Passa ai contenuti principali

La follia omicida di Monaco ed il blocco totale della città. Se l'Occidente è in paranoia

Dacca, Baghdad, poi Nizza, Parigi neanche a parlarne, se si chiede alla maggior parte delle persone quando sarebbero accaduti i fatti di Parigi, molti non ti sapranno rispondere, nonostante per settimane non si sia parlato che di ISIS e Parigi e siamo tutti francesi. Stesso discorso per i fatti di Bruxelles. E per quelli accaduti oltre i muri dell'Europa, meglio calare un pietoso velo di no comment. Insomma tutti fatti dimenticati, ed ora è il turno di Monaco e Monaco verrà presto dimenticata non appena accadrà un nuovo fatto e così via dicendo.
Ogni volta che si verifica una qualsiasi azione omicida quello che un tempo poteva essere un nerissimo fatto di cronaca, a cui i TG di tutto il mondo avrebbero dedicato qualche secondo, occupa per ore intere gli spazi della programmazione televisiva, dei media, della stampa. Vi è una fottuta paura dell'ISIS, è evidente, che pure dove non ha responsabilità alcuna, vince, pur essendo in una fase di debolezza più che evidente.
Vince perché si entra nel panico collettivo, vince perché si bloccano le città, vince perché si parla di loro per ore ed ore, vince perché le vittime vengono subito rimosse e dimenticate, vince perché si ha paura della propria libertà.
Vi è certamente una responsabilità, enorme, dell'intero panorama Occidentale della comunicazione. Che agisce sempre con gli stessi schemi e dove tutti oramai sono esperti di strategie militari. Si parte con il dubbio, con insinuazioni, con chi si divide sperando che sia l'ISIS, e chi, invece, no, ognuno con le proprie banali e scontate motivazioni che spesso rispondono al proprio orientamento politico. 
E poi le solite considerazioni, non rinuncio alla libertà, per, si deve rinunciare alla libertà per. 
Così come curioso è che, quando emergono dubbi sul fatto che l'azione di Monaco possa essere propria di una persona con sentimenti neonazisti o neofascisti, mai si dice neonazismo o neofascismo, ma si parla di estremismo di destra, di persona intollerante, xenofoba, così come mai si dice razzista. 
Ma anche il sistema della sicurezza implode. Monaco è stata letteralmente bloccata per diverse ore. Metropolitana bloccata, treni bloccati, strade chiuse e gente bloccata a casa. Per cosa? Un folle,e di giovanissima età, forse malato di quella follia che non si è riuscita a curare nelle dovute sedi, che ha compiuto un tremendo gesto tipico di quelle azioni diaboliche che spesso accompagnano la cronaca nera americana. Il problema è dato certamente dalla facilità della diffusione delle armi. Su cui nessuno dice nulla. Il problema è dato da una società che ha perso ogni contatto con il mondo sociale. Ma anche da una società paranoica, comprensibilmente paranoica che ha prodotto un mostro dal quale non riesce più a difendersi, ed è questo il vero punto della questione. Viviamo una perdurante situazione collettiva di paranoia.

Commenti

Post popolari in questo blog

Quattro studentesse dell'Università di Padova in Egitto per una tesi. Era proprio indispensabile?

Circola in rete la notizia che  quattro ragazze Unipd vanno  “alla conquista” dell’Egitto, per lavorare alla loro tesi di laurea e frequentano il corso di Progettazione e gestione del turismo culturale, Dipartimento di Beni Culturali dell'Università di Padova. Si legge  con grande enfasi che  "La loro tesi si è concentrata sulla riprogettazione e sul riallestimento della Sala dei Cimeli nel Sacrario militare italiano. Il Sacrario è un edificio costruito per commemorare i caduti italiani durante le battaglie di El-Alamain, che si sono svolte nel 1942 durante la Seconda Guerra Mondiale."
Ora, non so se vi sono già state altre iniziative del genere da quando è stato assassinato Giulio Regeni, quello che so è che  il rettore dell'Università di Padova, Rosario Rizzuto, ha dedicato la giornata dell'inaugurazione del 794° anno accademico a Giulio Regeni con queste parole "Voglio inoltre ricordare in questa occasione con affetto e dolore Giulio Regeni, il g…

La comunità di Ronchi abbraccia la famiglia di Giulio Regeni

Non esiste altro modo che definire come un grande ed immenso abbraccio quello che si è realizzato nella serata di sabato 11 novembre a Ronchi nella sala della Chiesa di Santa Maria Madre. L'abbraccio alla famiglia di Giulio Regeni, a papà Claudio, alla mamma Paola, alla sorella Irene, ad una famiglia meravigliosa che non ha mai smesso per un solo giorno in questi oltre 21 mesi da quel maledetto 3 febbraio 2016 di battersi per la verità e giustizia per Giulio.

Diciamolo pure, quello che è successo dopo la barbara uccisione di Giulio per mano e volere di chi qualcuno lo vorrebbe ancora come innominabile, è un qualcosa di assolutamente straordinario pur nella drammaticità di questa storia, che è diventata la nostra storia. Da quasi due anni continua a resistere, a crescere, a battere colpi ogni giorno ed essere sempre lì in rete la parola chiave, verità per Giulio. E' in continuo movimento. Internazionale, globale, senza età, Ha raggiunto ogni angolo di questo nostro mondo. Ha p…

Quando venne soppressa la provincia di Gorizia perchè troppo slava e l'italianizzazione dei cognomi a Ronchi

Il libro il " fascismo di Confine" di Degrassi, pubblicato in collaborazione con il Comune di Ronchi, offre dei dati storici interessanti. Principalmente incentrato sulle vicende complessive del Confine Orientale e della Venezia Giulia, si addentra anche su come il fascismo ha condizionato e stravolto la vita soprattutto a Ronchi passata dalla provincia di Gorizia a quella di Trieste, a cui vi rimarrà fino al '47, per poi ritornare a quella di Gorizia successivamente fino all'attualità che la vede nell'UTI Carso Isonzo Adriatico.

Le elezioni del 1921 segnarono l'inizio della fine della provincia di Gorizia come determinatesi dopo la fine della grande guerra. In quel collegio vi erano 117 mila abitanti di lingua italiana, 193 mila di lingua slovena, pari al 60%, circa 4 mila di lingua tedesca e circa 5 mila di altre lingue . Dunque era una provincia a forte connotazione slovena. La batosta che verrà subita a livello elettorale dal primo blocco fascista, dove no…