Passa ai contenuti principali

Tutti scandalizzati dall'intervista a Riina Jr. Ma altro non è che l'effetto del fallimento dell'antimafia


Tutti scandalizzati dall'intervista a Riina Jr. Ed ecco partire la solita retorica, il solito stile, i soliti riti. Le solite foto, le solite frasi, il solito tutto. Un solito che ha perso oggi ogni senso di esistere, perché travolto dal senso imposto e voluto, quale quello dell'apparenza. Apparire per non essere. L'antimafia è morta nel momento in cui si è adattata ai propri riti, alla società dell'apparenza, nel momento in cui antimafia è diventato curriculum, business, vuoto. L'antimafia è ancora agganciata all'idea di una mafia vecchia, morta e sepolta. La mafia è cambiata, è camaleontica. L'antimafia no. E l'intervista al figlio di Riina Jr è servita proprio a questo, a rivitalizzare una defunta antimafia. Perché è emersa la cultura del vecchio mafioso, che non giudica, che non tradisce, di onore e rispetto. Quella tipica figura che abbiamo conosciuto nei film, nelle fiction, nelle televisioni, nella spettacolarizzazione della mafia e pseudoantimafia. Cosa avrebbe dovuto dire il figlio di Riina? Che suo padre ha sbagliato? Che la mafia fa schifo? Quello che il perbenismo mediatico dell'antimafia voleva sentirsi dire? Ha detto che lo Stato che lui rispetta gli ha portato via un padre. Mafioso o non mafioso che fosse, questo poca importa. E dopo l'intervista inutile per il contrasto alla mafia reale, quella che oramai è parte integrante e vitale del nostro sistema, utile per la spettacolarizzazione, ecco il solito nauseante fiume di retorica, quella che ha ucciso l'antimafia ed anche le vittime stesse che si vogliono ricordare ed onorare. Suggerisco la lettura di questo prezioso testo, "Contro l'antimafia" di  Giacomo Di Girolamo che smitizza l'antimafia odierna e vi aiuterà a capire il senso reale dell'intervista al figlio di Riina.

Commenti

Post popolari in questo blog

Attraversando Pordenone (foto)

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

E' necessario produrre una filmografia sulla resistenza e realizzare musei sulla sua storia

I tempi son mutati ed è di fondamentale importanza, per non rischiare di essere sommersi dall'ignoranza, dal revisionismo storico, dall'indifferenza,  trasmettere i valori della resistenza anche attraverso strumenti e mezzi che ad oggi per ragioni a dire il vero incomprensibili sono stati poco utilizzati. Libertà, uguaglianza, fratellanza, pace, riscatto morale ed etico del nostro Paese, internazionalismo, diritti dei lavoratori, diritti delle donne, diritti civili, ovvero antinazifascismo. Concetti che quotidianamente vengono sistematicamente e metodicamente messi in discussione. E' vitale, per la memoria umana storica attivarsi in ogni ovunque per promuovere una filmografia sulla nostra resistenza, necessità che viene espressa non solo da storici, ma anche da scrittori, registi, e cittadini, nonché promuovere spazi museali affinché si possano raggiungere con maggiore facilità e coinvolgimento, anche emotivo e fisico, le nuove generazioni. Esistono musei di ogni tipo in …