Passa ai contenuti principali

Ascoltare la testimonianza dei partigiani è una esperienza incredibilmente umana




Un bicchiere di vino bianco, una porzione di patatine, seduto, avvolto nei suoi pensieri sul tavolo dei giardini di Sagrado durante la festa provinciale del PRC. Poi, veniamo in contatto. Ed in quel momento si apre una lunga parentesi di vita, di drammi, di speranza e di forza.
I ricordi del partigiano Ceschia, sono vivi, lucidi. Come quelli di tutti i partigiani che ho conosciuto e questa è una cosa incredibile, nonostante l'età. Si ricordano alla perfezione i giorni, in cui sono avvenute determinate azioni, o fatti, ti fanno vivere una esperienza enorme. Una memoria selettiva, perché così è stata la vita per loro.
Non lo puoi interrompere, non lo devi interrompere. Parte da lontano, da quando indossando abiti civili salì su in montagna, fino al giorno in cui indosserà la divisa da partigiano, per arrivare al momento drammatico in cui ha marciato, da solo, per tre lunghissimi interminabili giorni, che ti sembra di rivivere con lui, senza mangiare. La fame, il desiderare una sola patata ed anche cruda. I pidocchi, che colpivano i partigiani in montagna. Ceschia ti ha trasportato indietro nel tempo. Sembrava di vivere con lui il senso della fame, il senso della necessità di doversi lavare per uccidere quei maledetti pidocchi che erano dappertutto, sui baffi, sulla barba, nei vestiti.
E non era facile, in quel tempo. Ti parlerà della fratellanza con i partigiani sloveni, l'aver tutti lottato contro il nemico in comune. Ogni tanto delle lacrime scivolavano sul suo viso, ma il suo sguardo, con i suoi occhi profondissimi immersi in un passato che ha inciso per sempre la tua vita ti colpiranno. Ad un certo punto sbatterà i pugni sul tavolo, ed alzando la voce, con tono deciso dirà : non si deve permettere nessuno di dire che noi eravamo delinquenti, criminali. Noi eravamo partigiani ed eravamo i primi ad intervenire contro qualche testa calda e guai a chi dice che noi abbiamo lottato per occupare, noi abbiamo lottato per liberare. Conoscerà la brigata Fontanot che nascerà a Suhor, conoscerà la zona di Korinj, dove 33 partigiani italiani perderanno la vita, conoscerà Metlika, gemellata con il Comune di Ronchi proprio per le lotte partigiane, ove dominano monumenti imponenti dedicati all'esercito popolare di liberazione della Jugoslavia e non solo, ricorderà la zona di Žužemberk ove vi è un monumento alto poco più 24 metri edificato nel 1961 e che viene curato da due persone, oggi anziane, di cui una ha visto la propria sorella essere torturata dai domobranci, i collaborazionisti  nazifascisti, che saranno quelli che a Gorizia il agosto del '44 faranno saltare in aria il tempietto al Parco della Rimembranza, come risposta all'attentato del teatro Verdi. 59 Sono i caduti italiani di cui 32 indicati nelle lapidi 27 verranno aggiunti prossimamente e 1144 i nomi dei partigiani caduti riportati nelle lapidi, su oltre 2000 caduti partigiani nella zona circostante. Tutti luoghi che ogni anno l'ANPI di Ronchi con l'ANPI della prov. di Gorizia visita in pieno spirito di fratellanza con la popolazione del luogo. Che ti accoglie, sempre, con enorme affetto. Ha partecipato alla liberazione di Ljubljana che, come è noto, ha subito l'assedio della città come posto in essere dai fascisti, e conosciuto effetti devastanti grazie alla disgraziata e maledetta Circolare 3 C di Roatta che ha comportato rappresaglie, incendi di case e villaggi, esecuzioni sommarie, raccolta e uccisione di ostaggi, internamenti contro gli sloveni, gli antifascisti, i comunisti in particolar modo. A Ljubljana non è stato difficile entrare, ricorderà Ceschia, così come ricorderà l'accoglienza che ci sarà a Trieste in quel giorno indimenticabile, che vedrà una marea di triestini stringersi intorno ai partigiani, era il 20 maggio del 1945. Non voleva essere interrotto Ceschia e non potevi interromperlo. La guerra e la lotta di liberazione hanno segnato per sempre la vita di queste persone straordinarie. 
Di partigiani vivi ne sono rimasti pochi, avere la possibilità di ascoltarli è una esperienza enorme, umanamente incredibile, che in tal momento di depressione sociale, dove nazismi e fascismi sono pronti per ritornare, essendo le condizioni sociali drammaticamente favorevoli per tale nefandezza, ti può dare solo forza. Forza di lottare e resistere soprattutto per loro, per i sacrifici che hanno compiuto, inimmaginabili, irripetibili. Erano uomini e donne di altri tempi, con ideali veri, con sogni veri, con una speranza vera, ed a queste persone quando stringerai la mano, fino a quando la vita lo consentirà, dovrai solo dire grazie ed ascoltarli per imparare per capire quanto nulla sia scontato, quanto la libertà sia costata sangue e sacrificio. Lo saluterai con le sue patatine sul tavolo, e non potrai che pensare a quella patata cruda, che poteva essere il cibo per uno o più giorni, che durante la guerra, in qualche notte dove forse brillavano le stelle, sognavano, questi uomini, queste donne, mentre combattevano il crimine nazifascista per darci quella libertà che oggi non sappiamo apprezzare.

Commenti

Post popolari in questo blog

"Qua semo a Trieste e no se parla s'ciavo, qua se parla triestin e italian"

"Qua semo a Trieste e no se parla s'ciavo, qua se parla triestin e italian". Non mi sorprende la denuncia effettuata sul Piccolo di Trieste e pubblicata come lettera del giorno. Solo che questa volta chi ha subito tale aggressione verbale razzista ha avuto il coraggio di prendere carta e penna e scrivere e denunciare pubblicamente quanto accaduto. Diverse volte per i muri di Trieste sono apparse scritte che riportavano quel concetto bestiale e puntualmente e giustamente venivano rimosse. Ma non mi sorprende, perchè ciò in linea con i tempi. Tempi dove se un reato viene compiuto da un migrante viene percepito socialmente come più deprecabile rispetto a quello compiuto da un comune cittadino italiano. Tempi dove l'omofobia è una normalità, dove un Gay pride non può passare per ragioni di opportunità innanzi ad un Duomo, tempi dove qualcuno propone processioni riparatorie per sanare il peccato della marcia dell'amore del Gay pride.  Tempi dove ritornano i pregiudiz…

Monfalcone e razzismo contro un cingalese: "Che cojoni 'sti bacoli di merda i se anca qua!"

I casi di razzismo sono in aumento, ma in aumento sono anche le segnalazioni, le denunce, il muro non tanto dell'indifferenza, che ahimè esiste, ma quello del timore o della fatica di prendere carta e penna od una tastiera per denunciare crolla. Un segnale in tal senso è emerso con forza con la nota lettera pubblicata sul Piccolo di Trieste che ho ripreso sia sul blog che su facebook. La tematica del razzismo è importante, e colpisce quando accade in una città che si considera aperta come Trieste e quando viene colpito lo sloveno, che nel corso della storia ha subito da queste parti una mera operazione di "bonifica etnica". Non si tratta di casi isolati, come alcuni commenti hanno sottolineato, " e comunque ne ho sentite altre di questo genere, non è il solo caso" e vi è chi ha ricordato anche il  proprio passato "Mi ricordo e mi rattristo ancora ...ho avuto una simile (peggiore) esperienza quando ero alle superiori. Due ragazze e tutto l'autobus …

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …