Passa ai contenuti principali

Attenzione a proporre Hub ed HotSpot a Gorizia ed in FVG

In Italia si deve sempre seguire l'inglesismo, non per essere, ma per apparire più moderni. Però dietro l'inglesismo, spesso, si può celare un grande inganno. Penso, per esempio al sistema degli HotSpot. Quel sistema che ha generato de facto pratiche sistematiche di carattere illegale nei confronti dei migranti, dei profughi. 
E queste preoccupazioni sono state espresse recentemente da ben 12 organizzazioni del Tavolo Asilo, ove a Roma hanno evidenziato la loro preoccupazione "per una deriva fortemente negativa che rischia di determinare da qui in avanti la politica di asilo in Italia". Gli HotSpot sono stati istituiti all’interno di centri già esistenti e precedentemente utilizzati come centri di primo soccorso e accoglienza o di identificazione ed espulsione. 
Sul sistema degli HotSpot è stato denunciato che, queste strutture hanno come scopo primario quello di garantire il foto segnalamento e completare una distinzione sostanzialmente arbitraria, tra richiedenti asilo e migranti economici, violando ogni normativa europea in materia. Dunque non stanno diventando luoghi di prima accoglienza, ma centri di detenzione che facilitano l'espulsione. E non è un caso che queste strutture stiano nascendo lì dove vi erano i vecchi CSPA (a Lampedusa e Pozzallo (RG), ed un CIE a Trapani Milo). E complementare al sistema degli HotSpot, sono gli Hub. E sulla carta devono essere previsti due tipi di Hub. Quelli aperti, nel Nord Italia che accoglieranno i migranti con diritto di protezione internazionale, in attesa dell'udienza per il riconoscimento della relativa domanda d'asilo. E quelli chiusi, dove verranno concentrati i migranti" economici" per l'espulsione, e saranno al Sud.  
Ed in merito al sistema Hub, da realtà che operano sul campo è stato espressamente rilevato che "l'accoglienza si trasforma in detenzione e si inaspriscono le pratiche di deportazione sulla base del paese di origine e degli accordi di riammissione che rendono possibile l'accompagnamento forzato in frontiera dopo il riconoscimento da parte dell'autorità consolare." Come legittimare un simile sistema? Fino a quando funzionerà in questo modo?
La cosa allucinante è che se nel resto del mondo si chiede la chiusura degli Hub, intesi come snodi logistici ed organizzativi che favoriscono interessi criminali in materia di tratta di essere umani e se ne chiede lo smantellamento, in Italia, invece, si utilizza il termine Hub, per altre strutture, che hanno ovviamente altre tipologie di scopi da perseguire, pur essendo una via di mezzo tra Cie e Cara. Visionando alcune gare di appalto si può leggere che la capienza dell’Hub regionale viene individuata da una Commissione appositamente istituita dal Ministero dell’Interno, previa ricognizione dello stato dell’arte degli immobili e delle superfici esistenti. 
Con riferimento alle prestazioni che l’ente gestore deve assicurare agli ospiti del Centro Governativo di Accoglienza – Hub Regionale, vi è il servizio di insegnamento della lingua italiana, od un servizio dedicato di autotrasporto mediante autobus tra l'Hub e la città ivi considerata. Insomma si ha il dubbio che si stia riproponendo un sistema più morbido rispetto al passato, ma che attualmente, complessivamente, vede l'Europa violare la Convenzione di Ginevra le Direttive dell’Unione Europea in materia di accoglienza . Ora, dire che Gorizia ha già una specie di Hub, ciò può essere improprio.L'attività che svolge Medici Senza Frontiere, a costo zero per le casse statali, non so quanto possa essere paragonata al sistema Hub. Viste anche le perplessità come ora enunciate. A Gorizia, unico caso in Italia, ha realizzato un alloggio temporaneo per offrire assistenza medico-umanitaria urgente a decine di richiedenti asilo che da settimane e mesi vivono in queste zone  ma non hanno ancora trovato una situazione stabile a causa della mancanza di posti di accoglienza. Dunque, prima di proporre Hub od Hotspot dalle nostre parti, forse è il caso di capire bene in cosa consistono questi sistemi, ed attivarsi affinché il sistema dell'accoglienza possa essere realmente effettivo e degno di essere definito come tale, e non scaricato sulle spalle del volontariato nell'Italia che si vanta di essere una potenza economica di primissimo livello, culla della civiltà, e casa del diritto, perché ad oggi, almeno per quello che accade nell'Isontino, è proprio l'esatto contrario.
Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Regionali FVG 2018 se a qualcuno interessano i programmi...

