Passa ai contenuti principali

Una nota dell'ottobre del '45 del Ministero degli Esteri di De Gasperi contro la Jugoslavia e la non foiba di Rosazzo

Come ho già avuto modo di evidenziare la "notina" piena di contraddizioni che presumo essere del SIM, dalla cui pubblicazione è nata una strumentalizzazione incredibile che ha minato ogni principio di correttezza ed etica, e favorito un gravissimo accanimento contro la Resistenza Rossa ed in particolar modo contro quella filo-Jugoslava se non Jugoslava, si inserisce in un contesto storico ben preciso. Quando la Jugoslavia pretendeva, giustamente la consegna dei criminali di guerra italiani. Ed in quel periodo l'Italia preparava il proprio dossier per scagionare gli italiani e non solo. Nei documenti desecretati da qualche tempo da parte del Ministero degli Esteri, vi è una nota di De Gasperi, diretta alla Presidenza del Consiglio, del 2 ottobre del 1945, molto significativa. In questa nota si legge: "Si premette che, nonostante ripetuti nostri tentativi, non si è mai da parte nostra riusciti ad avere in Jugoslavia, non si dice una rappresentanza diplomatico- consolare, ma neanche una qualche missione militare o della Croce Rossa,che potesse comunque occuparsi dei moltissimi militari e civili italiani che trovandosi colà sbandati o in condizioni non soltanto precarie, ma addirittura pietose.Codesta presidenza sa, d'altra parte, delle gravissime misure adottate da parte jugoslava a danno delle popolazioni italiane nella zona della Venezia Giulia che sta al di là della linea Morgan e della assoluta impossibilità da parte alleata e nostra di inviare colà osservatori che possano in qualche modo seguire e controllare la situazione.Si aggiunge che da parte jugoslava si mantengono invece in Italia tutta una serie di organizzazioni e di uffici non bene qualificati e che svolgono attività varie, non sempre e comunque soltanto molto parzialmente controllabili. Di tali organizzazioni ed uffici si acclude un elenco  che potrebbe anche non essere completo. La richiesta jugoslava di inviare in Italia una ulteriore missione per raccogliere prove circa presunti crimini di guerra, va dunque inquadrata nella più ampia cornice delle suesposte considerazioni. Questo ministero sarebbe nella specie d'avviso che nel rispondere alla Commissione Alleata,dovrebbe essere prospettata la situazione quale in alto descritta, domandato il disciplinamento e la riduzione delle missioni jugoslave già esistenti in Italia, richiesto che, in corrispettivo, un'analoga missione italiana o alleata sia autorizzata a condurre ed alle stesse condizioni, parallele amichevoli inchieste sia sul territorio italiano di occupazione jugoslava, sia sul territorio jugoslavo vero e proprio.Si aggiunge che un osservatore altamente qualificato ed estremamente imparziale ha recentemente descritto la situazione della Venezia Giulia, nei seguenti termini che sono facilmente riducibili in termini di veri e propri «crimini di guerra»: «L'occupazione di tutta la Venezia Giulia per quaranta giorni e di tanta parte della regione ancor oggi ha avuto un tale carattere di autentica barbarie, ha instaurato un tale regime di violenza, ha privato le popolazioni così brutalmente dei diritti più elementari, ha dato tali esempi di ferocia disumana e tale prova di incapacità di amministrare quelle terre, che nessun uomo di cuore, che stimi la civiltà, può avere animo di costringere delle popolazioni che non ne vogliono sapere, sotto tale insopportabile giogo». Si avverte che per quanto riguarda le atrocità jugoslave, una nuova relazione documentata è già stata fatta pervenire a Londra, a Washington e alla Commissione Alleata da parte di questo ministero. Tale relazione è, se occorre, a disposizione di codesta presidenza.". Come si può vedere si punta il dito contro la Jugoslavia, con lo scopo di discreditare questa affinché i militari italiani ritenuti responsabili di crimini impressionanti non venissero consegnati alla Jugoslavia. Per fare ciò non bastava solamente scagionare i soldati italiani, come si è tentato di fare con un noto dossier, ma si dovevano far apparire i partigiani Jugoslavi nella specie come talmente brutali e cattivi affinché emergesse una sorta di equilibrio che legittimasse la non consegna dei criminali di guerra italiani a quel Paese. E ciò è quello che poi è realmente accaduto. Con accuse prive di ogni fondamento ed attendibilità minima. E la notina della non foiba di Rosazzo a parer mio si inserisce pienamente in questo contesto. Forse non è mai stata utilizzata e diffusa pubblicamente perché talmente abnorme che si rischiava di minare l'intera credibilità della macchina che si era messa in moto con uno scopo ben chiaro e preciso. 

Commenti

Post popolari in questo blog

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Togliatti: "tutte le campagne circa le persecuzioni degli italiani in Jugoslavia sono calunnie e menzogne"

Togliatti nella prima pagina dell'Unità del 7 novembre 1946, racconta il suo viaggio a Belgrado e l'incontro con il Maresciallo Tito. "Il Maresciallo Tito mi ha dichiarato di essere disposto a consentire che Trieste appartenga all'Italia, cioè sia sotto la Sovranità della Repubblica italiana qualora l'Italia consenta di lasciare Gorizia alla Jugoslavia, città che anche secondo i dati del nostro ministero degli esteri è in prevalenza slava. La sola condizione che il Maresciallo Tito pone è che Trieste riceva in seno alla Repubblica italiana uno statuto autonomo effettivamente democratico che permetta ai triestini di governare la loro città ed il loro territorio secondo principi democratici". Alla domanda, cosa pensava di questa proposta, Togliatti, rispose: io penso che è ora di smetterla di servirsi della questione triestina per seminare discordia tra due popoli i quali sono entrambi popoli di lavoratori che debbono collaborare nel modo più stretto allo scop…

Il concerto di Trieste per la sofferenza degli innocenti ed il discorso assurdo di Arguello al Family Day

Domenica 25 giugno, alle ore 20.30, piazza Unità d’Italia, ospiterà il concerto “La sofferenza degli innocenti”, organizzato da Diocesi, Comunità Ebraica e il Comune di Trieste. Si legge che "composta da Kiko Argüello, iniziatore del Cammino Neocatecumenale, l'opera sinfonico-catechetica presenta la sofferenza di una madre ebrea, Maria di Nazareth, che vede uccidere suo figlio, una sofferenza inaudita che le attraversa l'anima, una spada, un dolore assimilato a quello di ogni madre davanti alla morte dei propri figli, vittime innocenti in tanti campi di concentramento come Auschwitz, Majdanek, Mauthausen, Treblinka, Trieste." Tutti coloro che parteciperanno a quel concerto dovrebbero avere ben ferme nella mente le parole assurde pronunciate da Argüello nel suo discorso, al Family day del 2015 a Roma,  tra le altre cose applaudito, con uno striscione enorme alle spalle con scritto "stop gender nelle scuole". Una riflessione che nasce sul femminicidio e da un…