Passa ai contenuti principali

I dieci comandamenti per la comunicazione non ostile, alcune perplessità



Trieste è la città ove son state proclamate le leggi razziali, perchè luogo fertile stante le persecuzioni già in corso contro gli sloveni, ad esempio. Terzo millennio, società dei social, dove il merdaio è la normalità, gli insulti sono la normalità, fascismi, nazismi, razzismi, omofobie, xenofobie sono la normalità, e dove una grande operazione di censura preventiva sarebbe necessaria, ma non si può. Non si può perchè se dai social, luogo senza filtro, e questo filtro sta cadendo anche nella realtà, proprio come accaduto nei tempi del fascismo e del nazismo, vengono "stroncati" i leoni da tastiera, i fasciofancazzisti, buona parte degli utenti sparirebbero, i social perderebbero gran parte della loro forza mediatica. Questo è il punto della situazione. Luogo senza filtri, diventato ambito aculturale, acritico, salvo pochi casi, dove il letamaio diviene la normalità. Se da un lato è utile per capire il grado di degrado sussistente nella società, dall'altro è la conferma che questo è il tempo dell'odio, per diverse ragioni o torti che siano. Proporre il manifesto delle parole ostili, ha un senso? Un manifesto che sembra essere destinato a bambini della scuola elementare, però, se teniamo conto che la maggioranza degli italiani son fermi alla terza media o qualcosina in più, forse è ben rappresentativo della situazione in essere. Sono dieci punti interessanti, ma difficilmente applicabili, perchè si tratta di dover operare un lavoro molto profondo sulla propria persona. E se rigorosamente applicati, come nel caso della censura preventiva, comporterebbe l'effetto di annichilire buona parte della forza motrice nefasta dei social, buona parte degli utenti sparirebbero, e ciò non sarebbe un male. Ma questi punti possono andare bene per un mondo del vogliamoci bene, non in quello attuale, dove non esistono condizioni minime basilari per volerci tutti bene, d'altronde, perchè mai dovremmo visto lo stato nel quale ci troviamo? E dunque "quando la scelta migliore è tacere, taccio", ed ora, taccio.

Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Ma se in Friuli Venezia Giulia si votasse per diventare Stato indipendente,cosa vincerebbe?

Se c'è una regione dove l'Italia ed il sentirsi italiano ha veramente preso poco, questa è certamente il Friuli Venezia Giulia. Non è l'unica in Italia, basta pensare alla Sardegna, al Trentino-Alto Adige, alla Sicilia, al Veneto, ma se si facesse qualche analisi più approfondita forse la maggior parte delle regioni italiane si sentono poco italiane. Il Friuli Venezia Giulia ha conseguito il suo stato di autonomia grazie al plurilinguismo, dal friulano, allo sloveno, al tedesco, e poi vi sono diversi dialetti, dal bisiaco, al triestino ecc. Una terra che nel corso della sua storia ha conosciuto diversi domini, diverse appartenenze, alcune profonde come quella con la Repubblica Veneta, o l'Impero Austroungarico, altre di passaggio e da un secolo oramai vi è l'Italia. Che si è presentata nei peggiori dei modi fin dall'origine, perchè il nome dell'Italia è coinciso con la fascistizzazione di questa area, con tutte le brutalità che ne sono conseguite, e sarà s…

Attraversando Pordenone (foto)

E' necessario produrre una filmografia sulla resistenza e realizzare musei sulla sua storia

I tempi son mutati ed è di fondamentale importanza, per non rischiare di essere sommersi dall'ignoranza, dal revisionismo storico, dall'indifferenza,  trasmettere i valori della resistenza anche attraverso strumenti e mezzi che ad oggi per ragioni a dire il vero incomprensibili sono stati poco utilizzati. Libertà, uguaglianza, fratellanza, pace, riscatto morale ed etico del nostro Paese, internazionalismo, diritti dei lavoratori, diritti delle donne, diritti civili, ovvero antinazifascismo. Concetti che quotidianamente vengono sistematicamente e metodicamente messi in discussione. E' vitale, per la memoria umana storica attivarsi in ogni ovunque per promuovere una filmografia sulla nostra resistenza, necessità che viene espressa non solo da storici, ma anche da scrittori, registi, e cittadini, nonché promuovere spazi museali affinché si possano raggiungere con maggiore facilità e coinvolgimento, anche emotivo e fisico, le nuove generazioni. Esistono musei di ogni tipo in …