Passa ai contenuti principali

Il 5 giugno a Trieste vota SINISTRA UNITA – ZDRUŽENA LEVICA

Il 5 giugno si vota a Trieste per l'elezione del Sindaco che è eletto a suffragio universale e diretto, contestualmente all’elezione del Consiglio Comunale. Il Consiglio Comunale di Trieste è composto da 40 consiglieri. Ma si procede anche per l'elezione dei Consigli Circoscrizionali eletti a suffragio diretto contestualmente all’elezione del Consiglio comunale. 
I Consigli hanno la seguente composizione 10 componenti nelle Circoscrizioni I e II ,12 componenti nella Circoscrizione VI, 20 componenti nelle Circoscrizioni III, IV, V e VII. A Trieste si propone una importante lista, che sostengo, quella SINISTRA UNITA – ZDRUŽENA LEVICA. Il candidato sindaco è Iztok Furlanič.
La composizione della lista è rappresentativa della realtà storica e culturale triestina. E' infatti multietnica: un quarto dei candidati sono sloveni, un altro quinto di altre origini (croati, greci, austriaci, argentini). Le donne sono due quinti (15 su 40). Ci sono inoltre studenti, operai, impiegati, professionisti, insegnanti e pensionati. Le liste della Sinistra Unita – Združena levica sono inoltre presenti anche in tutte le circoscrizioni cittadine e dell'Altipiano. In tutte vi sono anche candidati sloveni. E soprattutto è presente la falce e martello. Nella società 2.0, nella società  della falsa modernità, dove il capitalismo non ha paura di identificarsi come tale, producendo anche manifesti per il nuovo capitalismo, nella società dove ritornano i fascismi e nazismi, nella società dove l'ideologia pare essere un male da estirpare solo se è comunista, è fondamentale rivendicare la propria identità e per questo va apprezzata e sostenuta la proposizione di questo simbolo. Non superato dalla storia, come molti vorrebbero far credere. Anzi, è più attuale che mai e le lotte continue in Francia, dimostrano ed evidenziano quanto è importante credere e battersi contro una società sempre più rigida, autoritaria e che ha usurpato il titolo di sinistra per proporre e sostenere le peggiori politiche reazionarie tipiche della destra e del capitalismo. Il nodo cruciale di Trieste sarà sicuramente la questione del Porto Vecchio, la sua riqualificazione, anche perché si tratta di una partita che fa gola a tanti visto che sono previsti investimenti per milioni e milioni di euro. Sarà interessante vedere come si affermerà la lista della SINISTRA UNITA – ZDRUŽENA LEVICA, perché rispettosa della storia di questo territorio, del bilinguismo, della Trieste multiculturale che ha smarrito, oggi il suo essere mitteleuropea. Identità, valori, simbolo, e sostanza. Quello che ci si augura è che a Trieste non si ripeta un caso Bolzano, e per questo è fondamentale sostenere la detta lista e la falce e martello che potrà essere un modello da riproporre nella nostra difficile e complessa regione.

   Questi i candidati:
1) PAOLO IACCHIA ROMA 31/08/1949
2) CLAUDIA CERNIGOI TRIESTE 17/02/1959
3) ANDREA BRANDOLISIO TRIESTE 21/01/1980
4) TATIANA MALALAN TRIESTE 08/09/1964
5) TULLIO SANTI TRIESTE 08/07/1954
6) LILIANA PAJOLA detta 'Serlilian' TRIESTE 14/07/1948
7) PETER BEHRENS TRIESTE 27/04/1951
8) CAROLINA BEATRIZ GARCIA RESISTENCIA 09/06/1963
9) ADRIANO MIRCETA TRIESTE 23/06/1950
10) ALMA MASE' TRIESTE 09/01/1951
11) LAOKRATIS PASCHOS CIUROK 19/03/1950
12) GIANLUCA TEAT TRIESTE 06/07/1976
13) FORTUNATA NADIA AMATO PALERMO 10/01/1986
14) MARINO BERGAGNA TRIESTE 29/09/1958
15) ROBERTO CATTARUZZA TRIESTE 27/06/1954
16) SHARON COLAPS TRIESTE 28/06/1989
17) ANDREA CORRADETTI TRIESTE 03/05/1970
18) NORBERTO FRAGIACOMO TRIESTE 23/03/1972
19) NADIA FRATTE in SIST TRIESTE 17/09/1950
20) MITJA KOŠUTA TRIESTE 23/06/1978
21) ARIANNA KOZMANN TRIESTE 29/04/1950
22) NIKICA NADRAMIJA detta 'Nina' RAGUSA 29/12/1954
23) TULLIO OLENICH TRIESTE 01/10/1950
24) GIANLUCA PACIUCCI RIETI 31/05/1960
25) IRINI PASCHOS TRIESTE 19/07/1991
26) MIRAN PEČENIK TRIESTE 17/05/1956
27) HELGA MARIA PFEIFER VIENNA 29/02/1948
28) ALESSANDRO RADOVINI GRADO 10/05/1972
29) PAOLO RASENI TRIESTE 24/01/1939
30) ENRICO RAVALICO TRIESTE 10/07/1970
31) SILVIO RUZZIER TRIESTE 30/08/1989
32) EDI SABBA TRIESTE 06/02/1961
33) IRMENGARDA SCHOJER TARVISIO 12/06/1948
34) CLAUDIO SIBELIA TRIESTE 09/06/1940
35) EZIO STANCICH TRIESTE 08/07/1958
36) GABRIELLA TULL TRIESTE 12/03/1964
37) DENNIS VISIOLI TRIESTE 06/02/1951
38) CLAUDIO ZACCAI TRIESTE 06/02/1940
39) KATJA ZIVEC TRIESTE 22/10/1976
40) GIUSEPPE ZUDINI PIRANO 05/02/1951

