Passa ai contenuti principali

Nell'elenco dei "criminali di guerra" italiani anche dei "friulani"

Oggi fa discutere la presa di posizione, giusta, della Germania nei confronti della Turchia, sul massacro degli Armeni. Il tutto ad un secolo di distanza. Ma altri massacri sono avvenuti nel primo conflitto mondiale. Penso a quello compiuto in Serbia La Serbia doveva pagare la penitenza, a colpi di cannone, per l'attentato all'arciduca Francesco Ferdinando d'Asburgo e sua moglie. Morte colta con molta indifferenza a Vienna ed estrema freddezza dall'Imperatore. Paese ribelle, destinato alla punizione, solo per la ragione di esistere in quanto tale. La spedizione punitiva di agosto sarà di una violenza inaudita contro la popolazione civile. I conti, alla fine della prima guerra mondiale, i numeri, saranno impressionati. Quasi 750 mila serbi, ovvero un serbo su sei ovvero quasi il 22% della popolazione verrà spazzato via, la percentuale più alta tra tutti i Paesi coinvolti dalla prima guerra mondiale. Così come altri massacri sono avvenuti nel corso della seconda guerra mondiale, crimini di guerra, contro l'umanità, mai puniti. Il più eclatante è certamente quello avvenuto in Giappone con quelle due maledette bombe atomiche. Ma se l'America, la famosa America portatrice di democrazia e libertà ancora oggi non chiede scusa, come si può pretendere di avere giustizia per i crimini compiuti da quelli che poi diventeranno dopo il fatidico 8 settembre del '43 satelliti di questo Paese? Ed infatti così è stato per l'Italia. Nel noto "armadio della vergogna" reso fruibile intorno al febbraio del 2016, vi sono i nominativi di quelli che nei documenti lì riportati, del mese di aprile del 1946, circa tre elenchi, verranno definiti come "criminali di guerra". 3.693 erano i criminali di guerra italiani identificati dalle autorità jugoslave appena finita la seconda guerra mondiale, di cui di ben 750 circa se ne cercò, invano, l'estradizione. E vi erano nominativi di una certa rilevanza. Si tratta di elenchi acquisiti in via confidenziale dagli atti degli organi alleati e sono riportati nominativi di medici, capitani, ufficiali, generali, tenenti, sergenti, maggiori, carabinieri, commissari, membri della milizia fascista,colonnelli ,responsabili di campi di concentramento, colonnelli e/o consoli procuratori addetti ad alcune corti,anche alcuni civili. La provenienza non è indicata nei confronti di tutti, molti sono del centro Italia, alcuni anche del Friuli, e si dovrebbe indagare per capire se trattasi di persone originarie del Friuli o perché qui operavano. Il Comando Alleato decide, sempre nel 1946, di abrogare alcuni elenchi e di unificare il tutto con un solo elenco, corposo, con centinaia e centinaia di nominativi. L'elenco complessivo, ad aprile del 1946, risultava essere di un totale di 1070 nominativi anche se quello a disposizione dell'ONU è di circa 1200 nominativi. In diversi articoli di stampa dell'epoca, prevalentemente stampa estera, si ricordava che "molti italiani si sorprendono ora nell'apprendere che in Grecia ed in Jugoslavia, in Albania, in Libia, ed in Etiopia l'esercito italiano prima e durante la seconda guerra mondiale ha commesso molti crimini di guerra orrendi quanto quelli nazisti. Come risulta dagli archivi dell'ONU in un piccolo villaggio jugoslavo sono state trucidate 878 persone, mentre, in un solo giorno, sono state arrestate 2858 persone. In Jugoslavia, Grecia, Albania, gli italiani hanno istituito circa 200 campi di concentramento e si sono serviti degli ostaggi per formate i plotoni di esecuzione. Nei territori balcanici occupati dall'Italia su una popolazione di 360 mila abitanti ne sono stati uccisi 67.230. " Oggi la sorpresa dovrebbe essere altrettanto forte, perché su tutto ciò è calato un silenzio pietoso, non per compassione, ma per far dimenticare le responsabilità che questo Paese ha avuto,e che mai si è assunto, mai ha chiesto scusa. D'altronde la stessa Commissione istituita per verificare chi poteva o non poteva essere giudicato o consegnato alla Jugoslavia, venne "creata al solo fine di evitare la consegna alla Jugoslavia col pretesto che gli italiani li avremmo giudicati noi(...)”. Estratto da un carteggio tra  il Segretario Generale Ministero degli Affari Esteri ed un Colonnello componente della Commissione di inchiesta. Per un nuovo mondo si deve ripartire da qui, dal chiedere, almeno, scusa.

Commenti

Post popolari in questo blog

Per la prima volta nella storia di Ronchi arriva l'antimafia

No, nessun effetto  cinematografico. Niente sirene spiegate, palette fuori dall'auto in corsa. Niente poliziotti con il passamontagna. Ma in una regione come il Friuli Venezia Giulia non più isola felice, ma presa di mira dalla camorra e dalla 'ndrangheta in particolar modo ,quando si realizzano cantieri ed opere di una certa rilevanza bisogna metterlo in conto. Cosa? L'accesso del gruppo interforze che ha la scopo di intervenire per prevenire infiltrazioni mafiose nei pubblici appalti. 
Il prefetto dispone accessi ed accertamenti nei cantieri delle imprese interessate all'esecuzione di lavori pubblici, avvalendosi, a tal fine, dei gruppi interforze  ed al termine degli accessi ed accertamenti disposti dal prefetto, il gruppo interforze redige, entro trenta giorni, la relazione contenente i dati e le informazioni acquisite nello svolgimento dell'attività ispettiva, trasmettendola al prefetto che ha disposto l'accesso. Il prefetto,  una volta acquisita la relaz…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Koper o Capodistria?Fiume o Rijeka?Merna o Miren?Londra o London? Trieste e Trst?

Esistono diversi processi di italianizzazione, i più noti sono quelli figli dell'abitudine, figli di quel modo di fare che hanno trasformato London in Londra, Berlin in Berlino, Barcelona in Barcellona, Marseille in Marsiglia ecc. Si dirà che è semplice traduzione. Fattore tipico di tutte le lingue. Poi vi sono luoghi che sono stati soggetti all'italianizzazione forzata tramite la nota opera nazionalfascista e di esempi ve ne sono a bizzeffe, se ne perde il conto, sia in Italia che in Slovenia che in Croazia che ovunque l'Italia abbia operato in tal modo.
Ad esempio Redipuglia  ha storpiato lo sloveno Sredipolje. In altri casi si utilizza l'italianizzazione per rispetto anche della comunità italiana che vi abita, non chiamare quei luoghi con il loro nome italiano significherebbe negare l'esistenza della comunità italiana, almeno per gli italiani autoctoni del luogo è così, pensiamo Capodistria il cui nome in sloveno è Koper, o Rijeka diventata Fiume. Italianizzazi…