Passa ai contenuti principali

La città transfrontaliera di Gorizia e Nova Gorica attraversando le vie della cultura


Nova Gorica e Gorizia. Un piede in Italia uno in Slovenia, uno a Gorizia, uno a Nova Gorica. Due Stati, due Comuni diversi, separati da un vaso di fiori, lì ove un tempo vi era il "muro" di Gorizia. La collaborazione tra queste due città, però stenta a decollare. Esiste il GECT, che ha come base giuridica per la sua costituzione il Regolamento (CE) n. 1082/2006 del Parlamento europeo e del Consiglio del 2006 relativo a un gruppo europeo di cooperazione territoriale, e dal Regolamento della Repubblica di Slovenia relativo all’istituzione di un gruppo europeo di cooperazione territoriale (G.U. n. 31/08 e 9/11) nonché dalla Legge della Repubblica Italia n. 88/2009 del 7 luglio 2009 recante approvazione del Regolamento (CE) n. 1082/06 relativo a un gruppo europeo di cooperazione territoriale. Nacque intorno alla fine del 2009, il 19 febbraio 2010 i Sindaci dei tre comuni fondatori firmarono a Gorizia la Convenzione sulla costituzione del GECT. Il governo sloveno approvò la costituzione del GECT nel mese di giugno 2010, il governo italiano a maggio 2011. Il Gruppo fu registrato come persona giuridica il 15 settembre 2011. La prima riunione dell'Assemblea si tenne il 3 febbraio 2012, occasione in cui vennero eletti il presidente, l'On. Franco Frattini, e il vicepresidente, dr. Robert Golob.  Sul loro sito si legge che la nuova programmazione europea 2014-2020 assegna ai GECT un ruolo centrale sia in termini di sviluppo strategico che di attuazione dei programmi e assorbimento dei fondi. Lo scopo del GECT, del resto, è quello di fornire uno strumento giuridico in grado di semplificare la gestione dei fondi e delle iniziative a carattere transfrontaliero. Durante la seduta dd. 5/8/2015 l'Assemblea ha approvato le proposte progettuali per l'azione pilota "Costruzione di un network di servizi sanitari transfrontalieri" e l'azione "Parco naturale transfrontaliero Isonzo-Soča"  Ma la prima via che potrebbe condurre a realizzare, o meglio unire in una sola entità ed unica, almeno nell'Europa Occidentale, per la città transfrontaliera, è quella della cultura. E' davvero immaginifico pensare che alcuni eventi tipici ed oramai storici di Gorizia possano estendersi, non in modo timido, ma in modo pieno a Nova Gorica?  Per esempio Gusti di Frontiera ha ampliato l'evento su Nova Gorica e S.Peter, in via sperimentale, ma è stata una cosa tenue e che ha riguardato pochi stand.  Il Friuli Venezia Giulia, ed in particolar modo Gorizia, sono note per la sua cultura, per la passione e l'amore verso la storia. Probabilmente in poche località d'Italia si legge e si studia così tanto la storia, almeno quella che riguarda tutto l'Ottocento ed il Novecento, così come accade in FVG. La storia, per esempio, purché disintossicata dalle nocività faziose e nazionalistiche, potrebbe essere il principale elemento che potrebbe unire Gorizia e Nova Gorica. Città divise dalla storia e riunite dalla storia attraverso la cultura. La città transfrontaliera tra Gorizia e Nova Gorica è l'unico futuro possibile per queste due importanti seppur località periferiche d'Italia e Slovenia e di Europa. Dalla cultura, ai servizi, per arrivare un giorno, magari, a decidere insieme, attraverso un consiglio comunale unificato, anche gli indirizzi politici più importanti relativi al governo di questo territorio del confine orientale.

Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Le conclusioni della Commissione d'inchiesta sul caso Moro

Nelle considerazioni conclusive della Commissione d'inchiesta sul Caso Moro emergono spunti di riflessione importante ed anche inquietanti che dovrebbero far tremare i pilastri della nostra Repubblica. Un lavoro durato alcuni anni, con diverse audizioni, accessi a documenti, verifiche, ispezioni, un lavoro enorme e giunto a termine.    La legge istitutiva della Commissione (Legge 30 maggio 2014, n. 82) ha assegnato come mandato all'inchiesta parlamentare quello di «accertare eventuali nuovi elementi che possono integrare le conoscenze acquisite dalle precedenti Commissioni parlamentari di inchiesta sulla strage di Via Fani, sul sequestro e sull'assassinio di Aldo Moro; eventuali responsabilità sui fatti di cui alla lettera a) riconducibili ad apparati, strutture e organizzazioni comunque denominati ovvero a persone a essi appartenenti o appartenute». E' stato sottolineato che è "dalla rilettura sistematica dei cinque processi e dell'attività delle precedenti…

Il pranzo sociale dell’ANPI di Ronchi ( foto) sotto il segno dell’antifascismo e dei ricordi

Riuscito e partecipato il pranzo sociale organizzato dall’ANPI di Ronchi presso l'accogliente agriturismo Mazzuchin di Vermegliano a pochi passi dalla suggestiva chiesetta di Santo Stefano e durato per buona parte del pomeriggio del 16 dicembre. Quasi un centinaio i partecipanti, dove sotto il segno della musica, partigiana e popolare, balli e ricordi, senza dimenticare l'immancabile lotteria curata con una passione unica dalla solita ed immancabile ed unica Angela, si è consumato un momento conviviale oramai tradizionale. Non sono mancati i momenti di confronto e di riflessione, con i messaggi e gli spunti offerti sia dal Presidente provinciale dell’ANPI di Gorizia, Pironi che dalla Presidente dell’ANPI di Ronchi, Cuzzi.

Il segretario Martinuzzi ha ricordato tutta l’attività svolta dall’ANPI di Ronchi, dai pellegrinaggi laici organizzati nei luoghi della resistenza in Slovenia, ai gemellaggi storici, agli incontri con le scuole, agli appuntamenti del 25 aprile e 2 giugno, a…