Passa ai contenuti principali

Attenzione a proporre Hub ed HotSpot a Gorizia ed in FVG

In Italia si deve sempre seguire l'inglesismo, non per essere, ma per apparire più moderni. Però dietro l'inglesismo, spesso, si può celare un grande inganno. Penso, per esempio al sistema degli HotSpot. Quel sistema che ha generato de facto pratiche sistematiche di carattere illegale nei confronti dei migranti, dei profughi. 
E queste preoccupazioni sono state espresse recentemente da ben 12 organizzazioni del Tavolo Asilo, ove a Roma hanno evidenziato la loro preoccupazione "per una deriva fortemente negativa che rischia di determinare da qui in avanti la politica di asilo in Italia". Gli HotSpot sono stati istituiti all’interno di centri già esistenti e precedentemente utilizzati come centri di primo soccorso e accoglienza o di identificazione ed espulsione. 
Sul sistema degli HotSpot è stato denunciato che, queste strutture hanno come scopo primario quello di garantire il foto segnalamento e completare una distinzione sostanzialmente arbitraria, tra richiedenti asilo e migranti economici, violando ogni normativa europea in materia. Dunque non stanno diventando luoghi di prima accoglienza, ma centri di detenzione che facilitano l'espulsione. E non è un caso che queste strutture stiano nascendo lì dove vi erano i vecchi CSPA (a Lampedusa e Pozzallo (RG), ed un CIE a Trapani Milo). E complementare al sistema degli HotSpot, sono gli Hub. E sulla carta devono essere previsti due tipi di Hub. Quelli aperti, nel Nord Italia che accoglieranno i migranti con diritto di protezione internazionale, in attesa dell'udienza per il riconoscimento della relativa domanda d'asilo. E quelli chiusi, dove verranno concentrati i migranti" economici" per l'espulsione, e saranno al Sud.  
Ed in merito al sistema Hub, da realtà che operano sul campo è stato espressamente rilevato che "l'accoglienza si trasforma in detenzione e si inaspriscono le pratiche di deportazione sulla base del paese di origine e degli accordi di riammissione che rendono possibile l'accompagnamento forzato in frontiera dopo il riconoscimento da parte dell'autorità consolare." Come legittimare un simile sistema? Fino a quando funzionerà in questo modo?
La cosa allucinante è che se nel resto del mondo si chiede la chiusura degli Hub, intesi come snodi logistici ed organizzativi che favoriscono interessi criminali in materia di tratta di essere umani e se ne chiede lo smantellamento, in Italia, invece, si utilizza il termine Hub, per altre strutture, che hanno ovviamente altre tipologie di scopi da perseguire, pur essendo una via di mezzo tra Cie e Cara. Visionando alcune gare di appalto si può leggere che la capienza dell’Hub regionale viene individuata da una Commissione appositamente istituita dal Ministero dell’Interno, previa ricognizione dello stato dell’arte degli immobili e delle superfici esistenti. 
Con riferimento alle prestazioni che l’ente gestore deve assicurare agli ospiti del Centro Governativo di Accoglienza – Hub Regionale, vi è il servizio di insegnamento della lingua italiana, od un servizio dedicato di autotrasporto mediante autobus tra l'Hub e la città ivi considerata. Insomma si ha il dubbio che si stia riproponendo un sistema più morbido rispetto al passato, ma che attualmente, complessivamente, vede l'Europa violare la Convenzione di Ginevra le Direttive dell’Unione Europea in materia di accoglienza . Ora, dire che Gorizia ha già una specie di Hub, ciò può essere improprio.L'attività che svolge Medici Senza Frontiere, a costo zero per le casse statali, non so quanto possa essere paragonata al sistema Hub. Viste anche le perplessità come ora enunciate. A Gorizia, unico caso in Italia, ha realizzato un alloggio temporaneo per offrire assistenza medico-umanitaria urgente a decine di richiedenti asilo che da settimane e mesi vivono in queste zone  ma non hanno ancora trovato una situazione stabile a causa della mancanza di posti di accoglienza. Dunque, prima di proporre Hub od Hotspot dalle nostre parti, forse è il caso di capire bene in cosa consistono questi sistemi, ed attivarsi affinché il sistema dell'accoglienza possa essere realmente effettivo e degno di essere definito come tale, e non scaricato sulle spalle del volontariato nell'Italia che si vanta di essere una potenza economica di primissimo livello, culla della civiltà, e casa del diritto, perché ad oggi, almeno per quello che accade nell'Isontino, è proprio l'esatto contrario.
Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Dal "daspo urbano per chi offende il giorno del ricordo"al concetto di slavo che offende la Trieste italiana. Ma Saranno gli "slavi" a salvare Gorizia e Trieste

