Passa ai contenuti principali

Dalla scazzottata tra richiedenti asilo di Gorizia ai fatti dell'Isonzo nella valle dei bla bla bla


Non poteva essere altrimenti. Episodi isolati, certamente deprecabili, ma isolati, tra alcuni richiedenti asilo che vengono alle mani, scatenano il via libera alle solite urla, oramai destinate a perdersi in quella che mi piace chiamare la valle dei bla bla bla. Dovrebbero lor signori, o non signori, preoccuparsi di cose più serie, allarmarsi su cose più serie, che strapparsi i capelli per una banale scazzottata tra persone. Non ho notato le stesse indignazioni ed urla quando è stato accertato che la 'ndrangheta esiste in questo territorio, e consentitemi di ribadirlo anche in questa sede, la 'ndrangheta mi pare una cosa più seria e problematica di una banale scazzottata tra persone, che siano o non siano richiedenti asilo poco importa.  Induce invece alla riflessione quanto denunciato sulla vicenda dell'Isonzo. Una cinquantina di richiedenti asilo si recano in loco, come fanno sempre, ed ancor di più in queste giornate afose, per tutti, e lavano i capi nel fiume, urlano, senza rispetto alcuno per il luogo e per le persone che lì vi sono, tanto che, in base a quello che è stato denunciato, la situazione rischiava di degenerare. Il problema? 
Certamente maleducazione, o mancata comprensione delle regole minime di reciproca convivenza, ma anche incomunicabilità. 
Cosa che può accomunare e spesso accomuna più gli italiani o qualche gruppo di turisti che i richiedenti asilo, ma il punto è che sono i richiedenti asilo ad essere coinvolti e sono coloro che da mesi nel goriziano sono nell'occhio del ciclone per tutta quella serie di motivi ben noti all'opinione pubblica. E' da sempre che rimarco una questione. 
A parer mio, i richiedenti asilo, fin dal primo inserimento in Italia, devono frequentare corsi obbligatori di italiano, devono andare a scuola, con percorsi differenziati in base al tipo basilare di istruzione in loro possesso. 
La conoscenza della lingua è fondamentale e non solo della lingua. L'integrazione deve passare attraverso l'istruzione. Ed il nostro sistema è stato letteralmente catastrofico in tal senso. Se non si conosce la lingua, se non si conosce l'abc sussistente in Italia, se non si ha un minimo di istruzione, come potrà mai esserci integrazione minima?
Eppure ciò potrebbe essere anche una grande fonte occupazionale e non solo.
Noi viviamo in una situazione sociale molto tesa, con la disoccupazione a livelli impressionanti, con un degrado sociale e culturale significativo e dove la politica della pancia prevale su quella della ragione e del buon senso. Ovviamente vi è chi, in modo ignobile, vi specula su ciò, portando l'acqua dell'intolleranza verso il proprio destro mulino. L'accoglienza umanitaria è un dovere ed un diritto, ma affinché vi possa essere integrazione, che non può passare sempre per le vie dell'abusato sistema del volontariato, ma che deve passare per le vie Istituzionali, vi deve essere Istruzione. Anche perché queste persone, come è noto a tutti, nella maggior parte dei casi, non hanno un ben nulla da fare. Non perché non vogliono, ma perché non sono nelle condizioni di poter fare nulla. E se vanno al fiume sono un problema, e se vanno ai giardini sono un problema, e se si collegano ad internet per le strade di Gorizia sono uno problema, e se respirano sono un problema, e se fanno del volontariato sono un problema, e che diamine. 
Questi piccoli episodi di quotidianità devono spingere ad agire, perché se continuiamo su questa strada, la prossima scazzottata non sarà una banalità, se continuiamo su questa strada ci sarà ben altro da commentare. 

Commenti

Post popolari in questo blog

"Qua semo a Trieste e no se parla s'ciavo, qua se parla triestin e italian"

"Qua semo a Trieste e no se parla s'ciavo, qua se parla triestin e italian". Non mi sorprende la denuncia effettuata sul Piccolo di Trieste e pubblicata come lettera del giorno. Solo che questa volta chi ha subito tale aggressione verbale razzista ha avuto il coraggio di prendere carta e penna e scrivere e denunciare pubblicamente quanto accaduto. Diverse volte per i muri di Trieste sono apparse scritte che riportavano quel concetto bestiale e puntualmente e giustamente venivano rimosse. Ma non mi sorprende, perchè ciò in linea con i tempi. Tempi dove se un reato viene compiuto da un migrante viene percepito socialmente come più deprecabile rispetto a quello compiuto da un comune cittadino italiano. Tempi dove l'omofobia è una normalità, dove un Gay pride non può passare per ragioni di opportunità innanzi ad un Duomo, tempi dove qualcuno propone processioni riparatorie per sanare il peccato della marcia dell'amore del Gay pride.  Tempi dove ritornano i pregiudiz…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

A Gorizia si vuole chiudere la Commissione Territoriale? Bene. Allora chiudiamo anche Prefettura,Questura e Tribunale

Le Commissioni Territoriali sono gli organi deputati all’esame delle domande di protezione internazionale ed ospitare una simile struttura dovrebbe essere un grande onore vista la delicatezza e l'importanza delle questioni che tende ad affrontare. Ma a Gorizia non è così. E' stata percepita come un fastidio e dunque depotenziata. E' ovvio che se una città ospita una simile struttura vedrà una maggiore concentrazione di richiedenti asilo. Non è che scelgono Gorizia perchè è come Londra, Parigi o Berlino, visto che Gorizia non è neanche l'ombra di queste capitali. Ma per necessità. Una città che non si è mai strutturata per gestire tale situazione dove l'omissione di soccorso nei confronti dei migranti è diventata la normalità, dove si è abusato del sistema del volontariato. La politica dell'accoglienza diffusa è clamorosamente fallita nell'Isontino, anche per deboli ed inconsistenti politiche provinciali in materia ed anche regionali.  Eppure quella dell…