Passa ai contenuti principali

Cosa non è oggi la Piazza della Transalpina



Ci sono luoghi che ancora oggi non hanno superato gli effetti del Trattato di Pace del 1947, considerato ingiusto da alcuni, incontestabile da altri, ma non si deve dimenticare che quel Trattato di Pace è la conseguenza del fascismo, delle scellerate politiche dell'Italia, che ne ha pagato, duramente le conseguenze. Tra questi luoghi vi è certamente Gorizia con la confinante Nova Gorica. Il simbolo di Gorizia è il suo castello, tutte le iniziative più importanti sono incentrate al castello. Ma il simbolo di Gorizia non dovrebbe essere solo il suo castello, ma quell'unicum che abbiamo. Una risorsa micidiale per le sue potenzialità, ma ad oggi volutamente depotenziata. La piazza della Transalpina o Evropski Trg. Ogni volta che viene qualcuno a trovarmi che non è mai stato in questi luoghi, percorrendo le vie che conducono a Gorizia, dopo una sosta al cimitero di Miren, alla sua linea di confine che è ancora visibile, al suo piccolo spazio museale, lo conduco alla Piazza della Transalpina. Senza spiegargli nulla, gli chiedo, secondo te questo luogo cosa rappresenta?E di norma la risposta non arriva. E lo invito, come un gioco, ma che gioco non è, a collocarsi al centro della piazza con un piede verso la stazione ed uno verso Gorizia. In quel momento gli dico, ecco, ora sei con un piede a Gorizia, uno a Nova Gorica, uno in Italia uno in Slovenia. Ed in quel momento grande stupore vive l'ospite. E poi gli si racconta la storia, cosa è stato quel luogo, gli mostro un pezzo di rete che nascosto ancora si può vedere, ovvero ciò che rimane del famoso "muro di Gorizia", e così via dicendo. Il fatto che quel luogo sia oggi un nulla, abbandonato a se stesso è il sintomo di una chiusura che vi è tra Gorizia e Nova Gorica. Per esempio ho notato, che Gorizia è gemellata con alcune località come ad esempio Klagenfurt (Austria) Grosseto Sassari Lienz o che risulta in collaborazione con San Candido (BZ) ma non risulta essere gemellata con Nova Gorica. Nella Enciclopedia Treccani cosa si legge alla voce gemellaggio? "Atto simbolico con cui due città o paesi appartenenti a nazioni diverse stabiliscono di istituire e sviluppare fra loro legami di stretta fraternità a scopi culturali, economici o politico." Ecco oggi quella piazza è il simbolo del non gemellaggio tra Gorizia e Nova Gorica. Di iniziative se ne possono proporre tante, ma senza progettualità, si perderanno nella frenesia della quotidianità, finiranno presto nel dimenticatoio.  Occorre una idea diversa di città, una idea diversa di progettualità, che a parer mio solo una sinistra unita ed identitaria nei suoi valori, che miri all'interesse generale e non a quello particolare, che sappia fare del bilinguismo la sua forza, che sappia attualizzare le migliori idee socialiste, di solidarietà, di uguaglianza, di giustizia sociale alla situazione goriziana può realizzare e che sappia aprirsi a Nova Gorica ed a quell'entroterra considerato come“naturale”per Gorizia. La cultura e la storia priva di nocività nazionalistiche è ciò che può rendere l'umanità e Gorizia libera dalle sue paure e dal suo declino, la cultura è ciò che può rendere l'umanità fraterna, e la piazza della Transalpina deve diventare un luogo perenne e stabile della cultura e della storia transfrontaliera ed il nuovo simbolo di Gorizia. Oggi quella Piazza non è un simbolo, salvo per qualche isolata iniziativa che ogni tanto viene giustamente proposta, non è un luogo turistico, non è un luogo della memoria, e non è un luogo neanche di unione e condivisione, è un non luogo.
Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Se Babbo Natale ha ridimensionato San Nicolò

Ma è più sentito San Nicolò o Babbo Natale?

Questo è quanto mi domandavo notando tutta la serie di prodotti realizzati, i mercatini diffusi, le fiere e quant'altro si afferma in prossimità della notte tra il 5 e 6 dicembre. Così come mi domando, ma quanti conoscono la sua storia? Quanti sanno che tipo di santo protettore sarebbe?  Scommetto che le mani alzate sarebbero una manciata.  Ed a dirla tutta non interessa, interessa quel giorno solo scambiarsi qualche regalino, girovagare per le fiere, bere e mangiare.
San Nicolò, dicono, è un santo molto venerato in tutto il mondo, addirittura avrebbe carattere universale. Sarà. Ma in Italia ci sono su più di 8 mila Comuni solo una ventina di località, e qualche Comune, ad avere questo nome e sono poche le località dove viene festeggiato, soprattutto in alcune zone del Nord Est ed in Puglia.  Vi è chi dice che Babbo Natale altro non sia che praticamente il San Nicolò in chiave pienamente consumistica, che avrebbe tratto origine da qu…

Gorizia,16 dicembre, manifestazione regionale a sostegno dei migranti "RESTIAMO UMANI-HUMANITY WELCOME"

Il titolo della manifestazione è restiamo umani, humanity welcome. Il 16 dicembre se a Roma ci sarà la manifestazione nazionale dei migranti, a Gorizia si svolgerà una manifestazione regionale che ha lo scopo di denunciare il fallimento dell'accoglienza diffusa in regione, lo stato di degrado umano che si è raggiunto nei confronti dei richiedenti asilo "fuori convenzione", senza dimenticare quanto accade nel CARA di Gradisca, che è oltre ogni limite di capienza, destinato a diventare nuovamente centro di espulsione, senza dimenticare quanto accade lungo le rive dell'Isonzo da Gorizia a Gradisca, a Pordenone, senza dimenticare l'omissione di soccorso sistematica ed impunita. Gorizia non è mai stata realmente una porta verso l'Est, si è sempre chiusa, non è mai stata una porta verso l'Oriente, e la caduta visiva dell'ultimo muro d'Europa, dopo quello di Berlino, è stato solo un gesto illusorio, perchè le divisioni sono sempre state la normalità in q…