Passa ai contenuti principali

Gorizia tra le grandi e piccole incompiute e la questione "dimenticata" della centrale a biomasse


Veniva richiesta una proroga per motivi burocratici per l’ottenimento degli incentivi per la produzione di energie rinnovabili e la Provincia di Gorizia, che ha dato il via libera alla centrale a biomasse, verificata la regolarità di detta richiesta autorizzava nel 2016 la Società Rail Services s.r.l. Impianto denominato “Rail Nord" di prorogare di anni 1 (uno) il termine di inizio dei lavori e dunque sino al 7 luglio 2017. Sembra essere calato uno strano silenzio verso questa combattuta centrale divenuta anche politicamente imbarazzante per una certa sinistra, se così si può dire e la si può chiamare. Si avvicinano le amministrative ed uno dei punti nodali, da affrontare politicamente e dal punto di vista programmatico, riguarderà anche la questione biomasse, e si dovrà capire anche come si muoveranno le varie "liste" in campo verso tale centrale, che sembra essere stata dimenticata, ma così non è sicuramente per i comitati che si son battuti contro tale struttura che dovrebbe sorgere a Gorizia e certamente, come è noto, in un luogo pienamente e totalmente non isolato, anzi. Gorizia con le piccole e grandi opere, in questo periodo, pare fare a cazzotti, pensiamo alla questione del piccolo aeroporto, alla questione Pipistrel ed ovviamente all'ascensore che non c'è che fa una bella concorrenza all'isola che non c'è di Peter Pan, e certamente  a quello di Pizzo Calabro, città dove perse la vita Murat, ma nonostante la distanza considerevole, unita a Gorizia, da questa illuminante opera moderna e colata di cemento color bianco che ha semplicemente distrutto esteticamente uno degli angoli più suggestivi del centro città. Insomma di tutto e di più, senza colore politico, ma non verranno certamente rimosse le responsabilità politiche di chi ha voluto, difeso e sostenuto certe e date opere, le amministrative non son mica il giorno del perdono, ma il giorno che dovrà, tramite il processo democratico del voto, sancire  se Gorizia dovrà, ad esempio, continuare a rimanere senza un punto nascita o meno. Decidere se Gorizia dovrà saldare i rapporti con Nova Gorica o chiudersi in un nuovo muro, decidere se l'ambiente è una roba con cui sciacquarsi la bocca per farsi belli innanzi allo specchio dell'autoreferenza o una cosa seria, decidere se la storia deve diventare occasione per far divenire Gorizia città europea o una piccola fortezza nazionalistica medievale, decidere se la cultura deve essere una cosa per tutti o elitaria, se l'accoglienza e la solidarietà devono essere una spina nel fianco o stimolo per il miglioramento dei diritti umani, decidere se deve essere una città di servizi, turistica, dello sport, o industrializzata, in una società dove sussiste un forte processo di deindustrializzazione, decidere  se la vera economia di Gorizia in primo luogo, deve essere la cultura, l'arte, il proprio patrimonio storico ed artistico, la conoscenza o la rincorsa a grandi e piccole opere utili per pochi, inutili per la collettività. I programmi sono fondamentali, ancor di più dei nomi chiamati a rappresentare ed unire determinati intenti politici. Sarà la coerenza a sancire il futuro immediato di Gorizia, potrà essere una coerenza nel nome del mantenimento dello status quo, o del cambiamento soft o radicale, questo spetterà ai goriziani deciderlo.
 
Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Ma se in Friuli Venezia Giulia si votasse per diventare Stato indipendente,cosa vincerebbe?

Se c'è una regione dove l'Italia ed il sentirsi italiano ha veramente preso poco, questa è certamente il Friuli Venezia Giulia. Non è l'unica in Italia, basta pensare alla Sardegna, al Trentino-Alto Adige, alla Sicilia, al Veneto, ma se si facesse qualche analisi più approfondita forse la maggior parte delle regioni italiane si sentono poco italiane. Il Friuli Venezia Giulia ha conseguito il suo stato di autonomia grazie al plurilinguismo, dal friulano, allo sloveno, al tedesco, e poi vi sono diversi dialetti, dal bisiaco, al triestino ecc. Una terra che nel corso della sua storia ha conosciuto diversi domini, diverse appartenenze, alcune profonde come quella con la Repubblica Veneta, o l'Impero Austroungarico, altre di passaggio e da un secolo oramai vi è l'Italia. Che si è presentata nei peggiori dei modi fin dall'origine, perchè il nome dell'Italia è coinciso con la fascistizzazione di questa area, con tutte le brutalità che ne sono conseguite, e sarà s…

Attraversando Pordenone (foto)

E' necessario produrre una filmografia sulla resistenza e realizzare musei sulla sua storia

I tempi son mutati ed è di fondamentale importanza, per non rischiare di essere sommersi dall'ignoranza, dal revisionismo storico, dall'indifferenza,  trasmettere i valori della resistenza anche attraverso strumenti e mezzi che ad oggi per ragioni a dire il vero incomprensibili sono stati poco utilizzati. Libertà, uguaglianza, fratellanza, pace, riscatto morale ed etico del nostro Paese, internazionalismo, diritti dei lavoratori, diritti delle donne, diritti civili, ovvero antinazifascismo. Concetti che quotidianamente vengono sistematicamente e metodicamente messi in discussione. E' vitale, per la memoria umana storica attivarsi in ogni ovunque per promuovere una filmografia sulla nostra resistenza, necessità che viene espressa non solo da storici, ma anche da scrittori, registi, e cittadini, nonché promuovere spazi museali affinché si possano raggiungere con maggiore facilità e coinvolgimento, anche emotivo e fisico, le nuove generazioni. Esistono musei di ogni tipo in …