Passa ai contenuti principali

Quando la palla oltrepassava la "cortina di ferro" di Gorizia


Tante sono le storie che si raccontano durante il periodo del "muro" di Gorizia. Nell'immaginario collettivo vi è l'idea di un muro che divideva due blocchi ostili, e che queste ostilità si riflettevano nella quotidianità. Guai ad avvicinarsi al famoso "muro", guai oltrepassarlo. Tra le tante storie che ho ascoltato ve ne sono alcune che in verità evidenziano come spesso il tutto veniva ingigantito all'inverosimile e che la realtà era meno "ostile" rispetto a come veniva, a volte per opportunismo propagandistico, presentata la situazione tra i due blocchi "goriziani". Alcuni ragazzi del Collegio Dante, quando giocavano a pallone e la palla andava oltre il confine, oltre il reticolato, non avevano alcuna difficoltà a scavalcarlo, e riprendere la palla e spesso erano gli stessi soldati Jugoslavi a restituirla. Un reticolato che in quella occasione pareva essere più che una tremenda linea divisoria un campo di pallavolo tra due Stati in piena guerra fredda, anche se a dire il vero negli anni '50 quando ciò accadeva la Jugoslavia si avvicinava all'Occidente rompendo i rapporti con l'Unione Sovietica almeno fino al '55. Ma gli anni '50 verranno ricordati soprattutto per la nota "domenica delle scope" qui a Gorizia. Certo, non era un periodo facile, specialmente sul fronte di Trieste più che su quello goriziano. Sul sito della CIA, alla voce Historical Document, è stato pubblicato nel 2007, con ultimo aggiornamento nel 2011, un documento interessante da parte di Richard Stolz che inizierà la sua carriera con la CIA  a Trieste e continuerà con successo fino a ricevere nel 1991 la medaglia per la sicurezza nazionale dal presidente americano Bush.  Scriverà, che almeno lui non sapeva, “ che nel 1954 tra Londra e Vienna si tennero incontri segreti proprio sulla questione di Trieste. La soluzione, saprà dopo, consisteva nell'assegnare definitivamente Trieste all'Italia e la zona B alla Jugoslavia”. Quello che lui sapeva, però, è che nel tardo autunno del 1953 “a tutti i dipendenti inglesi e americani era stato ordinato di abbandonare il territorio senza alcun preavviso. Ciò è stato progettato per metterci fuori dal pericolo e per mettere pressione sugli italiani e jugoslavi, così dimostrando che facciamo sul serio. I dipendenti militari americani sono stati inviati a Viareggio, una località turistica estiva sulla costa occidentale d'Italia, che ha avuto un certo numero di camere d'albergo vuote in quel periodo dell'anno”. Ed alla fine la pressione avrà l'esito che la storia ci ha insegnato. Concluderà scrivendo che l'esperienza di Trieste "è stata l'inizio della mia storia d'amore per tutta la vita con gli uomini e le donne della CIA”. E' importante ricordare anche questo passaggio che riporta nelle sue memorie, con riferimento all'aggressione fascista, subita dal Governo Militare Alleato intorno al 1954. “Diverse centinaia di membri fascisti ( Movimento Sociale Italiano), marciarono contro il palazzo del GMA. Dopo che i manifestanti raggiunsero l'edificio ci furono cariche con bastoni e scudi, c'è stata una esplosione a meno di 20 metri dalla mia posizione. Un uomo tra la folla cadde a terra. Era sul punto di lanciare una granata contro la polizia, ma aveva staccato la sicura troppo presto e la sua gamba era stata spazzata via. Successivamente verrà eletto al Parlamento Italiano e non venne imputato". Insomma periodi tesi, ma ancora una volta il pallone univa, come quelle partite di calcio che venivano organizzate tra Jugoslavi e Neozelandesi, Angloamericani, per fraternizzare durante la reciproca permanenza nelle zone contese. Il pallone riportava all'essere bambini, alla propria infanzia, il pallone un tempo superava ogni linea di confine, anche a Gorizia. Oggi, invece nella migliore delle ipotesi il pallone si perde nel vuoto della indifferenza, e nella peggiore delle ipotesi viene metaforicamente bucato dalle nocività del terzo millennio. Nocività che partoriscono menzogne, spesso in buona fede, a volte in cattiva fede, ma mala fede e cattiva fede si perdono nella incompetenza e nella non conoscenza e dilagano spesso nella rete. Umberto Eco, nel 2015 scriveva: "Nessuno è imbecille di professione (tranne eccezioni) ma una persona che è un ottimo droghiere,un ottimo chirurgo, un ottimo impiegato di banca, può su argomenti su cui non è competente, o su cui non ha ragionato abbastanza, dire delle stupidaggini.E' giusto che la rete permetta di esprimersi anche a chi non dice cose sensate, però l'eccesso di sciocchezze intasa le linee"

Commenti

  1. Storia interessante. Il pallone oltre il confine. Una bella immagine. Grazie
    Max M.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

"Qua semo a Trieste e no se parla s'ciavo, qua se parla triestin e italian"

"Qua semo a Trieste e no se parla s'ciavo, qua se parla triestin e italian". Non mi sorprende la denuncia effettuata sul Piccolo di Trieste e pubblicata come lettera del giorno. Solo che questa volta chi ha subito tale aggressione verbale razzista ha avuto il coraggio di prendere carta e penna e scrivere e denunciare pubblicamente quanto accaduto. Diverse volte per i muri di Trieste sono apparse scritte che riportavano quel concetto bestiale e puntualmente e giustamente venivano rimosse. Ma non mi sorprende, perchè ciò in linea con i tempi. Tempi dove se un reato viene compiuto da un migrante viene percepito socialmente come più deprecabile rispetto a quello compiuto da un comune cittadino italiano. Tempi dove l'omofobia è una normalità, dove un Gay pride non può passare per ragioni di opportunità innanzi ad un Duomo, tempi dove qualcuno propone processioni riparatorie per sanare il peccato della marcia dell'amore del Gay pride.  Tempi dove ritornano i pregiudiz…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

A Gorizia si vuole chiudere la Commissione Territoriale? Bene. Allora chiudiamo anche Prefettura,Questura e Tribunale

Le Commissioni Territoriali sono gli organi deputati all’esame delle domande di protezione internazionale ed ospitare una simile struttura dovrebbe essere un grande onore vista la delicatezza e l'importanza delle questioni che tende ad affrontare. Ma a Gorizia non è così. E' stata percepita come un fastidio e dunque depotenziata. E' ovvio che se una città ospita una simile struttura vedrà una maggiore concentrazione di richiedenti asilo. Non è che scelgono Gorizia perchè è come Londra, Parigi o Berlino, visto che Gorizia non è neanche l'ombra di queste capitali. Ma per necessità. Una città che non si è mai strutturata per gestire tale situazione dove l'omissione di soccorso nei confronti dei migranti è diventata la normalità, dove si è abusato del sistema del volontariato. La politica dell'accoglienza diffusa è clamorosamente fallita nell'Isontino, anche per deboli ed inconsistenti politiche provinciali in materia ed anche regionali.  Eppure quella dell…