Passa ai contenuti principali

La "rotta balcanica" ha fatto tappa a Gorizia


In questo momento storico, dove tutti i Paesi hanno "usato" la questione dei profughi semplicemente per barricarsi, con recinti, reticolati, muri, in un contesto dove tutti a parole vogliono essere in Europa, ma dove nessuno si sente europeo e dove la maggior parte dei Paesi tradiscono lo spirito con cui è nata l'Europa, a Gorizia si è svolta una importante iniziativa. Città di confine, dove ancora si può trovare qualche vecchio cartello con scritto "confine di stato.


Città che si è allineata perfettamente con il resto dell'Europa che ha tradito lo spirito dell'accoglienza. Non voler vedere. Quando il problema era la presunta ospitalità di Gorizia, ecco che si annientano esperimenti provvisori di accoglienza. Quando il problema è il presunto buonismo della Commissione territoriale in materia di richieste d'asilo, ecco che questa viene depotenziata. Questo modo di fare o non fare, questioni di punti di vista, corre nella direzione dei reticolati, simbolici o non simbolici che siano, che proteggono i Paesi europei, il loro razzismo, con la protezione del nazionalismo, cancro di ogni epoca. 
Si è registrata una Buona partecipazione di pubblico al Kulturni Dom di Gorizia per la presentazione della mostra fotografica di Stefano Lusa “L'inverno sta arrivando. Il viaggio dei profughi lungo la rotta balcanica. Prihaja Zima. Potavanje beguncev vzdolžbalkanske poti” Ad organizzare la mostra sono stati il Forum di Gorizia, in collaborazione con la Comunità italiana “Santorio Santorio” di Capodistria, Radio Capodistria, Kulturni Dom di Gorizia.

La mostra è stata realizzata con il contributo di RTV SLO e UNHCR.  Una mostra che sarà visitabile fino al 27 settembre. Stefano Lusa, ha effettuato un lavoro importante, ogni fotografia è una emozione, uno schiaffo, e non puoi non vedere, almeno questa volta. Forse quella esperienza della "rotta balcanica" è, per ora, irripetibile, per l'effetto domino che si è creato con i muri e perchè paghiamo la Turchia per non vedere, come ha evidenziato Lusa. Oppure, chi buon dirlo. 
Quello che ben si può dire è che quelle foto, accompagnate dalla spiegazione dell'autore, hanno impressionato, emozionato e colpito profondamente le coscienze anche in una Gorizia che è stata per lungo tempo un pessimo esempio "istituzionale" in materia di non accoglienza nei confronti dei fuori convenzione. Dove volontariato e MSF hanno letteralmente tolto le castagne dal fuoco ad un sistema disastroso. Viviamo in un sistema dove la mattina, quando ci si alza, si decidono che devono essere rispettati determinati parametri numerici. Così è stato per il fuorviante "patto di stabilità" così per la questione accoglienza in materia di migranti. Ma se si esce da questo parametro, cosa accadrà al migrante presente in loco? Si ripeterà quanto accaduto a Gorizia?  Ora pare che i Comuni verranno divisi in tre categorie: quelli fino a 2mila abitanti che ospiteranno fino a un massimo di cinque migranti, quelli con più di 2mila abitanti 2,5 migranti ogni mille residenti, mentre per le città metropolitane la quota sarà di 1,5 migranti ogni mille abitanti. Ma noi ci troviamo in una provincia, o meglio ex provincia, dove sono diversi i Comuni che non hanno accolto neanche un solo migrante. Magari usando come scusante la questione della burocrazia. E' arrivato il momento di finirla con questi discorsi, è solo una questione di volontà e rispetto dei diritti umani, è arrivato il momento che anche Comuni come Ronchi, gemellato con Wagna, rispettino la storia di "profuganza" che li hanno caratterizzati, altrimenti a cosa servono i gemellaggi come quello con Wagna? A perdersi nei soliti bla bla bla?

Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Le conclusioni della Commissione d'inchiesta sul caso Moro

Nelle considerazioni conclusive della Commissione d'inchiesta sul Caso Moro emergono spunti di riflessione importante ed anche inquietanti che dovrebbero far tremare i pilastri della nostra Repubblica. Un lavoro durato alcuni anni, con diverse audizioni, accessi a documenti, verifiche, ispezioni, un lavoro enorme e giunto a termine.    La legge istitutiva della Commissione (Legge 30 maggio 2014, n. 82) ha assegnato come mandato all'inchiesta parlamentare quello di «accertare eventuali nuovi elementi che possono integrare le conoscenze acquisite dalle precedenti Commissioni parlamentari di inchiesta sulla strage di Via Fani, sul sequestro e sull'assassinio di Aldo Moro; eventuali responsabilità sui fatti di cui alla lettera a) riconducibili ad apparati, strutture e organizzazioni comunque denominati ovvero a persone a essi appartenenti o appartenute». E' stato sottolineato che è "dalla rilettura sistematica dei cinque processi e dell'attività delle precedenti…

Il pranzo sociale dell’ANPI di Ronchi ( foto) sotto il segno dell’antifascismo e dei ricordi

Riuscito e partecipato il pranzo sociale organizzato dall’ANPI di Ronchi presso l'accogliente agriturismo Mazzuchin di Vermegliano a pochi passi dalla suggestiva chiesetta di Santo Stefano e durato per buona parte del pomeriggio del 16 dicembre. Quasi un centinaio i partecipanti, dove sotto il segno della musica, partigiana e popolare, balli e ricordi, senza dimenticare l'immancabile lotteria curata con una passione unica dalla solita ed immancabile ed unica Angela, si è consumato un momento conviviale oramai tradizionale. Non sono mancati i momenti di confronto e di riflessione, con i messaggi e gli spunti offerti sia dal Presidente provinciale dell’ANPI di Gorizia, Pironi che dalla Presidente dell’ANPI di Ronchi, Cuzzi.

Il segretario Martinuzzi ha ricordato tutta l’attività svolta dall’ANPI di Ronchi, dai pellegrinaggi laici organizzati nei luoghi della resistenza in Slovenia, ai gemellaggi storici, agli incontri con le scuole, agli appuntamenti del 25 aprile e 2 giugno, a…