Passa ai contenuti principali

L'Isonzo blindato per la questione migranti. Se la Regione viene in soccorso del Comune di Gorizia

Il Papa Pio XI una volta disse "A pensar male del prossimo si fa peccato ma si indovina", frase che poi venne fatta propria dal noto Andreotti. Ecco, sorgono alcuni sospetti, diciamo così, sia sul tempismo, sia sulla risposta che la Regione del FVG vorrebbe dare al Comune di Gorizia in merito alla questione della presenza di alcuni migranti che continuerebbero a frequentare le rive dell'Isonzo. L'Isonzo è il fiume con il colori più belli del mondo, dicono. Ed è vero. Ma questa bellezza non può essere per tutti. Son mesi e mesi, se non anni, che si è denunciata l'assoluta necessità di provvedere alla dovuta informazione e formazione nei confronti dei migranti sulla pericolosità di quel meraviglioso fiume.Vi sono sono state già due vittime, anche se sono da valutare diversamente. Sicuramente la morte di Taimur è quella che ancora oggi fa incazzare di più, perchè poteva essere evitata? Nell'attesa che la Magistratura dia una risposta anche a questa domanda, in relazione al noto esposto, complesso, che affronta diversi punti, l'esito di una eventuale richiesta di rinvio a giudizio nei confronti di qualche o più soggetto individuato come responsabile od archiviazione dovrebbe essere questione di settimane, salvo rinvii. Quello che si è denunciato pubblicamente, in merito alla brutta vicenda che ha interessato il ragazzo di 25 anni, Taimur, è che era ben nota la situazione, era ben noto il luogo ove i profughi, richiedenti asilo, migranti si recavano nei pressi dell'Isonzo. Fiume che è altamente pericoloso per le sue correnti, per le possibili ed improvvise ondate di piena. Non risultava allora l'adozione di alcun provvedimento informativo o dissuasivo nei confronti dei richiedenti asilo, per avvisarli sulla pericolosità di quel fiume, che può essere anche nota ai goriziani, ma difficilmente può essere nota a chi non conosce la particolarità di questo fiume.  Dopo la "cazzata" palliativa ed anche orrenda dal punto di vista estetico, che avrebbe fatto concorrenza alla demenza politica che ha trovato corpo in Slovenia, Croazia, Austria, Ungheria, in materia di muri, reticolati, anti-migranti, adesso si propone l'intervento della forestale che come è noto è un corpo ora assimilato dai Carabinieri. E tra le cose che hanno colpito di più, tra le dichiarazioni emerse è che sarebbe stato riconosciuto, dalla Regione, di essere proprietaria parzialmente dell'area oggetto della "contesa". Certo, politicamente i rapporti tra Regione e Comune di Gorizia ultimamente non sono "ostili" basta pensare alla questione delle UTI. Ma come interpretare questa risposta della Regione? Un soccorso, parziale, che risponde a quanto denunciato? Una assunzione di responsabilità per quanto accaduto? Un soccorso, comunque tardivo, perchè Taimur non c'è più. Il tempo risponderà. Quello che è certo è che ci si deve chiedere perchè i migranti continuano a svolgere determinate attività nei pressi del fiume? Sostituire l'assurdità del recinto con il corpo ed il lavoro della forestale, sarà certamente "utile" per ostacolare la realizzazione di determinate attività pericolose ed improprie, purché questo non significhi complessivamente vietare le rive dell'Isonzo ai migranti, quello che serve è informazione e prevenzione, poi ognuno sarà responsabile delle proprie azioni, non si può pretendere di blindare ogni cosa, ogni situazione. Sarebbe ingiusto, ed anche pericoloso per la condivisione del bene comune.

Marco Barone

 

Commenti

Post popolari in questo blog

Celebrazione di D'Annunzio e Fiume, risponde l'Ambasciata croata: Basta celebrazioni ci attiveremo

Il cinque settembre, come è noto, avevo scritto una lettera all'Ambasciata della Repubblica di Croazia con sede in Roma in merito a quanto puntualmente ogni anno avviene in Monfalcone. Si celebra l'occupazione militare di Fiume ed un poeta razzista nei confronti dei croati quale D'Annunzio. Mi ero sempre chiesto ma perchè la Repubblica di Croazia tace? Probabilmente perchè non era a conoscenza di quanto accade in Italia? Per tagliare la testa al toro ho scritto la lettera di cui in premessa e mi ha risposto gentilmente ed in tempi anche rapidi il Ministro Plenipotenziario dell'Ambasciata della Repubblica di Croazia Mladenka Šarac-Rončević.


Questo il testo della sua risposta, come si potrà vedere chiaro, conciso:


"Ringraziamo della Sua mail del 5 settembre 2017. Condividiamo la Sua opinione che simili anniversari danneggiano l'atmosfera dei rapporti amichevoli tra i nostri due paesi e che celebrarli incita sentimenti nazionalistici. L'Ambasciata della …

Quel razzismo verso gli slavi mai sparito, saranno le nuove generazioni a demolirlo

Agli italiani piace andare in Croazia a farsi le vacanze. E non è difficile sentir dire questo una volta era "nostro" pensando magari a Lussino, a Pola, a Fiume. O attraversando la costa slovena. Era nostro. Un nostro che si è rivelato un mostro, un mostro che ha partorito e determinato violenze inaudite, impunite. Crimini come quelli compiuti dai nazisti che hanno avuto in diversi casi giusti processi, in Italia mai considerati come crimini, ma presunti, e mai processati. Anzi, sono stati riabilitati i "presunti criminali". In Italia si è verificata l'epurazione al contrario. Sono stati i partigiani ad essere stati espulsi ad esempio dalle forze di polizia, ad essere processati ed incarcerati non i fascisti, almeno quelli che contavano che hanno continuato ad occupare posti chiave nell'Italia repubblicana il cui unisco scopo era colpire il comunismo e per colpire il comunismo il passato divenne un frullato indigesto gettato nel cesso dell'ingiustizia.…

A Pordenone il 14 ottobre manifestazione regionale antifascista

L'ultima grande manifestazione antifascista regionale che si è svolta in Friuli Venezia Giulia è stata in occasione del centenario dell'entrata in guerra dell'Italia. A causa delle celebrazioni dei casapoundisti che avevano puntato su Gorizia per una iniziativa nazionale rivelatasi poi un flop visti i numeri, e vista l'imponente risposta del movimento antifascista del FVG.  Nel corso del tempo il neofascismo e l'estremismo nazionalista, "identitario" ed il razzismo sono dilagati ovunque anche in Friuli Venezia Giulia. Non a livello allarmante, certo, però è innegabile che la situazione sociale e politica favorisce l'affermazione delle peggiori nefandezze delle peggiori "soluzioni" politiche. La banalità del male è questa. Ed anche il FVG non è immune da tutto ciò. Anzi, come la storia ha insegnato è sempre nei luoghi di confine, nelle estremità che si realizzano prima che altrove certi e dati fenomeni "identitari" e razzisti. Il F…