Passa ai contenuti principali

La bellezza stratosferica del concerto di Capodanno di Vienna e quello di Venezia che è una copia banale



La musica e la cultura devono essere la forza di qualsiasi civiltà. Vi sono storie che cercano narratori, narratori che cercano storie, così come vi sono note che cercano compositori e compositori che cercano note. Ingegno e sensibilità umana possono far capire quanto siano immense le potenzialità dell'umanità. La musica ha sempre connotato epoche, ogni epoca ha una sua melodia, ogni secolo ha una sua canzone. Vivere senza musica sarebbe come vivere senza percepire emozione alcuna, sia essa positiva sia essa negativa. Significherebbe essere dei banali automi. Nel mio piccolo ho coltivato la passione della musica classica per anni, suonando il pianoforte. Ho avuto questa possibilità, ho avuto la possibilità di addestrare il mio orecchio alla sensibilità dei suoni. Ed ogni volta aspetti il primo giorno del nuovo anno per quella che oramai era diventata la tradizione della nostra Europa.  Certo, è nato sotto il nazismo, è sopravvissuto alle turbolenze violente della storia, ha attraversato la storia dell'Europa occidentale, ma il concerto di Capodanno di Vienna è unico per la sua bellezza stratosferica. Quando si suona si sorride, dolcezza, ed emozione, divertimento e sobrietà il tutto armonizzato con sinuosità nella sala del Musikverein. E' inimitabile. Eppure in Italia, dal 2004, si tenta di emularlo con quello della Fenice di Venezia. L'Italia è stata per lungo tempo Paese dell'ingegno, dell'inventiva, ma quando cerca di emulare l'inimitabile, rischia di ridursi alla banalità. Il tempo dell'ingegno sembra essere giunto al capolinea. La musica classica che emoziona è quella dei secoli che non ritorneranno più. Meglio viversi l'originale, che una copia banale. Meglio viversi un concerto ove si respira aria di internazionalismo, che una copia ove si respira aria di banale patriottismo ottocentesco, cercando di imitare l'inimitabile e rischiando di ridursi alla produzione di una brutta copia. Questo 2016 è iniziato sotto il segno della cattiva emulazione. Dobbiamo cercare di ritrovare la capacità di valorizzare le nostre risorse senza dover per forza di cose rincorrere per copiare. Non abbiamo necessità di copiare. Non è questa la storia delle mille Italia che costituiscono l'Italia. E pensando alla nostra Regione, il FVG, è dalla cultura, dalla musica, dalla bellezza che si deve non tanto ripartire, ma partire. Perché siamo fermi. Fermi e senza saper più che strada intraprendere. Eppure basta guardarsi intorno e capire che viviamo nel bel mezzo di una fortezza ricca, immensamente ricca. Le risorse esistono, ma è necessario mutare la prospettiva, è necessario una svolta radicale, un scossa culturale, che possa spazzare via, con un potente refolo di bora, tutto ciò che si è reso responsabile e complice dello stato pessimo delle cose nelle quale oggi giorno ci troviamo a vivere se non a sopravvivere. Questo è il punto della questione. La nostra regione non vive ma sopravvive. I sorrisi del concerto di Capodanno di Vienna, la bellezza della musica che non cerca emulazione, ma viva rappresentazione, per essere e non per apparire, per unire e non per isolarsi nel proprio inutile ottocentesco recinto, devono essere la forza del cambiamento che da Gorizia a Trieste, tutti noi ci auguriamo possa avvenire quanto prima.


Commenti

Post popolari in questo blog

Clara Petacci è stata violentata ?

Chi è Clara Petacci? Chi sono i Partigiani? Domande legittime, anzi doverose perchè le nuove generazioni non conoscono la storia, e quando leggi che per molti studenti tedeschi Hitler altro non era che un democratico, allora comprendi che quando si parla di tematiche calde e delicate che hanno segnato la storia del secolo scorso, non si deve mai dare nulla per scontato. Nella serata del 6 luglio 2012 Rai tre,conosciuto come canale di sinistra, oggi io direi sinistra sinistrata, ha trasmesso un programma storico interessante che riguardava la Marcia su Roma, la morte ed i misteri di Mussolini. Il programma era la Grande Storia. Ha voluto conferire una diversa visione della verità storica ufficiale conferendo grande credito a teorie sostenute specialmente dai nostalgici del fascismo. Certo la storia o meglio la verità storica per essere tale non dovrebbe essere politicizzata, ma ciò è a dir poco impossibile visto il funzionamento della società. Ieri sera mi son voluto mettere nei panni di un …

Minoranza linguistica slovena, in Italia si guarda al modello danese?

Se c'è una cosa che andrà ricordata quasi come si ricordava l'Ave Maria è che se il FVG può vantare la sua specialità, il suo essere Regione a Statuto speciale è prevalentemente se non esclusivamente per il suo plurilinguismo. Oramai, è ahimè una constatazione di fatto, la lingua tedesca è parlata in pochissimi casi e realtà, si è fatto poco o nulla per difenderla ed incentivarla, resistono invece lo sloveno ed il friulano, nonostante siano tante le mancanze a partire dal bilinguismo visivo soprattutto violato nei confronti degli sloveni. Su 216 Comuni  in FVG la minoranza linguistica friulana è presente in 175 comuni, quella slovena in 32 e quella germanica in 5, cioè la quasi totalità dei Comuni ha una "minoranza linguistica". E visto che la minoranza germanica è a rischio di estinzione, l'attenzione deve essere alta.

E' un dato di fatto che in Italia vi è un deficit di democrazia importante, basta guardare le elezioni di marzo 2018, pochi mesi di campagna…

Altro che la storiella degli "immigrati"che portano via il lavoro, chiude Eaton a Monfalcone

L'Isontino e la Bisiacaria sono un territorio politicamente debole, economicamente depresso. Vi è un tasso di disoccupazione impressionante, il numero di chi non cerca più lavoro è in costante crescita rispetto ad una popolazione che continua a diminuire. Perdere un posto di lavoro nell'Isontino è un gran guaio, perderne un centinaio, ancora, è un disastro sociale enorme, immane, perchè il lavoro qui non c'è, nonostante qualcuno racconti storielle diverse e presenti tanti segni più che in Italia ed in FVG non rappresentano la realtà delle cose. La realtà ci dice che il lavoro è una emergenza e che quando un territorio è politicamente inconsistente i grandi colossi avranno autostrade spianate per procedere con le delocalizzazioni e chiusure dei propri siti. Si legge che Eaton avrebbe complessivamente nel mondo un fatturato, nel 2013, di ben 22 miliardi di dollari, e sul loro sito evidenziano che è stata nominata come una delle aziende più etiche del mondo dalla rivistaE…