Passa ai contenuti principali

Il 5 giugno a Trieste vota SINISTRA UNITA – ZDRUŽENA LEVICA

Il 5 giugno si vota a Trieste per l'elezione del Sindaco che è eletto a suffragio universale e diretto, contestualmente all’elezione del Consiglio Comunale. Il Consiglio Comunale di Trieste è composto da 40 consiglieri. Ma si procede anche per l'elezione dei Consigli Circoscrizionali eletti a suffragio diretto contestualmente all’elezione del Consiglio comunale. 
I Consigli hanno la seguente composizione 10 componenti nelle Circoscrizioni I e II ,12 componenti nella Circoscrizione VI, 20 componenti nelle Circoscrizioni III, IV, V e VII. A Trieste si propone una importante lista, che sostengo, quella SINISTRA UNITA – ZDRUŽENA LEVICA. Il candidato sindaco è Iztok Furlanič.
La composizione della lista è rappresentativa della realtà storica e culturale triestina. E' infatti multietnica: un quarto dei candidati sono sloveni, un altro quinto di altre origini (croati, greci, austriaci, argentini). Le donne sono due quinti (15 su 40). Ci sono inoltre studenti, operai, impiegati, professionisti, insegnanti e pensionati. Le liste della Sinistra Unita – Združena levica sono inoltre presenti anche in tutte le circoscrizioni cittadine e dell'Altipiano. In tutte vi sono anche candidati sloveni. E soprattutto è presente la falce e martello. Nella società 2.0, nella società  della falsa modernità, dove il capitalismo non ha paura di identificarsi come tale, producendo anche manifesti per il nuovo capitalismo, nella società dove ritornano i fascismi e nazismi, nella società dove l'ideologia pare essere un male da estirpare solo se è comunista, è fondamentale rivendicare la propria identità e per questo va apprezzata e sostenuta la proposizione di questo simbolo. Non superato dalla storia, come molti vorrebbero far credere. Anzi, è più attuale che mai e le lotte continue in Francia, dimostrano ed evidenziano quanto è importante credere e battersi contro una società sempre più rigida, autoritaria e che ha usurpato il titolo di sinistra per proporre e sostenere le peggiori politiche reazionarie tipiche della destra e del capitalismo. Il nodo cruciale di Trieste sarà sicuramente la questione del Porto Vecchio, la sua riqualificazione, anche perché si tratta di una partita che fa gola a tanti visto che sono previsti investimenti per milioni e milioni di euro. Sarà interessante vedere come si affermerà la lista della SINISTRA UNITA – ZDRUŽENA LEVICA, perché rispettosa della storia di questo territorio, del bilinguismo, della Trieste multiculturale che ha smarrito, oggi il suo essere mitteleuropea. Identità, valori, simbolo, e sostanza. Quello che ci si augura è che a Trieste non si ripeta un caso Bolzano, e per questo è fondamentale sostenere la detta lista e la falce e martello che potrà essere un modello da riproporre nella nostra difficile e complessa regione.

