Passa ai contenuti principali

La Camera di Commercio di Gorizia deve annullare la missione imprenditoriale in Egitto

Il corpo di Giulio Regeni veniva fatto ritrovare nel primo giorno della presenza dell'ex Ministro dello Sviluppo Economico On. Federica Guidi in Egitto. Era prevista un visita ufficiale il 3 e 4 febbraio 2016 a capo di una delegazione formata da imprenditori italiani. Lo scopo della visita era quello "di esplorare i vari modelli di business e le opportunità che possano rafforzare le relazioni economiche tra i due Paesi. L'ufficio Commerciale del Consolato d'Egitto a Milano rendeva noto che l'invito era esteso ad aziende del settore energia, costruzioni, automotive e componenti auto, agroalimentare, tessile e abbigliamento, gomma e plastica e chimica di base. Sarebbe interessante sapere quali aziende ed imprenditori erano presenti quel giorno in Egitto. Come è noto la verità tarda ad arrivare, anche se noi italiani siamo gli ultimi a poter dare lezioni in tal senso, visti tutti i depistaggi che hanno caratterizzato il periodo della strategia della tensione e visto che ancora delle verità, degne di tal nome, su tanti fatti nostrani non ci sono, almeno sul caso di Giulio Regeni, che questa verità, che più o meno si è intuita, possa arrivare. Ma fino a quando non arriverà, o meglio, non verrà conquistata, ogni rapporto economico e commerciale e politico con l'Egitto andrebbe rivisto. In rete ho trovato un documento dal seguente tenore: "La Camera di Commercio di Gorizia promuove la missione imprenditoriale organizzata in collaborazione con le CCIAA di Udine e Pordenone in Egitto e Turchia dal 7 al 12 maggio 2016. La missione con incontri bilaterali preagendati è proposta alle imprese al fine di conoscere sul campo i mercati e per stabilire contatti con i rappresentanti chiave del settore nel mercato d’interesse.(...)  Nel documento citato si legge anche che il mercato dell'Egitto "viene reputato come un mercato di 80 milioni di consumatori e con accordi commerciali con Paesi medio orientali e africani: questo è il biglietto da visita dell’Egitto, Paese che sta affrontando un nuovo rinnovamento. Per l’Italia l’Egitto è il 33° mercato di destinazione, con una quota di mercato dell'export del 4,6% (Francia 3%, Germania 7,8% e Spagna 2,1%). L’ambizioso piano di investimenti illustrato nella conferenza di Sharm el Sheikh (marzo 2015) prevede investimenti per circa USD 80-90 miliardi sui settori prioritari: l'energia, l'edilizia (costruzioni) e i grandi progetti e opere infrastrutturali. L’Agenzai ICE - ufficio Il Cairo - sottolinea che sono analogamente importanti i settori dell'agroalimentare e delle sue tecnologie, l'arredamento e design per il quale in corso di progettazione la creazione, ad esempio di "Furniture City in Damietta - Egitto". Il settore della meccanica è molto importante, in quanto il 40% circa delle esportazioni italiane verso l'Egitto è costituito da beni strumentali e tecnologici (es. macchine lavorazione plastica, legno, marmo e granito, pelle e cuoio, metalli, automazioni ecc.)." Probabilmente questo documento, citato nel mio post con tanto di link, è stato realizzato prima del rapimento, prima della tortura, prima della morte violenta che si è accanita contro ‪#‎GiulioRegeni‬. Spero. Ma cosa si intende per rinnovamento? I dati pregressi noti sulla questione egiziana in materia di diritti umani dove li mettiamo? Tanto riportato, a parere dello scrivente, per una questione di rispetto e dignità, è il caso di annullarla tale missione, fino a quando verità e giustizia per Giulio non sarà fatta.

Commenti

Post popolari in questo blog

Passo dopo passo il Nord è conquistato da chi vuole "l'indipendenza della Padania"

Ciò che non è entrato dalla porta principale, entra, anno dopo anno, passo dopo passo, in modo sistematico, con estrema pazienza ed intelligenza politica, dalle finestre che connotano la casa del Nord. Un Nord che è uscito con le ossa fratturate dalla crisi del 2007, divenuto isola felice per le mafie, per la corruzione, ma che ha continuato ad essere rispetto al Sud sempre il locomotore dell'Italia, Paese che sta all'Europa come il Sud Italia sta al Nord Italia. Ed il Nord non ci sta più. Pensiamo al Friuli Venezia Giulia, dove cortocircuiti storici sono anche visibili. Ovunque piazze dedicate all'Unità d'Italia che qui non poteva essere festeggiata perchè quando questa raggiunta non era mica contemplata l'Italia, ma si era in gran parte in quello che veniva definito come l'Impero felice a cui è stata anche dedicata una piazza e si continuano a dedicare statue o celebrarne i fasti nobiliari. E poi sarà in prima linea su due fronti di guerra catastrofici, la …

Salvare le scritte storiche sui muri delle nostre città dei tempi della guerra. Rischiano l'estinzione

Il Friuli Venezia Giulia è una polveriera storica impressionante. Anche se la storia che ovviamente si racconta di più e che ha sancito le sorti di quel presente che viviamo è quella del '900. Terra martoriata da due catastrofi mondiali e che ha rischiato, per la nota causa di Trieste, di scatenare anche la terza. Ci sono diverse testimonianze storiche di quel tempo, soprattutto della seconda guerra mondiale e delle fasi successive alla liberazione dal nazifascismo che caratterizzeranno le sorti di Trieste e dell'Isontino per diversi anni. Ad esempio si possono ancora oggi leggere in alcune località, come Monfalcone, Ronchi, delle scritte che inneggiano alla Jugoslavia, alla settima Repubblica Federativa Jugoslava. In rosso.
Sopravvissute al tempo, alla storia, alla memoria. Anche se a dire il vero ne sono rimaste solo una manciata e difficilmente leggibili. Ma anche per Trieste ci saranno testimonianze del genere come nelle località sicuramente interessate da questa contor…

Quel grave gesto di farsi fotografare alla tomba di Giulio Regeni. Violato il rispetto

Ci sono tombe diventate luoghi cult come quella di Jim Morrison, Oscar Wilde, che le guide turistiche non possono non indicare perchè è così che va il mondo. Ci sono tombe che sono espressione della grandezza storica di certi e dati eventi, come quelle dei partigiani, tutti luoghi dove farsi fotografare è legittimo. E poi ci sono luoghi dove dovrebbe governare l'assoluto buon senso e senso del rispetto. Siamo oramai entrati nel pieno del terzo anno dalla scomparsa di Giulio, tre anni di atroci e durissime lotte da parte della famiglia prima di tutto, tre anni alla ricerca continua e costante di quella verità per Giulio che è stata negata, compromessa, a colpi di effetti teatrali, menzogne, depistaggi, con l'aggravante di chi ha rappresentato l'Italia di effettivamente chinarsi ed arrendersi al torto di stato del compromesso. Se nel corso di questi anni praticamente non è mai circolata la foto della tomba di Giulio, qualcuno si sarà posto un minimo perchè? Già la famiglia …