Passa ai contenuti principali

L'Isonzo blindato per la questione migranti. Se la Regione viene in soccorso del Comune di Gorizia

Il Papa Pio XI una volta disse "A pensar male del prossimo si fa peccato ma si indovina", frase che poi venne fatta propria dal noto Andreotti. Ecco, sorgono alcuni sospetti, diciamo così, sia sul tempismo, sia sulla risposta che la Regione del FVG vorrebbe dare al Comune di Gorizia in merito alla questione della presenza di alcuni migranti che continuerebbero a frequentare le rive dell'Isonzo. L'Isonzo è il fiume con il colori più belli del mondo, dicono. Ed è vero. Ma questa bellezza non può essere per tutti. Son mesi e mesi, se non anni, che si è denunciata l'assoluta necessità di provvedere alla dovuta informazione e formazione nei confronti dei migranti sulla pericolosità di quel meraviglioso fiume.Vi sono sono state già due vittime, anche se sono da valutare diversamente. Sicuramente la morte di Taimur è quella che ancora oggi fa incazzare di più, perchè poteva essere evitata? Nell'attesa che la Magistratura dia una risposta anche a questa domanda, in relazione al noto esposto, complesso, che affronta diversi punti, l'esito di una eventuale richiesta di rinvio a giudizio nei confronti di qualche o più soggetto individuato come responsabile od archiviazione dovrebbe essere questione di settimane, salvo rinvii. Quello che si è denunciato pubblicamente, in merito alla brutta vicenda che ha interessato il ragazzo di 25 anni, Taimur, è che era ben nota la situazione, era ben noto il luogo ove i profughi, richiedenti asilo, migranti si recavano nei pressi dell'Isonzo. Fiume che è altamente pericoloso per le sue correnti, per le possibili ed improvvise ondate di piena. Non risultava allora l'adozione di alcun provvedimento informativo o dissuasivo nei confronti dei richiedenti asilo, per avvisarli sulla pericolosità di quel fiume, che può essere anche nota ai goriziani, ma difficilmente può essere nota a chi non conosce la particolarità di questo fiume.  Dopo la "cazzata" palliativa ed anche orrenda dal punto di vista estetico, che avrebbe fatto concorrenza alla demenza politica che ha trovato corpo in Slovenia, Croazia, Austria, Ungheria, in materia di muri, reticolati, anti-migranti, adesso si propone l'intervento della forestale che come è noto è un corpo ora assimilato dai Carabinieri. E tra le cose che hanno colpito di più, tra le dichiarazioni emerse è che sarebbe stato riconosciuto, dalla Regione, di essere proprietaria parzialmente dell'area oggetto della "contesa". Certo, politicamente i rapporti tra Regione e Comune di Gorizia ultimamente non sono "ostili" basta pensare alla questione delle UTI. Ma come interpretare questa risposta della Regione? Un soccorso, parziale, che risponde a quanto denunciato? Una assunzione di responsabilità per quanto accaduto? Un soccorso, comunque tardivo, perchè Taimur non c'è più. Il tempo risponderà. Quello che è certo è che ci si deve chiedere perchè i migranti continuano a svolgere determinate attività nei pressi del fiume? Sostituire l'assurdità del recinto con il corpo ed il lavoro della forestale, sarà certamente "utile" per ostacolare la realizzazione di determinate attività pericolose ed improprie, purché questo non significhi complessivamente vietare le rive dell'Isonzo ai migranti, quello che serve è informazione e prevenzione, poi ognuno sarà responsabile delle proprie azioni, non si può pretendere di blindare ogni cosa, ogni situazione. Sarebbe ingiusto, ed anche pericoloso per la condivisione del bene comune.

Marco Barone

 

Commenti

Post popolari in questo blog

Regionali FVG 2018 se a qualcuno interessano i programmi...

Si voterà in prossimità del ponte, una grande pensata che altro non farà che favorire già quello che si sa che sarà, una partecipazione al voto calante,e chiunque vincerà non vincerà tanto per il suo programma elettorale innovativo o superlativo, profondo o leggero o geniale che questo sia. I programmi oramai trovano il tempo che trovano ci puoi mettere di tutto e di più. Da chi parlerà di TAV a chi parlerà di tutela dell'identità friulana o slovena a chi di zone agevolate interesserà poco alla maggior parte dei cittadini. Perchè ragioneranno sulla base di quello che hanno vissuto, un vissuto che è fatto di esperienze, di questioni concrete. E soprattutto di un rigurgito chiaro e netto nei confronti di un certo modo di fare e concepire la politica ed il bene comune sempre più degradato e sacrificato all'altare dell'austerità e della globalizzazione selvaggia che ha favorito il ritorno di nazionalismi anacronistici e ucciso identità e specificità che meritavano tutela. Ogn…

L'Italia e l'alleanza con gli USA, una scelta di campo?

Così Gentiloni sulla questione Siria: voglio solo dire, in conclusione, che l'Italia non è un Paese neutrale, non è un Paese che sceglie di volta in volta, di fronte a questa o a quella crisi, se schierarsi con l'Alleanza atlantica o schierarsi da un'altra parte. Noi siamo coerentemente, da più di sessant'anni, partner fondamentali dell'Alleanza atlantica e alleati degli Stati Uniti. Siamo alleati dell'America, voglio dire: non è un problema di rapporti con questo o quel presidente americano. Siamo stati alleati dell'America con Kennedy e con Nixon, con Clinton e con Reagan, con Bush e con Obama e lo abbiamo fatto perché - lo dico senza infingimenti - è una scelta di campo. È una scelta di campo. È una scelta di campo che deriva certamente dal fatto che l'America, insieme agli alleati, ci ha liberato dal nazifascismo e che certamente deriva dai nostri interessi di difesa e di sicurezza del Paese, ma non è solo questo. È una scelta di campo che deriva da…

Salvare le scritte storiche sui muri delle nostre città dei tempi della guerra. Rischiano l'estinzione

Il Friuli Venezia Giulia è una polveriera storica impressionante. Anche se la storia che ovviamente si racconta di più e che ha sancito le sorti di quel presente che viviamo è quella del '900. Terra martoriata da due catastrofi mondiali e che ha rischiato, per la nota causa di Trieste, di scatenare anche la terza. Ci sono diverse testimonianze storiche di quel tempo, soprattutto della seconda guerra mondiale e delle fasi successive alla liberazione dal nazifascismo che caratterizzeranno le sorti di Trieste e dell'Isontino per diversi anni. Ad esempio si possono ancora oggi leggere in alcune località, come Monfalcone, Ronchi, delle scritte che inneggiano alla Jugoslavia, alla settima Repubblica Federativa Jugoslava. In rosso.
Sopravvissute al tempo, alla storia, alla memoria. Anche se a dire il vero ne sono rimaste solo una manciata e difficilmente leggibili. Ma anche per Trieste ci saranno testimonianze del genere come nelle località sicuramente interessate da questa contor…