   Questi i candidati:
1) PAOLO IACCHIA ROMA 31/08/1949
2) CLAUDIA CERNIGOI TRIESTE 17/02/1959
3) ANDREA BRANDOLISIO TRIESTE 21/01/1980
4) TATIANA MALALAN TRIESTE 08/09/1964
5) TULLIO SANTI TRIESTE 08/07/1954
6) LILIANA PAJOLA detta 'Serlilian' TRIESTE 14/07/1948
7) PETER BEHRENS TRIESTE 27/04/1951
8) CAROLINA BEATRIZ GARCIA RESISTENCIA 09/06/1963
9) ADRIANO MIRCETA TRIESTE 23/06/1950
10) ALMA MASE' TRIESTE 09/01/1951
11) LAOKRATIS PASCHOS CIUROK 19/03/1950
12) GIANLUCA TEAT TRIESTE 06/07/1976
13) FORTUNATA NADIA AMATO PALERMO 10/01/1986
14) MARINO BERGAGNA TRIESTE 29/09/1958
15) ROBERTO CATTARUZZA TRIESTE 27/06/1954
16) SHARON COLAPS TRIESTE 28/06/1989
17) ANDREA CORRADETTI TRIESTE 03/05/1970
18) NORBERTO FRAGIACOMO TRIESTE 23/03/1972
19) NADIA FRATTE in SIST TRIESTE 17/09/1950
20) MITJA KOŠUTA TRIESTE 23/06/1978
21) ARIANNA KOZMANN TRIESTE 29/04/1950
22) NIKICA NADRAMIJA detta 'Nina' RAGUSA 29/12/1954
23) TULLIO OLENICH TRIESTE 01/10/1950
24) GIANLUCA PACIUCCI RIETI 31/05/1960
25) IRINI PASCHOS TRIESTE 19/07/1991
26) MIRAN PEČENIK TRIESTE 17/05/1956
27) HELGA MARIA PFEIFER VIENNA 29/02/1948
28) ALESSANDRO RADOVINI GRADO 10/05/1972
29) PAOLO RASENI TRIESTE 24/01/1939
30) ENRICO RAVALICO TRIESTE 10/07/1970
31) SILVIO RUZZIER TRIESTE 30/08/1989
32) EDI SABBA TRIESTE 06/02/1961
33) IRMENGARDA SCHOJER TARVISIO 12/06/1948
34) CLAUDIO SIBELIA TRIESTE 09/06/1940
35) EZIO STANCICH TRIESTE 08/07/1958
36) GABRIELLA TULL TRIESTE 12/03/1964
37) DENNIS VISIOLI TRIESTE 06/02/1951
38) CLAUDIO ZACCAI TRIESTE 06/02/1940
39) KATJA ZIVEC TRIESTE 22/10/1976
40) GIUSEPPE ZUDINI PIRANO 05/02/1951

Commenti

Post popolari in questo blog

Per la prima volta nella storia di Ronchi arriva l'antimafia

No, nessun effetto  cinematografico. Niente sirene spiegate, palette fuori dall'auto in corsa. Niente poliziotti con il passamontagna. Ma in una regione come il Friuli Venezia Giulia non più isola felice, ma presa di mira dalla camorra e dalla 'ndrangheta in particolar modo ,quando si realizzano cantieri ed opere di una certa rilevanza bisogna metterlo in conto. Cosa? L'accesso del gruppo interforze che ha la scopo di intervenire per prevenire infiltrazioni mafiose nei pubblici appalti. 
Il prefetto dispone accessi ed accertamenti nei cantieri delle imprese interessate all'esecuzione di lavori pubblici, avvalendosi, a tal fine, dei gruppi interforze  ed al termine degli accessi ed accertamenti disposti dal prefetto, il gruppo interforze redige, entro trenta giorni, la relazione contenente i dati e le informazioni acquisite nello svolgimento dell'attività ispettiva, trasmettendola al prefetto che ha disposto l'accesso. Il prefetto,  una volta acquisita la relaz…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Koper o Capodistria?Fiume o Rijeka?Merna o Miren?Londra o London? Trieste e Trst?

Esistono diversi processi di italianizzazione, i più noti sono quelli figli dell'abitudine, figli di quel modo di fare che hanno trasformato London in Londra, Berlin in Berlino, Barcelona in Barcellona, Marseille in Marsiglia ecc. Si dirà che è semplice traduzione. Fattore tipico di tutte le lingue. Poi vi sono luoghi che sono stati soggetti all'italianizzazione forzata tramite la nota opera nazionalfascista e di esempi ve ne sono a bizzeffe, se ne perde il conto, sia in Italia che in Slovenia che in Croazia che ovunque l'Italia abbia operato in tal modo.
Ad esempio Redipuglia  ha storpiato lo sloveno Sredipolje. In altri casi si utilizza l'italianizzazione per rispetto anche della comunità italiana che vi abita, non chiamare quei luoghi con il loro nome italiano significherebbe negare l'esistenza della comunità italiana, almeno per gli italiani autoctoni del luogo è così, pensiamo Capodistria il cui nome in sloveno è Koper, o Rijeka diventata Fiume. Italianizzazi…