Si voterà in prossimità del ponte, una grande pensata che altro non farà che favorire già quello che si sa che sarà, una partecipazione al voto calante,e chiunque vincerà non vincerà tanto per il suo programma elettorale innovativo o superlativo, profondo o leggero o geniale che questo sia. I programmi oramai trovano il tempo che trovano ci puoi mettere di tutto e di più. Da chi parlerà di TAV a chi parlerà di tutela dell'identità friulana o slovena a chi di zone agevolate interesserà poco alla maggior parte dei cittadini. Perchè ragioneranno sulla base di quello che hanno vissuto, un vissuto che è fatto di esperienze, di questioni concrete. E soprattutto di un rigurgito chiaro e netto nei confronti di un certo modo di fare e concepire la politica ed il bene comune sempre più degradato e sacrificato all'altare dell'austerità e della globalizzazione selvaggia che ha favorito il ritorno di nazionalismi anacronistici e ucciso identità e specificità che meritavano tutela. Ogn…

L'Italia e l'alleanza con gli USA, una scelta di campo?

Così Gentiloni sulla questione Siria: voglio solo dire, in conclusione, che l'Italia non è un Paese neutrale, non è un Paese che sceglie di volta in volta, di fronte a questa o a quella crisi, se schierarsi con l'Alleanza atlantica o schierarsi da un'altra parte. Noi siamo coerentemente, da più di sessant'anni, partner fondamentali dell'Alleanza atlantica e alleati degli Stati Uniti. Siamo alleati dell'America, voglio dire: non è un problema di rapporti con questo o quel presidente americano. Siamo stati alleati dell'America con Kennedy e con Nixon, con Clinton e con Reagan, con Bush e con Obama e lo abbiamo fatto perché - lo dico senza infingimenti - è una scelta di campo. È una scelta di campo. È una scelta di campo che deriva certamente dal fatto che l'America, insieme agli alleati, ci ha liberato dal nazifascismo e che certamente deriva dai nostri interessi di difesa e di sicurezza del Paese, ma non è solo questo. È una scelta di campo che deriva da…

Salvare le scritte storiche sui muri delle nostre città dei tempi della guerra. Rischiano l'estinzione

Il Friuli Venezia Giulia è una polveriera storica impressionante. Anche se la storia che ovviamente si racconta di più e che ha sancito le sorti di quel presente che viviamo è quella del '900. Terra martoriata da due catastrofi mondiali e che ha rischiato, per la nota causa di Trieste, di scatenare anche la terza. Ci sono diverse testimonianze storiche di quel tempo, soprattutto della seconda guerra mondiale e delle fasi successive alla liberazione dal nazifascismo che caratterizzeranno le sorti di Trieste e dell'Isontino per diversi anni. Ad esempio si possono ancora oggi leggere in alcune località, come Monfalcone, Ronchi, delle scritte che inneggiano alla Jugoslavia, alla settima Repubblica Federativa Jugoslava. In rosso.
Sopravvissute al tempo, alla storia, alla memoria. Anche se a dire il vero ne sono rimaste solo una manciata e difficilmente leggibili. Ma anche per Trieste ci saranno testimonianze del genere come nelle località sicuramente interessate da questa contor…