Passa ai contenuti principali

Il voto del 23 ottobre di Ronchi e Monfalcone? Un catastrofe ravvicinata

Dunque a ‪ Ronchi‬ e ‪ ‎Monfalcone‬ si voterà il ‪23 ottobre. Il giorno in cui vi è stata la più grande battaglia navale della storia. Ma dubito che queste elezioni verranno ricordate per la loro grandezza, visto il dibattito in corso, penso più per la stravagante corsa alla poltrona.
Dove gli amici di prima sono i nemici di oggi, ed i nemici di ieri gli amici di domani. Il passo del gambero continua.Un ritorno al passato, dove tutto ruota intorno al nome, programmi, progettualità non pervenuti. 

D'altronde, con così pochi mesi a disposizione per la campagna elettorale, quale comunicazione sarà mai possibile? E' chiaramente logico intuire che verranno principalmente favorite le realtà politiche già strutturate. Una data così ravvicinata lede il giusto equilibrio democratico, il diritto di tutti i cittadini di poter "concorrere" e partecipare ad un processo elettorale fondamentale che condizionerà la vita di migliaia di cittadini per i prossimi cinque anni. Avrebbero dovuto forse commissariare i Comuni e dare più spazio alla programmazione e campagna elettorale? Non esiste una risposta giusta, questa data è l'effetto collaterale dell'inutile referendum sulla non fusione. Anche quello una lunga battaglia all'interno del PD, per diverse progettualità sul territorio. Quello che si percepisce per le strade è che vi è voglia di cambiamento, poi cosa voglia dire questo cambiamento non è dato sapere. Può essere un cambiamento che rischia di portare Monfalcone sulla via di Trieste e Pordenone? Ovvero dove la politica della pancia prevale? Può essere un cambiamento il fatto che a Ronchi possa vincere le elezioni chi prima ha sostenuto il PD ed ora concorre con il PD? 
Eppure degli spazi per qualcosa di diverso ci sarebbero ed andrebbero seriamente valutati. Politicamente parlando la sensazione che in molti abbiamo maturato è la seguente: le vicende di Grado,‪ ‎Ronchi‬, ‪ Monfalcone‬, passando per la via di San Pier, ed ora Gorizia cosa dimostrano? Che è in corso una prova di forza per mettere in difficoltà l'attuale vertice del PD locale se non regionale. Una lunga notte dei coltelli che continua da mesi ed ora  implode e lo scopo è arrivare, probabilmente, alle regionali del 2018 con un quadro politico dirigenziale diverso od avere un posto sicuro da candidato/a in regione. 
L'unica cosa certa è che senza il PD, a parer mio, la maggior parte delle persone che ora vogliono concorrere con il PD, con cui hanno collaborato per anni o sono stati iscritti o risultano ancora iscritti, non andranno da nessuna parte. In Italia pare che non si sia perso il vizio politico di sputare nel piatto nel quale si è mangiato per anni. Hai fatto parte di un partito? I panni sporchi si lavano in famiglia, anche se sei all'opposizione di quel partito, non fuori. Non pubblicamente per la propria immagine. La società ha bisogno di sostanza, di correttezza, non di apparenza od opportunismo.  
Quel partito avrebbe dovuto valutare un bel cartellino rosso nei confronti di chi non ha rispettato la linea del partito e pubblicamente compromesso lo stesso. Ma il PD è ancora un partito? Se non ti piace il PD, esci, vai via, non è che ti comporti così, rimanendo con un piede in due scarpe.  E lo dico e scrivo da persona che è lontana dal PD e non iscritta a nessun partito. E lo stesso vale per gli altri partiti minori. Purtroppo ho il vizio di ragionare alla vecchia maniera. Comunque la storia ha sempre insegnato che a furia di saltare da una parte all'altra prima o poi si inciampa e si rischia di cadere in cattivo modo, politicamente parlando. 
Abbiamo bisogno non di attori od attrici, ma di persone semplici, umili, che non dicano io amo Gorizia, o Ronchi o Monfalcone od il FVG solo quando si avvicinano le elezioni, ma che questo amore lo sappiano dimostrare concretamente ogni giorno. Ma qui, ad oggi, salvo qualche caso che esiste, ho visto solo amore per un posto in politica. Poi nella vita si può sempre sbagliare, e ci mancherebbe, siamo umani, ma perseverare non è da persona intelligente. Questa catastrofica situazione fa venire la voglia a tanti di mettersi in gioco, pur di chiudere letteralmente una pagina di non politica per la nostra comunità.

Commenti

Post popolari in questo blog

"Qua semo a Trieste e no se parla s'ciavo, qua se parla triestin e italian"

"Qua semo a Trieste e no se parla s'ciavo, qua se parla triestin e italian". Non mi sorprende la denuncia effettuata sul Piccolo di Trieste e pubblicata come lettera del giorno. Solo che questa volta chi ha subito tale aggressione verbale razzista ha avuto il coraggio di prendere carta e penna e scrivere e denunciare pubblicamente quanto accaduto. Diverse volte per i muri di Trieste sono apparse scritte che riportavano quel concetto bestiale e puntualmente e giustamente venivano rimosse. Ma non mi sorprende, perchè ciò in linea con i tempi. Tempi dove se un reato viene compiuto da un migrante viene percepito socialmente come più deprecabile rispetto a quello compiuto da un comune cittadino italiano. Tempi dove l'omofobia è una normalità, dove un Gay pride non può passare per ragioni di opportunità innanzi ad un Duomo, tempi dove qualcuno propone processioni riparatorie per sanare il peccato della marcia dell'amore del Gay pride.  Tempi dove ritornano i pregiudiz…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

FVG pride se la marcia evita il duomo di Udine

Si svolgerà ad Udine il FVG Pride e la notizia del 15 maggio, quando è stato reso noto il percorso è che la marcia eviterà il duomo. Il comitato organizzatore, come è emerso al TG3 del FVG, ha deciso di evitare il duomo e di mantenere le vie "storiche" dove vi è stata maggiore accoglienza e soprattutto in sostanza per evitare polemiche ecc ecc. Che dire? Che passare davanti al duomo non sarebbe stata una provocazione, anche perchè quante persone che parteciperanno al Gay pride sono credenti o cattoliche? Ma in Italia siamo ancora a questi livelli, quasi da medioevo, e se posso capire le preoccupazioni di chi fino all'altro giorno non poteva neanche uscire di casa perchè omosessuale, perchè in questo Paese vi è un tasso di omofobia inquietante, allora da laico quello che auspico è che le processioni o manifestazioni religiose evitino da questo preciso momento luoghi simbolici importanti, come le scuole od i Municipi, per non turbare le coscienze di chi non è credente.
M…