Passa ai contenuti principali

Se nei Balcani soffia ancora una gelida aria di guerra





Il binomio, Serbia e guerra, è drammatico, e ciò emerge bene nell'immenso museo della guerra presente a Belgrado che evidenzia tutte le guerre che ha dovuto affrontare e subire questo Paese. Belgrado durante i 7000 anni della sua storia, ha conosciuto 115 guerre, e la città venne distrutta ben 44 volte. Ancora oggi uno dei segni più visibili sono gli effetti delle bombe della NATO, ben visibili nel centro di Belgrado. La Serbia ultimamente pare voler stare con un piede in due scarpe, si arma con mezzi "rottamati" dalla Russia, ma dialoga con l'Europa, perchè una parte dei serbi vorrebbero entrare in Europa. Come  è stato ricordato più volte i Balcani hanno ritrovato l'unità, in questo periodo, attraverso i reticolati, i muri anti-migranti. Ma quel recintarsi, verso una rotta disastrata, potrebbe anche significare altro. Il tutelare, anche in modo goffo e ridicolo, il proprio nazionalismo. Nel momento in cui si accelera il processo di pace tra Israele e Palestina, nonostante continui tentativi di destabilizzazione, rischia di esplodere una gelida guerra nei Balcani, e pare di capire che ogni scusante e provocazione sia buona per tal miserabile fine. La causa è sempre quella che abbiamo tremendamente conosciuto dalla dissoluzione della Jugoslavia. E la responsabilità dell'Europa è enorme. L'Europa dovrebbe intervenire, subito, ma chi sarebbe e cosa sarebbe l'Europa? Una guerra nell'area balcanica sarebbe la giusta mina che potrebbe far saltare in aria l'Europa. I segnali di tensione sono sempre vari, tra Croazia e Serbia, tra Slovenia e Croazia, tra Kosovo e Serbia. Ad aprile 2016 il Kosovo, per la prima volta vietava l'ingresso nel suo Paese a due ministri serbi, quello alla difesa ed all'interno. Precedentemente tali restrizioni riguardavano un leader politico serbo, ed il capo di Stato Maggiore. Ciò come atto di protesta per il presunto occultamento di documentazione per la ricerca di crimini di guerra. Qualche mese dopo la Serbia propone un treno ultra-nazionalista con lo slogan «il Kosovo è serbo», ripetuto in 21 lingue, incluso l’albanese. Treno fermato all'ultimo momento, ma il danno è stato volutamente compiuto. Sono provocazioni studiate e predeterminate, altrimenti a cosa servirebbe il riarmo? Quando si pensa ai treni, viene sempre in mente la tragedia che ha colpito il  treno 393, in quel maledetto 12 aprile del 1999, che viaggiava in direzione di Skopje. Colpito dai missili della NATO  sul ponte e Bistrička nella zona nota come gola di Grdelica. Una gola che divorerà non si sa ancora oggi quante vittime. I treni son nati per unire, ma l'uomo, con la sua mente diabolica, li sta trasformando in mezzi per dividere. Basta un treno ultra-nazionalista per scatenare un conflitto? Sì. E ciò accade perchè l'Europa è nella sua massima debolezza storica. Lasciare che queste provocazioni possano continuare rimanendo solo da spettatori esterni, significherà non aver voluto fermare ciò che pare essere inevitabile. L'inferno sta arrivando.

Marco Barone 

Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Se Babbo Natale ha ridimensionato San Nicolò

Ma è più sentito San Nicolò o Babbo Natale?

Questo è quanto mi domandavo notando tutta la serie di prodotti realizzati, i mercatini diffusi, le fiere e quant'altro si afferma in prossimità della notte tra il 5 e 6 dicembre. Così come mi domando, ma quanti conoscono la sua storia? Quanti sanno che tipo di santo protettore sarebbe?  Scommetto che le mani alzate sarebbero una manciata.  Ed a dirla tutta non interessa, interessa quel giorno solo scambiarsi qualche regalino, girovagare per le fiere, bere e mangiare.
San Nicolò, dicono, è un santo molto venerato in tutto il mondo, addirittura avrebbe carattere universale. Sarà. Ma in Italia ci sono su più di 8 mila Comuni solo una ventina di località, e qualche Comune, ad avere questo nome e sono poche le località dove viene festeggiato, soprattutto in alcune zone del Nord Est ed in Puglia.  Vi è chi dice che Babbo Natale altro non sia che praticamente il San Nicolò in chiave pienamente consumistica, che avrebbe tratto origine da qu…

Scuola: tra ponti ed elezioni in FVG nel 2018 una vacanza al mese

Le elezioni politiche saranno il 4 marzo, mentre in Friuli Venezia Giulia si dovrebbe votare per il rinnovo del Consiglio Regionale nei primi di maggio 2018.

Non male e non poteva andare meglio.

Dall'epifania fino alla fine dell'anno scolastico in Friuli Venezia Giulia praticamente ci sarà una mini vacanza al mese. Le vacanze di carnevale dal 12 al 14 febbraio, le vacanze di pasqua dal 29 marzo al 3 aprile, le elezioni politiche che interesseranno gran parte delle nostre scuole di marzo, poi il ponte di fine aprile per il primo maggio, e la settimana successiva la votazione per le regionali. Ovviamente tutti questi giorni verranno computati ai fini della validità dell'anno scolastico.
Marco Barone