Passa ai contenuti principali

Se il nuovo ordine mondiale passa dall'economia.Un'analisi pubblicata sul sito dell'intelligence italiana




Sul sito del Sistema di informazione per la sicurezza della Repubblica è stata pubblicata una ricerca molto interessante, pubblicata da Laris Gaiser membro dell’ITSTIME (Italian Team for Security, Terroristic Issues & Managing Emergencies) presso l’Università Cattolica di Milano in qualità di esperto d’intelligence economica. Si riportano vari concetti, analisi, riflessioni, che ben evidenziano come il mondo sia cambiato e come, seguendo il ragionamento del controverso Edward Luttwak 
nella nascita di un nuovo ordine mondiale sarà l'economia a prendere il posto degli eserciti. Erano gli anni '90 quando ciò veniva annunciato. In parte Luttwak avrà certamente ragione, lo abbiamo visto tra il 2007 e 2008 cosa è accaduto in Occidente con la famigerata "crisi" che crisi in realtà non è stata, salvo per buona parte della popolazione che ha pagato gli effetti diretti di uno scontro durissimo all'interno del capitalismo, appunto guerra economica mondiale. Anzi, a dirla tutta si potrebbe anche sostenere che è in quell'arco temporale che va individuata l'inizio della terza guerra mondiale. Una guerra che durerà decenni, e la cosa peggiore è che non si avrà la consapevolezza di essere all'interno di una guerra, pur essendo in guerra, e vivendo alcuni effetti tipici della guerra, salvo quando questa si mostra con il suo volto tradizionale, con stati di polizia, con gli eserciti per le strade, con i morti e la distruzione, come ora accade in un certo senso in Francia o Belgio, per quanto concerne l'Europa, ad esempio.
Anche perchè gli eserciti devono pur avere una ragione di esistere, e qualche campo di azione a questi verrà pur riservato, ma nel tempo in cui nel mondo ovunque vi sono armi nucleari, una terza guerra mondiale sullo stile delle vecchie guerre sarebbe la fine dell'umanità. E nessuno se lo può permettere. Dunque è l'economia, con il capitalismo, ancora una volta a segnare la differenza. Gaiser rileva che "l’economia è diventata per tutti i Paesi il mezzo principale con cui aumentare il proprio potere e con cui influenzare gli equilibri internazionali all’interno dei quali le vecchie alleanze militari unitamente alle guerra militari hanno perso parte della loro importanza." In una situazione globale, dove, per alcuni aspetti, la Jugoslavia di Tito è stata anche un modello, un modello a cui oggi molti dicono che si dovrebbe ispirare l'Unione Europea, che ne ha determinato nella sua versione grezza proprio la morte. Certamente la questione del modello non era tanto la ratio socialista che ne governava l'indirizzo economico, ma quello politico internazionale nel rapporto tra le varie potenze. Gaiser afferma che " la Jugoslavia di Tito, al confine tra due mondi lo ha saputo fare in maniera egregia durante la Guerra Fredda traendone grandi vantaggi. La Jugoslavia, coma in parte anche il Kazakistan di oggi capace di gestire la sua posizione a cavallo tra Russia e Cina, non si è mai proposta come il confine di un mondo subendone le invitabili frizioni ma ha saputo estorcere, quasi sempre, il meglio dalle due sfere d’influenza che se la contendevano. L'autore conclude il suo studio scrivendo che "il mondo del dopo Guerra Fredda, dopo essere passato attraverso la fase unipolare rappresentata degli Stati Uniti d’America, è oggi alla ricerca di nuovi equilibri che sembrano essere destinati a generarsi dalla competizione degli Stati sul mercato mondiale. Il sistema di Bretton Woods, creato dalle ceneri della Seconda Guerra mondiale, non è più in grado di gestire le trasformazioni economiche in corso. L’intelligence economica è l’approccio complesso che si basa sulla geopolitica, la strategia, la finanza, la guerra informativa, la guerra psicologica, la produzione ed il commercio, il mercato ed il controllo del mondo cyber: un concetto di sicurezza partecipata a sostegno del benessere collettivo. All’interno di uno scenario caratterizzato dalla multipolarità differenziata l’intelligence economica potrebbe divenire il cardine del nuovo ordine mondiale ovvero di una governance generalmente accettata e condivisa." 
Penso che tutto ciò debba servire da riflessione, per capire come i vecchi schemi, le vecchie regole di concepire una guerra, possono certamente essere ancora validi in alcune parti del mondo, ma non sono più valide in via globale, e ciò lascia intendere anche come sia in corso un ripensamento dell'intelligence in materia dove l'economia ed il capitalismo continueranno a farla da padrone in tutti i sensi e le guerre che ci sono e ci saranno riguarderanno contrasti all'interno del capitalismo, quel capitalismo che ha saputo, ahimè, sempre rigenerarsi ed adattarsi ad ogni situazione ed epoca condizionando la vita di miliardi di persone. 

Commenti

Post popolari in questo blog

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Togliatti: "tutte le campagne circa le persecuzioni degli italiani in Jugoslavia sono calunnie e menzogne"

Togliatti nella prima pagina dell'Unità del 7 novembre 1946, racconta il suo viaggio a Belgrado e l'incontro con il Maresciallo Tito. "Il Maresciallo Tito mi ha dichiarato di essere disposto a consentire che Trieste appartenga all'Italia, cioè sia sotto la Sovranità della Repubblica italiana qualora l'Italia consenta di lasciare Gorizia alla Jugoslavia, città che anche secondo i dati del nostro ministero degli esteri è in prevalenza slava. La sola condizione che il Maresciallo Tito pone è che Trieste riceva in seno alla Repubblica italiana uno statuto autonomo effettivamente democratico che permetta ai triestini di governare la loro città ed il loro territorio secondo principi democratici". Alla domanda, cosa pensava di questa proposta, Togliatti, rispose: io penso che è ora di smetterla di servirsi della questione triestina per seminare discordia tra due popoli i quali sono entrambi popoli di lavoratori che debbono collaborare nel modo più stretto allo scop…

Il concerto di Trieste per la sofferenza degli innocenti ed il discorso assurdo di Arguello al Family Day

Domenica 25 giugno, alle ore 20.30, piazza Unità d’Italia, ospiterà il concerto “La sofferenza degli innocenti”, organizzato da Diocesi, Comunità Ebraica e il Comune di Trieste. Si legge che "composta da Kiko Argüello, iniziatore del Cammino Neocatecumenale, l'opera sinfonico-catechetica presenta la sofferenza di una madre ebrea, Maria di Nazareth, che vede uccidere suo figlio, una sofferenza inaudita che le attraversa l'anima, una spada, un dolore assimilato a quello di ogni madre davanti alla morte dei propri figli, vittime innocenti in tanti campi di concentramento come Auschwitz, Majdanek, Mauthausen, Treblinka, Trieste." Tutti coloro che parteciperanno a quel concerto dovrebbero avere ben ferme nella mente le parole assurde pronunciate da Argüello nel suo discorso, al Family day del 2015 a Roma,  tra le altre cose applaudito, con uno striscione enorme alle spalle con scritto "stop gender nelle scuole". Una riflessione che nasce sul femminicidio e da un…