Passa ai contenuti principali

Si devieranno risorse destinate ai rifugiati per la sicurezza interna?


In quella che ho definito come la Carta dei Musei Capitolini si è comunicato che si investiranno due miliardi di euro, dopo i fatti del 13 novembre, uno per la sicurezza ed uno per la cultura ed identità italiana. 
Pare, che la somma destinata in particolar modo alla sicurezza, dai noti 80 euro, ad altri investimenti in tale comparto, abbia origine dalla clausola di flessibilità Ue che consente un  0,2% in più.
Si tratterebbe della così della clausola Ue sull'immigrazione, o migranti, che deve ancora essere concessa e del cui utilizzo eventuale se ne parla già dal mese di ottobre, dunque ben prima dei fatti drammatici del 13 novembre.  Il Trattato di Lisbona introduce all’articolo 352 TFUE una clausola di flessibilità che consente all'Unione europea di adottare le azioni ritenute necessarie nei settori definiti nei trattati al fine di conseguire gli obiettivi dei trattati. Il Consiglio, deliberando all’unanimità su proposta della Commissione e previa approvazione del Parlamento europeo (novità introdotta dal trattato), adotta le disposizioni appropriate (articolo 352,1 TFUE). Tuttavia, il trattato prevede altresì che tale articolo non possa servire come base giuridica per la realizzazione degli obiettivi della politica estera e di sicurezza (articolo 352,4 TFUE). Ora la così detta clausola migranti, sembra essere destinata prevalentemente se non esclusivamente a favore delle spese per i rifugiati e non per la sicurezza. Il dubbio, se così possiamo chiamarlo, che sorge è il seguente: non è che si utilizzeranno impropriamente risorse destinate ai processi di accoglienza per la sicurezza? Non è che si devieranno risorse destinate ai rifugiati per la sicurezza interna, in relazione alla psicosi securitaria che è maturata in Italia ed in Europa ?  E che legittimerà una schedatura  e controllo sociale di massa degna del peggior stato di polizia? 
Non sarebbe corretto questo modo di procedere, esistono bacini specifici da cui attingere, e togliere risorse o deviare risorse destinate ai più deboli, per incrementare investimenti mirati nei confronti delle forze dell'ordine, penso agli stipendi e strumentazioni, da anni soggette a misure di forti riduzioni, non è politicamente, eticamente e moralmente e forse neanche giuridicamente corretto. Nessuno mette in dubbio che le strumentazioni delle forze dell'ordine sono indecenti, o che gli stipendi sono miserabili, così come avviene per quasi tutti i dipendenti pubblici, penso alla scuola per esempio, ma se i dubbi come ora sollevati dovessero divenire certezza, il tutto sarebbe a dir poco grave in un Paese dove gli sprechi, le politiche clientelari, corruzione, continuano a diffondersi. Perché non usare per la sicurezza i fondi sequestrati alle mafie?  
Visto che  si parla di cifre impressionanti? Cifre che oltre che per la sicurezza andrebbero investite anche nella e per la scuola? Perché senza cultura, non vi potrà mai essere alcuna politica di integrazione, di multiculturalismo, di tolleranza, e sicuramente non sono le armi le soluzioni al problema che da decenni tormenta l'Europa. Sicuramente non saranno gli occhi dei "grandi fratelli" ad essere efficaci per la prevenzione. Saranno, invece, efficaci per un controllo capillare sociale in larga scala, una scala, che gradino dopo gradino, arriva lì dove alcuni governanti volevano arrivare, ad una drastica limitazione di libertà e diritti civili, in relazione ad uno stato di paura e di terrore, nato per responsabilità di politiche colonialiste, imperialiste, guerrafondaie dell'Occidente. Ma non è questo l'Occidente che noi vogliamo, non è questa l'Europa che noi vogliamo, i cui trattati sui diritti umani, se mai queste misure di controllo invasivo, troveranno affermazione, saranno semplicemente carta straccia, a partire da quella Francia ove invocare ancora i principi di libertà, uguaglianza e fratellanza, sarà solo una grande ed ignobile ipocrisia, stante la volontà, come annunciata,di volere sospendere (sic!) alcuni diritti umani, per la...sicurezza. E rilancio il motto, di qualche giorno addietro, e successivo al 13 novembre: "non rinunceremo alle nostre libertà, per delle vostre responsabilità".
Questo dovrà essere il nostro principio guida, per una nuova Europa. 

Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Se Babbo Natale ha ridimensionato San Nicolò

Ma è più sentito San Nicolò o Babbo Natale?

Questo è quanto mi domandavo notando tutta la serie di prodotti realizzati, i mercatini diffusi, le fiere e quant'altro si afferma in prossimità della notte tra il 5 e 6 dicembre. Così come mi domando, ma quanti conoscono la sua storia? Quanti sanno che tipo di santo protettore sarebbe?  Scommetto che le mani alzate sarebbero una manciata.  Ed a dirla tutta non interessa, interessa quel giorno solo scambiarsi qualche regalino, girovagare per le fiere, bere e mangiare.
San Nicolò, dicono, è un santo molto venerato in tutto il mondo, addirittura avrebbe carattere universale. Sarà. Ma in Italia ci sono su più di 8 mila Comuni solo una ventina di località, e qualche Comune, ad avere questo nome e sono poche le località dove viene festeggiato, soprattutto in alcune zone del Nord Est ed in Puglia.  Vi è chi dice che Babbo Natale altro non sia che praticamente il San Nicolò in chiave pienamente consumistica, che avrebbe tratto origine da qu…

Scuola: tra ponti ed elezioni in FVG nel 2018 una vacanza al mese

Le elezioni politiche saranno il 4 marzo, mentre in Friuli Venezia Giulia si dovrebbe votare per il rinnovo del Consiglio Regionale nei primi di maggio 2018.

Non male e non poteva andare meglio.

Dall'epifania fino alla fine dell'anno scolastico in Friuli Venezia Giulia praticamente ci sarà una mini vacanza al mese. Le vacanze di carnevale dal 12 al 14 febbraio, le vacanze di pasqua dal 29 marzo al 3 aprile, le elezioni politiche che interesseranno gran parte delle nostre scuole di marzo, poi il ponte di fine aprile per il primo maggio, e la settimana successiva la votazione per le regionali. Ovviamente tutti questi giorni verranno computati ai fini della validità dell'anno scolastico.
Marco Barone