Passa ai contenuti principali

Attenzione a proporre Hub ed HotSpot a Gorizia ed in FVG

In Italia si deve sempre seguire l'inglesismo, non per essere, ma per apparire più moderni. Però dietro l'inglesismo, spesso, si può celare un grande inganno. Penso, per esempio al sistema degli HotSpot. Quel sistema che ha generato de facto pratiche sistematiche di carattere illegale nei confronti dei migranti, dei profughi. 
E queste preoccupazioni sono state espresse recentemente da ben 12 organizzazioni del Tavolo Asilo, ove a Roma hanno evidenziato la loro preoccupazione "per una deriva fortemente negativa che rischia di determinare da qui in avanti la politica di asilo in Italia". Gli HotSpot sono stati istituiti all’interno di centri già esistenti e precedentemente utilizzati come centri di primo soccorso e accoglienza o di identificazione ed espulsione. 
Sul sistema degli HotSpot è stato denunciato che, queste strutture hanno come scopo primario quello di garantire il foto segnalamento e completare una distinzione sostanzialmente arbitraria, tra richiedenti asilo e migranti economici, violando ogni normativa europea in materia. Dunque non stanno diventando luoghi di prima accoglienza, ma centri di detenzione che facilitano l'espulsione. E non è un caso che queste strutture stiano nascendo lì dove vi erano i vecchi CSPA (a Lampedusa e Pozzallo (RG), ed un CIE a Trapani Milo). E complementare al sistema degli HotSpot, sono gli Hub. E sulla carta devono essere previsti due tipi di Hub. Quelli aperti, nel Nord Italia che accoglieranno i migranti con diritto di protezione internazionale, in attesa dell'udienza per il riconoscimento della relativa domanda d'asilo. E quelli chiusi, dove verranno concentrati i migranti" economici" per l'espulsione, e saranno al Sud.  
Ed in merito al sistema Hub, da realtà che operano sul campo è stato espressamente rilevato che "l'accoglienza si trasforma in detenzione e si inaspriscono le pratiche di deportazione sulla base del paese di origine e degli accordi di riammissione che rendono possibile l'accompagnamento forzato in frontiera dopo il riconoscimento da parte dell'autorità consolare." Come legittimare un simile sistema? Fino a quando funzionerà in questo modo?
La cosa allucinante è che se nel resto del mondo si chiede la chiusura degli Hub, intesi come snodi logistici ed organizzativi che favoriscono interessi criminali in materia di tratta di essere umani e se ne chiede lo smantellamento, in Italia, invece, si utilizza il termine Hub, per altre strutture, che hanno ovviamente altre tipologie di scopi da perseguire, pur essendo una via di mezzo tra Cie e Cara. Visionando alcune gare di appalto si può leggere che la capienza dell’Hub regionale viene individuata da una Commissione appositamente istituita dal Ministero dell’Interno, previa ricognizione dello stato dell’arte degli immobili e delle superfici esistenti. 
Con riferimento alle prestazioni che l’ente gestore deve assicurare agli ospiti del Centro Governativo di Accoglienza – Hub Regionale, vi è il servizio di insegnamento della lingua italiana, od un servizio dedicato di autotrasporto mediante autobus tra l'Hub e la città ivi considerata. Insomma si ha il dubbio che si stia riproponendo un sistema più morbido rispetto al passato, ma che attualmente, complessivamente, vede l'Europa violare la Convenzione di Ginevra le Direttive dell’Unione Europea in materia di accoglienza . Ora, dire che Gorizia ha già una specie di Hub, ciò può essere improprio.L'attività che svolge Medici Senza Frontiere, a costo zero per le casse statali, non so quanto possa essere paragonata al sistema Hub. Viste anche le perplessità come ora enunciate. A Gorizia, unico caso in Italia, ha realizzato un alloggio temporaneo per offrire assistenza medico-umanitaria urgente a decine di richiedenti asilo che da settimane e mesi vivono in queste zone  ma non hanno ancora trovato una situazione stabile a causa della mancanza di posti di accoglienza. Dunque, prima di proporre Hub od Hotspot dalle nostre parti, forse è il caso di capire bene in cosa consistono questi sistemi, ed attivarsi affinché il sistema dell'accoglienza possa essere realmente effettivo e degno di essere definito come tale, e non scaricato sulle spalle del volontariato nell'Italia che si vanta di essere una potenza economica di primissimo livello, culla della civiltà, e casa del diritto, perché ad oggi, almeno per quello che accade nell'Isontino, è proprio l'esatto contrario.
Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Quattro studentesse dell'Università di Padova in Egitto per una tesi. Era proprio indispensabile?

