Passa ai contenuti principali

La "rotta balcanica" ha fatto tappa a Gorizia


In questo momento storico, dove tutti i Paesi hanno "usato" la questione dei profughi semplicemente per barricarsi, con recinti, reticolati, muri, in un contesto dove tutti a parole vogliono essere in Europa, ma dove nessuno si sente europeo e dove la maggior parte dei Paesi tradiscono lo spirito con cui è nata l'Europa, a Gorizia si è svolta una importante iniziativa. Città di confine, dove ancora si può trovare qualche vecchio cartello con scritto "confine di stato.


Città che si è allineata perfettamente con il resto dell'Europa che ha tradito lo spirito dell'accoglienza. Non voler vedere. Quando il problema era la presunta ospitalità di Gorizia, ecco che si annientano esperimenti provvisori di accoglienza. Quando il problema è il presunto buonismo della Commissione territoriale in materia di richieste d'asilo, ecco che questa viene depotenziata. Questo modo di fare o non fare, questioni di punti di vista, corre nella direzione dei reticolati, simbolici o non simbolici che siano, che proteggono i Paesi europei, il loro razzismo, con la protezione del nazionalismo, cancro di ogni epoca. 
Si è registrata una Buona partecipazione di pubblico al Kulturni Dom di Gorizia per la presentazione della mostra fotografica di Stefano Lusa “L'inverno sta arrivando. Il viaggio dei profughi lungo la rotta balcanica. Prihaja Zima. Potavanje beguncev vzdolžbalkanske poti” Ad organizzare la mostra sono stati il Forum di Gorizia, in collaborazione con la Comunità italiana “Santorio Santorio” di Capodistria, Radio Capodistria, Kulturni Dom di Gorizia.

La mostra è stata realizzata con il contributo di RTV SLO e UNHCR.  Una mostra che sarà visitabile fino al 27 settembre. Stefano Lusa, ha effettuato un lavoro importante, ogni fotografia è una emozione, uno schiaffo, e non puoi non vedere, almeno questa volta. Forse quella esperienza della "rotta balcanica" è, per ora, irripetibile, per l'effetto domino che si è creato con i muri e perchè paghiamo la Turchia per non vedere, come ha evidenziato Lusa. Oppure, chi buon dirlo. 
Quello che ben si può dire è che quelle foto, accompagnate dalla spiegazione dell'autore, hanno impressionato, emozionato e colpito profondamente le coscienze anche in una Gorizia che è stata per lungo tempo un pessimo esempio "istituzionale" in materia di non accoglienza nei confronti dei fuori convenzione. Dove volontariato e MSF hanno letteralmente tolto le castagne dal fuoco ad un sistema disastroso. Viviamo in un sistema dove la mattina, quando ci si alza, si decidono che devono essere rispettati determinati parametri numerici. Così è stato per il fuorviante "patto di stabilità" così per la questione accoglienza in materia di migranti. Ma se si esce da questo parametro, cosa accadrà al migrante presente in loco? Si ripeterà quanto accaduto a Gorizia?  Ora pare che i Comuni verranno divisi in tre categorie: quelli fino a 2mila abitanti che ospiteranno fino a un massimo di cinque migranti, quelli con più di 2mila abitanti 2,5 migranti ogni mille residenti, mentre per le città metropolitane la quota sarà di 1,5 migranti ogni mille abitanti. Ma noi ci troviamo in una provincia, o meglio ex provincia, dove sono diversi i Comuni che non hanno accolto neanche un solo migrante. Magari usando come scusante la questione della burocrazia. E' arrivato il momento di finirla con questi discorsi, è solo una questione di volontà e rispetto dei diritti umani, è arrivato il momento che anche Comuni come Ronchi, gemellato con Wagna, rispettino la storia di "profuganza" che li hanno caratterizzati, altrimenti a cosa servono i gemellaggi come quello con Wagna? A perdersi nei soliti bla bla bla?

Commenti

Post popolari in questo blog

Attraversando Pordenone (foto)

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

E' necessario produrre una filmografia sulla resistenza e realizzare musei sulla sua storia

I tempi son mutati ed è di fondamentale importanza, per non rischiare di essere sommersi dall'ignoranza, dal revisionismo storico, dall'indifferenza,  trasmettere i valori della resistenza anche attraverso strumenti e mezzi che ad oggi per ragioni a dire il vero incomprensibili sono stati poco utilizzati. Libertà, uguaglianza, fratellanza, pace, riscatto morale ed etico del nostro Paese, internazionalismo, diritti dei lavoratori, diritti delle donne, diritti civili, ovvero antinazifascismo. Concetti che quotidianamente vengono sistematicamente e metodicamente messi in discussione. E' vitale, per la memoria umana storica attivarsi in ogni ovunque per promuovere una filmografia sulla nostra resistenza, necessità che viene espressa non solo da storici, ma anche da scrittori, registi, e cittadini, nonché promuovere spazi museali affinché si possano raggiungere con maggiore facilità e coinvolgimento, anche emotivo e fisico, le nuove generazioni. Esistono musei di ogni tipo in …