Passa ai contenuti principali

Una ridicola petizione per chiedere la revisione dei confini ed il passaggio dell'Istria all'Italia


E' sempre interessante seguire cosa gli italianissimi ogni tanto propongono in rete e non solo in rete. Non accettano la storia, non accettano la sconfitta, non accettano il disastro che ha compiuto l'Italia, perchè se l'Istria non appartiene più all'Italia, essendo stata italiana per un periodo inferiore all'età del Cristo, è solo per le politiche da pulizia etnica, razziste, e crimini di ogni tipo che sono stati compiuti usurpando il nome dell'Italia e con la mano nera e puzzolente del fascismo. 
Una petizione che avrebbe lo scopo di raggiungere 50 mila firme, ma che in diversi mesi ha raccolto solo 170 firme, con diversi commenti, e tutti verso una sola direzione, far ritornare l'Istria all'Italia. Cosa che la minoranza italiana presente in Istria probabilmente non vorrebbe mica, visti i diversi diritti di cui gode, anche se a dire il vero, ultimamente si devono registrare tentativi di indebolimento, attraverso tagli mirati di risorse che colpiscono la minoranza autoctona italiana presente in Istria. Si può parlare complessivamente di circa 25 mila italiani.  E cosa scrivono gli italianissimi in questa fantomatica e ridicola petizione?  Riporto il testo così come è scritto, in caratteri cubitali, tipico stile da urlatore italianissimo, e con alcuni errori di battitura e di scrittura agghiaccianti per essere una petizione di un certo rilievo. Ma se teniamo conto che la maggioranza degli italiani si è fermata alla terza media e che la maggior parte degli italianissimi non sono neanche da terza media, forse in via generale il ripetersi di alcuni errori è comprensibile. La cultura è una cosa seria, e da pochi, purtroppo. Serietà pari a zero, ma come prendere sul serio una simile roba?
Ecco il testo:
"CON LA CADUTA DELLA REPUBBLICA YUGOSLAVA, E' DI FATTO ANNULLATO IL TRATTATO DI OSIMO. CHIEDIAMO CHE SI APRA UN TAVOLO INTERNAZIONE DI REVISIONE PUNTUALE DEL CONFINE ITALIA-SLOVENIA-CROAZIA, BASATO ANCHE SU REFERENDUM COMUNALI DI VOLONTA' A MAGGIORNAZA POPOLARE. QUESTO NON E' DETTO  CHE COMPORTI UN REFERENDUM DI RIANNESSIONE DELL'ISTRIA MA PUO' RIVELARSI UNA MIGLIORE DEFINIZIONE DEI CONFINI NATURALI E POPOLARI PER UNA MIGLIORE GESTIONE DEL TERRITORIO"

Forse non si rendono conto che quello che scrivono è fantascienza ufologica, e che potrebbe anche ritornargli contro. Perché qualcuno potrebbe usare il tutto per chiedere sì la revisione dei confini, ma a discapito dell'Italia, ad esempio, pensiamo alla questione di Gorizia o Trieste... 

Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Il Confine una fiction da no comment e quella mescolanza tra Udine e Trieste e Gorizia

Fiction significa finzione, nella cinematografia e in televisione, come evidenzia la Treccani, è il genere di film a soggetto, che si contrappone per es. a quello dei documentarî e, negli sceneggiati televisivi, quello che si basa su intrecci romanzati.

Eppure la fiction il Confine che avrebbe avuto una media di poco superiore a 3 milioni di spettatori ambientata soprattutto in FVG sembrava, per i colori, per la regia, per i dialoghi, le musiche e l'ambientazione complessiva una fiction pseudo documentaria alla Piero o Alberto Angela che altro.

Ma non era questo l'intento. Una storia profondamente banale, dal finale scontato e altrettanto banale, che non è riuscita a trasmettere la complessità della guerra, l'atrocità della stessa,  la sensazione che si è avuta è che l'approccio sia stato più da soap opera spagnola, ma che per una parte del pubblico pare essere stata apprezzata. Forse è meglio un no comment. D'altronde la qualità della nostra televisione non par…

Cent'anni d'Italia in FVG non fanno rima con bellezza

E sono cento. Ancora un niente rispetto all'esperienza asburgica e via scivolando in quel passato che ha connotato questa fetta d'Europa. Cent'anni d'Italia son bastati per stravolgere la fisionomia di questo territorio, stravolgere le identità culturali, linguistiche. Con l'avvento dell'Italia qui si ricorda più ciò che è stato distrutto, compromesso che ciò che è stato costruito, edificato, in segno propositivo. Andando a guardare le questione delle opere, la bellezza dei luoghi che vogliono Trieste come la piccola Vienna d'Italia, Gorizia come la Nizza d'Austria e Udine in armonia con l'eleganza di un tempo che non esiste più, in quella nostalgia diventata poesia ma anche pericolosa illusione è dovuta esclusivamente a quel passato che con l'avvento del Regno d'Italia è stato effettivamente annientato. Se pensi all'Italia a quali opere pensi? Al faro della Vittoria? Alla scalinata di cemento che ha conquistato il Carso di Redipuglia, …