Passa ai contenuti principali

La Slovenia, anche se non esiste alcuna emergenza, si prepara ad usare il pugno duro contro i migranti


Sul sito Osservatorio balcani e caucaso Stefano Lusa denuncia senza mezzi termini che in Slovenia 
La polizia potrà vietare l’ingresso nel paese agli stranieri e rispedirli da dove sono arrivati anche nel caso siano intenzionati a chiedere asilo
Insomma, la Slovenia, che si è chiusa in passato con un reticolato, pericoloso ma ridicolo, poi, in parte modellato per renderlo più "attraente" dal punto di vista estetico, si prepara ad usare il pugno duro contro i migranti, pur non esistendo alcuna emergenza in tal senso. Si parla neanche di migliaia ma di centinaia di migranti, tra richiedenti asilo e non, presenti in questo giovane Stato. Se si pensa che il confinante Friuli Venezia Giulia ne ospita, pur con le problematicità del caso, migliaia, che dire?  Il tutto mentre nei Balcani si riscalda sempre di più l'aria, terra da sempre caratterizzata da guerre nazionalistiche tremende, che solo con la Jugoslavia di Tito, in un certo senso, sono finite, e dopo la morte di Tito, come è noto, si è frantumata quella convivenza, passando da guerre violentissime, che rischiano di tornare. Non si rimane indifferenti al riarmo della Serbia, ed alle tensioni che sussistono con la Croazia, ma sono anche altri i fronti tesi. I Migranti, imprigionati per lungo tempo dalla fantomatica rotta balcanica, che ha fatto tremare, a causa di campagne mediatiche insensate anche l'Italia, che non è stata minimamente sfiorata da una via che difficilmente si riaprirà, ora vivono, la problematica del gelo, del freddo, che in questi giorni si accanisce nell'Est Europa determinando l'ennesima emergenza umanitaria.

Stefano Lusa afferma, in merito alle nuove intenzioni di un sistema repressivo "gentile" che vorrebbe adottare la Slovenia che
La norma verrebbe attivata solo qualora le migrazioni minacciassero l’ordine pubblico e la sicurezza dello stato. Il provvedimento avrebbe una durata di sei mesi (con possibilità di proroga) e per metterlo in atto si dovrà raccogliere, di volta in volta, una maggioranza di due terzi in parlamento, mentre per cancellarlo basterà quella semplice. In pratica una sorta di stato d’emergenza che la camera potrà proclamare su proposta del governo nel caso si dovesse riaprire la rotta balcanica o se la pressione dei migranti dovesse diventare troppo alta.
Dunque ancora una volta si risponde ad una questione umanitaria, con soluzioni di ordine pubblico, di sicurezza pubblica. E' da segnalare, come si riporta nel sito dell'Osservatorio anche che

le organizzazioni umanitarie, intanto, hanno parlato di diritti umani dei profughi non rispettati, di assenza di strumenti per opporsi al libero arbitrio della polizia, nonché di un provvedimento che respinge in massa alle frontiere i migranti. L’ufficio del tutore dei diritti dell’uomo ha detto chiaramente di non essere stato consultato in fase di stesura della legge e ha annunciato che se ci saranno violazioni dei diritti dei migranti è intenzionato ad intervenire. Scontato che la legge finisca al vaglio della Corte costituzionale.
Insomma, la via ungherese continua a fare scuola, mandando al macero ogni minima idea, oggi utopistica, di Mitteleuropa.

Marco Barone 

Commenti

Post popolari in questo blog

Quattro studentesse dell'Università di Padova in Egitto per una tesi. Era proprio indispensabile?

Circola in rete la notizia che  quattro ragazze Unipd vanno  “alla conquista” dell’Egitto, per lavorare alla loro tesi di laurea e frequentano il corso di Progettazione e gestione del turismo culturale, Dipartimento di Beni Culturali dell'Università di Padova. Si legge  con grande enfasi che  "La loro tesi si è concentrata sulla riprogettazione e sul riallestimento della Sala dei Cimeli nel Sacrario militare italiano. Il Sacrario è un edificio costruito per commemorare i caduti italiani durante le battaglie di El-Alamain, che si sono svolte nel 1942 durante la Seconda Guerra Mondiale."
Ora, non so se vi sono già state altre iniziative del genere da quando è stato assassinato Giulio Regeni, quello che so è che  il rettore dell'Università di Padova, Rosario Rizzuto, ha dedicato la giornata dell'inaugurazione del 794° anno accademico a Giulio Regeni con queste parole "Voglio inoltre ricordare in questa occasione con affetto e dolore Giulio Regeni, il g…

Quella sera a Ruda... e Giulio ci ha fatto conoscere il dolore degli altri

Una miscela di emozioni, di sentimenti. E' stato definito come il pellegrinaggio per la verità e giustizia per Giulio. Sempre costantemente in movimento Paola e Claudio ed ovunque vengono accolti, abbracciati, incontrano l'affetto dell'Italia vera, quella che non ha accettato e mai potrà accettare l'ignobile compromesso che ha portato al cambio di rotta repentino segnato dalla politica di Roma, mai tanto distante quanto ora dalla via della verità e giustizia per Giulio. La politica ha intrapreso la via della normalizzazione dei rapporti, neanche due anni son trascorsi. E son bastati per ritornare amici come prima se non più di prima. D'altronde, lo scrivono in tutte le lingue, Italia ed Egitto sono in rapporto amichevole da 2000 anni. Come a dire, vuoi che 2000 anni di storia vengano compromessi da Giulio?  Non da Giulio, ma da chi ne ha cagionato la morte, da chi ha determinato depistaggi, sviamenti, distrazioni, da chi ha cercato di auto-assolversi, passando in …

Quando venne soppressa la provincia di Gorizia perchè troppo slava e l'italianizzazione dei cognomi a Ronchi

Il libro il " fascismo di Confine" di Degrassi, pubblicato in collaborazione con il Comune di Ronchi, offre dei dati storici interessanti. Principalmente incentrato sulle vicende complessive del Confine Orientale e della Venezia Giulia, si addentra anche su come il fascismo ha condizionato e stravolto la vita soprattutto a Ronchi passata dalla provincia di Gorizia a quella di Trieste, a cui vi rimarrà fino al '47, per poi ritornare a quella di Gorizia successivamente fino all'attualità che la vede nell'UTI Carso Isonzo Adriatico.

Le elezioni del 1921 segnarono l'inizio della fine della provincia di Gorizia come determinatesi dopo la fine della grande guerra. In quel collegio vi erano 117 mila abitanti di lingua italiana, 193 mila di lingua slovena, pari al 60%, circa 4 mila di lingua tedesca e circa 5 mila di altre lingue . Dunque era una provincia a forte connotazione slovena. La batosta che verrà subita a livello elettorale dal primo blocco fascista, dove no…