Passa ai contenuti principali

La Commissione d'inchiesta per i criminali di guerra italiani, istituita per non consegnarli alla Jugoslavia


Nei documenti ora desecretati dal Parlamento, in merito ai crimini di guerra compiuti da italiani e tedeschi emergono elementi interessanti ed importanti. Tra questi vi è un significativo carteggio tra il segretario generale degli Affari Esteri ed un Colonnello componente della Commissione di inchiesta per i criminali di guerra italiani, appartenente al Ministero della difesa.
Come è noto questa Commissione non ha portato a nulla, o meglio ha evitato il processo ai criminali di guerra italiani. Diverse nel corso del tempo sono state le denunce sul fatto che questa Commissione de facto ha ostruito la consegna dei criminali di guerra italiani soprattutto alla Jugoslavia. Vi erano diverse liste, quella unificata delle forze alleate, quella dell'ONU ove un migliaio erano i nomi ma la Commissione ne prese in considerazione poco meno di 200 escludendo totalmente quelli che operarono in Libia, Eritrea, Etiopia e Somalia dove crimini contro l'umanità e di guerra sono stati denunciati con forza e più volte.

Veniamo al dunque di questo carteggio.

Siamo nel 1951, periodo in cui ancora la questione di Trieste non è giunta a conclusione, si dovrà aspettare infatti il Memorandum di Londra del 1954 e poi il Trattato di Osimo, periodo ove i rapporti tra Italia e Jugoslavia erano tesi e dove la Jugoslavia aveva tutti gli interessi a vedersi consegnati i criminali di guerra, anche se qualcuno, per ovvi motivi, oserà affermare il contrario.
Un prima lettera, la cui data è illeggibile, ma il periodo può essere ricondotto ai primi di gennaio del 1951 e la firma è quella del Segretario Generale Ministero degli Affari Esteri che ha come destinatario un Colonnello componente della Commissione di inchiesta, si legge: "il Suo biglietto di auguri mi è pervenuto mentre mi accingevo a scriverle per ritornare sulla questione dei cosiddetti “criminali di guerra italiani”questione che ogni che passa diviene più superata ed anacronistica”. Parlando della “inutilità” della commissione di inchiesta si evidenzia che questa “ è stata creata al solo fine( e sottolineato) di evitare la consegna alla Jugoslavia col pretesto che gli italiani li avremmo giudicati noi(...)”. E si legge, nella parte conclusiva, che il lavoro della commissione “ lo si porti a compimento rapidamente in quanto non mi pare giusto né umano che si trascini per mesi ed anni una decisione soltanto perché la Commissione lavora con lentezza perché i suoi membri, forse oramai consci della, inutilità del loro lavoro, si radunano raramente.”

16 gennaio 1951,dal  Segretario Generale Ministero della Difesa giunge una nuova lettera, sempre al Colonnello di cui sopra e con tono confidenziale: "Al momento attuale rimangono infatti da esaminare ancora pochi nominativi accusati di "crimini di guerra"dalla Jugoslavia, Albania, Francia e Grecia. Si tratta di nominativi di persone che - o perché emigrate all'estero o per essere state indicate dalle Potenze interessaste con generalità errate - è stato molto difficile poter identificare e rintracciare". 26 gennaio 1951 sempre dal Ministero degli Affari Esteri una lettera destinata a quel Colonnello: " La ringrazio per la Sue lettere del 16 gennaio n.7/7* Spero proprio che entro maggio (è già siamo troppo in là!) si conclude altrimenti temo che andremo incontro a delle seccature (interpellanze, interrogazioni,, articoli di stampa, ecc.). Riuscirebbe difficile spiegarci perché mi pare poco sostenibile il continuare ad indagare su persone "-accusate di crimini di guerra dalla Jugoslavia, Francia e Grecia quando questi Paesi hanno da tempo archiviato le pratiche !". Appunto ministero Affari Esteri del 19 giugno 1951 : "Alcuni "criminali" appaiono ora deferiti alla P,G. Militare solo perché - per le note ragioni si fece tempo fa promotore della istituzione della Commissione La P.G* Militare dovrebbe ora prosciogliere i "criminali" perché essi non sono punibili in quanto lo Stato o gli Stati nemici non garantiscono parità di tutela penale Questo principio è conforme all'articolo 165 del C.P. Militare di guerra".
E come è andata finire, per ora, la storia lo ha ben insegnato.

Commenti

Post popolari in questo blog

"Qua semo a Trieste e no se parla s'ciavo, qua se parla triestin e italian"

"Qua semo a Trieste e no se parla s'ciavo, qua se parla triestin e italian". Non mi sorprende la denuncia effettuata sul Piccolo di Trieste e pubblicata come lettera del giorno. Solo che questa volta chi ha subito tale aggressione verbale razzista ha avuto il coraggio di prendere carta e penna e scrivere e denunciare pubblicamente quanto accaduto. Diverse volte per i muri di Trieste sono apparse scritte che riportavano quel concetto bestiale e puntualmente e giustamente venivano rimosse. Ma non mi sorprende, perchè ciò in linea con i tempi. Tempi dove se un reato viene compiuto da un migrante viene percepito socialmente come più deprecabile rispetto a quello compiuto da un comune cittadino italiano. Tempi dove l'omofobia è una normalità, dove un Gay pride non può passare per ragioni di opportunità innanzi ad un Duomo, tempi dove qualcuno propone processioni riparatorie per sanare il peccato della marcia dell'amore del Gay pride.  Tempi dove ritornano i pregiudiz…

Monfalcone e razzismo contro un cingalese: "Che cojoni 'sti bacoli di merda i se anca qua!"

I casi di razzismo sono in aumento, ma in aumento sono anche le segnalazioni, le denunce, il muro non tanto dell'indifferenza, che ahimè esiste, ma quello del timore o della fatica di prendere carta e penna od una tastiera per denunciare crolla. Un segnale in tal senso è emerso con forza con la nota lettera pubblicata sul Piccolo di Trieste che ho ripreso sia sul blog che su facebook. La tematica del razzismo è importante, e colpisce quando accade in una città che si considera aperta come Trieste e quando viene colpito lo sloveno, che nel corso della storia ha subito da queste parti una mera operazione di "bonifica etnica". Non si tratta di casi isolati, come alcuni commenti hanno sottolineato, " e comunque ne ho sentite altre di questo genere, non è il solo caso" e vi è chi ha ricordato anche il  proprio passato "Mi ricordo e mi rattristo ancora ...ho avuto una simile (peggiore) esperienza quando ero alle superiori. Due ragazze e tutto l'autobus …

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …