Passa ai contenuti principali

Il caso dell'aeroporto di Ronchi. Valore zero per ripartire da zero


Nel giorno in cui il Piccolo, a grandi titoloni, ha evidenziato il valore del nostro scalo, pari a zero, ogni dieci minuti decollava un aereo. Alcuni si chiedevano ma non valeva zero il nostro scalo? Ed oggi tutti questi voli? Da un certo punto di vista era anche interessante vedere decollare l'aereo ogni dieci minuti, per no so quanti voli, però dopo qualche ora, vista anche la vicinanza con il centro abitato di Ronchi, quei rumori iniziavano ad essere un grande fastidio. Ma nessun problema. Solo una coincidenza. Si trattava di esercitazioni di volo. Lo stesso aereo che in uno scalo con voli ridotti ai minimi termini è decollato ed atterrato non so quante volte. Scherzo del destino verrebbe da dire. A Ronchi il problema di avere voli ogni dieci minuti non si pone, è più facile che l'Udinese vinca lo scudetto piuttosto.  Valore zero, fatturati a picco ma sono previsti investimenti milionari. Il Piccolo riportava che "gli investimenti, per il terminal passeggeri sono previsti per un totale di oltre 10 milioni nel periodo 2016-2019; alle infrastrutture di volo andranno 2,22 milioni nel 2016 e 5,1 nel 2017, per un investimento complessivo di 12 milioni al 2019. Per lo sviluppo dell'intermodalità si spenderanno 2,5 milioni nel 2016 e 7,4 nel 2017, per totali 16,8 milioni a fine quadriennio". Domanda ma chi investirebbe mai in una azienda dal valore pari a zero? Nessuno, salvo qualche considerazione. Come è noto dal luglio 1997, titolare della gestione dello scalo di Ronchi è la Aeroporto Friuli Venezia Giulia S.p.A., società per azioni a socio unico – la Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia – dal luglio 2010. Quello che ci si augura è che tutti questi investimenti saranno accompagnati da un protocollo di legalità antimafia, perché possano affermarsi i giusti e dovuti controlli in una zona dove le mafie ci sono da lungo tempo. Sorge il sospetto che il tutto serva per preparare un prodotto, oggi dai valori di mercato ai minimi termini, da collocare in vendita se non in svendita. Ergo, privatizzazione piena. Ora Ronchi così come il porto di Trieste ha sofferto una concorrenza inaffrontabile con il sistema di Venezia. Non si può concorrere con Venezia, si può fare solo sistema. Altrimenti Ronchi e Trieste continueranno a prendersi solo gli scarti di Venezia, quando va bene, come accaduto sino ad oggi. Ma spendere soldi pubblici per il giusto investimento dello scalo di Ronchi, la cui intitolazione anacronistica di Brazzà, colonialista e nobile romano, naturalizzato francese, andrà certamente rivista, per poi collocare eventualmente la struttura nel mercato, è giusto? E' giusto investire milioni di milioni di euro pubblici in una struttura dal valore zero e con fatturato a picco? Quando il suo futuro pare essere già ben tracciato? L'unica cosa certa è che oggi si deve ripartire certamente da zero.

Commenti

Post popolari in questo blog

Celebrazione di D'Annunzio e Fiume, risponde l'Ambasciata croata: Basta celebrazioni ci attiveremo

Il cinque settembre, come è noto, avevo scritto una lettera all'Ambasciata della Repubblica di Croazia con sede in Roma in merito a quanto puntualmente ogni anno avviene in Monfalcone. Si celebra l'occupazione militare di Fiume ed un poeta razzista nei confronti dei croati quale D'Annunzio. Mi ero sempre chiesto ma perchè la Repubblica di Croazia tace? Probabilmente perchè non era a conoscenza di quanto accade in Italia? Per tagliare la testa al toro ho scritto la lettera di cui in premessa e mi ha risposto gentilmente ed in tempi anche rapidi il Ministro Plenipotenziario dell'Ambasciata della Repubblica di Croazia Mladenka Šarac-Rončević.


Questo il testo della sua risposta, come si potrà vedere chiaro, conciso:


"Ringraziamo della Sua mail del 5 settembre 2017. Condividiamo la Sua opinione che simili anniversari danneggiano l'atmosfera dei rapporti amichevoli tra i nostri due paesi e che celebrarli incita sentimenti nazionalistici. L'Ambasciata della …

Quel razzismo verso gli slavi mai sparito, saranno le nuove generazioni a demolirlo

Agli italiani piace andare in Croazia a farsi le vacanze. E non è difficile sentir dire questo una volta era "nostro" pensando magari a Lussino, a Pola, a Fiume. O attraversando la costa slovena. Era nostro. Un nostro che si è rivelato un mostro, un mostro che ha partorito e determinato violenze inaudite, impunite. Crimini come quelli compiuti dai nazisti che hanno avuto in diversi casi giusti processi, in Italia mai considerati come crimini, ma presunti, e mai processati. Anzi, sono stati riabilitati i "presunti criminali". In Italia si è verificata l'epurazione al contrario. Sono stati i partigiani ad essere stati espulsi ad esempio dalle forze di polizia, ad essere processati ed incarcerati non i fascisti, almeno quelli che contavano che hanno continuato ad occupare posti chiave nell'Italia repubblicana il cui unisco scopo era colpire il comunismo e per colpire il comunismo il passato divenne un frullato indigesto gettato nel cesso dell'ingiustizia.…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …