Passa ai contenuti principali

Dopo Nizza, se la vita sembra un tremendo videogame



Colpiscono, questi maledetti bastardi, dove vogliono, quando vogliono e come vogliono. Ogni volta con modalità diverse ed in tutto il mondo. Ed ogni volta è sempre peggio perché la realtà pare superare ogni più tetra immaginazione. Quanto accaduto a Nizza è allucinante e la prima cosa che ho pensato è ad una tipica scena da videogame. Dove ti puoi impossessare di un mezzo di trasporto fare fuori i passanti, i civili come se niente fosse, imbracciare armi e divertiti, se divertimento lo si può chiamare, a colpire uno alla volta quello che tu decidi essere il tuo bersaglio. Ma i videogame sono una finzione, una simulazione, il tuo personaggio può morire e rinascere e morire e rinascere con una pressione di un tasto. Nella vita no. Si muore e basta. Scene da videogame. L'estremismo religioso è solo una maschera. Nel nome delle religioni si è ucciso spesso, la storia ha ben insegnato cosa è stato fatto nel nome delle crociate. Le religioni diventano spesso scudo e maschera di altri interessi, ma la morte non cambia, è sempre quella, tremenda, violenta, assurda. Esiste il diritto di culto costituzionalmente garantito, e va garantito. Personalmente non provo alcun interesse per quello che può aver detto Maometto o Cristo, per quello che si legge nel Corano o nella Bibbia o nei Vangeli, trovo più interessante quello che può dire invece e paradossalmente Dylan Dog e poi nel nome di Dylan Dog, almeno sino ad oggi, non si è mai ucciso mica nessuno. Qui il punto è politico e sociale. Francesi che uccidono francesi e stranieri, bengalesi che uccidono bengalesi e stranieri e così via discorrendo in questo inarrestabile fiume di sangue civile. Civile. Più di una volta si è fatta l'analogia che per combattere questo terrorismo si deve emulare quanto fatto per contrastare le BR. In parte può essere vero, in parte no. E' vero se si capisce che le BR sono state funzionali alla demolizione del Partito Comunista e dell'idea comunista in Italia, non è vero nella parte in cui qui si tratta di colpire cani sciolti, interconnessi tra di loro attraverso l'impenetrabile rete di questo nuovo millennio, che se da un lato è una immensa risorsa per l'umanità dall'altro è un mezzo che favorisce l'autodistruzione dell'umanità. Se le BR sono state funzionali a colpire l'idea comunista in Italia, questi terroristi a cosa sono funzionali? Destabilizzazione che favorisce, in Europa, certamente l'affermazione piena dei peggiori nazionalismi, che a loro volta possono favorire guerre interne, anche se coloro che speculeranno su ciò, faranno fatica a comprendere che qui non si tratta né di guerra di religione,che è una grande stupidaggine, né di immigrazione selvaggia. Perché sono cittadini di quel Paese che colpiscono il loro stesso Paese attraverso la pelle di poveri civili. Qui si colpisce l'Occidente in ogni sua forma  e spazio ed espressione. Quanto accaduto a Nizza, per le sue modalità assurde, evidenzia quanto la vita sia diventata una via di mezzo tra virtualità e realtà, quanto la vita non conti nulla, quanto la lucida follia disumana possa ancora distruggere ogni base di civiltà e libertà. Ma sta a noi saperla difendere senza cedere un solo centimetro della nostra libertà, perché se così non sarà, allora significherà semplicemente aver perso.

Commenti

Post popolari in questo blog

Celebrazione di D'Annunzio e Fiume, risponde l'Ambasciata croata: Basta celebrazioni ci attiveremo

Il cinque settembre, come è noto, avevo scritto una lettera all'Ambasciata della Repubblica di Croazia con sede in Roma in merito a quanto puntualmente ogni anno avviene in Monfalcone. Si celebra l'occupazione militare di Fiume ed un poeta razzista nei confronti dei croati quale D'Annunzio. Mi ero sempre chiesto ma perchè la Repubblica di Croazia tace? Probabilmente perchè non era a conoscenza di quanto accade in Italia? Per tagliare la testa al toro ho scritto la lettera di cui in premessa e mi ha risposto gentilmente ed in tempi anche rapidi il Ministro Plenipotenziario dell'Ambasciata della Repubblica di Croazia Mladenka Šarac-Rončević.


Questo il testo della sua risposta, come si potrà vedere chiaro, conciso:


"Ringraziamo della Sua mail del 5 settembre 2017. Condividiamo la Sua opinione che simili anniversari danneggiano l'atmosfera dei rapporti amichevoli tra i nostri due paesi e che celebrarli incita sentimenti nazionalistici. L'Ambasciata della …

Quel razzismo verso gli slavi mai sparito, saranno le nuove generazioni a demolirlo

Agli italiani piace andare in Croazia a farsi le vacanze. E non è difficile sentir dire questo una volta era "nostro" pensando magari a Lussino, a Pola, a Fiume. O attraversando la costa slovena. Era nostro. Un nostro che si è rivelato un mostro, un mostro che ha partorito e determinato violenze inaudite, impunite. Crimini come quelli compiuti dai nazisti che hanno avuto in diversi casi giusti processi, in Italia mai considerati come crimini, ma presunti, e mai processati. Anzi, sono stati riabilitati i "presunti criminali". In Italia si è verificata l'epurazione al contrario. Sono stati i partigiani ad essere stati espulsi ad esempio dalle forze di polizia, ad essere processati ed incarcerati non i fascisti, almeno quelli che contavano che hanno continuato ad occupare posti chiave nell'Italia repubblicana il cui unisco scopo era colpire il comunismo e per colpire il comunismo il passato divenne un frullato indigesto gettato nel cesso dell'ingiustizia.…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …