Passa ai contenuti principali

Gorizia tra le grandi e piccole incompiute e la questione "dimenticata" della centrale a biomasse


Veniva richiesta una proroga per motivi burocratici per l’ottenimento degli incentivi per la produzione di energie rinnovabili e la Provincia di Gorizia, che ha dato il via libera alla centrale a biomasse, verificata la regolarità di detta richiesta autorizzava nel 2016 la Società Rail Services s.r.l. Impianto denominato “Rail Nord" di prorogare di anni 1 (uno) il termine di inizio dei lavori e dunque sino al 7 luglio 2017. Sembra essere calato uno strano silenzio verso questa combattuta centrale divenuta anche politicamente imbarazzante per una certa sinistra, se così si può dire e la si può chiamare. Si avvicinano le amministrative ed uno dei punti nodali, da affrontare politicamente e dal punto di vista programmatico, riguarderà anche la questione biomasse, e si dovrà capire anche come si muoveranno le varie "liste" in campo verso tale centrale, che sembra essere stata dimenticata, ma così non è sicuramente per i comitati che si son battuti contro tale struttura che dovrebbe sorgere a Gorizia e certamente, come è noto, in un luogo pienamente e totalmente non isolato, anzi. Gorizia con le piccole e grandi opere, in questo periodo, pare fare a cazzotti, pensiamo alla questione del piccolo aeroporto, alla questione Pipistrel ed ovviamente all'ascensore che non c'è che fa una bella concorrenza all'isola che non c'è di Peter Pan, e certamente  a quello di Pizzo Calabro, città dove perse la vita Murat, ma nonostante la distanza considerevole, unita a Gorizia, da questa illuminante opera moderna e colata di cemento color bianco che ha semplicemente distrutto esteticamente uno degli angoli più suggestivi del centro città. Insomma di tutto e di più, senza colore politico, ma non verranno certamente rimosse le responsabilità politiche di chi ha voluto, difeso e sostenuto certe e date opere, le amministrative non son mica il giorno del perdono, ma il giorno che dovrà, tramite il processo democratico del voto, sancire  se Gorizia dovrà, ad esempio, continuare a rimanere senza un punto nascita o meno. Decidere se Gorizia dovrà saldare i rapporti con Nova Gorica o chiudersi in un nuovo muro, decidere se l'ambiente è una roba con cui sciacquarsi la bocca per farsi belli innanzi allo specchio dell'autoreferenza o una cosa seria, decidere se la storia deve diventare occasione per far divenire Gorizia città europea o una piccola fortezza nazionalistica medievale, decidere se la cultura deve essere una cosa per tutti o elitaria, se l'accoglienza e la solidarietà devono essere una spina nel fianco o stimolo per il miglioramento dei diritti umani, decidere se deve essere una città di servizi, turistica, dello sport, o industrializzata, in una società dove sussiste un forte processo di deindustrializzazione, decidere  se la vera economia di Gorizia in primo luogo, deve essere la cultura, l'arte, il proprio patrimonio storico ed artistico, la conoscenza o la rincorsa a grandi e piccole opere utili per pochi, inutili per la collettività. I programmi sono fondamentali, ancor di più dei nomi chiamati a rappresentare ed unire determinati intenti politici. Sarà la coerenza a sancire il futuro immediato di Gorizia, potrà essere una coerenza nel nome del mantenimento dello status quo, o del cambiamento soft o radicale, questo spetterà ai goriziani deciderlo.
 
Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Se Babbo Natale ha ridimensionato San Nicolò

Ma è più sentito San Nicolò o Babbo Natale?

Questo è quanto mi domandavo notando tutta la serie di prodotti realizzati, i mercatini diffusi, le fiere e quant'altro si afferma in prossimità della notte tra il 5 e 6 dicembre. Così come mi domando, ma quanti conoscono la sua storia? Quanti sanno che tipo di santo protettore sarebbe?  Scommetto che le mani alzate sarebbero una manciata.  Ed a dirla tutta non interessa, interessa quel giorno solo scambiarsi qualche regalino, girovagare per le fiere, bere e mangiare.
San Nicolò, dicono, è un santo molto venerato in tutto il mondo, addirittura avrebbe carattere universale. Sarà. Ma in Italia ci sono su più di 8 mila Comuni solo una ventina di località, e qualche Comune, ad avere questo nome e sono poche le località dove viene festeggiato, soprattutto in alcune zone del Nord Est ed in Puglia.  Vi è chi dice che Babbo Natale altro non sia che praticamente il San Nicolò in chiave pienamente consumistica, che avrebbe tratto origine da qu…

Scuola: tra ponti ed elezioni in FVG nel 2018 una vacanza al mese

Le elezioni politiche saranno il 4 marzo, mentre in Friuli Venezia Giulia si dovrebbe votare per il rinnovo del Consiglio Regionale nei primi di maggio 2018.

Non male e non poteva andare meglio.

Dall'epifania fino alla fine dell'anno scolastico in Friuli Venezia Giulia praticamente ci sarà una mini vacanza al mese. Le vacanze di carnevale dal 12 al 14 febbraio, le vacanze di pasqua dal 29 marzo al 3 aprile, le elezioni politiche che interesseranno gran parte delle nostre scuole di marzo, poi il ponte di fine aprile per il primo maggio, e la settimana successiva la votazione per le regionali. Ovviamente tutti questi giorni verranno computati ai fini della validità dell'anno scolastico.
Marco Barone