E' un mondo difficile diceva una nota canzoncina che per diverso tempo veniva trasmessa dalle nostre radio. Un mondo difficile, che è letteralmente virato verso forme di chiusura e rigidità a causa di una globalizzazione letteralmente selvaggia.

Diversi media hanno avuto un ruolo nefasto in tutto ciò, dal momento in cui per anni hanno favorito, sotto il nome di una fantomatica democrazia, l'affermazione di concetti indegni, di quel veleno sociale, di quelle narrazioni nocive per la convivenza civile e pacifica, che hanno riabilitato le peggiori istanze e rinforzato a dismisura quei "quattro provoloni"di neofascisti, mentre "quattro provoloni" non sono più indistintamente i razzisti. Tra i fatti di Macerata, come poi ripetutesi vicino ad Enna, e quanto accaduto nel Confine Orientale in soli 25 anni di occupazione italiana subito dopo la fine della prima guerra mondiale vi è stato un solo filo di continuità. Qui il fascismo si è realizzato prima che altrove,…

Altro che "buonascuola" in Italia siamo degli analfabeti rispetto all'Europa, il rapporto ISTAT sullo stato dell'istruzione in Italia

L'ISTAT ha pubblicato un corposo rapporto incentrato sulla questione della conoscenza.  Ed emerge una fotografia del Paese devastante. Da un lato hai la propaganda di chi racconta un Paese che esiste solo nella sua mente che mente, a partire da chi difende la peggior legge mai scritta in Italia in materia di legislazione scolastica quale la "buonascuola" bocciata da quasi l'intera comunità scolastica con uno sciopero epocale nel maggio 2015. Dall'altro hai la realtà che ti narra un Paese in estrema difficoltà e povertà e diffusa ignoranza. L'Istat rileva chiaramente che "in Italia la recessione, anche per i vincoli di finanza pubblica dovuti al debito, è stata più profonda rispetto a tutte le altre economie europee, riportando il potere d’acquisto delle famiglie nel 2012 indietro fino ai livelli degli anni Novanta."
E ciò sotto gli occhi di tutti.  A livello di conoscenza afferma che "L’Italia è un’economia industriale ad alto reddito ma ano…

Scuola e nuove Indicazioni Nazionali,sì alla storia del '900 ma si parla di "ricordo della liberazione" e "momento di concordia nazionale"

Come si è sempre detto nelle nostre scuole si sa tutto della storia dell'uomo primitivo, della donna primitiva, tutto della storia romana, qualcosa sull'Italia risorgimentale, meno che niente di tutta la storia del '900, in un Paese che ha un forte ritardo d'istruzione rispetto ai Paesi più sviluppati e che corre nella direzione della scuola delle competenze in chiave europea abbandonando quello spirito critico ed umanistico che ne ha sempre segnato la forza e la differenza. Vanno in questa direzione, per diversi aspetti, le nuove indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell’infanzia e del primo ciclo di istruzione, formalizzate con D.M. n. 254 del 13 novembre 2012. Se da un lato si riconosce valenza alla lingua italiana e valorizzazione agli atri idiomi diffusi in Italia, si persevera in modo pesante sulla via delle competenze in chiave europea per la realizzazione di quel modello di certificazione nazionale delle competenze che ha favorito processi che v…