Passa ai contenuti principali

Ma a Belgrado conviene entrare nella UE?




Quando arrivi in Serbia la prima cosa che ti colpisce è l'enorme fila di TIR, camion. Fermi lì per ore ed ore in attesa di entrare in Serbia, od uscire dalla Serbia, uscire dall'Europa od entrare in Europa. Nel 2009 venne presentata la domanda di adesione della Serbia all'UE. Nella sessione del 25 ottobre 2010 il Consiglio ha invitato la Commissione a presentargli il suo parere sulla domanda della Serbia.


La Commissione ha espresso parere favorevole il 12 ottobre 2011 e ha raccomandato la concessione alla Serbia dello status di paese candidato. Il 9 dicembre 2011 il Consiglio europeo ha invitato il Consiglio a verificare e confermare che la Serbia avesse continuato a mostrare impegno e avesse compiuto ulteriori progressi in vari settori. Il Consiglio è stato quindi invitato a prendere una decisione nel febbraio 2012 sul conferimento dello status di paese candidato alla Serbia, da confermare nella riunione del Consiglio europeo del marzo 2012. Il 1º marzo 2012 il Consiglio europeo ha concesso alla Serbia lo status di paese candidato. E la discussione continua ancora oggi, nonostante le tensione, soprattutto tra Croazia e Serbia sia ad elevati livelli. I capitoli più delicati da affrontare sono il 23 ed il 24 che riguardano lo stato di diritto ed i diritti umani.
Certamente conviene all'Europa conquistare Belgrado, perché il prossimo passo sarà l'entrata nella NATO. Quella NATO che ha devastato la Serbia e Belgrado con le sue bombe "umanitarie". Conviene agli USA che indirizzano le politiche del Vecchio Continente, in chiave anti-Russa. Conviene alla libera circolazioni delle merci, dei capitali e delle persone. Ma quella delle persone viene sempre in secondo piano, perché ogni entrata nella UE chiede enormi sacrifici ai Paesi entranti e solo quando questi saranno stati conseguiti anche la libera circolazione delle persone potrà essere garantita. Ma quanto conviene a Belgrado? Città storicamente più vicina a Mosca che a Bruxelles? Quanto conviene ai cittadini serbi che hanno stipendi non certamente degni e con un costo della vita già elevato? Rilevato che l'Euro quando arriverà, semplicemente stravolgerà ogni cosa, minando anche lo stato sociale se le cose continueranno in questo modo? Ed i cittadini di Belgrado vogliono realmente l'Unione Europea? I sondaggi, da prendere sempre con le pinze, dicono di no, ma questo no lo si capisce bene girovagando per Belgrado che di città "occidentale" ha poco.
Marco Barone 

Commenti

Post popolari in questo blog

Ma se in Friuli Venezia Giulia si votasse per diventare Stato indipendente,cosa vincerebbe?

Se c'è una regione dove l'Italia ed il sentirsi italiano ha veramente preso poco, questa è certamente il Friuli Venezia Giulia. Non è l'unica in Italia, basta pensare alla Sardegna, al Trentino-Alto Adige, alla Sicilia, al Veneto, ma se si facesse qualche analisi più approfondita forse la maggior parte delle regioni italiane si sentono poco italiane. Il Friuli Venezia Giulia ha conseguito il suo stato di autonomia grazie al plurilinguismo, dal friulano, allo sloveno, al tedesco, e poi vi sono diversi dialetti, dal bisiaco, al triestino ecc. Una terra che nel corso della sua storia ha conosciuto diversi domini, diverse appartenenze, alcune profonde come quella con la Repubblica Veneta, o l'Impero Austroungarico, altre di passaggio e da un secolo oramai vi è l'Italia. Che si è presentata nei peggiori dei modi fin dall'origine, perchè il nome dell'Italia è coinciso con la fascistizzazione di questa area, con tutte le brutalità che ne sono conseguite, e sarà s…

Attraversando Pordenone (foto)

E' necessario produrre una filmografia sulla resistenza e realizzare musei sulla sua storia

I tempi son mutati ed è di fondamentale importanza, per non rischiare di essere sommersi dall'ignoranza, dal revisionismo storico, dall'indifferenza,  trasmettere i valori della resistenza anche attraverso strumenti e mezzi che ad oggi per ragioni a dire il vero incomprensibili sono stati poco utilizzati. Libertà, uguaglianza, fratellanza, pace, riscatto morale ed etico del nostro Paese, internazionalismo, diritti dei lavoratori, diritti delle donne, diritti civili, ovvero antinazifascismo. Concetti che quotidianamente vengono sistematicamente e metodicamente messi in discussione. E' vitale, per la memoria umana storica attivarsi in ogni ovunque per promuovere una filmografia sulla nostra resistenza, necessità che viene espressa non solo da storici, ma anche da scrittori, registi, e cittadini, nonché promuovere spazi museali affinché si possano raggiungere con maggiore facilità e coinvolgimento, anche emotivo e fisico, le nuove generazioni. Esistono musei di ogni tipo in …