Passa ai contenuti principali

In FVG due giorni senza il Piccolo ed il Messaggero Veneto, per sciopero





Il solito appuntamento al bar con il caffè, cerchi il giornale, ma. Ma il giornale non c'è. E non ci sarà neanche il 9 settembre. Questo è quanto accade per diciotto quotidiani locali del gruppo editoriale L’Espresso. Uno sciopero di cui non si sapeva nulla, forse la nota di comunicazione sarà sfuggita ai più, ma i motivi sono emersi nella giornata di questo caldo 8 settembre, quando edicolanti, o TG regionali interessati da tale vicenda hanno spiegato il tutto. E' noto che nel panorama dei grandi gruppi editoriali italiani è in corso una riorganizzazione imponente, dei segnali vi sono stati con il cambio di alcuni direttori e/o loro spostamento in altri giornali. La protesta scatta per quanto accade a Pescara e Salerno, all’annuncio della vendita del Centro di Pescara e della Città di Salerno, dopo che pochi mesi fa era stato detto chiaramente che “questo gruppo non vende i suoi giornali”. Ed il timore è evidente. E' evidente che tale rischio si possa estendere anche ai giornali locali del gruppo Espresso, altrimenti è difficile spiegare tale solidarietà diffusa. Molti, infatti, sono rimasti stupiti anche dello sciopero del Messaggero Veneto, dicono che lì non si sciopera mai, che quel giornale non sciopera mai. L’operazione coinvolge a Pescara 31 giornalisti e 27 poligrafici, a Salerno 13 giornalisti, un part time e 5 tra poligrafici e amministrativi. E tale effetto è dovuto al compimento del processo di fusione con Itedi, la società che edita La Stampa e il Secolo XIX. Come è stato denunciato " Di fatto il Gruppo Espresso ha scelto di abbandonare il centro sud e di smantellare il patrimonio di giornali locali che in questi anni di crisi ha dimostrato di essere il cuore e la cassaforte dell’intero gruppo, a sostegno anche di Repubblica.Tutto questo nonostante i Cdr del Coordinamento Finegil avessero espressamente chiesto all’editore di non percorrere facili soluzioni di questo tipo, e di evitare lo smembramento di un gruppo composto da 18 testate, un patrimonio unico in tutto il panorama editoriale del paese che, così, inizia a perdere consistenza. L’editore nell’ultimo incontro aveva rassicurato i Cdr sul fatto che ogni sforzo in questa direzione sarebbe stato fatto: oggi, invece, comunica la cessione di due testate." Insomma, una situazione tesa, e quando si sciopera, e si sciopera per due giorni, significa che il quadro è veramente pesante. E comunque uno sciopero non fai male e va tutta la mia solidarietà a chi sciopera. 
E da questo sciopero si comprende come il panorama dell'informazione in FVG è praticamente bloccato. Perché il Piccolo ed il Messaggero Veneto sono praticamente i soli due quotidiani esistenti in questa regione, salvo qualcuno minore. Facebook o la rete può essere solo complementare alla carta stampata, non è in grado di sostituirla, perchè vi è una enorme frammentazione, non vi è una vera e propria rete. Ed il TG regionale non è in grado di soddisfare tutte le esigenze del classico lettore di un quotidiano.Insomma, è anche da questo vuoto, e per una legittima ed importante iniziativa di sciopero, che si comprende il peso che questi giornali hanno nella nostra regione.
 

Commenti

Post popolari in questo blog

Un maledetto 17 agosto a Barcellona

Ci sono cose nella vita che non dimenticherai mai e quanto accaduto in un caldo ed apparentemente tranquillo agosto a Barcellona è una di quelle cose che non metabolizzerai per lungo tempo. Hai la fortuna di poterlo in parte raccontare, anche se non sai bene cosa raccontare. Sei a pochi metri dalla interminabile e costante folla della Rambla. Vedi decine e decine di persone a passo spedito venire contro la tua direzione. In un primo momento pensi che vai sempre controcorrente. Poi arriva la polizia, di corsa, chiude la via nella quale ti trovi, una laterale della Rambla. Una delle tante. Non riesci al momento a collegare. Anche se sai che nel mondo la situazione è tesa. Ma sei a Barcellona, pensi. Un luogo sicuro.
Poi l’inevitabile ti si presenta come un cazzotto devastante nello stomaco. Attentato. Terrorismo. Panico totale. Cerchi le persone a te più care, fino a quando non le trovi e non le rintracci non sei "tranquillo".
Cerchi di capire come comportarti. Cosa fare. Cosa…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

L'Italia continua ad essere maglia nera in Europa nel settore dell'istruzione, altro che buona scuola

I 22 paesi dell’UE membri dell’OCSE sono: Austria, Belgio, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Italia, Lettonia, Lussemburgo, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Repubblica ceca, Repubblica slovacca, Regno Unito, Slovenia, Spagna, Svezia e Ungheria. Il rapporto per il 2016 dell'OCSE   presentava, con riferimento all'Italia, un quadro deprimente. Tra gli obiettivi prioritari vi erano la necessità di invertire la tendenza negativa nel finanziamento dell’istruzione; di formare, motivare e rinnovare il corpo docente; di aumentare il numero degli studenti iscritti all’istruzione terziaria, in particolare ai programmi di ciclo breve a indirizzo professionalizzante per un accesso più facile al mondo del lavoro. Nell'arco temporale 2008/2014  la spesa per l’istruzione è diminuita significativamente. Nel 2013 la spesa totale (pubblica e privata) per l’istruzione è stata tra le più basse degli Stati presi in esame, ossia pari al4% del PIL rispet…