Circola in rete la notizia che  quattro ragazze Unipd vanno  “alla conquista” dell’Egitto, per lavorare alla loro tesi di laurea e frequentano il corso di Progettazione e gestione del turismo culturale, Dipartimento di Beni Culturali dell'Università di Padova. Si legge  con grande enfasi che  "La loro tesi si è concentrata sulla riprogettazione e sul riallestimento della Sala dei Cimeli nel Sacrario militare italiano. Il Sacrario è un edificio costruito per commemorare i caduti italiani durante le battaglie di El-Alamain, che si sono svolte nel 1942 durante la Seconda Guerra Mondiale."
Ora, non so se vi sono già state altre iniziative del genere da quando è stato assassinato Giulio Regeni, quello che so è che  il rettore dell'Università di Padova, Rosario Rizzuto, ha dedicato la giornata dell'inaugurazione del 794° anno accademico a Giulio Regeni con queste parole "Voglio inoltre ricordare in questa occasione con affetto e dolore Giulio Regeni, il g…

Quella sera a Ruda... e Giulio ci ha fatto conoscere il dolore degli altri

Una miscela di emozioni, di sentimenti. E' stato definito come il pellegrinaggio per la verità e giustizia per Giulio. Sempre costantemente in movimento Paola e Claudio ed ovunque vengono accolti, abbracciati, incontrano l'affetto dell'Italia vera, quella che non ha accettato e mai potrà accettare l'ignobile compromesso che ha portato al cambio di rotta repentino segnato dalla politica di Roma, mai tanto distante quanto ora dalla via della verità e giustizia per Giulio. La politica ha intrapreso la via della normalizzazione dei rapporti, neanche due anni son trascorsi. E son bastati per ritornare amici come prima se non più di prima. D'altronde, lo scrivono in tutte le lingue, Italia ed Egitto sono in rapporto amichevole da 2000 anni. Come a dire, vuoi che 2000 anni di storia vengano compromessi da Giulio?  Non da Giulio, ma da chi ne ha cagionato la morte, da chi ha determinato depistaggi, sviamenti, distrazioni, da chi ha cercato di auto-assolversi, passando in …

Quando venne soppressa la provincia di Gorizia perchè troppo slava e l'italianizzazione dei cognomi a Ronchi

Il libro il " fascismo di Confine" di Degrassi, pubblicato in collaborazione con il Comune di Ronchi, offre dei dati storici interessanti. Principalmente incentrato sulle vicende complessive del Confine Orientale e della Venezia Giulia, si addentra anche su come il fascismo ha condizionato e stravolto la vita soprattutto a Ronchi passata dalla provincia di Gorizia a quella di Trieste, a cui vi rimarrà fino al '47, per poi ritornare a quella di Gorizia successivamente fino all'attualità che la vede nell'UTI Carso Isonzo Adriatico.

Le elezioni del 1921 segnarono l'inizio della fine della provincia di Gorizia come determinatesi dopo la fine della grande guerra. In quel collegio vi erano 117 mila abitanti di lingua italiana, 193 mila di lingua slovena, pari al 60%, circa 4 mila di lingua tedesca e circa 5 mila di altre lingue . Dunque era una provincia a forte connotazione slovena. La batosta che verrà subita a livello elettorale dal primo blocco fascista, dove no…