Passa ai contenuti principali

In FVG due giorni senza il Piccolo ed il Messaggero Veneto, per sciopero





Il solito appuntamento al bar con il caffè, cerchi il giornale, ma. Ma il giornale non c'è. E non ci sarà neanche il 9 settembre. Questo è quanto accade per diciotto quotidiani locali del gruppo editoriale L’Espresso. Uno sciopero di cui non si sapeva nulla, forse la nota di comunicazione sarà sfuggita ai più, ma i motivi sono emersi nella giornata di questo caldo 8 settembre, quando edicolanti, o TG regionali interessati da tale vicenda hanno spiegato il tutto. E' noto che nel panorama dei grandi gruppi editoriali italiani è in corso una riorganizzazione imponente, dei segnali vi sono stati con il cambio di alcuni direttori e/o loro spostamento in altri giornali. La protesta scatta per quanto accade a Pescara e Salerno, all’annuncio della vendita del Centro di Pescara e della Città di Salerno, dopo che pochi mesi fa era stato detto chiaramente che “questo gruppo non vende i suoi giornali”. Ed il timore è evidente. E' evidente che tale rischio si possa estendere anche ai giornali locali del gruppo Espresso, altrimenti è difficile spiegare tale solidarietà diffusa. Molti, infatti, sono rimasti stupiti anche dello sciopero del Messaggero Veneto, dicono che lì non si sciopera mai, che quel giornale non sciopera mai. L’operazione coinvolge a Pescara 31 giornalisti e 27 poligrafici, a Salerno 13 giornalisti, un part time e 5 tra poligrafici e amministrativi. E tale effetto è dovuto al compimento del processo di fusione con Itedi, la società che edita La Stampa e il Secolo XIX. Come è stato denunciato " Di fatto il Gruppo Espresso ha scelto di abbandonare il centro sud e di smantellare il patrimonio di giornali locali che in questi anni di crisi ha dimostrato di essere il cuore e la cassaforte dell’intero gruppo, a sostegno anche di Repubblica.Tutto questo nonostante i Cdr del Coordinamento Finegil avessero espressamente chiesto all’editore di non percorrere facili soluzioni di questo tipo, e di evitare lo smembramento di un gruppo composto da 18 testate, un patrimonio unico in tutto il panorama editoriale del paese che, così, inizia a perdere consistenza. L’editore nell’ultimo incontro aveva rassicurato i Cdr sul fatto che ogni sforzo in questa direzione sarebbe stato fatto: oggi, invece, comunica la cessione di due testate." Insomma, una situazione tesa, e quando si sciopera, e si sciopera per due giorni, significa che il quadro è veramente pesante. E comunque uno sciopero non fai male e va tutta la mia solidarietà a chi sciopera. 
E da questo sciopero si comprende come il panorama dell'informazione in FVG è praticamente bloccato. Perché il Piccolo ed il Messaggero Veneto sono praticamente i soli due quotidiani esistenti in questa regione, salvo qualcuno minore. Facebook o la rete può essere solo complementare alla carta stampata, non è in grado di sostituirla, perchè vi è una enorme frammentazione, non vi è una vera e propria rete. Ed il TG regionale non è in grado di soddisfare tutte le esigenze del classico lettore di un quotidiano.Insomma, è anche da questo vuoto, e per una legittima ed importante iniziativa di sciopero, che si comprende il peso che questi giornali hanno nella nostra regione.
 

Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Le conclusioni della Commissione d'inchiesta sul caso Moro

Nelle considerazioni conclusive della Commissione d'inchiesta sul Caso Moro emergono spunti di riflessione importante ed anche inquietanti che dovrebbero far tremare i pilastri della nostra Repubblica. Un lavoro durato alcuni anni, con diverse audizioni, accessi a documenti, verifiche, ispezioni, un lavoro enorme e giunto a termine.    La legge istitutiva della Commissione (Legge 30 maggio 2014, n. 82) ha assegnato come mandato all'inchiesta parlamentare quello di «accertare eventuali nuovi elementi che possono integrare le conoscenze acquisite dalle precedenti Commissioni parlamentari di inchiesta sulla strage di Via Fani, sul sequestro e sull'assassinio di Aldo Moro; eventuali responsabilità sui fatti di cui alla lettera a) riconducibili ad apparati, strutture e organizzazioni comunque denominati ovvero a persone a essi appartenenti o appartenute». E' stato sottolineato che è "dalla rilettura sistematica dei cinque processi e dell'attività delle precedenti…

Il pranzo sociale dell’ANPI di Ronchi ( foto) sotto il segno dell’antifascismo e dei ricordi

Riuscito e partecipato il pranzo sociale organizzato dall’ANPI di Ronchi presso l'accogliente agriturismo Mazzuchin di Vermegliano a pochi passi dalla suggestiva chiesetta di Santo Stefano e durato per buona parte del pomeriggio del 16 dicembre. Quasi un centinaio i partecipanti, dove sotto il segno della musica, partigiana e popolare, balli e ricordi, senza dimenticare l'immancabile lotteria curata con una passione unica dalla solita ed immancabile ed unica Angela, si è consumato un momento conviviale oramai tradizionale. Non sono mancati i momenti di confronto e di riflessione, con i messaggi e gli spunti offerti sia dal Presidente provinciale dell’ANPI di Gorizia, Pironi che dalla Presidente dell’ANPI di Ronchi, Cuzzi.

Il segretario Martinuzzi ha ricordato tutta l’attività svolta dall’ANPI di Ronchi, dai pellegrinaggi laici organizzati nei luoghi della resistenza in Slovenia, ai gemellaggi storici, agli incontri con le scuole, agli appuntamenti del 25 aprile e 2 giugno, a…