Passa ai contenuti principali

Minoranza italiana Croazia e Slovenia: EDIT, grave situazione tra licenziamenti in arrivo e rischio chiusura


L'EDIT è l'editore dei prodotti giornalistico – editoriali in lingua italiana rivolti in primo luogo alla Comunità Nazionale Italiana di Croazia e Slovenia, residente nell’Istria e nel Quarnero. Il bacino di utenza riguarda circa 25 mila italiani e La Voce del Popolo che esce ininterrottamente a Fiume dal 1944 è uno dei sei quotidiani italiani che si pubblicano fuori dai confini d’Italia ed è pubblicato dalla EDIT. Stefano Lusa, nella sua nota trasmissione, "Il Vaso di Pandora" denuncia una situazione terribile che vive l'EDIT: "L’azienda si dibatte in una grave crisi finanziaria. Le casse sono vuote, martedì il quotidiano "La voce del popolo” è passato da 32 a 24 pagine, ma la mannaia dei tagli potrebbe non fermarsi qui." Il direttore Errol Superina, nel corso della citata trasmissione ha affermato, come si riporta sul sito di Radiocapodistria: "Si profila uno scenario drammatico. La settimana prossima predisporrò già una lista di licenziamenti che coinvolgerà forse anche la metà del personale. (…) Si passerà ad una forte riduzione degli stipendi ed al blocco completo della stampa dei manuali scolastici. (…) Temo che siamo prossimi ad abbassare la saracinesca. (…) In questi ultimi due anni, dopo che ho rilevato l’Edit dalla precedente gestione, siamo riusciti a rimettere la casa editrice nelle condizioni di funzionare normalmente. Fossimo stati ammessi alla 250/90 (i finanziamenti per la stampa estera n.d.r) oggi avremmo chiuso in pareggio". A Stefano Lusa ho posto una domanda semplice : perché non sono stati ammessi ai finanziamenti della Legge 7 agosto 1990, n. 250? La risposta per quanto semplice è stata inquietante: Richiesta inviata in ritardo. Che si aggiunge ad una situazione complessa, sia essa organizzativa, sia essa burocratica che probabilmente anche politica. Certamente delle responsabilità ci sono ed andranno appurate con le dovute conseguenze, però se a ciò si aggiungono le continue riduzioni dei finanziamenti che arrivano anche dalla Croazia, ad esempio, a favore delle minoranze, Paese che, come è noto, vede il ritorno dei peggiori nazionalismi ed neofascismi, tanto che il coordinamento delle Comunità Ebraiche ha deciso di non partecipare alla commemorazione organizzata dallo Stato in ricordo delle vittime del campo di Jasenovac e muoversi in via dipendente, come forma di protesta contro il governo croato accusato soprattutto, a causa degli eventi politici quotidiani, di favorire una rivitalizzazione del movimento ustascia, si può ben capire la gravità della situazione. Ora, pur non avendo condiviso alcune linee della Voce del Popolo, rimango dell'idea che i diritti delle minoranze vanno sempre difesi, protetti e rivendicati. Se la questione dell'EDIT rimane circoscritta solo all'interno della "minoranza italiana" in Croazia ed in Slovenia e se non ci sarà qualche intervento da parte del nostro Governo, il destino dei lavoratori e non solo dei lavoratori pare essere drammaticamente segnato nell'indifferenza generale. La politica nostrana è a conoscenza di quanto sta accadendo all'EDIT? 

Commenti

  1. Se chiude l'EDIT, si prospetta un veloce (e voluto) inpoverimento culturale dell'etnia italiana in Slovenia e Croazia. Mi sa che c'e' l'intenzione di annientare una nazione autoctona

    RispondiElimina
  2. ci sono fatti: i fascismi e la loro puzza schifosa e violenta,verbale prima ,fisica poi,stanno diffondendosi in tutta EUROPA,in primis nell'est che li vede fomentati da divisioni tribali in primis.Non esiste IL solito vittimismo contro gli italiani COME ETNIA ,che hanno scelto loro con l'esilio di ABBANDONARE QUEI TERRITORI,troppo celermente ,a differenza di altri popoli che invece in pessime situazioni hanno resistito......
    LA VOCE DEL POPOLO: I posti di lavoro andrebbero difesi soprattutto dal governo italiano proprio per seminare di multietnicita'questi territori,MA questi governi pensano a ben altro che a 20 30 lavoratori....

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Le conclusioni della Commissione d'inchiesta sul caso Moro

Nelle considerazioni conclusive della Commissione d'inchiesta sul Caso Moro emergono spunti di riflessione importante ed anche inquietanti che dovrebbero far tremare i pilastri della nostra Repubblica. Un lavoro durato alcuni anni, con diverse audizioni, accessi a documenti, verifiche, ispezioni, un lavoro enorme e giunto a termine.    La legge istitutiva della Commissione (Legge 30 maggio 2014, n. 82) ha assegnato come mandato all'inchiesta parlamentare quello di «accertare eventuali nuovi elementi che possono integrare le conoscenze acquisite dalle precedenti Commissioni parlamentari di inchiesta sulla strage di Via Fani, sul sequestro e sull'assassinio di Aldo Moro; eventuali responsabilità sui fatti di cui alla lettera a) riconducibili ad apparati, strutture e organizzazioni comunque denominati ovvero a persone a essi appartenenti o appartenute». E' stato sottolineato che è "dalla rilettura sistematica dei cinque processi e dell'attività delle precedenti…

Il pranzo sociale dell’ANPI di Ronchi ( foto) sotto il segno dell’antifascismo e dei ricordi

Riuscito e partecipato il pranzo sociale organizzato dall’ANPI di Ronchi presso l'accogliente agriturismo Mazzuchin di Vermegliano a pochi passi dalla suggestiva chiesetta di Santo Stefano e durato per buona parte del pomeriggio del 16 dicembre. Quasi un centinaio i partecipanti, dove sotto il segno della musica, partigiana e popolare, balli e ricordi, senza dimenticare l'immancabile lotteria curata con una passione unica dalla solita ed immancabile ed unica Angela, si è consumato un momento conviviale oramai tradizionale. Non sono mancati i momenti di confronto e di riflessione, con i messaggi e gli spunti offerti sia dal Presidente provinciale dell’ANPI di Gorizia, Pironi che dalla Presidente dell’ANPI di Ronchi, Cuzzi.

Il segretario Martinuzzi ha ricordato tutta l’attività svolta dall’ANPI di Ronchi, dai pellegrinaggi laici organizzati nei luoghi della resistenza in Slovenia, ai gemellaggi storici, agli incontri con le scuole, agli appuntamenti del 25 aprile e 2 giugno, a…