Passa ai contenuti principali

Quell'elenco dei criminali di guerra italiani e nazisti ora desecretati

3.693 erano i criminali di guerra italiani identificati dalle autorità jugoslave appena finita la seconda guerra mondiale, di cui di ben 750 circa se ne cercò, invano, l'estradizione. E vi erano nominativi di una certa rilevanza. Da pochi giorni sono stati desecretati diversi documenti, per un totale di migliaia di pagine, che riguardano i crimini di guerra compiuti da italiani e nazisti. Avendo iniziato a verificarne alcuni emergono elementi interessanti. Forse già noti, ma che è il caso di ricordare. Vi sono varie note, spesso di carattere “confidenziale” ed ottenute anche in via confidenziale, siamo nei primi mesi del 1946, che riguardano, appunto, elenchi di personale italiano e tedesco, ricercati per indagini per crimini di guerra. Inizialmente gli elenchi erano tre, con tutti i nominativi riportati, qualifiche ecc, ( comunque disponibili nei documenti desecretati )poi, il Comando Alleato decide di abrogare alcuni elenchi e di unificare il tutto con un solo elenco, corposo, con centinaia e centinaia di nominativi. L'elenco complessivo, ad aprile del 1946, risultava essere di un totale di 1070 nominativi. Poi vi è anche una nota dove si precisa che le autorità Jugoslave "ricercano i sottufficiali ed ufficiali italiani già residenti a Fiume ed attualmente,sembra, a Milano. I nominativi figurano sulle liste dell'OZNA nel  Tribunale di via Roma in Fiume”. E' facile intuire che tale lista se la siano procurata, gli italiani, tramite l'attività di spionaggio.  Vi è una nota del 13 luglio del 1946 dove si richiedono con urgenza 177 militari italiani da “individuare ed arrestare" a richiesta del comando alleato. Invece, per capire come funzionavano le cose durante la guerra, vi è un documento dove il Comando della marina alleato di Venezia, del settembre del 1945,  evidenzia che assumeva per il proprio centro esperimenti alcuni militari italiani già in servizio presso la Decima Mas, e gruppo “Gamma”, in parte classificati agenti nemici, per la precisione 19 militari, con l'avvertenza che devono considerarsi discriminati ed immuni da qualsiasi responsabilità per l'attività svolta fino al momento della loro assunzione presso il centro esperimenti! Interessante una informativa anche pubblicata da parte SISMI del 27 gennaio 1988. Si Riporta l'articolo apparso su un quotidiano greco, “sulle forze armate italiane durante la seconda guerra mondiale”. In tale articolo si legge: Molti italiani si sorprendono ora nell'apprendere che in Grecia ed in Jugoslavia, in Albania, in Libia, ed in Etiopia l'esercito italiano prima e durante la seconda guerra mondiale ha commesso molti crimini di guerra orrendi quanto quelli nazisti. Tra le schede dei criminali di guerra che detiene l'ONU risultano oltre 1200 nominativi di alti ed altissimi ufficiali italiani accusati di atrocità analoghe a quelle per le quali i collaboratori di Hitler sono stati processati a Norimberga. Come risulta dagli archivi dell'ONU in un piccolo villaggio jugoslavo sono state trucidate 878 persone, mentre, in un solo giorno, sono state arrestate 2858 persone. In Jugoslavia, Grecia, Albania, gli italiani hanno istituito circa 200 campi di concentramento e si sono serviti degli ostaggi per formate i plotoni di esecuzione. Nei territori balcanici occupati dall'Italia su una popolazione di 360 mila abitanti ne sono stati uccisi 67.230. Centinaia di migliaia sono state le vittime degli italiani in Abissinia ed in Libia. Tali crimini sono rimasti impuniti". Ciò perché in quel momento si conclude in sostanza nell'articolo, era necessario debellare il comunismo in Italia. La nota di accompagnamento a tale articolo rileva che lo scopo della pubblicazione sulla stampa greca, sarebbe stato quello di minare la credibilità italiana e l'immagine italiana nell'opinione pubblica, per una campagna anti-italiana. Stessi ragionamenti che ancora oggi vengono fatti da certe e date soggettività, quando in realtà altro non si vuole che pretendere semplicemente la piena assunzione di responsabilità da parte dell'Italia per crimini di guerra e contro l'umanità compiuti e mai puniti e che devono essere puniti.



