Passa ai contenuti principali

London is open, Trieste is closed



In questo periodo si discute sul rilancio del nostro scalo aeroportuale, e si parte dal nome. Per ragioni di comunicazione, di marketing, di internazionalismo. Dallo scalo di Ronchi, o Trieste o del FVG in poche ore di volo si può arrivare a Londra. Città regno del capitalismo, sia questo arabo, sia questo cinese, sia questo russo, sia questo occidentale. Una città che è grande quanto una regione, una città che per alcuni potrebbe essere una nazione autonoma, per la sua immensità, grandezza, grandiosità. Una città dove progresso e tradizione, antichità e modernità hanno trovato il giusto equilibrio.  Una città cosmopolita, una città dove la frenesia ti divora, dove lo stress psicofisico è ai massimi livelli, una città che ha ribaltato i canoni tradizionali, con conseguenze sociali anche significative. Per esempio le periferie ora stanno diventando i luoghi dove vogliono andare a vivere i ricchi, per evitare quell'oceano continuo di turisti che invadono a qualsiasi ora le strade centrali di Londra. 
Appena arrivi a Londra leggerai London is open. Ed è assolutamente vero. Mille popoli diversi convivono, diverse culture, che danno la forza a questa città. Ma è una città dove esiste anche una forte solidarietà. Nelle centralissime strade di Londra, dove i prezzi delle case sono stellari, tra hotel di lusso, negozi di lusso, palazzi storici e moderni, la notte ci saranno tanti senzatetto. E la gente che cammina per le strade di Londra aiuta i senzatetto, tra chi porta cibo, chi offre loro aiuto. Quello dei senzatetto è un dramma enorme a Londra, sintomo di una città che se da un lato da a tutti una possibilità, dall'altro è la dimostrazione che la crisi sociale e la povertà sussiste e non perdona. Certo, è vero che qualche cittadino privato ha collocato dissuasori contro i senzatetto, ma sono emerse polemiche enormi, ed i senzatetto dalle strade centrali di Londra, la città delle città d'Occidente, vanno aiutati, non repressi. 
Ma a Londra sono anche legali i matrimoni omosessuali. Una festa enorme vi è stata per ciò. Nessuno si permetterebbe mai a Londra di negare una sala pubblica per un matrimonio tra coppie dello stesso sesso. Nessuno si permetterebbe a Londra di ostacolare, tramite giochetti burocratici meschini, questo fondamentale atto di amore e diritto umano. Anche se Trieste e Londra sono distanti solo pochissime ore di volo, nella realtà pratica delle vita quotidiana, sono distanti anni luce. Altro che città mitteleuropea o cosmopolita Trieste. Ma chi si comporta accanendosi contro i senzatetto, per ragioni di un fantomatico decoro, chi esercita una allucinante obiezione di coscienza, che non dovrebbe essere assolutamente permessa, in materia di diritti civili, o ponendo in essere ostacoli, non comprende che nuoce non solo all'immagine, ma anche alla storia della città, al suo divenire luogo internazionale. 
Non si diviene internazionali solo con qualche festival,  o cambiando il nome dell'aeroporto, o garantendo l'approdo di qualche nave da crociera, ma partendo dai diritti civili, sociali, umani. Il medioevo è finito da un pezzo, forse qualcuno dovrebbe ricordarlo a Trieste. Insomma, se London is open, Trieste is Closed.
Marco Barone 



Commenti

Post popolari in questo blog

Dopo Macerata si continua a sparare. Guai a ridimensionare o normalizzare

Questa è una storia che non parte da lontano, per dovere di sintesi sarò breve e conciso. Da questa estate in Italia si è iniziato a scoprire il problema del fascismo. Fino a quel momento, soprattutto da chi oggi si professa dall'alto della suo essere grado istituzionale antifascista, era ignorato se non avvallato. Si è denunciato il rischio di fascismo passando dalle vicende ridicole della spiaggia fascista di Chioggia, agli adesivi di Anna Frank, alle bottiglie o calendari con la foto di Mussolini o Hitler. Quando per anni ed anni in questo Paese si è realizzata una vera connivenza con le peggiori istanze, legittimandole, democratizzandole e favorendone la diffusione. Perchè, si è detto, la democrazia vale per tutti, anche per chi sputa veleno sociale.
Il guaio è che è stato pompato all'ennesima potenza un problema che c'era ma non era così forte, impattante. La propaganda che doveva portare a vedere in alcune soggettività una sorta di salvezza messianica in materia di…

E' necessario il (prodotto) made in Friuli Venezia Giulia prima di essere annientati dalla "globalizzazione"

Il made in Italy è diventato uno slogan che non dice più niente. Diventato più funzionale a quella retorica che ha fatto il male dell'Italia che alla tutela dell'Italia. Dall'arte, alla cucina, dall'agricoltura, alla moda e si potrebbe continuare. Nell'Italia di oggi si rimpiange ciò che non è più italiano. Hanno distrutto le campagne, hanno distrutto le coltivazioni storiche, è stato mescolato tutto, per arrivare all'assurdità di cortocircuiti propri di una società totalmente sballata. La globalizzazione nell'economia ha comportato il saccheggio dell'Italia, l'appropriazione indebita di ciò che ha reso unico il nostro Paese nel mondo per perderci nella nullità dell'essere più niente e nessuno.

Siamo bravi a decantare od osannare bellezze e miti e leggende che attraversano la storia di ciò che è arrivato, nel bene o nel male a determinare l'Italia. Un Paese fittiziamente unito, che deve la sua vera forza ai regionalismi, localismi, che non so…

Si è entrati nel terzo anno della ricerca della verità per Giulio Regeni, con la politica persa nel silenzio di comodo

"Non è possibile normalizzare i rapporti con uno stato che tortura, uccide e nasconde oltraggiosamente la verità, se non a scapito della credibilità politica del nostro Paese e di chi lo rappresenta". Queste sono le parole della famiglia di Giulio.
Una tempesta sotto forma di parole. Parole dure, ma figlie di quella rabbia comprensibile di chi altro non ha potuto fare che constatare l'effettiva resa dell'Italia all'Egitto criminale, dove si continua a morire, a sparire, ad essere torturati, come è successo a Giulio.  Si dovrebbe dare un vero e proprio ultimatum all'Egitto, pretendendo quelle piccole cose, elementi fondamentali, per chiudere il cerchio. Ma l'Egitto ha preso in giro l'Italia e Giulio e la sua famiglia da sempre, depistaggi, menzogne, calunnie, infamie. La politica italiana si è persa in un silenzio di comodo, quel silenzio che ha caratterizzato, salvo qualche formula di rito, anche le massime Istituzioni. E questo silenzio fa male e …