Passa ai contenuti principali

Il nuovo nome dell'aeroporto di Ronchi/Trieste/FVG?Propongo Aeroporto internazionale di Ronchi FVG

Appena sbarchi a Ronchi, uscito dall'aeroporto noterai la grande scritta “aeroporto del Friuli-Venezia Giulia” e poi i simboli delle quattro città capoluogo. Aeroporto che si chiama di Trieste, di Ronchi, del FVG, in provincia di Gorizia, ma intitolato a Pietro Savorgnan di Brazzà. Insomma in un nano secondo capisci quanto è difficile e complessa questa terra. Aeroporto che riporta la scritta con il trattino, che divide il Friuli dalla Venezia Giulia, trattino che a livello ufficiale sarebbe venuto meno dal 2001 ma che lì ancora resiste. Che ha il nome di Ronchi ma anche quello di Trieste, ove pare dovesse sorgere in origine lo scalo, e poi per ragioni di bora, si è deciso di ampliare il campo di aviazione già esistente su Ronchi. Dunque di Trieste seppur in provincia di Gorizia, senza dimenticare la dicitura No borders airport che vorrebbe dare un tocco di modernità al tutto. Quale il nome possibile di questo importante scalo? Si dovrebbe riuscire a mettere insieme la storia di questa regione, deve essere un nome che sappia unire e non dividere, che sappia avere alta vocazione di internazionalità, che sia semplice ed immediato. Quella dei nomi, della denominazione dei luoghi, degli spazi, è una questione molto delicata, basta vedere il caso Ronchi dei Legionari e Ronchi dei Partigiani ( su cui a breve uscirà il libro), la questione dello Stadio Friuli di Udine, giusto per fare alcuni esempi di cui tanto si è discusso e si continuerà a discutere in questo movimentato periodo storico. Il FVG è in fase di cambiamento, avrà 18 UTI, pensiamo alla sola ex Provincia di Gorizia che verrà divisa in due UTI, alto e basso Isonzo, con i nomi specifici poi dati alle singole UTI, quella del basso Isonzo o Sinistra Isonzo, si chiamerà UTI Carso Isonzo Adriatico . L'area nella quale si trova l'aeroporto di Ronchi è nota come Bisiacaria, ma anche Territorio, Isontino, Basso Isontino, Venezia Giulia, Sinistra Isonzo, Mandamento monfalconese. Alcuni nomi possibili, ognuno dei quali rispondenti a determinati processi identitari. Aeroporto internazionale di Ronchi FVG potrebbe essere una soluzione. La quasi totalità degli aeroporti italiani hanno il nome del luogo nel quale l'aeroporto è ospitato, e dunque certamente non si potrà escludere il nome di Ronchi dalla intitolazione ufficiale e formale. Il nome di Ronchi, senza alcun suffisso, è millenario, è un nome che ha attraversato una infinità di epoche e generazioni, conosciuto due tremende guerre, passando dal secolare dominio austro-ungarico a quello ora italiano, con la deprimente aggiunta, sotto il fascismo, "dei legionari", suffisso antiquato e che ha poco, anzi nulla a che vedere con l'identità di questi luoghi ed anche orrendo al solo sentirlo pronunciare. Senza dimenticare che a Ronchi è nata la prima brigata armata della resistenza contro il nazifascismo, dunque questo è un nome che è il simbolo della storia di questa piccola e meravigliosa regione. Ed abbinato a FVG, senza alcun trattino,  diventato oramai "marchio" noto in tutto il mondo con il quale identificare la nostra intera regione, il dado potrebbe essere positivamente tratto.

Commenti

Post popolari in questo blog

Celebrazione di D'Annunzio e Fiume, risponde l'Ambasciata croata: Basta celebrazioni ci attiveremo

Il cinque settembre, come è noto, avevo scritto una lettera all'Ambasciata della Repubblica di Croazia con sede in Roma in merito a quanto puntualmente ogni anno avviene in Monfalcone. Si celebra l'occupazione militare di Fiume ed un poeta razzista nei confronti dei croati quale D'Annunzio. Mi ero sempre chiesto ma perchè la Repubblica di Croazia tace? Probabilmente perchè non era a conoscenza di quanto accade in Italia? Per tagliare la testa al toro ho scritto la lettera di cui in premessa e mi ha risposto gentilmente ed in tempi anche rapidi il Ministro Plenipotenziario dell'Ambasciata della Repubblica di Croazia Mladenka Šarac-Rončević.


Questo il testo della sua risposta, come si potrà vedere chiaro, conciso:


"Ringraziamo della Sua mail del 5 settembre 2017. Condividiamo la Sua opinione che simili anniversari danneggiano l'atmosfera dei rapporti amichevoli tra i nostri due paesi e che celebrarli incita sentimenti nazionalistici. L'Ambasciata della …

Quel razzismo verso gli slavi mai sparito, saranno le nuove generazioni a demolirlo

Agli italiani piace andare in Croazia a farsi le vacanze. E non è difficile sentir dire questo una volta era "nostro" pensando magari a Lussino, a Pola, a Fiume. O attraversando la costa slovena. Era nostro. Un nostro che si è rivelato un mostro, un mostro che ha partorito e determinato violenze inaudite, impunite. Crimini come quelli compiuti dai nazisti che hanno avuto in diversi casi giusti processi, in Italia mai considerati come crimini, ma presunti, e mai processati. Anzi, sono stati riabilitati i "presunti criminali". In Italia si è verificata l'epurazione al contrario. Sono stati i partigiani ad essere stati espulsi ad esempio dalle forze di polizia, ad essere processati ed incarcerati non i fascisti, almeno quelli che contavano che hanno continuato ad occupare posti chiave nell'Italia repubblicana il cui unisco scopo era colpire il comunismo e per colpire il comunismo il passato divenne un frullato indigesto gettato nel cesso dell'ingiustizia.…

A Pordenone il 14 ottobre manifestazione regionale antifascista

L'ultima grande manifestazione antifascista regionale che si è svolta in Friuli Venezia Giulia è stata in occasione del centenario dell'entrata in guerra dell'Italia. A causa delle celebrazioni dei casapoundisti che avevano puntato su Gorizia per una iniziativa nazionale rivelatasi poi un flop visti i numeri, e vista l'imponente risposta del movimento antifascista del FVG.  Nel corso del tempo il neofascismo e l'estremismo nazionalista, "identitario" ed il razzismo sono dilagati ovunque anche in Friuli Venezia Giulia. Non a livello allarmante, certo, però è innegabile che la situazione sociale e politica favorisce l'affermazione delle peggiori nefandezze delle peggiori "soluzioni" politiche. La banalità del male è questa. Ed anche il FVG non è immune da tutto ciò. Anzi, come la storia ha insegnato è sempre nei luoghi di confine, nelle estremità che si realizzano prima che altrove certi e dati fenomeni "identitari" e razzisti. Il F…