggi di cui risente la comunità stessa,disagi provocati dall’ultronea applicazione di norme a tutela del gruppo linguistico tedesco che ha messo in difficoltà la comunità italiana.
Un ribaltamento della storia, e delle peculiarità di quella regione veramente incredibile, una manipolazione concettuale diabolica, con le tipiche sfumature di quel vittimismo tanto ridicolo quanto becero, sindrome dell'italiano che non ha mai colpe, e perennemente tutelato dallo scudo con scritto siamo sempre stata "brava gente, anche quando, in via generale, sotto il fascismo abbiamo fatto disastri, o colonizzato e massacrato luoghi e spazi e persone usurpando il nome dell'Italia, per fini nazionalistici, che qualche zombienazionalista ancora oggi coltiva e rimpiange.

Una seconda proposta di legge, presentata dai medesimi deputati,vuole modificare in modo incisivo lo Statuto di quella Regione a Statuto speciale. Scrivono che 
Un’autonomia, come sempre,a guida esclusiva del gruppo linguistico dominante, quello tedesco, nella quale tutte le deleghe residue sono attribuite, con relativi trasferimenti da parte dello Stato, alla provincia autonoma di Bolzano.Ciò allo scopo di perseguire il mai sopito sogno di una secessione di sostanza, realizzata però con i soldi degli italiani ovvero delle nostre regioni più produttive.Il provvedimento è composto da ventiquattro articoli.
Da sottolineare l’articolo 1 che prevede che la regione Trentino-Alto Adige/Südtirol "si riconosce nei valori storico-culturali e sociali delle radici giudaico-cristiane" e l'articolo 22 che "riguarda l’obbligo di precedenza della lingua italiana per le indicazioni pubbliche nella provincia autonoma di Bolzano."

Marco Barone

Commenti

  1. Mah. Vivendo in quelle terre, mi permetto di consigliare qualche lettura. In primis Flavia Pristinger "La minoranza dominante nel Sud Tirolo". Già negli anni '70 la sociologa raccontò le dinamiche perverse dell'applicazione rigida del pacchetto, che di fatto crearono una divisione orizzontale e verticale. La minoranza italiana fu spinta alla proletarizzazione e marginalizzata nella possibilità di acquisto, sia dei mezzi di produzione che addirittura negli immobili. La minoranza italiana progressivamente si è ridotta numericamente a partire dalle alte quote (i paesi sopra i 1000 metri), e via via verso la pianura. Negli anni successivi la maggioranza si è politicamente spaccata. Nel senso che dalla SVP sono nati i Freiheitlichen, il Süd-Tiroler Freiheit, il Bürger Union für Südtirol più tutti quelli precedenti che adesso non ci sono più. Tutti partiti di destra. Alcuni con forti componenti razziste. La destra italiana vive nel Sud Tirolo praticamente solo a Bolzano. Ma anche qui ci sarebbe da discutere. Perché la SVP ha fatto un sacco di danni nel tempo. Il filtro etnico nelle scuole un tempo esisteva, e l'avevano imposto i tedeschi. Ci sono stati casi in cui in una scuola dove c'erano classi tedesche da una parte e italiane dell'altra i tedeschi hanno innalzato un muro nel giardino comune, perché non volevano che i bambini dei due gruppi etnici parlassero fra di loro. Gli unici movimenti che provarono a modificare queste cose - soprattutto i Verdi–Grüne–Vërc - sono stati ampiamente marginalizzati.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

"Qua semo a Trieste e no se parla s'ciavo, qua se parla triestin e italian"

"Qua semo a Trieste e no se parla s'ciavo, qua se parla triestin e italian". Non mi sorprende la denuncia effettuata sul Piccolo di Trieste e pubblicata come lettera del giorno. Solo che questa volta chi ha subito tale aggressione verbale razzista ha avuto il coraggio di prendere carta e penna e scrivere e denunciare pubblicamente quanto accaduto. Diverse volte per i muri di Trieste sono apparse scritte che riportavano quel concetto bestiale e puntualmente e giustamente venivano rimosse. Ma non mi sorprende, perchè ciò in linea con i tempi. Tempi dove se un reato viene compiuto da un migrante viene percepito socialmente come più deprecabile rispetto a quello compiuto da un comune cittadino italiano. Tempi dove l'omofobia è una normalità, dove un Gay pride non può passare per ragioni di opportunità innanzi ad un Duomo, tempi dove qualcuno propone processioni riparatorie per sanare il peccato della marcia dell'amore del Gay pride.  Tempi dove ritornano i pregiudiz…

Monfalcone e razzismo contro un cingalese: "Che cojoni 'sti bacoli di merda i se anca qua!"

I casi di razzismo sono in aumento, ma in aumento sono anche le segnalazioni, le denunce, il muro non tanto dell'indifferenza, che ahimè esiste, ma quello del timore o della fatica di prendere carta e penna od una tastiera per denunciare crolla. Un segnale in tal senso è emerso con forza con la nota lettera pubblicata sul Piccolo di Trieste che ho ripreso sia sul blog che su facebook. La tematica del razzismo è importante, e colpisce quando accade in una città che si considera aperta come Trieste e quando viene colpito lo sloveno, che nel corso della storia ha subito da queste parti una mera operazione di "bonifica etnica". Non si tratta di casi isolati, come alcuni commenti hanno sottolineato, " e comunque ne ho sentite altre di questo genere, non è il solo caso" e vi è chi ha ricordato anche il  proprio passato "Mi ricordo e mi rattristo ancora ...ho avuto una simile (peggiore) esperienza quando ero alle superiori. Due ragazze e tutto l'autobus …

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …