Passa ai contenuti principali

Daspo urbano: una follia inapplicabile che rischia di minare anche la tradizione zoroastriana

Il 2016 si è chiuso con un numero dell'Espresso dove è stata pubblicata una inchiesta di Giovanni Tomasin con le bellissime foto di Pietro Masturzo, sugli zoroastriani, seguaci di Zarathustra minoranza religiosa riconosciuta dalla Repubblica islamica dell'Iran, assieme a cristiani ed ebrei.Tra le varie cose che più mi hanno colpito di questa inchiesta o meglio reportage  è una tradizione che continua a persistere in questa comunità, ovvero chi ha avuto un lutto recente segna la propria abitazione con vernice bianca, lasciando l'impronta della mano, "perchè il passante possa dedicargli una preghiera". Un gesto tanto simbolico quanto sostanziale, doloroso ma profondamente umano. Ora, come è noto nel nostro ex Bel Paese, vi è l'ossessione quasi compulsiva verso il decoro, il decoro urbano. Concetto che è talmente esteso, un contenitore così vasto,misterioso, pericoloso, che non può essere tipizzato, ogni realtà ci metterà del suo, lo caratterizzerà con delle proprie specificità, dunque non è detto che ciò che nella città di Trieste o Gorizia, ad esempio, possa essere considerato come lesivo del decoro, a Palermo o Catania venga considerato come lesivo del fantomatico decoro.Città che vai, decoro che troverai. Il rispetto del patrimonio culturale, storico, artistico del nostro Paese deve passare attraverso la scuola, l'istruzione, la cultura, ma nel Paese dove ci si è fermati alla terza media, dove regna la corruzione, dove i primi a violentare il patrimonio artistico e sociale sono i grandi poteri, con le grandi ed inutili speculazioni, la valvola di sfogo diventa il piccolo gesto di un "ribelle" metropolitano, che a colpi di bomboletta o pennarello ha deciso di sfogare il proprio disagio su un qualche muro cittadino, e divenne, dunque il delinquente assoluto da arrestare. Può essere sopportata la corruzione, può essere tollerata la mafia, ma la scritta sul muro, no. No se pol. Delinquente da reprimere, arrestare, espellere. E verrai espulso, come un tifoso violento fino a 12 mesi, e dove andrai a vivere, non è dato sapere. Diventerai vagabondo metropolitano nel Paese della corruzione. Stesso discorso per chi eserciterà il commercio abusivo, chi farà accattonaggio molesto. Si può accettare lo sfruttamento sul lavoro, anche minorile, si può accettare di tutto, ma non chi turba il senso sociale del decoro. No se pol. Espulso. Un provvedimento quello del daspo urbano tanto folle e reazionario, quanto ridicolo perchè inapplicabile, ma altamente pericoloso perchè si inserisce all'interno di un contesto che vuole ordine e disciplina, due paroline che dovrebbero ricordar qualcosa all'Italia dolosamente smemorata. E ritornando alla premessa, devono iniziar a tremare anche gli zoroastriani per la loro tradizione? No, perchè rischiamo di essere d'ispirazione per l'Iran, e non vorrei avere sulla coscienza da democratico occidentale la fine della loro tradizione dell'impronta con la vernice bianca della propria mano lì ove si vive un lutto perchè compromette il decoro.
Marco Barone 

Commenti

Post popolari in questo blog

Per la prima volta nella storia di Ronchi arriva l'antimafia

No, nessun effetto  cinematografico. Niente sirene spiegate, palette fuori dall'auto in corsa. Niente poliziotti con il passamontagna. Ma in una regione come il Friuli Venezia Giulia non più isola felice, ma presa di mira dalla camorra e dalla 'ndrangheta in particolar modo ,quando si realizzano cantieri ed opere di una certa rilevanza bisogna metterlo in conto. Cosa? L'accesso del gruppo interforze che ha la scopo di intervenire per prevenire infiltrazioni mafiose nei pubblici appalti. 
Il prefetto dispone accessi ed accertamenti nei cantieri delle imprese interessate all'esecuzione di lavori pubblici, avvalendosi, a tal fine, dei gruppi interforze  ed al termine degli accessi ed accertamenti disposti dal prefetto, il gruppo interforze redige, entro trenta giorni, la relazione contenente i dati e le informazioni acquisite nello svolgimento dell'attività ispettiva, trasmettendola al prefetto che ha disposto l'accesso. Il prefetto,  una volta acquisita la relaz…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Koper o Capodistria?Fiume o Rijeka?Merna o Miren?Londra o London? Trieste e Trst?

Esistono diversi processi di italianizzazione, i più noti sono quelli figli dell'abitudine, figli di quel modo di fare che hanno trasformato London in Londra, Berlin in Berlino, Barcelona in Barcellona, Marseille in Marsiglia ecc. Si dirà che è semplice traduzione. Fattore tipico di tutte le lingue. Poi vi sono luoghi che sono stati soggetti all'italianizzazione forzata tramite la nota opera nazionalfascista e di esempi ve ne sono a bizzeffe, se ne perde il conto, sia in Italia che in Slovenia che in Croazia che ovunque l'Italia abbia operato in tal modo.
Ad esempio Redipuglia  ha storpiato lo sloveno Sredipolje. In altri casi si utilizza l'italianizzazione per rispetto anche della comunità italiana che vi abita, non chiamare quei luoghi con il loro nome italiano significherebbe negare l'esistenza della comunità italiana, almeno per gli italiani autoctoni del luogo è così, pensiamo Capodistria il cui nome in sloveno è Koper, o Rijeka diventata Fiume. Italianizzazi…