Passa ai contenuti principali

Quando la palla oltrepassava la "cortina di ferro" di Gorizia


Tante sono le storie che si raccontano durante il periodo del "muro" di Gorizia. Nell'immaginario collettivo vi è l'idea di un muro che divideva due blocchi ostili, e che queste ostilità si riflettevano nella quotidianità. Guai ad avvicinarsi al famoso "muro", guai oltrepassarlo. Tra le tante storie che ho ascoltato ve ne sono alcune che in verità evidenziano come spesso il tutto veniva ingigantito all'inverosimile e che la realtà era meno "ostile" rispetto a come veniva, a volte per opportunismo propagandistico, presentata la situazione tra i due blocchi "goriziani". Alcuni ragazzi del Collegio Dante, quando giocavano a pallone e la palla andava oltre il confine, oltre il reticolato, non avevano alcuna difficoltà a scavalcarlo, e riprendere la palla e spesso erano gli stessi soldati Jugoslavi a restituirla. Un reticolato che in quella occasione pareva essere più che una tremenda linea divisoria un campo di pallavolo tra due Stati in piena guerra fredda, anche se a dire il vero negli anni '50 quando ciò accadeva la Jugoslavia si avvicinava all'Occidente rompendo i rapporti con l'Unione Sovietica almeno fino al '55. Ma gli anni '50 verranno ricordati soprattutto per la nota "domenica delle scope" qui a Gorizia. Certo, non era un periodo facile, specialmente sul fronte di Trieste più che su quello goriziano. Sul sito della CIA, alla voce Historical Document, è stato pubblicato nel 2007, con ultimo aggiornamento nel 2011, un documento interessante da parte di Richard Stolz che inizierà la sua carriera con la CIA  a Trieste e continuerà con successo fino a ricevere nel 1991 la medaglia per la sicurezza nazionale dal presidente americano Bush.  Scriverà, che almeno lui non sapeva, “ che nel 1954 tra Londra e Vienna si tennero incontri segreti proprio sulla questione di Trieste. La soluzione, saprà dopo, consisteva nell'assegnare definitivamente Trieste all'Italia e la zona B alla Jugoslavia”. Quello che lui sapeva, però, è che nel tardo autunno del 1953 “a tutti i dipendenti inglesi e americani era stato ordinato di abbandonare il territorio senza alcun preavviso. Ciò è stato progettato per metterci fuori dal pericolo e per mettere pressione sugli italiani e jugoslavi, così dimostrando che facciamo sul serio. I dipendenti militari americani sono stati inviati a Viareggio, una località turistica estiva sulla costa occidentale d'Italia, che ha avuto un certo numero di camere d'albergo vuote in quel periodo dell'anno”. Ed alla fine la pressione avrà l'esito che la storia ci ha insegnato. Concluderà scrivendo che l'esperienza di Trieste "è stata l'inizio della mia storia d'amore per tutta la vita con gli uomini e le donne della CIA”. E' importante ricordare anche questo passaggio che riporta nelle sue memorie, con riferimento all'aggressione fascista, subita dal Governo Militare Alleato intorno al 1954. “Diverse centinaia di membri fascisti ( Movimento Sociale Italiano), marciarono contro il palazzo del GMA. Dopo che i manifestanti raggiunsero l'edificio ci furono cariche con bastoni e scudi, c'è stata una esplosione a meno di 20 metri dalla mia posizione. Un uomo tra la folla cadde a terra. Era sul punto di lanciare una granata contro la polizia, ma aveva staccato la sicura troppo presto e la sua gamba era stata spazzata via. Successivamente verrà eletto al Parlamento Italiano e non venne imputato". Insomma periodi tesi, ma ancora una volta il pallone univa, come quelle partite di calcio che venivano organizzate tra Jugoslavi e Neozelandesi, Angloamericani, per fraternizzare durante la reciproca permanenza nelle zone contese. Il pallone riportava all'essere bambini, alla propria infanzia, il pallone un tempo superava ogni linea di confine, anche a Gorizia. Oggi, invece nella migliore delle ipotesi il pallone si perde nel vuoto della indifferenza, e nella peggiore delle ipotesi viene metaforicamente bucato dalle nocività del terzo millennio. Nocività che partoriscono menzogne, spesso in buona fede, a volte in cattiva fede, ma mala fede e cattiva fede si perdono nella incompetenza e nella non conoscenza e dilagano spesso nella rete. Umberto Eco, nel 2015 scriveva: "Nessuno è imbecille di professione (tranne eccezioni) ma una persona che è un ottimo droghiere,un ottimo chirurgo, un ottimo impiegato di banca, può su argomenti su cui non è competente, o su cui non ha ragionato abbastanza, dire delle stupidaggini.E' giusto che la rete permetta di esprimersi anche a chi non dice cose sensate, però l'eccesso di sciocchezze intasa le linee"

Commenti

  1. Storia interessante. Il pallone oltre il confine. Una bella immagine. Grazie
    Max M.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Togliatti: "tutte le campagne circa le persecuzioni degli italiani in Jugoslavia sono calunnie e menzogne"

Togliatti nella prima pagina dell'Unità del 7 novembre 1946, racconta il suo viaggio a Belgrado e l'incontro con il Maresciallo Tito. "Il Maresciallo Tito mi ha dichiarato di essere disposto a consentire che Trieste appartenga all'Italia, cioè sia sotto la Sovranità della Repubblica italiana qualora l'Italia consenta di lasciare Gorizia alla Jugoslavia, città che anche secondo i dati del nostro ministero degli esteri è in prevalenza slava. La sola condizione che il Maresciallo Tito pone è che Trieste riceva in seno alla Repubblica italiana uno statuto autonomo effettivamente democratico che permetta ai triestini di governare la loro città ed il loro territorio secondo principi democratici". Alla domanda, cosa pensava di questa proposta, Togliatti, rispose: io penso che è ora di smetterla di servirsi della questione triestina per seminare discordia tra due popoli i quali sono entrambi popoli di lavoratori che debbono collaborare nel modo più stretto allo scop…

Il concerto di Trieste per la sofferenza degli innocenti ed il discorso assurdo di Arguello al Family Day

Domenica 25 giugno, alle ore 20.30, piazza Unità d’Italia, ospiterà il concerto “La sofferenza degli innocenti”, organizzato da Diocesi, Comunità Ebraica e il Comune di Trieste. Si legge che "composta da Kiko Argüello, iniziatore del Cammino Neocatecumenale, l'opera sinfonico-catechetica presenta la sofferenza di una madre ebrea, Maria di Nazareth, che vede uccidere suo figlio, una sofferenza inaudita che le attraversa l'anima, una spada, un dolore assimilato a quello di ogni madre davanti alla morte dei propri figli, vittime innocenti in tanti campi di concentramento come Auschwitz, Majdanek, Mauthausen, Treblinka, Trieste." Tutti coloro che parteciperanno a quel concerto dovrebbero avere ben ferme nella mente le parole assurde pronunciate da Argüello nel suo discorso, al Family day del 2015 a Roma,  tra le altre cose applaudito, con uno striscione enorme alle spalle con scritto "stop gender nelle scuole". Una riflessione che nasce sul femminicidio e da un…