Passa ai contenuti principali

L'Europa sul caso immigrazione in FVG: va operata distinzione tra richiedenti asilo e chi arriva illegalmente


A maggio 2015 veniva posta una interrogazione scritta alla Commissione europea sulla fantomatica emergenza dei profughi in FVG. Emergenza che mai è esistita, smentita dai fatti, mentre è innegabile l'esistenza in alcuni casi di una politica, vedi il caso di Gorizia, volutamente di non accoglienza. L'interrogazione che veniva posta evidenziava che "In Friuli Venezia Giulia l'afflusso dei migranti in entrata da Tarvisio, punto di transito per decine di migliaia di clandestini in arrivo dall'Ungheria, insieme alla pressione già esercitata sull'Italia dagli arrivi via mare, mette a serio rischio l'equilibrio sociale e la sicurezza dei cittadini. La mancanza di risorse per gestire in sicurezza la permanenza di tutti questi immigrati irregolari rischia di sfociare in episodi di intolleranza e di conflitto sociale con evidenti ripercussioni sulla sicurezza dei cittadini friulani. Alla luce di quanto esposto, può la Commissione far sapere:

1. se è a conoscenza della situazione di emergenza che attraversano i cittadini friulani a causa dell'esposizione a questo doppio flusso di arrivi di immigrati clandestini;
2. come intende affrontare questo problema;
3. come intende intervenire per rinforzare i controlli anche in territorio friulano?"

Non passa inosservata la qualificazione unilaterale che viene data di clandestini nei confronti dei profughi. E' facile intuire da quale area politica sia giunta l'interrogazione.

E come risponde la Commissione Europea? "La Commissione è ben consapevole delle molteplici sfide poste dai flussi di immigrazione clandestina a livello degli Stati membri e a livello regionale e locale. Per affrontare queste sfide migratorie è chiaro che abbiamo bisogno di un nuovo approccio europeo. Ciò richiede l’utilizzo di tutte le politiche e di tutti gli strumenti a nostra disposizione – e la combinazione di politiche e attori interni ed esterni a tutti i livelli per ottenere il migliore effetto".

Ed ancora che: "La Commissione rinvia l’Onorevole Deputato alla recentemente adottata “Agenda europea sulla migrazione” (COM(2015) 240), così come alla comunicazione “Piano d’azione dell’UE contro il traffico di migranti” (COM(2015) 285): entrambi presentano in maniera esaustiva e dettagliata la visione e le intenzioni della Commissione quanto alle azioni da intraprendere per una migliore gestione della migrazione, comprese le misure per contrastare l’immigrazione clandestina, e menzionano anche la volontà della Commissione di promuovere una migliore integrazione dei migranti, con una particolare attenzione verso i richiedenti asilo e i rifugiati. La Commissione ritiene che non vi sia un’unica modalità di gestione della pressione migratoria Va operata una distinzione fra i richiedenti asilo e coloro che cercano di sfruttare abusivamente il sistema d’asilo o arrivano illegalmente senza un valido diritto di soggiorno. La Commissione sostiene gli Stati membri nell’applicazione delle misure prescritte dalla legislazione dell’UE per affrontare questo problema, tenendo conto delle differenze relative ai controlli alle frontiere esterne e l’assenza di controlli alle frontiere interne".
Quanti sono, chi sono quelli che cercano di sfruttare abusivamente il sistema d'asilo? Quanti sono, chi sono quelli che arrivano senza un valido diritto di soggiorno? Insomma, una pessima ed inqualificabile risposta da parte della Commissione europea. Rimane in attesa di risposta una proposta di risoluzione come avanzata il 27 agosto 2015, dal seguente tenore: si "invita la Commissione a intervenire con immediatezza per prevenire un fenomeno che, data la sua ampiezza, potrebbe avere conseguenze nefaste in Friuli Venezia Giulia in termini sia igienico/sanitari sia di ordine pubblico e sicurezza".


Commenti

Post popolari in questo blog

Se la tutela del decoro diventa questione di sicurezza urbana e rischia di criminalizzare il disagio sociale. Breve analisi del testo normativo

E' in fase di conversione in legge il decreto-legge 20 febbraio 2017, n. 14,  recante disposizioni urgenti in materia di sicurezza delle città. Un testo che ha introdotto il famigerato " DASPO Urbano" un testo che tende a ricondurre il concetto di decoro, che non è tipizzato e di cui non esiste una mera definizione giuridica e sostanziale omogenea e consolidata, sotto la voce di sicurezza urbana nel momento in cui si afferma che  " ai fini del presente decreto, si intende per sicurezza urbana il bene pubblico che afferisce alla vivibilità e al decoro delle città". Dunque il decoro della città diviene una questione legalitaria di sicurezza urbana, ergo di ordine pubblico. Ma contro chi si scaglierà questo dettato normativo? Mi soffermerò ora su alcuni elementi di questo decreto in fase di conversione. L'articolo 9 afferma che "Fatto salvo quanto previsto dalla vigente normativa a tutela delle aree interne delle infrastrutture, fisse e mobili, ferroviar…

Quali sono i comportamenti vietati a Trieste?

Quali sono i comportamenti vietati a Trieste?  Scopriamolo con il nuovo regolamento  urbano" che entrerà in vigore in città a partire dal 2 aprile 2017.  
Testo scritto rigorosamente ed esclusivamente in italiano, perchè il bilinguismo a Trieste è un non diritto. Disposizioni che dovranno conoscere anche coloro che si troveranno a Trieste di passaggio, per evitare che magari possano incorrere in qualche spiacevole sanzione. Buona lettura, magari con un sano bicchierino di amaro digestivo alle erbe.
***A salvaguardia e tutela degli spazi ed aree pubbliche ricadenti nel territorio del Comune è vietato: nelle fontane introdursi ed introdurre sostanze liquide imbrattanti, abbeverare ed introdurre animali, utilizzare o prelevare l’acqua, bagnarsi, estrarre o comunque raccogliere le monete o altri oggetti di valore gettati dai proprietari, in omaggio a tradizioni e consuetudini locali, in quanto tali oggetti devono intendersi acquisiti dal Comune con effetto immediato per essere dest…

Se a Venezia si può fare l'elemosina e dormire sulle panchine, a Trieste nel nome del decoro no se pol

Trieste e Venezia, concorrenti forse da sempre, due amanti che si corteggiano, ma si respingono a vicenda, quando nella società odierna l'unica soluzione possibile sarebbe collaborazione. Venezia non necessita di presentazione alcuna, è una cartolina meravigliosa, invasa da milioni di turisti. A Venezia ci sono regole rigide da rispettare per preservare l'intero ambiente e continue battaglie per salvare la laguna contro ogni tipo di inquinamento. Ma una cosa che colpisce è che per i tanti vicoli del centro è facilissimo incontrare diversi mendicanti, e per il centro, su qualche panchina, vedere qualche vagabondo, riposare, dormire e vivere i suoi sogni in santa pace.  


Nulla di strano, perchè vagabondi e mendicanti son sempre esistiti, son sempre sopravvissuti e sempre esisteranno e sempre sopravviveranno. Ed i turisti non sembrano proprio per niente essere infastiditi. Anzi, forse neanche ci fanno caso. Perchè la bellezza di Venezia cala un sipario che rende queste persone a…