Passa ai contenuti principali

Quella lapide al cimitero di Lussino





Si dice che nei cimiteri si racconta la storia del luogo. Al cimitero di Lussino, in Croazia, in una via laterale, vi è una lapide che balza agli occhi ove si legge: " qui riposano Mario Filinich, Giovanni Zorovich,Giovanni Carcich , e Giovanni Knesich nato alla fine del 1800, uccisi il 10 maggio del 1956. Ai tre giovani barbaramente uccisi e fatti sparire nelle acque di Lischi assieme ad un povero vecchio che diede loro una piccola barca per fuggire verso la patria italiana. I parenti e tutti i Lussignani non più residenti a Lussino. Lussinpiccolo 2001".
Poi, in basso, aggiunto in un secondo momento, un pezzo di marmo, ove si legge: "si uniscono al dolore i Lussignani rimasti". 

In rete si leggono diverse testimonianze ricche anche di particolari. Tre amici, con l'aiuto di un proprietario di una barca del posto, cercarono di fuggire verso l'Italia a remi. Erano attesi in Italia. Ma non si seppe nulla di loro. Si erano rassegnati su quello che sembrava essere l'evento più probabile, un naufragio.
A metà anni '90 gli scheletri vennero ritrovati, ripescati. Venne identificato solo il corpo di uno dei Giovanni, il Zorovich, grazie alle radiografie dei denti conservate dalla madre. I teschi, in base a quello che raccontano le testimonianze, avevano un foro di proiettile. E da qui è maturata una ricostruzione macabra. Vi è chi dice che furono prima barbaramente uccisi e poi legati saldamente alla loro stessa barca ed affondati a 100 metri dalla costa, chi furono prima massacrati di botte, denudati, legati in posizione fetale, ed affondati con la barca, dopo aver ricevuto un colpo di pistola a testa sparato da sotto il mento verso la sommità del cranio.
E gli artefici di questa morte e di tutto ciò sarebbero state le "milizie di Tito". E' inevitabile che sorgono alcuni interrogativi su questa vicenda, e quello che ci si domanda è sulla base di quali prove è stato possibile ricostruire tutto quello che si racconta sulla fine di queste quattro persone? E dramma nel dramma pare che addirittura il fratello di una delle persone scomparse dopo il riconoscimento autoptico avvenuto a Fiume di ciò che rimaneva dei 4 scheletri, nascose nella sua soffitta le ossa per sottrarle alla ricerca della polizia locale per evitare che venissero gettate in una fossa comune.  

Certo è che la lapide collocata nel cimitero di Lussino dice, genericamente, "barbaramente uccisi" e "fatti sparire nelle acque di Lischi assieme ad un povero vecchio che diede loro una piccola barca per fuggire verso la patria italiana". E che dunque non si scrive espressamente in quel luogo sacro da chi sarebbero stati uccisi, ed il perché, ed il come, anche se lo si lascia in un certo senso intendere.



Commenti

Post popolari in questo blog

Un maledetto 17 agosto a Barcellona

Ci sono cose nella vita che non dimenticherai mai e quanto accaduto in un caldo ed apparentemente tranquillo agosto a Barcellona è una di quelle cose che non metabolizzerai per lungo tempo. Hai la fortuna di poterlo in parte raccontare, anche se non sai bene cosa raccontare. Sei a pochi metri dalla interminabile e costante folla della Rambla. Vedi decine e decine di persone a passo spedito venire contro la tua direzione. In un primo momento pensi che vai sempre controcorrente. Poi arriva la polizia, di corsa, chiude la via nella quale ti trovi, una laterale della Rambla. Una delle tante. Non riesci al momento a collegare. Anche se sai che nel mondo la situazione è tesa. Ma sei a Barcellona, pensi. Un luogo sicuro.
Poi l’inevitabile ti si presenta come un cazzotto devastante nello stomaco. Attentato. Terrorismo. Panico totale. Cerchi le persone a te più care, fino a quando non le trovi e non le rintracci non sei "tranquillo".
Cerchi di capire come comportarti. Cosa fare. Cosa…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Barcellona, il giorno dopo il 17 agosto