Passa ai contenuti principali

Via il filo spinato dall'Istria. Ma a quanto pare via sono andati i fiori portati contro quel "muro"


Stefano Lusa è un noto giornalista di RadioCapodistria e scrive anche per il noto sito Osservatorio Balcani e Caucaso, per il quale ha effettuato un rilevante ed importante reportage sulla così detta "rotta balcanica". Segue da diverso tempo la rotta dei migranti ed ha seguito anche il gesto simbolico, come promosso dalla Provincia di Gorizia, insieme ad alcuni Sindaci dell'Isontino, e dall’Unione italiana  per dire no ai muri al confine. 
Iniziativa simbolica sicuramente significativa a livello politico, ma, ecco il ma. Nella parte finale del suo reportage su tale iniziativa denuncia " Un gesto simbolico, quello di mettere dei mazzi di fiori al confine, talmente simbolico, che alla fine della cerimonia dei solerti poliziotti li hanno fatti rimuovere. L’autorizzazione era stata data a patto che tutto fosse stato lasciato così com’era prima dell’inizio della cerimonia. Sulla rete così continuano a rimanere solo i resti della protesta andata in scena a Dragogna qualche settimana fa".
Ad una mia richiesta di puntualizzare meglio questo passaggio, ovvero se i fiori sono stati rimossi dalla Polizia o da altri, ha così risposto" I poliziotti hanno intimato a uno degli organizzatori di portarseli via". Ed hanno eseguito. Ora, a quanto pare anche i fiori recano fastidio. In un Paese che ha militarizzato la questione dell'accoglienza. Ma possibile, in base a quanto denunciato, che si deve scendere a compromessi inaccettabili anche per una iniziativa del genere? Perché non avere il coraggio di portare e lottare fino alla fine per le proprie idee? Per il gesto simbolico che alla fine dei conti si è tradotto in cosa? 
In Provincia di Gorizia la situazione, per quanto riguarda la non accoglienza dei migranti, è disastrosa. Quanti sono i Comuni dell'Isontino che hanno fatto la loro parte? Il caso di Gorizia è in modo deprimente noto, ma questo non significa che si rimane indifferenti verso il non fare, verso il trincerarsi dietro una, cento e mille scuse anche di tipo burocratico. Sono le Istituzioni che devono attivarsi ed agire.  
Portare dei fiori, per poi rimuoverli, perché l'accordo o meglio l'autorizzazione per quella breve manifestazione, per come denunciato, voleva che tutto doveva tornare come prima era, per protestare contro una politica militare e scellerata di alcuni Governi dell'Est Europa, rischia di favorire il fatto che tutto ritorni effettivamente, come prima era di depositare quel mazzo di fiori, e sarebbe anche curioso sapere che fine hanno fatto. La forza delle idee è volata via, come un petalo di fiore catturato da un refolo di bora. E comunque se la voce, giusta e condivisibile, di quell'atto di protesta era via il filo spinato dall'Istria, via, a quanto pare, sono andati i fiori, portati proprio contro quel "muro" spinato e doloroso.
La situazione odierna è grave e  finirà male, primo perché quello che accade da diversi mesi, in modo sistematico è semplicemente voluto, un fenomeno di queste dimensioni che ha dei burattinai è sconvolgente, secondo perché  a livello di comunicazione in buona parte e politico in via prevalente il tutto viene usato come propaganda finalizzata ad incentivare il razzismo e l'intolleranza, ed accade che in situazioni allucinanti, ad esempio, come quelle di Colonia non riesci più ad inquadrare nella giusta dimensione i fatti, le responsabilità, le colpe, generalizzando.  Generalizzare per banalizzare, banalizzare per risollevare il razzismo.  Sono le così dette narrazioni tossiche, come direbbe Wu Ming1, che hanno lo scopo di fomentare chiusure, razzismi e nazionalismi. E di queste tossine si può morire in cattivo modo e sicuramente la prima a morire sarà l'Europa, perché il fenomeno immigratorio odierno, nato da politiche guerrafondaie e colonialiste Occidentali, ha come scopo, per come incanalato, non gestito, e strumentalizzato, quello di colpire l'Europa. I migranti, inconsapevolmente, sono diventati dei missili. Sta a noi a fare in modo che da missili sistemici e mediatici ritornano ad essere quello che realmente sono, esseri umani, come noi. 

Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Se Babbo Natale ha ridimensionato San Nicolò

Ma è più sentito San Nicolò o Babbo Natale?

Questo è quanto mi domandavo notando tutta la serie di prodotti realizzati, i mercatini diffusi, le fiere e quant'altro si afferma in prossimità della notte tra il 5 e 6 dicembre. Così come mi domando, ma quanti conoscono la sua storia? Quanti sanno che tipo di santo protettore sarebbe?  Scommetto che le mani alzate sarebbero una manciata.  Ed a dirla tutta non interessa, interessa quel giorno solo scambiarsi qualche regalino, girovagare per le fiere, bere e mangiare.
San Nicolò, dicono, è un santo molto venerato in tutto il mondo, addirittura avrebbe carattere universale. Sarà. Ma in Italia ci sono su più di 8 mila Comuni solo una ventina di località, e qualche Comune, ad avere questo nome e sono poche le località dove viene festeggiato, soprattutto in alcune zone del Nord Est ed in Puglia.  Vi è chi dice che Babbo Natale altro non sia che praticamente il San Nicolò in chiave pienamente consumistica, che avrebbe tratto origine da qu…

Le conclusioni della Commissione d'inchiesta sul caso Moro

Nelle considerazioni conclusive della Commissione d'inchiesta sul Caso Moro emergono spunti di riflessione importante ed anche inquietanti che dovrebbero far tremare i pilastri della nostra Repubblica. Un lavoro durato alcuni anni, con diverse audizioni, accessi a documenti, verifiche, ispezioni, un lavoro enorme e giunto a termine.    La legge istitutiva della Commissione (Legge 30 maggio 2014, n. 82) ha assegnato come mandato all'inchiesta parlamentare quello di «accertare eventuali nuovi elementi che possono integrare le conoscenze acquisite dalle precedenti Commissioni parlamentari di inchiesta sulla strage di Via Fani, sul sequestro e sull'assassinio di Aldo Moro; eventuali responsabilità sui fatti di cui alla lettera a) riconducibili ad apparati, strutture e organizzazioni comunque denominati ovvero a persone a essi appartenenti o appartenute». E' stato sottolineato che è "dalla rilettura sistematica dei cinque processi e dell'attività delle precedenti…