Commenti

Post popolari in questo blog

Se la tutela del decoro diventa questione di sicurezza urbana e rischia di criminalizzare il disagio sociale. Breve analisi del testo normativo

E' in fase di conversione in legge il decreto-legge 20 febbraio 2017, n. 14,  recante disposizioni urgenti in materia di sicurezza delle città. Un testo che ha introdotto il famigerato " DASPO Urbano" un testo che tende a ricondurre il concetto di decoro, che non è tipizzato e di cui non esiste una mera definizione giuridica e sostanziale omogenea e consolidata, sotto la voce di sicurezza urbana nel momento in cui si afferma che  " ai fini del presente decreto, si intende per sicurezza urbana il bene pubblico che afferisce alla vivibilità e al decoro delle città". Dunque il decoro della città diviene una questione legalitaria di sicurezza urbana, ergo di ordine pubblico. Ma contro chi si scaglierà questo dettato normativo? Mi soffermerò ora su alcuni elementi di questo decreto in fase di conversione. L'articolo 9 afferma che "Fatto salvo quanto previsto dalla vigente normativa a tutela delle aree interne delle infrastrutture, fisse e mobili, ferroviar…

Quali sono i comportamenti vietati a Trieste?

Quali sono i comportamenti vietati a Trieste?  Scopriamolo con il nuovo regolamento  urbano" che entrerà in vigore in città a partire dal 2 aprile 2017.  
Testo scritto rigorosamente ed esclusivamente in italiano, perchè il bilinguismo a Trieste è un non diritto. Disposizioni che dovranno conoscere anche coloro che si troveranno a Trieste di passaggio, per evitare che magari possano incorrere in qualche spiacevole sanzione. Buona lettura, magari con un sano bicchierino di amaro digestivo alle erbe.
***A salvaguardia e tutela degli spazi ed aree pubbliche ricadenti nel territorio del Comune è vietato: nelle fontane introdursi ed introdurre sostanze liquide imbrattanti, abbeverare ed introdurre animali, utilizzare o prelevare l’acqua, bagnarsi, estrarre o comunque raccogliere le monete o altri oggetti di valore gettati dai proprietari, in omaggio a tradizioni e consuetudini locali, in quanto tali oggetti devono intendersi acquisiti dal Comune con effetto immediato per essere dest…

Se a Venezia si può fare l'elemosina e dormire sulle panchine, a Trieste nel nome del decoro no se pol

Trieste e Venezia, concorrenti forse da sempre, due amanti che si corteggiano, ma si respingono a vicenda, quando nella società odierna l'unica soluzione possibile sarebbe collaborazione. Venezia non necessita di presentazione alcuna, è una cartolina meravigliosa, invasa da milioni di turisti. A Venezia ci sono regole rigide da rispettare per preservare l'intero ambiente e continue battaglie per salvare la laguna contro ogni tipo di inquinamento. Ma una cosa che colpisce è che per i tanti vicoli del centro è facilissimo incontrare diversi mendicanti, e per il centro, su qualche panchina, vedere qualche vagabondo, riposare, dormire e vivere i suoi sogni in santa pace.  


Nulla di strano, perchè vagabondi e mendicanti son sempre esistiti, son sempre sopravvissuti e sempre esisteranno e sempre sopravviveranno. Ed i turisti non sembrano proprio per niente essere infastiditi. Anzi, forse neanche ci fanno caso. Perchè la bellezza di Venezia cala un sipario che rende queste persone a…