Passa ai contenuti principali

Dalla scazzottata tra richiedenti asilo di Gorizia ai fatti dell'Isonzo nella valle dei bla bla bla


Non poteva essere altrimenti. Episodi isolati, certamente deprecabili, ma isolati, tra alcuni richiedenti asilo che vengono alle mani, scatenano il via libera alle solite urla, oramai destinate a perdersi in quella che mi piace chiamare la valle dei bla bla bla. Dovrebbero lor signori, o non signori, preoccuparsi di cose più serie, allarmarsi su cose più serie, che strapparsi i capelli per una banale scazzottata tra persone. Non ho notato le stesse indignazioni ed urla quando è stato accertato che la 'ndrangheta esiste in questo territorio, e consentitemi di ribadirlo anche in questa sede, la 'ndrangheta mi pare una cosa più seria e problematica di una banale scazzottata tra persone, che siano o non siano richiedenti asilo poco importa.  Induce invece alla riflessione quanto denunciato sulla vicenda dell'Isonzo. Una cinquantina di richiedenti asilo si recano in loco, come fanno sempre, ed ancor di più in queste giornate afose, per tutti, e lavano i capi nel fiume, urlano, senza rispetto alcuno per il luogo e per le persone che lì vi sono, tanto che, in base a quello che è stato denunciato, la situazione rischiava di degenerare. Il problema? 
Certamente maleducazione, o mancata comprensione delle regole minime di reciproca convivenza, ma anche incomunicabilità. 
Cosa che può accomunare e spesso accomuna più gli italiani o qualche gruppo di turisti che i richiedenti asilo, ma il punto è che sono i richiedenti asilo ad essere coinvolti e sono coloro che da mesi nel goriziano sono nell'occhio del ciclone per tutta quella serie di motivi ben noti all'opinione pubblica. E' da sempre che rimarco una questione. 
A parer mio, i richiedenti asilo, fin dal primo inserimento in Italia, devono frequentare corsi obbligatori di italiano, devono andare a scuola, con percorsi differenziati in base al tipo basilare di istruzione in loro possesso. 
La conoscenza della lingua è fondamentale e non solo della lingua. L'integrazione deve passare attraverso l'istruzione. Ed il nostro sistema è stato letteralmente catastrofico in tal senso. Se non si conosce la lingua, se non si conosce l'abc sussistente in Italia, se non si ha un minimo di istruzione, come potrà mai esserci integrazione minima?
Eppure ciò potrebbe essere anche una grande fonte occupazionale e non solo.
Noi viviamo in una situazione sociale molto tesa, con la disoccupazione a livelli impressionanti, con un degrado sociale e culturale significativo e dove la politica della pancia prevale su quella della ragione e del buon senso. Ovviamente vi è chi, in modo ignobile, vi specula su ciò, portando l'acqua dell'intolleranza verso il proprio destro mulino. L'accoglienza umanitaria è un dovere ed un diritto, ma affinché vi possa essere integrazione, che non può passare sempre per le vie dell'abusato sistema del volontariato, ma che deve passare per le vie Istituzionali, vi deve essere Istruzione. Anche perché queste persone, come è noto a tutti, nella maggior parte dei casi, non hanno un ben nulla da fare. Non perché non vogliono, ma perché non sono nelle condizioni di poter fare nulla. E se vanno al fiume sono un problema, e se vanno ai giardini sono un problema, e se si collegano ad internet per le strade di Gorizia sono uno problema, e se respirano sono un problema, e se fanno del volontariato sono un problema, e che diamine. 
Questi piccoli episodi di quotidianità devono spingere ad agire, perché se continuiamo su questa strada, la prossima scazzottata non sarà una banalità, se continuiamo su questa strada ci sarà ben altro da commentare. 

Commenti

Post popolari in questo blog

Le conclusioni della Commissione d'inchiesta sul caso Moro

Nelle considerazioni conclusive della Commissione d'inchiesta sul Caso Moro emergono spunti di riflessione importante ed anche inquietanti che dovrebbero far tremare i pilastri della nostra Repubblica. Un lavoro durato alcuni anni, con diverse audizioni, accessi a documenti, verifiche, ispezioni, un lavoro enorme e giunto a termine.    La legge istitutiva della Commissione (Legge 30 maggio 2014, n. 82) ha assegnato come mandato all'inchiesta parlamentare quello di «accertare eventuali nuovi elementi che possono integrare le conoscenze acquisite dalle precedenti Commissioni parlamentari di inchiesta sulla strage di Via Fani, sul sequestro e sull'assassinio di Aldo Moro; eventuali responsabilità sui fatti di cui alla lettera a) riconducibili ad apparati, strutture e organizzazioni comunque denominati ovvero a persone a essi appartenenti o appartenute». E' stato sottolineato che è "dalla rilettura sistematica dei cinque processi e dell'attività delle precedenti…

Il pranzo sociale dell’ANPI di Ronchi ( foto) sotto il segno dell’antifascismo e dei ricordi

Riuscito e partecipato il pranzo sociale organizzato dall’ANPI di Ronchi presso l'accogliente agriturismo Mazzuchin di Vermegliano a pochi passi dalla suggestiva chiesetta di Santo Stefano e durato per buona parte del pomeriggio del 16 dicembre. Quasi un centinaio i partecipanti, dove sotto il segno della musica, partigiana e popolare, balli e ricordi, senza dimenticare l'immancabile lotteria curata con una passione unica dalla solita ed immancabile ed unica Angela, si è consumato un momento conviviale oramai tradizionale. Non sono mancati i momenti di confronto e di riflessione, con i messaggi e gli spunti offerti sia dal Presidente provinciale dell’ANPI di Gorizia, Pironi che dalla Presidente dell’ANPI di Ronchi, Cuzzi.

Il segretario Martinuzzi ha ricordato tutta l’attività svolta dall’ANPI di Ronchi, dai pellegrinaggi laici organizzati nei luoghi della resistenza in Slovenia, ai gemellaggi storici, agli incontri con le scuole, agli appuntamenti del 25 aprile e 2 giugno, a…

Realtà virtuale come un giorno viversi il proprio mondo "felicemente" da casa

La realtà virtuale che è cosa diversa dalla realtà aumentata è tra noi. Nessuna tecnologica ufologica, ma in ogni caso impressionante. Osservare dall'esterno l'individuo  catapultato nel giro di un niente in una dimensione spaziale e temporale diversa da quella che vivi quotidianamente è un qualcosa di assurdo, incredibile. Matrix è tra noi.

Vedrai l'uomo o la donna trasformarsi in un qualcosa di indefinito, muoversi lentamente, con i guanti o con la strumentazione che completerà la proiezione ed il trasporto nella nuova dimensione resa possibile da un casco  con la funzione di visore, da cuffie ed un filo. Dipendente da un filo, lo spazio entro il quale puoi muoverti è limitato, quello reale, ma è immenso quello virtuale.

Percepisci i suoni, le vibrazioni, mancano solo gli odori, ma arriveranno presto anche questi.  Il completamento sensoriale è vicino ad essere ultimato. Vedrai esseri umani essere trasformati in oggetti danzanti, improvvisati scalatori verso l'infin…