Passa ai contenuti principali

La Lega nazionale deve chiedere scusa per le sue battaglie contro il bilinguismo



Nel passato recentissimo, nella peggior bestemmia della storia, la memoria condivisa, pilastro fondamentale del revisionismo storico si è aperto e facilitato un rapporto, funzionale al nazionalismo ed all'anticomunismo ed al revisionismo storico. Memoria condivisa, ergo memoria nazionalistica, anti partigiana, o meglio contro i partigiani comunisti e partigiani comunisti filo Jugoslavi e contro quell'ANPI che è ancora indipendente da certe logiche nazionalistiche e non solo. Basta vedere chi ha sostenuto la Legge sul giorno del ricordo o chi oggi si schierato anche nel e con un certo PD per capire il tutto. Passano gli anni, perseverano i disastri istituzionali in tale chiave, e poi arriva il grande rottamatore. Giovane, audace, anticomunista, promette miracoli, ma alla fine l'unica cosa che ha realmente rottamato o meglio demolito sono le conquiste del '68 facendo passare per vecchio, antiquato, ciò che è costato fatica, sudore, lotte, ed ancora oggi inattuato ed attuale e l'ideologia. Il grande rottamatore o meglio demolitore del '68. Ed arriva dopo il ventennio berlusconiano il renzismo che si pone in continuità con il suo predecessore, osando ciò che Berlusconi non aveva osato, perché ora il renzismo ha la copertura da "sinistra" percorrendo quel campo seminato e coltivato da Berlusconi per due decenni. Nel mentre di tutto ciò Casapound cresce, apre sedi ovunque, anche dove non ha un gran numero di militanti. A Gorizia l'attuale presidente della Lega Nazionale, ignoto ai più salvo che per alcuni per le sue attività sportive, diviene nel maggio del 2013, appunto, presidente della Lega Nazionale.Ed il Piccolo nel mese di ottobre 2013 lo presenta in un sintetico trafiletto come " renziano della prima ora"e coordinatore del comitato renziano locale. Nei luoghi di confine, si dirà, si perde ogni logica. Visto che sarà interessante notare come i contenuti usati da questo Presidente della Lega Nazionale di Gorizia per attaccare l'ANPI saranno simili a quelli poi usati da Casapound, quando si dice che l'ANPI deve andare fuori dalle scuole. Così come interessante sarà la vicinanza che questa Lega Nazionale goriziana ha con quella triestina nei rapporti con i nazionalisti di Trieste pro patria, di cui uno dei fondatori è noto per il suo passato nella fiamma tricolore ed uno dei suoi sostenitori per il suo essere ex avanguardista nazionale.
Invece no. Tutto ha una logica che dequalifica una certa sinistra, che farebbe bene a rivedere alcuni rapporti, viste anche alcune strane situazioni maturate tra alcuni iscritti del Pd e casapoundisti anche nel resto d'Italia, che vede un solo blocco, grigio tendente al neraccio, nel nome del nazionalismo, cancro di ogni civiltà. Come è noto il simbolo delle violenze subite soprattutto dalla importante comunità slovena è l'incendio del Narodni dom, avvenuto nel luglio del 1920. Quando ancora la marcia su Roma non era accaduta, mentre era avvenuta quella su Fiume che ha anticipato quella su Roma e che vedrà il dannunziano Giunta che diventerà anche segretario del PNF essere in prima fila nell'assalto al Narodni Dom. Cosa che si replicherà a Pola. E poi a Gorizia, questa volta sotto il pieno fascismo il 4 novembre del 1926, al grido di viva l'Italia colpendo il Trgovski Dom. Ora la Lega Nazionale è sempre stata in prima fila contro il bilinguismo. Non solo nei tempi che furono ma anche nel recente passato. Basta andare sul loro sito e vedere tutte le assurdità che scrivono contro il bilinguismo. Il bilinguismo è la forza di questo territorio, deve essere rinforzato, sostenuto e difeso senza alcuna condizione, altro che attacchi scellerati.  La Lega Nazionale deve chiedere scusa per le sue battaglie vergognose contro il bilinguismo. E vi assicuro che questo pensiero è molto diffuso, e non solo in tutti i luoghi in cui teniamo dibattiti storici sulle vicende del confine orientale, che vedono le sale essere sempre piene non solo di persone ma anche di contenuti. Purtroppo oggi siamo circondati da persone che oramai sono fuori dal tempo e dalla storia e che in modo incomprensibile continuano ancora a trovare spazio, anche se ridotto rispetto al passato.

Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Se Babbo Natale ha ridimensionato San Nicolò

Ma è più sentito San Nicolò o Babbo Natale?

Questo è quanto mi domandavo notando tutta la serie di prodotti realizzati, i mercatini diffusi, le fiere e quant'altro si afferma in prossimità della notte tra il 5 e 6 dicembre. Così come mi domando, ma quanti conoscono la sua storia? Quanti sanno che tipo di santo protettore sarebbe?  Scommetto che le mani alzate sarebbero una manciata.  Ed a dirla tutta non interessa, interessa quel giorno solo scambiarsi qualche regalino, girovagare per le fiere, bere e mangiare.
San Nicolò, dicono, è un santo molto venerato in tutto il mondo, addirittura avrebbe carattere universale. Sarà. Ma in Italia ci sono su più di 8 mila Comuni solo una ventina di località, e qualche Comune, ad avere questo nome e sono poche le località dove viene festeggiato, soprattutto in alcune zone del Nord Est ed in Puglia.  Vi è chi dice che Babbo Natale altro non sia che praticamente il San Nicolò in chiave pienamente consumistica, che avrebbe tratto origine da qu…

Scuola: tra ponti ed elezioni in FVG nel 2018 una vacanza al mese

Le elezioni politiche saranno il 4 marzo, mentre in Friuli Venezia Giulia si dovrebbe votare per il rinnovo del Consiglio Regionale nei primi di maggio 2018.

Non male e non poteva andare meglio.

Dall'epifania fino alla fine dell'anno scolastico in Friuli Venezia Giulia praticamente ci sarà una mini vacanza al mese. Le vacanze di carnevale dal 12 al 14 febbraio, le vacanze di pasqua dal 29 marzo al 3 aprile, le elezioni politiche che interesseranno gran parte delle nostre scuole di marzo, poi il ponte di fine aprile per il primo maggio, e la settimana successiva la votazione per le regionali. Ovviamente tutti questi giorni verranno computati ai fini della validità dell'anno scolastico.
Marco Barone