Passa ai contenuti principali

L'Isonzo blindato per la questione migranti. Se la Regione viene in soccorso del Comune di Gorizia

Il Papa Pio XI una volta disse "A pensar male del prossimo si fa peccato ma si indovina", frase che poi venne fatta propria dal noto Andreotti. Ecco, sorgono alcuni sospetti, diciamo così, sia sul tempismo, sia sulla risposta che la Regione del FVG vorrebbe dare al Comune di Gorizia in merito alla questione della presenza di alcuni migranti che continuerebbero a frequentare le rive dell'Isonzo. L'Isonzo è il fiume con il colori più belli del mondo, dicono. Ed è vero. Ma questa bellezza non può essere per tutti. Son mesi e mesi, se non anni, che si è denunciata l'assoluta necessità di provvedere alla dovuta informazione e formazione nei confronti dei migranti sulla pericolosità di quel meraviglioso fiume.Vi sono sono state già due vittime, anche se sono da valutare diversamente. Sicuramente la morte di Taimur è quella che ancora oggi fa incazzare di più, perchè poteva essere evitata? Nell'attesa che la Magistratura dia una risposta anche a questa domanda, in relazione al noto esposto, complesso, che affronta diversi punti, l'esito di una eventuale richiesta di rinvio a giudizio nei confronti di qualche o più soggetto individuato come responsabile od archiviazione dovrebbe essere questione di settimane, salvo rinvii. Quello che si è denunciato pubblicamente, in merito alla brutta vicenda che ha interessato il ragazzo di 25 anni, Taimur, è che era ben nota la situazione, era ben noto il luogo ove i profughi, richiedenti asilo, migranti si recavano nei pressi dell'Isonzo. Fiume che è altamente pericoloso per le sue correnti, per le possibili ed improvvise ondate di piena. Non risultava allora l'adozione di alcun provvedimento informativo o dissuasivo nei confronti dei richiedenti asilo, per avvisarli sulla pericolosità di quel fiume, che può essere anche nota ai goriziani, ma difficilmente può essere nota a chi non conosce la particolarità di questo fiume.  Dopo la "cazzata" palliativa ed anche orrenda dal punto di vista estetico, che avrebbe fatto concorrenza alla demenza politica che ha trovato corpo in Slovenia, Croazia, Austria, Ungheria, in materia di muri, reticolati, anti-migranti, adesso si propone l'intervento della forestale che come è noto è un corpo ora assimilato dai Carabinieri. E tra le cose che hanno colpito di più, tra le dichiarazioni emerse è che sarebbe stato riconosciuto, dalla Regione, di essere proprietaria parzialmente dell'area oggetto della "contesa". Certo, politicamente i rapporti tra Regione e Comune di Gorizia ultimamente non sono "ostili" basta pensare alla questione delle UTI. Ma come interpretare questa risposta della Regione? Un soccorso, parziale, che risponde a quanto denunciato? Una assunzione di responsabilità per quanto accaduto? Un soccorso, comunque tardivo, perchè Taimur non c'è più. Il tempo risponderà. Quello che è certo è che ci si deve chiedere perchè i migranti continuano a svolgere determinate attività nei pressi del fiume? Sostituire l'assurdità del recinto con il corpo ed il lavoro della forestale, sarà certamente "utile" per ostacolare la realizzazione di determinate attività pericolose ed improprie, purché questo non significhi complessivamente vietare le rive dell'Isonzo ai migranti, quello che serve è informazione e prevenzione, poi ognuno sarà responsabile delle proprie azioni, non si può pretendere di blindare ogni cosa, ogni situazione. Sarebbe ingiusto, ed anche pericoloso per la condivisione del bene comune.

Marco Barone

 

Commenti

Post popolari in questo blog

Ogni estate il solito tormentone, docenti con due mesi di vacanza,ma è falso

Ogni estate il solito tormentone, e questo tormentone diventa una vera e propria ossessione contro una delle categorie lavorative che meriterebbero maggior rispetto e tutela in Italia, ma che a dirla tutta viene continuamente ridicolizzata. Parlo del corpo docente della scuola pubblica italiana.

I problemi della scuola italiana sono noti e la famigerata Legge 107 del 2015, nota come "buona scuola" ma diventata di dominio pubblico come cattiva scuola altro non ha fatto che peggiorare la situazione.  Una legge che ha registrato uno degli scioperi più importanti mai realizzati in Italia in tale comparto, una legge scritta contro la comunità scolastica, una legge che ha determinato un mero incremento pazzesco dei contenziosi in tutte le sedi. 

Il personale scolastico, nel suo complesso, è quello più corposo dell'intera Pubblica Amministrazione, con delle responsabilità sociali fondamentali per la nostra società. Un personale che vede il contratto fermo da dieci anni, con st…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Continuano i rapporti culturali ed economici con l'Egitto, affari aumentati del 30%,"rapporti bilaterali intensi"

Sul sito dell'Ambasciata italiana in Egitto si legge che "i rapporti bilaterali tra Italia ed Egitto sono intensi e spaziano dalla cooperazione politica (incontri, missioni, visite di stato, riunioni internazionali, ecc.), a quella economico-commerciale, dalla promozione della lingua e della cultura italiana, alle politiche di sostegno allo sviluppo e alla collaborazione nel campo della ricerca e della scienza."  Anche se come è noto a aprile 2016, in merito al tremendo caso di Giulio Regeni, la cui verità latita per i motivi ben noti ,veniva pubblicato sul sito dell'Ambasciata questo comunicato  " Il Ministro degli Affari Esteri, Paolo Gentiloni, ha disposto il richiamo a Roma per consultazioni dell'Ambasciatore al Cairo Maurizio Massari. La decisione fa seguito agli sviluppi delle indagini sul caso Regeni e in particolare alle riunioni svoltesi a Roma ieri e oggi tra i team investigativi italiano ed egiziano. In base a tali sviluppi si rende necessaria u…