Commenti

Post popolari in questo blog

Dopo Macerata si continua a sparare. Guai a ridimensionare o normalizzare

Questa è una storia che non parte da lontano, per dovere di sintesi sarò breve e conciso. Da questa estate in Italia si è iniziato a scoprire il problema del fascismo. Fino a quel momento, soprattutto da chi oggi si professa dall'alto della suo essere grado istituzionale antifascista, era ignorato se non avvallato. Si è denunciato il rischio di fascismo passando dalle vicende ridicole della spiaggia fascista di Chioggia, agli adesivi di Anna Frank, alle bottiglie o calendari con la foto di Mussolini o Hitler. Quando per anni ed anni in questo Paese si è realizzata una vera connivenza con le peggiori istanze, legittimandole, democratizzandole e favorendone la diffusione. Perchè, si è detto, la democrazia vale per tutti, anche per chi sputa veleno sociale.
Il guaio è che è stato pompato all'ennesima potenza un problema che c'era ma non era così forte, impattante. La propaganda che doveva portare a vedere in alcune soggettività una sorta di salvezza messianica in materia di…

E' necessario il (prodotto) made in Friuli Venezia Giulia prima di essere annientati dalla "globalizzazione"

Il made in Italy è diventato uno slogan che non dice più niente. Diventato più funzionale a quella retorica che ha fatto il male dell'Italia che alla tutela dell'Italia. Dall'arte, alla cucina, dall'agricoltura, alla moda e si potrebbe continuare. Nell'Italia di oggi si rimpiange ciò che non è più italiano. Hanno distrutto le campagne, hanno distrutto le coltivazioni storiche, è stato mescolato tutto, per arrivare all'assurdità di cortocircuiti propri di una società totalmente sballata. La globalizzazione nell'economia ha comportato il saccheggio dell'Italia, l'appropriazione indebita di ciò che ha reso unico il nostro Paese nel mondo per perderci nella nullità dell'essere più niente e nessuno.

Siamo bravi a decantare od osannare bellezze e miti e leggende che attraversano la storia di ciò che è arrivato, nel bene o nel male a determinare l'Italia. Un Paese fittiziamente unito, che deve la sua vera forza ai regionalismi, localismi, che non so…

Si è entrati nel terzo anno della ricerca della verità per Giulio Regeni, con la politica persa nel silenzio di comodo

"Non è possibile normalizzare i rapporti con uno stato che tortura, uccide e nasconde oltraggiosamente la verità, se non a scapito della credibilità politica del nostro Paese e di chi lo rappresenta". Queste sono le parole della famiglia di Giulio.
Una tempesta sotto forma di parole. Parole dure, ma figlie di quella rabbia comprensibile di chi altro non ha potuto fare che constatare l'effettiva resa dell'Italia all'Egitto criminale, dove si continua a morire, a sparire, ad essere torturati, come è successo a Giulio.  Si dovrebbe dare un vero e proprio ultimatum all'Egitto, pretendendo quelle piccole cose, elementi fondamentali, per chiudere il cerchio. Ma l'Egitto ha preso in giro l'Italia e Giulio e la sua famiglia da sempre, depistaggi, menzogne, calunnie, infamie. La politica italiana si è persa in un silenzio di comodo, quel silenzio che ha caratterizzato, salvo qualche formula di rito, anche le massime Istituzioni. E questo silenzio fa male e …