Passa ai contenuti principali

Quell'elenco dei criminali di guerra italiani e nazisti ora desecretati

3.693 erano i criminali di guerra italiani identificati dalle autorità jugoslave appena finita la seconda guerra mondiale, di cui di ben 750 circa se ne cercò, invano, l'estradizione. E vi erano nominativi di una certa rilevanza. Da pochi giorni sono stati desecretati diversi documenti, per un totale di migliaia di pagine, che riguardano i crimini di guerra compiuti da italiani e nazisti. Avendo iniziato a verificarne alcuni emergono elementi interessanti. Forse già noti, ma che è il caso di ricordare. Vi sono varie note, spesso di carattere “confidenziale” ed ottenute anche in via confidenziale, siamo nei primi mesi del 1946, che riguardano, appunto, elenchi di personale italiano e tedesco, ricercati per indagini per crimini di guerra. Inizialmente gli elenchi erano tre, con tutti i nominativi riportati, qualifiche ecc, ( comunque disponibili nei documenti desecretati )poi, il Comando Alleato decide di abrogare alcuni elenchi e di unificare il tutto con un solo elenco, corposo, con centinaia e centinaia di nominativi. L'elenco complessivo, ad aprile del 1946, risultava essere di un totale di 1070 nominativi. Poi vi è anche una nota dove si precisa che le autorità Jugoslave "ricercano i sottufficiali ed ufficiali italiani già residenti a Fiume ed attualmente,sembra, a Milano. I nominativi figurano sulle liste dell'OZNA nel  Tribunale di via Roma in Fiume”. E' facile intuire che tale lista se la siano procurata, gli italiani, tramite l'attività di spionaggio.  Vi è una nota del 13 luglio del 1946 dove si richiedono con urgenza 177 militari italiani da “individuare ed arrestare" a richiesta del comando alleato. Invece, per capire come funzionavano le cose durante la guerra, vi è un documento dove il Comando della marina alleato di Venezia, del settembre del 1945,  evidenzia che assumeva per il proprio centro esperimenti alcuni militari italiani già in servizio presso la Decima Mas, e gruppo “Gamma”, in parte classificati agenti nemici, per la precisione 19 militari, con l'avvertenza che devono considerarsi discriminati ed immuni da qualsiasi responsabilità per l'attività svolta fino al momento della loro assunzione presso il centro esperimenti! Interessante una informativa anche pubblicata da parte SISMI del 27 gennaio 1988. Si Riporta l'articolo apparso su un quotidiano greco, “sulle forze armate italiane durante la seconda guerra mondiale”. In tale articolo si legge: Molti italiani si sorprendono ora nell'apprendere che in Grecia ed in Jugoslavia, in Albania, in Libia, ed in Etiopia l'esercito italiano prima e durante la seconda guerra mondiale ha commesso molti crimini di guerra orrendi quanto quelli nazisti. Tra le schede dei criminali di guerra che detiene l'ONU risultano oltre 1200 nominativi di alti ed altissimi ufficiali italiani accusati di atrocità analoghe a quelle per le quali i collaboratori di Hitler sono stati processati a Norimberga. Come risulta dagli archivi dell'ONU in un piccolo villaggio jugoslavo sono state trucidate 878 persone, mentre, in un solo giorno, sono state arrestate 2858 persone. In Jugoslavia, Grecia, Albania, gli italiani hanno istituito circa 200 campi di concentramento e si sono serviti degli ostaggi per formate i plotoni di esecuzione. Nei territori balcanici occupati dall'Italia su una popolazione di 360 mila abitanti ne sono stati uccisi 67.230. Centinaia di migliaia sono state le vittime degli italiani in Abissinia ed in Libia. Tali crimini sono rimasti impuniti". Ciò perché in quel momento si conclude in sostanza nell'articolo, era necessario debellare il comunismo in Italia. La nota di accompagnamento a tale articolo rileva che lo scopo della pubblicazione sulla stampa greca, sarebbe stato quello di minare la credibilità italiana e l'immagine italiana nell'opinione pubblica, per una campagna anti-italiana. Stessi ragionamenti che ancora oggi vengono fatti da certe e date soggettività, quando in realtà altro non si vuole che pretendere semplicemente la piena assunzione di responsabilità da parte dell'Italia per crimini di guerra e contro l'umanità compiuti e mai puniti e che devono essere puniti.



Commenti

Post popolari in questo blog

"Qua semo a Trieste e no se parla s'ciavo, qua se parla triestin e italian"

"Qua semo a Trieste e no se parla s'ciavo, qua se parla triestin e italian". Non mi sorprende la denuncia effettuata sul Piccolo di Trieste e pubblicata come lettera del giorno. Solo che questa volta chi ha subito tale aggressione verbale razzista ha avuto il coraggio di prendere carta e penna e scrivere e denunciare pubblicamente quanto accaduto. Diverse volte per i muri di Trieste sono apparse scritte che riportavano quel concetto bestiale e puntualmente e giustamente venivano rimosse. Ma non mi sorprende, perchè ciò in linea con i tempi. Tempi dove se un reato viene compiuto da un migrante viene percepito socialmente come più deprecabile rispetto a quello compiuto da un comune cittadino italiano. Tempi dove l'omofobia è una normalità, dove un Gay pride non può passare per ragioni di opportunità innanzi ad un Duomo, tempi dove qualcuno propone processioni riparatorie per sanare il peccato della marcia dell'amore del Gay pride.  Tempi dove ritornano i pregiudiz…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

A Gorizia si vuole chiudere la Commissione Territoriale? Bene. Allora chiudiamo anche Prefettura,Questura e Tribunale

Le Commissioni Territoriali sono gli organi deputati all’esame delle domande di protezione internazionale ed ospitare una simile struttura dovrebbe essere un grande onore vista la delicatezza e l'importanza delle questioni che tende ad affrontare. Ma a Gorizia non è così. E' stata percepita come un fastidio e dunque depotenziata. E' ovvio che se una città ospita una simile struttura vedrà una maggiore concentrazione di richiedenti asilo. Non è che scelgono Gorizia perchè è come Londra, Parigi o Berlino, visto che Gorizia non è neanche l'ombra di queste capitali. Ma per necessità. Una città che non si è mai strutturata per gestire tale situazione dove l'omissione di soccorso nei confronti dei migranti è diventata la normalità, dove si è abusato del sistema del volontariato. La politica dell'accoglienza diffusa è clamorosamente fallita nell'Isontino, anche per deboli ed inconsistenti politiche provinciali in materia ed anche regionali.  Eppure quella dell…