Passa ai contenuti principali

Si devieranno risorse destinate ai rifugiati per la sicurezza interna?


In quella che ho definito come la Carta dei Musei Capitolini si è comunicato che si investiranno due miliardi di euro, dopo i fatti del 13 novembre, uno per la sicurezza ed uno per la cultura ed identità italiana. 
Pare, che la somma destinata in particolar modo alla sicurezza, dai noti 80 euro, ad altri investimenti in tale comparto, abbia origine dalla clausola di flessibilità Ue che consente un  0,2% in più.
Si tratterebbe della così della clausola Ue sull'immigrazione, o migranti, che deve ancora essere concessa e del cui utilizzo eventuale se ne parla già dal mese di ottobre, dunque ben prima dei fatti drammatici del 13 novembre.  Il Trattato di Lisbona introduce all’articolo 352 TFUE una clausola di flessibilità che consente all'Unione europea di adottare le azioni ritenute necessarie nei settori definiti nei trattati al fine di conseguire gli obiettivi dei trattati. Il Consiglio, deliberando all’unanimità su proposta della Commissione e previa approvazione del Parlamento europeo (novità introdotta dal trattato), adotta le disposizioni appropriate (articolo 352,1 TFUE). Tuttavia, il trattato prevede altresì che tale articolo non possa servire come base giuridica per la realizzazione degli obiettivi della politica estera e di sicurezza (articolo 352,4 TFUE). Ora la così detta clausola migranti, sembra essere destinata prevalentemente se non esclusivamente a favore delle spese per i rifugiati e non per la sicurezza. Il dubbio, se così possiamo chiamarlo, che sorge è il seguente: non è che si utilizzeranno impropriamente risorse destinate ai processi di accoglienza per la sicurezza? Non è che si devieranno risorse destinate ai rifugiati per la sicurezza interna, in relazione alla psicosi securitaria che è maturata in Italia ed in Europa ?  E che legittimerà una schedatura  e controllo sociale di massa degna del peggior stato di polizia? 
Non sarebbe corretto questo modo di procedere, esistono bacini specifici da cui attingere, e togliere risorse o deviare risorse destinate ai più deboli, per incrementare investimenti mirati nei confronti delle forze dell'ordine, penso agli stipendi e strumentazioni, da anni soggette a misure di forti riduzioni, non è politicamente, eticamente e moralmente e forse neanche giuridicamente corretto. Nessuno mette in dubbio che le strumentazioni delle forze dell'ordine sono indecenti, o che gli stipendi sono miserabili, così come avviene per quasi tutti i dipendenti pubblici, penso alla scuola per esempio, ma se i dubbi come ora sollevati dovessero divenire certezza, il tutto sarebbe a dir poco grave in un Paese dove gli sprechi, le politiche clientelari, corruzione, continuano a diffondersi. Perché non usare per la sicurezza i fondi sequestrati alle mafie?  
Visto che  si parla di cifre impressionanti? Cifre che oltre che per la sicurezza andrebbero investite anche nella e per la scuola? Perché senza cultura, non vi potrà mai essere alcuna politica di integrazione, di multiculturalismo, di tolleranza, e sicuramente non sono le armi le soluzioni al problema che da decenni tormenta l'Europa. Sicuramente non saranno gli occhi dei "grandi fratelli" ad essere efficaci per la prevenzione. Saranno, invece, efficaci per un controllo capillare sociale in larga scala, una scala, che gradino dopo gradino, arriva lì dove alcuni governanti volevano arrivare, ad una drastica limitazione di libertà e diritti civili, in relazione ad uno stato di paura e di terrore, nato per responsabilità di politiche colonialiste, imperialiste, guerrafondaie dell'Occidente. Ma non è questo l'Occidente che noi vogliamo, non è questa l'Europa che noi vogliamo, i cui trattati sui diritti umani, se mai queste misure di controllo invasivo, troveranno affermazione, saranno semplicemente carta straccia, a partire da quella Francia ove invocare ancora i principi di libertà, uguaglianza e fratellanza, sarà solo una grande ed ignobile ipocrisia, stante la volontà, come annunciata,di volere sospendere (sic!) alcuni diritti umani, per la...sicurezza. E rilancio il motto, di qualche giorno addietro, e successivo al 13 novembre: "non rinunceremo alle nostre libertà, per delle vostre responsabilità".
Questo dovrà essere il nostro principio guida, per una nuova Europa. 

Commenti

Post popolari in questo blog

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Togliatti: "tutte le campagne circa le persecuzioni degli italiani in Jugoslavia sono calunnie e menzogne"

Togliatti nella prima pagina dell'Unità del 7 novembre 1946, racconta il suo viaggio a Belgrado e l'incontro con il Maresciallo Tito. "Il Maresciallo Tito mi ha dichiarato di essere disposto a consentire che Trieste appartenga all'Italia, cioè sia sotto la Sovranità della Repubblica italiana qualora l'Italia consenta di lasciare Gorizia alla Jugoslavia, città che anche secondo i dati del nostro ministero degli esteri è in prevalenza slava. La sola condizione che il Maresciallo Tito pone è che Trieste riceva in seno alla Repubblica italiana uno statuto autonomo effettivamente democratico che permetta ai triestini di governare la loro città ed il loro territorio secondo principi democratici". Alla domanda, cosa pensava di questa proposta, Togliatti, rispose: io penso che è ora di smetterla di servirsi della questione triestina per seminare discordia tra due popoli i quali sono entrambi popoli di lavoratori che debbono collaborare nel modo più stretto allo scop…

Il concerto di Trieste per la sofferenza degli innocenti ed il discorso assurdo di Arguello al Family Day

Domenica 25 giugno, alle ore 20.30, piazza Unità d’Italia, ospiterà il concerto “La sofferenza degli innocenti”, organizzato da Diocesi, Comunità Ebraica e il Comune di Trieste. Si legge che "composta da Kiko Argüello, iniziatore del Cammino Neocatecumenale, l'opera sinfonico-catechetica presenta la sofferenza di una madre ebrea, Maria di Nazareth, che vede uccidere suo figlio, una sofferenza inaudita che le attraversa l'anima, una spada, un dolore assimilato a quello di ogni madre davanti alla morte dei propri figli, vittime innocenti in tanti campi di concentramento come Auschwitz, Majdanek, Mauthausen, Treblinka, Trieste." Tutti coloro che parteciperanno a quel concerto dovrebbero avere ben ferme nella mente le parole assurde pronunciate da Argüello nel suo discorso, al Family day del 2015 a Roma,  tra le altre cose applaudito, con uno striscione enorme alle spalle con scritto "stop gender nelle scuole". Una riflessione che nasce sul femminicidio e da un…