Passa ai contenuti principali

La Lega nazionale deve chiedere scusa per le sue battaglie contro il bilinguismo



Nel passato recentissimo, nella peggior bestemmia della storia, la memoria condivisa, pilastro fondamentale del revisionismo storico si è aperto e facilitato un rapporto, funzionale al nazionalismo ed all'anticomunismo ed al revisionismo storico. Memoria condivisa, ergo memoria nazionalistica, anti partigiana, o meglio contro i partigiani comunisti e partigiani comunisti filo Jugoslavi e contro quell'ANPI che è ancora indipendente da certe logiche nazionalistiche e non solo. Basta vedere chi ha sostenuto la Legge sul giorno del ricordo o chi oggi si schierato anche nel e con un certo PD per capire il tutto. Passano gli anni, perseverano i disastri istituzionali in tale chiave, e poi arriva il grande rottamatore. Giovane, audace, anticomunista, promette miracoli, ma alla fine l'unica cosa che ha realmente rottamato o meglio demolito sono le conquiste del '68 facendo passare per vecchio, antiquato, ciò che è costato fatica, sudore, lotte, ed ancora oggi inattuato ed attuale e l'ideologia. Il grande rottamatore o meglio demolitore del '68. Ed arriva dopo il ventennio berlusconiano il renzismo che si pone in continuità con il suo predecessore, osando ciò che Berlusconi non aveva osato, perché ora il renzismo ha la copertura da "sinistra" percorrendo quel campo seminato e coltivato da Berlusconi per due decenni. Nel mentre di tutto ciò Casapound cresce, apre sedi ovunque, anche dove non ha un gran numero di militanti. A Gorizia l'attuale presidente della Lega Nazionale, ignoto ai più salvo che per alcuni per le sue attività sportive, diviene nel maggio del 2013, appunto, presidente della Lega Nazionale.Ed il Piccolo nel mese di ottobre 2013 lo presenta in un sintetico trafiletto come " renziano della prima ora"e coordinatore del comitato renziano locale. Nei luoghi di confine, si dirà, si perde ogni logica. Visto che sarà interessante notare come i contenuti usati da questo Presidente della Lega Nazionale di Gorizia per attaccare l'ANPI saranno simili a quelli poi usati da Casapound, quando si dice che l'ANPI deve andare fuori dalle scuole. Così come interessante sarà la vicinanza che questa Lega Nazionale goriziana ha con quella triestina nei rapporti con i nazionalisti di Trieste pro patria, di cui uno dei fondatori è noto per il suo passato nella fiamma tricolore ed uno dei suoi sostenitori per il suo essere ex avanguardista nazionale.
Invece no. Tutto ha una logica che dequalifica una certa sinistra, che farebbe bene a rivedere alcuni rapporti, viste anche alcune strane situazioni maturate tra alcuni iscritti del Pd e casapoundisti anche nel resto d'Italia, che vede un solo blocco, grigio tendente al neraccio, nel nome del nazionalismo, cancro di ogni civiltà. Come è noto il simbolo delle violenze subite soprattutto dalla importante comunità slovena è l'incendio del Narodni dom, avvenuto nel luglio del 1920. Quando ancora la marcia su Roma non era accaduta, mentre era avvenuta quella su Fiume che ha anticipato quella su Roma e che vedrà il dannunziano Giunta che diventerà anche segretario del PNF essere in prima fila nell'assalto al Narodni Dom. Cosa che si replicherà a Pola. E poi a Gorizia, questa volta sotto il pieno fascismo il 4 novembre del 1926, al grido di viva l'Italia colpendo il Trgovski Dom. Ora la Lega Nazionale è sempre stata in prima fila contro il bilinguismo. Non solo nei tempi che furono ma anche nel recente passato. Basta andare sul loro sito e vedere tutte le assurdità che scrivono contro il bilinguismo. Il bilinguismo è la forza di questo territorio, deve essere rinforzato, sostenuto e difeso senza alcuna condizione, altro che attacchi scellerati.  La Lega Nazionale deve chiedere scusa per le sue battaglie vergognose contro il bilinguismo. E vi assicuro che questo pensiero è molto diffuso, e non solo in tutti i luoghi in cui teniamo dibattiti storici sulle vicende del confine orientale, che vedono le sale essere sempre piene non solo di persone ma anche di contenuti. Purtroppo oggi siamo circondati da persone che oramai sono fuori dal tempo e dalla storia e che in modo incomprensibile continuano ancora a trovare spazio, anche se ridotto rispetto al passato.

Commenti

Post popolari in questo blog

E' necessario produrre una filmografia sulla resistenza e realizzare musei sulla sua storia

I tempi son mutati ed è di fondamentale importanza, per non rischiare di essere sommersi dall'ignoranza, dal revisionismo storico, dall'indifferenza,  trasmettere i valori della resistenza anche attraverso strumenti e mezzi che ad oggi per ragioni a dire il vero incomprensibili sono stati poco utilizzati. Libertà, uguaglianza, fratellanza, pace, riscatto morale ed etico del nostro Paese, internazionalismo, diritti dei lavoratori, diritti delle donne, diritti civili, ovvero antinazifascismo. Concetti che quotidianamente vengono sistematicamente e metodicamente messi in discussione. E' vitale, per la memoria umana storica attivarsi in ogni ovunque per promuovere una filmografia sulla nostra resistenza, necessità che viene espressa non solo da storici, ma anche da scrittori, registi, e cittadini, nonché promuovere spazi museali affinché si possano raggiungere con maggiore facilità e coinvolgimento, anche emotivo e fisico, le nuove generazioni. Esistono musei di ogni tipo in …

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

L'Italia entro il 2065 rischia di perdere quasi 20 milioni di abitanti, con anche spopolamento enorme nel Sud

Siamo un piccolo Paese, che ha raggiunto la soglia di 60 milioni di abitanti e che probabilmente non solo non supererà mai più ma che rischia di vedere con il binocolo per i prossimi decenni. Certamente viviamo in una società di 7 e passa miliardi di persone, siamo troppi, ma chi pagherà più di altri lo spopolamento saranno i Paesi poveri e tra questi vi è ovviamente anche l'Italia. Se il Sud rischia di vivere uno spopolamento pazzesco, nell'Europa, l'Italia è come il suo sud, vivrà uno spopolamento importante. Cosa comunica l'ISTAT? 
"La popolazione residente attesa per l'Italia è stimata pari, secondo lo scenario mediano, a 58,6 milioni nel 2045 e a 53,7 milioni nel 2065. La perdita rispetto al 2016 (60,7 milioni) sarebbe di 2,1 milioni di residenti nel 2045 e di 7 milioni nel 2065. Tenendo conto della variabilità associata agli eventi demografici, la stima della popolazione al 2065 oscilla da un minimo di 46,1 milioni a un massimo di 61,5. La probabilità d…