Passa ai contenuti principali

La follia omicida di Monaco ed il blocco totale della città. Se l'Occidente è in paranoia

Dacca, Baghdad, poi Nizza, Parigi neanche a parlarne, se si chiede alla maggior parte delle persone quando sarebbero accaduti i fatti di Parigi, molti non ti sapranno rispondere, nonostante per settimane non si sia parlato che di ISIS e Parigi e siamo tutti francesi. Stesso discorso per i fatti di Bruxelles. E per quelli accaduti oltre i muri dell'Europa, meglio calare un pietoso velo di no comment. Insomma tutti fatti dimenticati, ed ora è il turno di Monaco e Monaco verrà presto dimenticata non appena accadrà un nuovo fatto e così via dicendo.
Ogni volta che si verifica una qualsiasi azione omicida quello che un tempo poteva essere un nerissimo fatto di cronaca, a cui i TG di tutto il mondo avrebbero dedicato qualche secondo, occupa per ore intere gli spazi della programmazione televisiva, dei media, della stampa. Vi è una fottuta paura dell'ISIS, è evidente, che pure dove non ha responsabilità alcuna, vince, pur essendo in una fase di debolezza più che evidente.
Vince perché si entra nel panico collettivo, vince perché si bloccano le città, vince perché si parla di loro per ore ed ore, vince perché le vittime vengono subito rimosse e dimenticate, vince perché si ha paura della propria libertà.
Vi è certamente una responsabilità, enorme, dell'intero panorama Occidentale della comunicazione. Che agisce sempre con gli stessi schemi e dove tutti oramai sono esperti di strategie militari. Si parte con il dubbio, con insinuazioni, con chi si divide sperando che sia l'ISIS, e chi, invece, no, ognuno con le proprie banali e scontate motivazioni che spesso rispondono al proprio orientamento politico. 
E poi le solite considerazioni, non rinuncio alla libertà, per, si deve rinunciare alla libertà per. 
Così come curioso è che, quando emergono dubbi sul fatto che l'azione di Monaco possa essere propria di una persona con sentimenti neonazisti o neofascisti, mai si dice neonazismo o neofascismo, ma si parla di estremismo di destra, di persona intollerante, xenofoba, così come mai si dice razzista. 
Ma anche il sistema della sicurezza implode. Monaco è stata letteralmente bloccata per diverse ore. Metropolitana bloccata, treni bloccati, strade chiuse e gente bloccata a casa. Per cosa? Un folle,e di giovanissima età, forse malato di quella follia che non si è riuscita a curare nelle dovute sedi, che ha compiuto un tremendo gesto tipico di quelle azioni diaboliche che spesso accompagnano la cronaca nera americana. Il problema è dato certamente dalla facilità della diffusione delle armi. Su cui nessuno dice nulla. Il problema è dato da una società che ha perso ogni contatto con il mondo sociale. Ma anche da una società paranoica, comprensibilmente paranoica che ha prodotto un mostro dal quale non riesce più a difendersi, ed è questo il vero punto della questione. Viviamo una perdurante situazione collettiva di paranoia.

Commenti

Post popolari in questo blog

Clara Petacci è stata violentata ?

Chi è Clara Petacci? Chi sono i Partigiani? Domande legittime, anzi doverose perchè le nuove generazioni non conoscono la storia, e quando leggi che per molti studenti tedeschi Hitler altro non era che un democratico, allora comprendi che quando si parla di tematiche calde e delicate che hanno segnato la storia del secolo scorso, non si deve mai dare nulla per scontato. Nella serata del 6 luglio 2012 Rai tre,conosciuto come canale di sinistra, oggi io direi sinistra sinistrata, ha trasmesso un programma storico interessante che riguardava la Marcia su Roma, la morte ed i misteri di Mussolini. Il programma era la Grande Storia. Ha voluto conferire una diversa visione della verità storica ufficiale conferendo grande credito a teorie sostenute specialmente dai nostalgici del fascismo. Certo la storia o meglio la verità storica per essere tale non dovrebbe essere politicizzata, ma ciò è a dir poco impossibile visto il funzionamento della società. Ieri sera mi son voluto mettere nei panni di un …

Minoranza linguistica slovena, in Italia si guarda al modello danese?

Se c'è una cosa che andrà ricordata quasi come si ricordava l'Ave Maria è che se il FVG può vantare la sua specialità, il suo essere Regione a Statuto speciale è prevalentemente se non esclusivamente per il suo plurilinguismo. Oramai, è ahimè una constatazione di fatto, la lingua tedesca è parlata in pochissimi casi e realtà, si è fatto poco o nulla per difenderla ed incentivarla, resistono invece lo sloveno ed il friulano, nonostante siano tante le mancanze a partire dal bilinguismo visivo soprattutto violato nei confronti degli sloveni. Su 216 Comuni  in FVG la minoranza linguistica friulana è presente in 175 comuni, quella slovena in 32 e quella germanica in 5, cioè la quasi totalità dei Comuni ha una "minoranza linguistica". E visto che la minoranza germanica è a rischio di estinzione, l'attenzione deve essere alta.

E' un dato di fatto che in Italia vi è un deficit di democrazia importante, basta guardare le elezioni di marzo 2018, pochi mesi di campagna…

Altro che la storiella degli "immigrati"che portano via il lavoro, chiude Eaton a Monfalcone

L'Isontino e la Bisiacaria sono un territorio politicamente debole, economicamente depresso. Vi è un tasso di disoccupazione impressionante, il numero di chi non cerca più lavoro è in costante crescita rispetto ad una popolazione che continua a diminuire. Perdere un posto di lavoro nell'Isontino è un gran guaio, perderne un centinaio, ancora, è un disastro sociale enorme, immane, perchè il lavoro qui non c'è, nonostante qualcuno racconti storielle diverse e presenti tanti segni più che in Italia ed in FVG non rappresentano la realtà delle cose. La realtà ci dice che il lavoro è una emergenza e che quando un territorio è politicamente inconsistente i grandi colossi avranno autostrade spianate per procedere con le delocalizzazioni e chiusure dei propri siti. Si legge che Eaton avrebbe complessivamente nel mondo un fatturato, nel 2013, di ben 22 miliardi di dollari, e sul loro sito evidenziano che è stata nominata come una delle aziende più etiche del mondo dalla rivistaE…