Passa ai contenuti principali

4 dicembre: è giusto allontanare dall'ANPI chi sostiene il sì?



Da quando si parla del referendum sulla Costituzione molti hanno riscoperto l'esistenza dell'ANPI, tirandola per la giacca e spesso denigrandola. Di certo vi è che dopo il 4 dicembre nulla sarà come prima. Politicamente parlando. E forse anche dentro l'ANPI. Sia che vinca il sì sia che vinca il no. Sulla becera riforma costituzionale "governativa" le posizioni sono chiare, come nette, tassative sono quelle dell'ANPI, organizzazione di cui faccio parte. Ora l'ANPI nel suo statuto scrive chiaramente che ha tra i propri scopi quello di concorrere alla piena attuazione, nelle leggi e nel costume, della Costituzione Italiana, frutto della Guerra di Liberazione, in assoluta fedeltà allo spirito che ne ha dettato gli articoli". E la posizione assunta sul 4 dicembre è per il no, ed è ovvio che chi è iscritto ANPI e fa campagna attiva per il sì con l'ANPI si pone in una situazione di chiaro ed evidente contrasto. Come ANPI sono state date direttive chiare, puoi anche votare sì, (e comunque anche qui ci sarebbe da riflettere) ma non fare campagna attiva per il sì. Nello statuto dell'ANPI l'espulsione può essere prevista nei confronti di chi commette azioni disonorevoli, atti di indisciplina o viene meno agli impegni assunti di cui allo Statuto. Qui è in gioco un qualcosa di grande, non una semplice cazzatella politica, ma l'equilibrio democratico all'interno del nostro Paese, l'evitare derive decisioniste pesanti, che rischiano di minare, nel nome del fare subito, della leggerezza, del semplicismo,anche i principi fondamentali della nostra Costituzione. I titoli che seguono i principi fondamentali della nostra Costituzione, che comunque a parer mio non è la più bella del mondo, ma sicuramente una delle meno applicate nei suoi principi nell'Occidente, sono sempre una conseguenza dei principi fondamentali.

Marco Barone 

Commenti

Post popolari in questo blog

Un maledetto 17 agosto a Barcellona

Ci sono cose nella vita che non dimenticherai mai e quanto accaduto in un caldo ed apparentemente tranquillo agosto a Barcellona è una di quelle cose che non metabolizzerai per lungo tempo. Hai la fortuna di poterlo in parte raccontare, anche se non sai bene cosa raccontare. Sei a pochi metri dalla interminabile e costante folla della Rambla. Vedi decine e decine di persone a passo spedito venire contro la tua direzione. In un primo momento pensi che vai sempre controcorrente. Poi arriva la polizia, di corsa, chiude la via nella quale ti trovi, una laterale della Rambla. Una delle tante. Non riesci al momento a collegare. Anche se sai che nel mondo la situazione è tesa. Ma sei a Barcellona, pensi. Un luogo sicuro.
Poi l’inevitabile ti si presenta come un cazzotto devastante nello stomaco. Attentato. Terrorismo. Panico totale. Cerchi le persone a te più care, fino a quando non le trovi e non le rintracci non sei "tranquillo".
Cerchi di capire come comportarti. Cosa fare. Cosa…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Barcellona, il giorno dopo il 17 agosto