Passa ai contenuti principali

Una proposta di legge che vuole le ZES per Gorizia e Trieste, ma come la pensano i vicini sloveni?

PRODANI, ARTINI, BECHIS, BALDASSARRE, BARBANTI, MUCCI, RIZZETTO, SEGONI, TURCO tutti del gruppo parlamentare misto Alternativa Libera hanno presentato una proposta di legge quale la numero A.C. 3270 che prevede norme disposizioni concernenti l’istituzione di zone economiche speciali nei comuni di Trieste e Gorizia. Nel testo della proposta si legge che le ZES, zone speciali (zone franche di seconda generazione) consentono alcune misure come l'eliminazione dei dazi insieme ad altre imposte, come l’imposta sul valore aggiunto (IVA), e sono ridotti i requisiti burocratici (e i tempi) necessari per fare impresa. Si riporta l'esempio dell'Irlanda, che dai proponenti viene visto come esempio di eccellenza, “tanto che il 18 febbraio 2012 la delegazione cinese, presieduta dal vice Presidente Xi Jinping (divenuto il 15 novembre dello stesso anno nuovo leader della Repubblica Popolare Cinese), ha scelto soltanto l’Irlanda come unica tappa nell’area europea proprio per visitare la prima « zona franca industriale di esportazione » realizzata al mondo, ossia la Shannon free trade zone istituita nel 1959, la quale successivamente alla prima visita di un leader cinese, Jiang Zemin nel 1980, è servita da modello per il successo delle ZES nella Cina meridionale, che hanno contribuito ad alimentare la riforma economico-commerciale”. Si legge, nel testo della proposta che “Con la presente proposta di legge si intende avviare in via sperimentale una ZES nella regione Friuli Venezia Giulia che, per la sua posizione geografica e per l’importanza di alcuni siti industriali colpiti dalla crisi economica generale, ben si presta a tale sperimentazione. In particolare, va rilevato che lungo la fascia giuliana di confine con la Slovenia, ove sono situati, in particolare, i territori dei comuni di Trieste e Gorizia si sta vivendo una situazione economica e sociale negativa dovuta all’aumento della concorrenza, essenzialmente fiscale, a causa della minore imposizione a carico delle imprese stabilite nei Paesi confinanti, che induce sia alla delocalizzazione delle imprese stesse sia all’incapacità di esercitare una forza attrattiva sui capitali e sulle imprese stranieri nel territorio giuliano, a causa delle scelte di politica fiscale assunte a livello nazionale centrale Con la presente proposta di legge si individua come area sperimentale per una ZES nel Friuli Venezia Giulia il territorio comprendente e le città di Trieste e Gorizia, ritenendo l’area particolarmente adatta alla sperimentazione. In particolare Trieste che con il suo porto, divenuto porto franco di Trieste già durante l’Impero asburgico, rappresenta, grazie alle politiche fiscali e al particolare status giuridico e doganale, una realtà strategica per i traffici marittimi e commerciali anche in considerazione dei futuri sviluppi di collegamento con i bacini ad est dei Balcani. Proprio per tale particolarità riteniamo che l’istituzione di una ZES sia uno strumento estremamente valido ed efficace per rivalutare il territorio dandogli la giusta spinta per una rapida ripresa economica e sociale. L’idea alla base della presente proposta di legge è quella di poter stimolare una rapida crescita economica, attirando lavoratori e imprenditori provenienti da tutta l’area di riferimento garantendo prevalentemente i seguenti vantaggi economici per le imprese che intendono operare nella ZES: a) incentivi per la realizzazione degli investimenti iniziali; b) agevolazioni doganali: sospensione del pagamento dell’IVA e dei dazi e semplificazione delle procedure doganali; c) esenzione fiscale: esenzione o riduzione dell’IRAP e dell’IRES, dell’imposta municipale propria (IMU), della tassa sui rifiuti (TARI) e di altre imposte o tasse; d) esenzioni o deroghe in materia di regolamentazione sui contratti di lavoro e degli oneri sociali sulle retribuzioni; e) disponibilità di terreni a canoni di locazione ridotti e utenze a tariffe agevolate”. Mi domando come valutano una simile iniziativa, ad esempio, i vicini sloveni, perché una ZES limitata solo a Trieste e Gorizia comporterebbe una competizione che non serve alla economia di frontiera e di confine, ove invece è necessaria una mera operazione di solidarietà e collaborazione per la realizzazione di uno spazio autonomo transfrontaliero, quello che mi piace chiamare SAT.

Commenti

Post popolari in questo blog

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Togliatti: "tutte le campagne circa le persecuzioni degli italiani in Jugoslavia sono calunnie e menzogne"

Togliatti nella prima pagina dell'Unità del 7 novembre 1946, racconta il suo viaggio a Belgrado e l'incontro con il Maresciallo Tito. "Il Maresciallo Tito mi ha dichiarato di essere disposto a consentire che Trieste appartenga all'Italia, cioè sia sotto la Sovranità della Repubblica italiana qualora l'Italia consenta di lasciare Gorizia alla Jugoslavia, città che anche secondo i dati del nostro ministero degli esteri è in prevalenza slava. La sola condizione che il Maresciallo Tito pone è che Trieste riceva in seno alla Repubblica italiana uno statuto autonomo effettivamente democratico che permetta ai triestini di governare la loro città ed il loro territorio secondo principi democratici". Alla domanda, cosa pensava di questa proposta, Togliatti, rispose: io penso che è ora di smetterla di servirsi della questione triestina per seminare discordia tra due popoli i quali sono entrambi popoli di lavoratori che debbono collaborare nel modo più stretto allo scop…

Il concerto di Trieste per la sofferenza degli innocenti ed il discorso assurdo di Arguello al Family Day

Domenica 25 giugno, alle ore 20.30, piazza Unità d’Italia, ospiterà il concerto “La sofferenza degli innocenti”, organizzato da Diocesi, Comunità Ebraica e il Comune di Trieste. Si legge che "composta da Kiko Argüello, iniziatore del Cammino Neocatecumenale, l'opera sinfonico-catechetica presenta la sofferenza di una madre ebrea, Maria di Nazareth, che vede uccidere suo figlio, una sofferenza inaudita che le attraversa l'anima, una spada, un dolore assimilato a quello di ogni madre davanti alla morte dei propri figli, vittime innocenti in tanti campi di concentramento come Auschwitz, Majdanek, Mauthausen, Treblinka, Trieste." Tutti coloro che parteciperanno a quel concerto dovrebbero avere ben ferme nella mente le parole assurde pronunciate da Argüello nel suo discorso, al Family day del 2015 a Roma,  tra le altre cose applaudito, con uno striscione enorme alle spalle con scritto "stop gender nelle scuole". Una riflessione che nasce sul femminicidio e da un…